Stati Uniti e l’eccezione del fair use

Nel documento LA LIBERTÀ DI PANORAMA: PROFILI CRITICI E SPUNTI COMPARATISTICI (pagine 134-140)

CAPITOLO 3 - FREEDOM OF PANORAMA: PROFILI COMPARATISTICI

2. L’esperienza nei paesi di common law

2.2 Stati Uniti e l’eccezione del fair use

Rispetto ad altre giurisdizioni gli Stati Uniti hanno adottato un approccio molto restrittivo in materia di freedom of panorama. Di conseguenza, la libertà di panorama, che dovrebbe essere a vantaggio dell’interesse della collettività, risulta invece limitata e attenta agli interessi dei proprietari.633 A seguito di forti pressioni da parte della comunità internazionale, al fine di adeguarsi alle previsioni della Convenzione di Berna che richiedevano il riconoscimento delle opere di architettura come oggetto di tutela del diritto d’autore, nel 1990 il Congresso statunitense ha emanato l’Architectural Works Copyright Protection Act (“AWCPA”).634 Con l’AWCPA è stato introdotto il paragrafo 8 alla section 102(a) che ora ricomprende tra le “works of autorship” anche le opere di architettura.635 L’AWCPA si

630 ROSATI E., To what extent do current exclusions and limitations to copyright strike a fair balance between the rights of owners and fair use by private individuals and others?, in KILPATRICK B., KOBEL P., KELLEZI P. (edited by) Antitrust Analysis of Online Sales Platforms & Copyright Limitations and Exceptions, LIDC Contributions on Antitrust Law, Intellectual Property and Unfair Competition, Springer International Publishing AG, 2018, 583-602;

ROSATI E., Non-Commercial Quotation and Freedom of Panorama, cit.

631 DULONG DE ROSNAY M., LANGLAIS P.C., op. cit., 6

632 BENATTI F., op. cit., 135

633 NEWELL B.C., op. cit., 406. Si veda anche ODA B., op. cit., 3; LAFRANCE M., op. cit., 598-601; BENATTI F., op. cit., 135-141.

634 Precedentemente all’entrata in vigore dell’AWCPA le opere di architettura non venivano tutelate in quanto considerate oggetti di intrinseca utilità prive di espressione artistica. L’AWCPA ha modificato la §102(a), 17 U.S. Code aggiungendovi il paragrafo 8 che prevede: “Copyright protection subsists, in accordance with this title, in original works of authorship fixed in any tangible medium of expression, now known or later developed, from which they can be perceived, reproduced, or otherwise communicated, either directly or with the aid of a machine or device. Works of authorship include the following categories: … (8) architectural works”. Sul tema si veda NEWELL B.C., op. cit., 412-413 secondo cui “Prior to the AWCPA, United States copyright law protected architectural drawings as artistic works and also protected some sculptural and decorative aspects of architectural works but did not protect the structures themselves. This lack of protection emerged because

“architectural works are in significant part utilitarian works, and it is axiomatic that the utilitarian aspects of creative works are not protected by copyright”. Indeed, the Copyright Act of 1976 (“Copyright Act”) explicitly denied protection to “useful articles”

defined as any “article having an intrinsic utilitarian function that is not merely to portray the appearance of the article or to convey information”. Si veda SCAGLIONE V.N., Buiding upon the Architectural Works Protection Copyright Act of 1990, in Fordham Law Review, 1992, 193 ss; THIEL C.T., The Architectural Works Copyright Protection Gesture of 1990, Or,

“Hey, That Looks Like My Building!”, in DePaul Journal of Art, Technology & Intellectual Property Law, 1996, 1ss.

635 La definizione di “architectural work” è fornita dalla §101, 17 U.S. Code: “An “architectural work” is the design of a building as embodied in any tangible medium of expression, including a building, architectural plans, or drawings. The work includes the overall form as well as the arrangement and composition of spaces and elements in the design, but does not include individual standard features”.

applica a tutti gli edifici che sono stati completati dopo il 1º dicembre 1990 o agli edifici i cui progetti sono stati pubblicati dopo questa data.

Nella legislazione statunitense la freedom of panorama è contemplata alla §120 del Copyright Act limitatamente alle opere di architettura636: il copyright sulle opere di architettura non include il diritto di impedire la realizzazione, la distribuzione o l’esposizione di immagini, dipinti, fotografie o altre rappresentazioni pittoriche delle opere, se gli edifici che costituiscono l’opera sono collocati o visibili da un luogo pubblico. È inoltre riconosciuta in capo al proprietario dell’edificio che costituisce un’opera d’arte architettonica la facoltà di modificare o addirittura distruggere l’edificio senza il consenso dell’autore dell’opera.637

La §120 esenta solamente le riproduzioni e le distribuzioni di immagini di opere dell’architettura, senza tuttavia garantire la stessa libertà di fotografare anche altre opere oggetto di copyright come possono essere le sculture o le installazioni in aree pubblicamente accessibili.638 Sono numerosi gli esempi di opere di street art utilizzate all’interno di libri

636 17 U.S. Code, §120: “Scope of exclusive rights in architectural works”: “(a)Pictorial Representations Permitted. The copyright in an architectural work that has been constructed does not include the right to prevent the making, distributing, or public display of pictures, paintings, photographs, or other pictorial representations of the work, if the building in which the work is embodied is located in or ordinarily visible from a public place. (b)Alterations to and Destruction of Buildings.Notwithstanding the provisions of section 106(2), the owners of a building embodying an architectural work may, without the consent of the author or copyright owner of the architectural work, make or authorize the making of alterations to such building, and destroy or authorize the destruction of such building”. Per un’analisi della §120(a) si veda LAFRANCE M., op. cit., 603-606. L’autrice riporta quanto sostenuto dal giudice Jane Ginsburg durante le udienze del Congresso per l’adozione dell’AWCPA.

Ginsubrg espresse scetticismo sulla politica sottostante l’eccezione della §120(a), ritenendo irrazionale trattare le opere architettoniche in modo diverso dalle sculture grandi o monumentali collocate in luoghi pubblici. Ella proponeva di chiarire all’interno della §120(a) che se un edificio include elementi proteggibili separatamente come opere pittoriche, grafiche o scultoree (per esempio, un doccione), la rappresentazione pittorica non autorizzata di quell’elemento può integrare una violazione del copyright dell’opera pittorica, grafica o scultorea (e non dell’opera di architettura). Tuttavia, la §120(a) oggi non fa alcuna menzione di opere pittoriche, grafiche o scultoree, e la storia legislativa suggerisce che quando tali opere sono incorporate in opere architettoniche, esse possono essere protette separatamente solo se hanno lo stesso titolare del copyright dell’opera architettonica. Si veda anche GINSBURG J. C., Copyright in the 101t Congress: Commentary on the Visual Artists Rights Act and the Architectural Works Copyright Protection Act of 1990, 14 Colum.-VLA J. L. & Arts 477, 495 (1990).

637 Il termine “buildings” è stato interpretato dalla dottrina come inclusivo di tutte le strutture abitabili dall’uomo e che nascono per essere permanenti e stabili, come ad esempio palazzi, case o uffici, musei, padiglioni in giardini pubblici, chiese. Si veda Architectural Design Protection: Hearing Before the Sub comm. on Cts., Intell. Prop., &

the Admin. of Just. of the H. Comm. on the Judiciary on H.R. 3990 and 3991, 101st Cong. 5, 125 (1990) (letter from David Perdue, Assoc. Gen. Couns. & Corp. Sec'y of Am. Inst. of Architects, to Hon. Robert Kastenmeier); id.

at 187 (letter from Jane C. Ginsburg, Assoc. Professor, Columbia Univ. Sch. of Law, to Hon. Robert Kastenmeier); Introduction of the Architectural Works Copyright Protection Act, 136 CoNG. REC. No. 10, E260 col. 3 (Feb. 7, 1990) (floor remarks of Hon. Robert Kastenmeier). Si veda anche NEWELL B.C., op. cit., 413: “Buildings are defined as “humanly habitable structures that are intended to be both permanent and stationary, such as houses and office buildings, and other permanent and stationary structures designed for human occupancy, including but not limited to churches, museums, gazebos, and garden pavilions.” Other structures, “such as bridges, cloverleafs, dams, walkways, tents, recreational vehicles, mobile homes, and boats,” are not considered buildings for purposes of the AWCPA.”

Inoltre, merita sottolineare che negli Stati Uniti si distingue tra copyright sugli edifici e copyright sulle fotografie degli edifici stessi. Così, il fotografo detiene il copyright esclusivo sull’immagine dell’opera architettonica, potendola utilizzare anche per scopi commerciali, mentre l’architetto o il proprietario dell’edificio non hanno alcun diritto sull’immagine dell’edificio. Sul punto si veda CARDARELLI A.A., PISANI A., SIGNORELLI A., op. cit., 13-14. DE ROBBIO A., op. cit.; si consulti anche la pagina Wikipedia alla voce Libertà di panorama/

Stati Uniti d’America, http://it.wikipedia.org/wiki/Libertà_di_panorama

638 NEWELL B.C., op. cit., 414: “§ 120 of the Copyright Act only applies to public photographs that do not contain any third-party copyrighted material other than works of embodied architecture” citato da BENATTI F., op. cit., 138. Si veda anche INESI A., op. cit..

fotografici,639 film,640 video musicali,641 campagne pubblicitarie di case di moda642 e spot pubblicitari643. In questi casi gli utilizzatori non hanno potuto avvalersi della freedom of panorama poiché trattasi di opere non appartenenti all’architettura. Non è quindi possibile utilizzare l’immagine di un’opera di street art per scopi commerciali adducendo l’eccezione della freedom of panorama, senza l’autorizzazione del titolare del copyright.644

In assenza di una norma specifica progettata per affrontare controversie concernenti l’utilizzo di immagini di opere non appartenenti all’architettura, queste dovranno essere risolte ricorrendo ad altre dottrine, tra cui quella del fair use e del de minimis use oltre,

639 Un caso noto in questo ambito è quello riportato da GONZALEZ D., Walls of art for everyone, cit. Per l’analisi del caso Rosenstein si rimanda al capitolo 1, paragrafo 2.4 (“La Street Art”) del presente elaborato.

640 CHILD B., Terry Gilliam sued over use of Buenos Aires street mural in The Zero Theorem, August 14 2014, disponibile a https://www.theguardian.com/film/2014/aug/14/terry-gilliam-sued-street-mural-the-zero-theorem. Il regista Terry Gilliam è stato citato in giudizio da alcuni artisti di strada di Buenos Aires per aver utilizzato nel suo film “The Zero Theorem” il murales Castillo senza autorizzazione.

641 DIVITO N., op. cit.. Per l’analisi del caso si rimanda al capitolo 1, paragrafo 2.4 (“La Street Art”) del presente elaborato.

642 MILLIGAN L., Roberto Cavalli Sued for graffiti, August 28 2014, in https://www.vogue.co.uk/article/roberto-cavalli-sued-for-allegedly-copying-graffiti-artigst. Roberto Cavalli è stato citato in giudizio da un gruppo di graffiti artist che lo hanno accusato di aver introdotto una collezione di abbigliamento e accessori in cui ogni centimetro quadrato di ogni pezzo – compresi i vestiti, le borse, gli zaini e le scarpe – è stato adornato con la graffiti art. Si veda anche MUNRO C., Moschino Designer Jeremy Scott Sued by Street Artist Over Katy Perry Dress, August 5 2015, in https://www.theguardian.com/music/2015/aug/06/katy-perry-met-ball-moschino-dress-copyright-infringement-lawsuit. L’artista di strada Rime ha agito in giudizio contro lo stilista Jeremy Scott e la casa di moda Moschino per violazione del copyright, accusandolo di aver creato un vestito che imita una firma di graffiti che Rime ha dipinto su un edificio di Detroit.

643 GONZALEZ D., Graffiti Muralists, cit.. Per l’analisi del caso si rimanda al capitolo 1, paragrafo 2.4 (“La Street Art”) del presente elaborato.

644 Un caso importante di violazione del copyright che coinvolge opere di public art negli Stati Uniti è Gaylord v.

United States (595 F.3d 1364 (Fed. Cir. 2010)). Il caso aveva ad oggetto la liceità dell’uso da parte del US Postal Service (“USPS”) di un’immagine di 14 delle 19 statue di soldati del War Veterans Memorial della Guerra di Corea per il francobollo commemorativo del 50° anniversario dell’armistizio della Guerra di Corea nel 2003. USPS non aveva ottenuto il permesso di Frank Gaylord, scultore dell’opera artistica “The Column”, per l’uso dell’immagine sul loro francobollo. Così, nel 2006, Gaylord citò in giudizio USPS per violazione del copyright sull’opera. La Corte ha ritenuto che The Column non fosse coperto dall’AWCPA poiché non è un’opera architettonica. La Corte ha infatti affermato che un War Veterans Memorial, che includeva statue di singoli soldati, panchine pubbliche e passerelle non sarebbe stato esente ai sensi del §120(a) in quanto lo scopo primario del memoriale non era funzionale – ovvero abitativo – ma era di trasmettere un messaggio particolare. Per un commento sul caso si veda: GER V.M., Gaylord v. United States 595 F. 3D 1364 (Fed. Cir. 2010), in DePaul Journal of Art, Techology & Intellectual Property Law, 2010, 185 ss; NEWELL B.C., op. cit., 416 ss. USPS ha affrontato un’altra azione legale per l’uso sui propri francobolli di una fotografia di Getty Images della replica della Statua della Libertà del casinò New York-New York di Las Vegas (Davidson v. United States, No. 13-942C (Fed. Cl. June 29, 2018)). Anche in questo caso la Corte ha ritenuto che la replica della Statua della Libertà non può essere qualificata come opera architettonica, risulta pertanto non esentata dal copyright ai sensi del §120(a). Si è ragionato sul fatto che la replica della Statua della Libertà non aveva scopi funzionali e non poteva essere descritta come una struttura “abitabile” sebbene fosse attaccata a un edificio. Per un commento su Davidson si veda LAFRANCE M., op. cit., 611-615. Un altro caso rilevante è Leicester v. Warner Bros., 232 F.3d 1212 (9th Cir.

2000), con cui è stata estesa la portata della §120(a) che ora permettere la riproduzione di opere pittoriche, grafiche e scultoree che sono fisicamente o concettualmente collegate alle opere architettoniche, anche quando la riproduzione è a scopo di lucro. Per un commento sul caso Leicester si veda NEWELL B.C., op. cit., 414-415;

FOWLES J.B., The Utility of a Bright-Line Rule in Copyright Law: Freeing Judge sfrom Aesthetic Controversy and Conceptual Separability in Leicester v. Warner Bros., UCLA Entertainment Law Review, 12(2), 2005. Ancora, in Mercedes Benz USA, LLC v Lewis, Case No. 19-10948, la §120(a) è stata estesa ai murales dipinti sugli esterni degli edifici, anche quando i murales non facevano parte del progetto originale degli edifici, poiché i murales erano dipinti su opere architettoniche pubblicamente visibili.

ovviamente, all’eccezione prevista alla §120(a) per le immagini di opere architettoniche.

Tuttavia, relativamente a tali opere, nessuna di queste dottrine fornisce risultati prevedibili.645 È importante comprendere la rilevanza della §120(a) e le ragioni per cui le difese del fair use e del de minimis use risultino insufficienti. Occorre premettere che mentre in Europa l’interesse pubblico ad accedere e usufruire delle opere di public art è garantito dalla libertà di panorama, negli Stati Uniti, per bilanciare l’interesse privato dell’autore allo sfruttamento esclusivo dell’opera tutelata con l’interesse pubblico al suo utilizzo, si fa ricorso principalmente alle eccezioni del fair use o del de minimin use.

L’eccezione del fair use permette a chiunque di riprodurre l’opera oggetto di copyright senza l’autorizzazione del titolare dei diritti per un ristretto numero di usi elencati alla §107 del Copyright Act.646 La valutazione circa la sussistenza del fair use si fonda su: 1) l’oggetto e la natura dell’uso, in particolare se questo abbia natura commerciale o abbia scopi educativi di natura non commerciale; 2) la natura dell’opera protetta; 3) la quantità e l’importanza della parte utilizzata in rapporto all’intera opera protetta; e 4) le conseguenze dell’utilizzo sul mercato potenziale o sul valore dell’opera protetta. La §107 riconosce tali usi nella critica, nel commento, nell’informazione, nell’insegnamento, nell’uso scolastico, nella ricerca e in alcuni casi nella parodia.647 Tuttavia, come verrà di seguito spiegato, risulta difficile estendere l’eccezione del fair use fino a ricomprendere una forma di freedom of panorama.

La difesa del de minimis use è stata creata giudizialmente648 e trae origine dal principio secondo cui la legge non si occupa delle inezie.649 Viene spesso utilizzata come strumento per determinare la soglia della difesa per il fair use. I tribunali che applicano questa dottrina hanno ritenuto che se l’uso non autorizzato di un’opera protetta da copyright è de minimis, sarà difficile sostenere la violazione del copyright.650 Alcune riproduzioni non autorizzate di opere di public art potrebbero quindi essere considerate de minimis, ad esempio nel caso in cui l’opera d’arte non sia centrale nell’immagine o appaia fuori fuoco. Tuttavia, il concetto di de minimis use non

645 LAFRANCE M., op. cit., 597

646 17 U.S. Code, §107: “Limitations on exclusive rights: Fair use”: “Notwithstanding the provisions of sections 106 and 106A, the fair use of a copyrighted work, including such use by reproduction in copies or phonorecords or by any other means specified by that section, for purposes such as criticism, comment, news reporting, teaching (including multiple copies for classroom use), scholarship, or research, is not an infringement of copyright. In determining whether the use made of a work in any particular case is a fair use the factors to be considered shall include:

1) the purpose and character of the use, including whether such use is of a commercial nature or is for nonprofit educational purposes;

2) the nature of the copyrighted work;

3) the amount and substantiality of the portion used in relation to the copyrighted work as a whole; and 4) the effect of the use upon the potential market for or value of the copyrighted work.

The fact that a work is unpublished shall not itself bar a finding of fair use if such finding is made upon consideration of all the above factors.”

647 BENATTI F., op. cit., 135-136. Per approfondire sulla dottrina del fair use si veda MURTHY S., A Conflict of Rights: Public Photography, Copyright and Innovation, The Second Shamnad Basheer Essay Competition on Intellectual Property Law (2021), Nalsar University of Law, Hyderabad, 2021, 7-8; LAFRANCE M., op. cit., 601-608.

648 Sony Corp. v. Universal City Studios, Inc., 464 U.S. 417, 481-482 (1984)

649 ROSBOROUGH A., Lessons From Copyrightx: The Top 3 Differences Between EU And US Copyright Law, Intellectual Property Society, Gu-ips.org, April 21 2019, https://gu-ips.org/index.php/2019/04/21/lessons-from-copyrightx-the-top-3-differences-between-eu-uk-and-us-copyright-law/

650 Si veda Sandoval v. New Line Cinema Corp., 147 F.3d 215, 217 (2d Cir. 1998): la copia è stata considerata “de minimis as a matter of law”, e pertanto non perseguibile, poiché le fotografie utilizzate come decorazione per il set del film non erano a fuoco, erano viste a distanza, ed erano spesso nascoste dagli attori o da oggetti in primo piano. Si veda anche Ringgold v. Black Ent. Television, Inc., 126 F.3d 70, 76 (2d Cir. 1997): un uso “quantitatively insubstantial” può non raggiungere la soglia richiesta per agire contro tale copia.

è adottato da tutte le corti federali; e anche quando tale dottrina viene accettata, molte riproduzioni non autorizzate di opere di public art non vengono qualificate come de minimis.651

Per comprendere il limite delle dottrine del fair use e del de minimis use occorre mettere a confronto le tre difese.

La dottrina del de minimis use ha una certa utilità, ma la sua portata è limitata poiché è priva di un fondamento legale, non è universalmente accettata e generalmente non si applica alle immagini in cui l’opera d’arte protetta dal copyright si trova in primo piano.652 Se tale dottrina venisse adottata più diffusamente dai tribunali federali potrebbe offrire una protezione rilevante in situazioni in cui le immagini ritraggono opere di public art sullo sfondo o solamente come elemento incidentale della composizione complessiva.653

Per quanto riguarda la dottrina del fair use, occorre considerare in primis che l’ambito dei fair uses consentiti è più ristretto rispetto a quello degli usi consentiti dalla §120(a).654 Infatti, mentre la §120(a) si applica ugualmente alle attività aventi scopo commerciale e non commerciale, la giurisprudenza sul fair use tende a sfavorire gli usi commerciali.655 La §120(a) permette anche l’esatta riproduzione, sia per intero sia in parte, di un’opera architettonica, anche se in due dimensioni. Al contrario, le opinioni sul fair use generalmente sfavoriscono (ma non escludono) l’esatta riproduzione,656 così come la copia di opere nella loro interezza.657 Il fair use inoltre tende a sfavorire le attività che sfruttano i mercati delle opere derivate che il titolare del copyright avrebbe ragionevolmente interesse a sfruttare.658 Invece, la

§120(a) permette la riproduzione di opere architettoniche in cartoline, poster, calendari, magliette e altre forme di riproduzione bidimensionali che il titolare del copyright su un’opera architettonica potrebbe avere legittimamente interesse a sfruttare. La difesa del fair use, quindi, in alcuni casi permette usi di opere di public art consentiti anche grazie alla freedom of panorama;

tuttavia, l’applicazione del fair use per tali utilizzi si fonda su criteri diversi da quelli che identificano un uso consentito dalla §120(a), e offre peraltro una minore prevedibilità.659

651 LAFRANCE M., op. cit., 602-603. Si veda anche MURTHY S., op. cit., 9-10

652 Si veda CHUSED R., Sculpture, Industrial Design, Architecture, and the Right to Control Uses of Publicly Displayed

652 Si veda CHUSED R., Sculpture, Industrial Design, Architecture, and the Right to Control Uses of Publicly Displayed

Nel documento LA LIBERTÀ DI PANORAMA: PROFILI CRITICI E SPUNTI COMPARATISTICI (pagine 134-140)