• Non ci sono risultati.

Bollatura libri sociali e registri: enti con attività sportiva e dilettantistica - n. 17/2003

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "Bollatura libri sociali e registri: enti con attività sportiva e dilettantistica - n. 17/2003"

Copied!
1
0
0

Testo completo

(1)

Settore Attività connesse con il Registro Imprese – Camera di commercio di Torino Via San Francesco da Paola 24 – 10123 Torino Tel. 011 571 6261/3 Fax 011 571 6265

Email albi.tecnologici@to.camcom.it Web http://www.to.camcom.it

AREA ANAGRAFE ECONOMICA

SETTORE ATTIVITA’ CONNESSE AL REGISTRO IMPRESE Nota informativa n. 17/2003

Oggetto: bollatura libri e registri – enti con attività sportiva dilettantistica

L’art. 90 della Legge Finanziaria 2003 ha introdotto a partire dal 01/01/2003 alcune agevolazioni a favore degli enti che svolgono attività sportiva dilettantistica.

FEDERAZIONI E ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA - ESENZIONE IMPOSTA BOLLO

¾ Infatti il comma 6 di questo articolo prevede che “Al n. 27 bis della tabella di cui all’allegato B annesso al DPR 26 ottobre 1972, n. 642, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: e dalle federazioni sportive ed enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI”

Da ciò consegue che tutti gli atti, documenti, istanze, contratti ecc. delle federazioni sportive e degli enti di promozione sportiva sono esentati dal pagamento dell’imposta di bollo.

Mentre le federazioni sono facilmente individuabili, per gli enti di promozione sportiva, al fine di ottenere l’esenzione in oggetto, occorre allegare copia del provvedimento di riconoscimento da parte del CONI.

SOCIETA’ ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE - ESENZIONE TASSA CC.GG.

¾ Inoltre il comma 7 di questo articolo dispone l’esenzione dal pagamento delle tasse di concessione governativa di cui all’art. 13bis DPR 641/1972 per le società e le associazioni sportive dilettantistiche così come già previsto per le ONLUS.

Per poter riconoscere questi ultimi enti al fine di applicare l’esenzione della tassa, si deve risalire a quanto previsto dal D.C.M. 19/09/2003

Gli elementi principali di identificazione, tra gli altri, sono:

• L’inclusione nella denominazione della finalità sportiva dilettantistica

• Espressa esclusione di ogni scopo di lucro

• Indicazione nell’oggetto sociale dello svolgimento di attività sportiva, con particolare riferimento all’organizzazione di attività sportive a livello dilettantistico

• L’obbligo di conformarsi alle norme e direttive del CONI.

Questi sono pertanto i dati da verificare onde poter applicare l’esenzione in questione.

IL CAPO SETTORE Anna NICOLA 11/11/2003

Riferimenti

Documenti correlati

- Procedura riservata a Società ed Associazioni sportive dilettantistiche affiliate alle Federazioni Sportive o agli Enti di Promozione sportiva riconosciuti dal

Le società di capitali in liquidazione ordinaria o sottoposte a procedure concorsuali (concordato preventivo, liquidazione coatta amministrativa e amministrazione

Il Registro di carico e scarico dei rifiuti deve essere presentato per la vidimazione prima dell'utilizzo, deve essere compilato nel frontespizio e deve riportare la

Fermo restando quanto previsto dal codice civile per il libro giornale ed il libro degli inventari e dalle leggi speciali per i libri e registri dalle stesse previsti, i

L’Associazione è retta da un Consiglio Direttivo che resta in carica 3 anni. Nel corso dell’anno, nella riunione del Consiglio Direttivo di ogni fine mese, si provvede

Con la gradualità che da un lato ci caratterizza e dall’altro si rende indispensabile per agire in modo serio ed acquisire autorevolezza e competenza, abbiamo iniziato

5 del 26/2/2018, rende noto che intende procedere alla individuazione di enti di promozione sportiva, associazioni sportive

 mediante versamento con modello F23, utilizzando il codice tributo 458T “Imposta di bollo su libri e registri”; copia del modello F23, quietanzato dalla banca o dall’ufficio