• Non ci sono risultati.

Malattie professionali

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "Malattie professionali "

Copied!
3
0
0

Testo completo

(1)

Roma, 24 giugno 2009 – Montecitorio – Sala della Lupa

I DATI DEL RAPPORTO ANNUALE 2008 IN PILLOLE

Infortuni sul lavoro

• Infortuni sul lavoro denunciati: 874.940 (-4,1% rispetto al 2007)

• Ripartizione degli infortuni per gestione: 790.214 nell’Industria e Servizi (90,3%); 53.278 nell’Agricoltura (6,1%); 31.448 fra i dipendenti dello Stato (3,6%)

• Oltre il 61% degli infortuni è concentrato nel Nord

industrializzato: in particolare Lombardia (150mila casi), Emilia Romagna (124mila casi) e Veneto (104mila casi) assommano oltre il 43% del denunciato nel Paese

• L’Umbria si conferma al primo posto per indice di frequenza infortunistica, seguita da Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia

• Infortuni nel periodo 2001-2008: -14,5%

• Infortuni occorsi a lavoratori stranieri: 143mila (+2% rispetto al 2007)

• I lavoratori stranieri hanno un’incidenza infortunistica più elevata rispetto a quella degli italiani (44 infortuni denunciati ogni 1.000 occupati contro 39)

(2)

Infortuni mortali sul lavoro

• Casi mortali nel 2008: 1.120 (-7,2% rispetto al 2007)

• Record storico: per la prima volta dal 1951 (anno a partire dal quale si dispone di statistiche attendibili e strutturate) il numero dei morti per infortunio sul lavoro in Italia è sceso al di sotto dei 1.200 casi/anno

• Ripartizione dei casi mortali per gestione: 121 nell’Agricoltura (+15,2% rispetto al 2007); 554 nell’Industria (-9,3%); 445 nei Servizi (-9,4%)

• Casi in itinere sul totale dei 1.120 infortuni mortali: 276 (-9,2%

rispetto al 2007)

• Tra gli infortuni mortali in occasione di lavoro il numero di quelli occorsi sulla strada a lavoratori che operano in questo particolare ambiente (autotrasportatori merci, autotrasportatori di persone, rappresentanti di commercio, addetti alla manutenzione stradale, etc) sono stati 335

• Sul totale del 1.120 infortuni mortali sono 611 quelli causati, in generale, dalla circolazione stradale (più del 54%)

• Casi mortali che hanno riguardato lavoratori stranieri: 176

• Casi mortali nel periodo 2001-2008: -28%

• Infortuni mortali avvenuti in occasione di lavoro nel periodo 2001- 2008: -32,5%

• Infortuni mortali in itinere nel periodo 2001-2008: -6,8%

• I settori più rischiosi sono la lavorazione dei metalli, l’agricoltura, la lavorazione dei materiali per l’edilizia, la lavorazione del legno, le costruzioni, l’estrazione di minerali

• Infortuni 2006 confronto U.E.: l’indice dell’Italia è più favorevole rispetto a quello dell’Euro-Area. Per quanto riguarda i casi mortali, l’indice dell’Italia si attesta su un valore poco superiore a quello dell’Euro-Area, ma comunque inferiore a quelli di Paesi come Spagna e Francia

(3)

Malattie professionali

• Nel 2008 29.704 denunce all’INAIL (+3,2% rispetto al 2007)

• Denunce nei settori Industria e Servizi: +3% rispetto al 2007

• Denunce in Agricoltura: +10,6% rispetto al 2007

• Denunce tra i Dipendenti dello Stato: -11,2% rispetto al 2007

• Malattie non tabellate: 86% (al netto degli indeterminati); nel 2004 erano il 79%

• Al primo posto si confermano ipoacusia e sordità (circa 5.700 denunce)

• In aumento le malattie muscolo scheletriche: tendinite e affezioni dei dischi intervertebrali (più che raddoppiate nell’ultimo

quinquennio); significativo anche l’incremento di artrosi e sindrome del tunnel carpale

Riferimenti

Documenti correlati

5 ANALISI DELLA DINAMICA COL METODO “SBAGLIANDO SI IMPARA” 102 5.1 Distribuzione degli infortuni per tipo di asse e caratteristica determinante /.. modulatore

Dalla tabella si evince come il settore delle costruzioni sia un comparto notevolmente più associato, rispetto agli altri settori, ai problemi del ginocchio, in particolare per i

Le prestazioni per infortuni sul lavoro o malattie professionali sono erogate quando un lavoratore è colpito da invalidità a causa di un infortunio sul lavoro oppure se il

Rispetta l'ambiente: se non è indispensabile non stampare questo messaggio Se desideri cancellarti o iscriverti alla Newsletter Inail scrivi a ufficiostampa@inail.it.

Anche i tumori appaiono, sia in termini assoluti che di incidenza, più denunciati dagli uomini che dalle donne (le 2.440 denunce protocollate nel 2018 per i lavoratori

Se i lavoratori di questi tre Paesi, di anno in anno, si contendono il podio degli infortuni e quello ancora peggiore dei casi mortali è vero che questi ultimi sono

le menomazioni di grado compreso tra il 6% e il 15% sono indennizzate in capitale, mentre quelle di grado pari o superiore al 16% sono indennizzate in rendita. Per l’indennizzo

L’istituzione competente, qualora ravvisi di doversi opporre all’erogazione delle prestazioni o di non avvalersi della facoltà di cui al punto 6.2 ai fini dell’assenso alla