Occupazione o reddito?

Download (0)

Loading.... (view fulltext now)

Full text

(1)

1

Data Pagina Foglio

01-04-2021 5

Il Solen2

11S

Occupazione o reddito?

Da Eurozona e Usa

ricette diverse anti Covid

Studio della tace

Più assegni alle famiglie a Washington, più tutela degli impieghi nei Paesi Ue

Due piani di salvataggio diversi, nelle dimensioni e negli effetti. Ap- plicati a situazioni molto differenti tra loro. Lo stimolo fiscale deciso da Washington e quello applicato nei Paesi europei sono un esempio di come, nell'applicazione pratica, po- litiche cosiddette "keynesiane"

possano assumere forme e funzioni completamente diverse. Uno studio dell'ultimo bollettino della Bce, Economic developments in the euro area and the United States in 2020,

pubblicato da Malin Andersson, Cristina Checherita-Westphal, Ra- mon Gomez-Salvador, Lukas Henkel e Matthias Mohr, permette di fare il punto.

La pandemia, spiega il lavoro ri- ferendosi all'Effective Lockdown Index elaborato dalla Goldman Sa- chs per misurare la rigidità dei con- finamenti, ha incontrato una rispo- sta più dura in Eurolandia che negli

Stati Uniti. L'area euro, però - e, si può aggiungere, quasi per un'esi- genza di riegnilibrio - ha introdot- to misure più estese di conserva- zione dei posti di lavoro. Non è una sorpresa dunque che l'attività eco- nomica sia calata del 2,4% negli Sta- ti Uniti e del 4,9% nell'area euro, con una contrazione dei servizi, rispet- tivamente, dell'u%e de115%. Il con- tributo dei consumi al Pil, però, è stato sostanzialmente simile, mal- grado i maggiori aiuti diretti forniti da Washington alle famiglie ameri- cane. «Questo suggerisce - spiega lo studio - che le politiche di di- mensioni inferiori ma mirate della zona euro potrebbe essere stata effi- cace nell'attutire una caduta anche più grande nei consumi». Le im- prese europee, però, hanno ridotto gli investimenti in misura maggio- re, «mostrandosi più sensibili alla crescente incertezza, alla caduta della domanda e ai profitti in calo», anche se nella seconda parte del 2020 sono rimbalzati più rapida- mente. Il commercio con l'estero ha infine colpito maggiormente gli Stati Uniti.

La reazione dei governi è stata di- versa, e difficilmente comparabile, nota lo studio. Si ritiene che lo sti- molo fiscale sia stato pari a14% del

Occupazione a confronto

Dati: marzo 2018 = 100 104

102

100 100 98 96 94

STATI UNITI •

EUROLANDIA

92

90

88

100

96,1

MAR GIU SET DIC MAR GIU SET DIC

2018 2019

Fonte: elaborazione su dati Fred St. Louis Fed

MAR GIU SET DIC 2020

Pil in Eurolandia e del 7,75% negli Usa, ma se si tiene conto anche degli ammortizzatori automatici l'impul- so passa al 7% per l'area euro e al 10%

per gli Stati Uniti (mai dati sono in- completi per l'ultima parte del 2020). Il sostegno fiscale in termini di liquidità - le garanzie sui prestiti, sostanzialmente - sono state pari al 17% del Pil dei paesi euro e del 5,7%

del Pil Usa. La politica monetaria, infine, ha trovato maggior spazio negli Usa, dove i tassi sono calati dall'1.50-1,75% allo o-0,25% (spin- gendo in basso il dollaro) che in Eu- rolandia, dove si è fatto ampio ricor- so all'acquisto di titoli.

Le diverse politiche sul mercato del lavoro hanno inciso in modo di- verso: in Eurolandia hanno soprat- tutto portato a una riduzione del- l'orario medio di lavoro, con un'oc- cupazione calata del "solo" 1,9% ri- spetto al quarto trimestre 2019 contro i15,5% perso negli Usa.

La conclusione è immediata, e non sorprende: «Le politiche del- l'area euro sembrano essere state più orientate al sostegno all'occu- pazione mentre negli Usa il focus è stato dedicato a più ampie politiche del reddito.

—R.Sor.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile.

Economia

045688

Quotidiano

Figure

Updating...

References

Related subjects :