v Fascismo Universa le

Testo completo

(1)

Carlo B i a n c o

\

\

/ v

Fascismo Universa le

1

^

i— j — j - - " \ * /

-, ^xT-e fazion e . o I c ÌI a ^ ^ cc

g o

I ao Ì ììv d ’oro 6 -^>

e

I5

ì

ÌÌ|

HC

E S E

(2)

-

(3)
(4)
(5)

FASCISMO UNIVERSALE

(6)

Copertina eseguita da

(7)

C A R L O B I A N C O

FASCISMO UNIVERSALE

con Prefazione im i i ii ii ijiiT’r ir i- iiii On. EU G EN IO COSELSCHI

f f l B U O T É C A C Ì V I C A : V A RESE: ~1

S T U D I O D I P R O P A G A N D A E D I T O R I A L E 1 9 3 7 - N A P O L I - S A L I T A P R I N C IP I, 45 b is X V

(8)

P R O P R I E T À L E T T E R A R I A R I S E R V A T A I d ir itti d i riproduzione e traduzione sono

riservati p e r lu tti i p a esi, com presi

—i—R e g n P d i. Svezia, N orvegia e Olanda

C opyright by Carlo Bianco

(9)

(10)
(11)

COMITATI D’AZIONE

PER LA UNIVERSALITÀ DI ROMA

SEDE CENTRALE

I l Presidente

I l C a m e r a ta C a r lo B ia n c o La. ra cco lto i n q u e ­ s to su o v o lu m e tto « F a s c is m o U n i v e r s a l e » q u a n to la s u a fe d e e n tu s ia s ta e il s u o in g e g n o fe rtile a c c e n d e v a n o in lu i, d i c o n v in z io n i, d i s p e r a n z e e d i a u s p ic i ; in lu i fa sc is ta , a lla v ig ilia d e ll I m p e r o ; q u a n d o l’im p e r o , ai tie p id i e a i p a v id i, p o te v a s e m b r a r e u n s o g n o o u n e v e n to d i tr o p p a a r d u a e lo n ta n a re a liz z a z io n e .

Q u e s t o s tu d io a p p a s s io n a to h a in fa tti u n a d a ta p r e c is a d i n a s c ita , c b e n e c o s titu is c e m a s s im o ti­

to la d i n o b iltà , 2 0 g e n n a io 1 9 3 5 , a llo r c h é il m a ­ n o s c r itto fu , d e ll’a u to r e , c o n s e g n a to a lla S e d e d e l G . U . F . d i A v e ll i n o . E a q u e lla d a ta n o n e r a a n c o r n a ta s u ll’o riz z o n te d e lla P a t r ia 1 im p r e s a e tio ­ p ic a , c h e d o v e v a in c o r o n a r la d i n u o v i v itto r io s i

(12)

la u ri. M a g ià d a a llo ra , n e ll’ a n im o d e i g io v a n i fo rti, n a ti n e l F a s c is m o e p e r il E a s c is m o , v i g e ­ v a la ce rtezz a di q u e s ta g r a n d e e n u o v a e in c o n ­ te n ib ile c iv iltà d e lla q u a le essi e r a n o e s o n o g li a r a ld i e i p o rta to ri ile i m o n d o .

S e n tir e e c r e d e r e e p ro f e s s a re , c o n fe rm e z z a di s o ld a ti e c o n a r d o r e d i a p o s to li, la m is s io n e u n i­

v e r s a le d e l F a s c is m o , v u o l d ir e c o m b a tte re u n a b a tta g lia id e a le c h e n o n s o g g ia c e a ll’a n g u s tia d e lle fr o n tie r e o a lla lim ita z io n e n u m e r ic a d e i b e llig e ­ r a n ti, m a c h e si e s te n d e p e i c a m p i s te rm in a ti d e l p e n s ie r o , e d h a p e r te r r ito r io tu tta l’u m a n ità : la tr ib o la ta u m a n ità , in g a n n a ta e d e lu s a d a i d o g m i fa lla c i, a n e la n te a lla g iu s tiz ia e a lla p a c e : d e lu s a e a n e la n te o v u n q u e ; s o p ra tu tto là d o v e e s s a , tr a ­ v ia ta e s o v v e r tita , s e r v e di m a te r ia b r u ta e in c o n ­ s a p e v o le a lle p i ù tr is ti e s p e rie n z e .

(Mai c o m e in q u e s to d u e llo m o n d ia le d i d u e i- d e o lo g ie a n tite tic h e , si è r iv e la ta o s ta p e r r iv e ­ la r s i la p o te n z a d e llo s p irito , c h e è la p iù p u r a ed a lta fo rz a c re a tric e . D a u n la to u n m a te r ia li­

sm o a b ie tto c h e v u o l tr a s f o r m a r e l’u o m o e la s o ­ c ie tà in m a c c h in a b ru ta d i p r o d u z io n e , p e l s o d ­ d is fa c im e n to d e i b is o g n i a n im a li ; e r i n n e g a fa ­ m ig lia , p a tr ia e r e lig io n e . D a l l ’a ltro u n o s p i r i t u a ­ lism o c o ra g g io so c h e v u o l s u p e r a r e la difficoltà d e ll’o ra s to ric a m e rc è la fo rz a u n ita r ia d e llo S ta to ,

(13)

a v e n t e a b a s e i v a lo ri tra d iz io n a li d e lla ro m a n a e la tin a .

O g n i c o n trib u to a q u e s ta b a tta g lia , c o m b a ttu ta c o n e s tr e m a e n e r g ia d a a m b e le p a r ti, e d a lla q u a le il m o n d o d o v rà u s c ir e p u rific a to e r i s a n a to — c b è a m m e tte r e il c o n tra rio v o r r e b b e d ir e p r o n o ­ s tic a re l 'a v v e n to d e ll’a n a rc liia e d e l cao s — è u n a tto d e g n o d e lla p iù in c o n d iz io n a ta lo d e : p e r c h é , a n c h e p e i c o m b a tí e n ti d e lla b u o n a C a u s a , n o n è v a n o , a n z i è u tilis s im o e in d is p e n s a b ile 1 a li­

m é n to id e a le .

L a tra tta z io n e e l’in te r p r e ta z io n e di q u a n to è a v v e n u to in Ita lia d a ll’a v v e n to d e l F a s c is m o , fa tta d a l B ia n c o p iù c o m e e la b o r a z io n e in tim a d e lla p r o p r ia p e r s o n a lità , c h e c o m e n a r r a z io n e s is te m a ­ tic a d i u n p e r ìo d o sto ric o , h a il p r e g io d e lla v i­

g o r o s a fre s c h e z z a e d e lla a r d e n te s p o ta n e ità : e- 1 e m e riti q u e s ti v ita li e d e ss e n z ia li p e r u n d is c o r­

so d ir e tto ai g io v a n i, c h ia m a ti p a r te c ip i d e ll a n sia c r e a tric e c h e è il lie v ito d e lla m o ra le e d e lla c iv iltà fa sc ista . E d è p e rc iò e c c e lle n te d is e g n o q u e llo d e l l’a u to r e d i lic e n z ia re a lle s ta m p e q u e s to su o s a g g io ; n è è in g iu s to o im m o d e s to c h e e g li c o n ­ sta ti e si in o rg o g lis c a di a v e r p r e s a g ito 1’ I m p e r o c h e s ta v a p e r r is o r g e r e .

Roma, 8 aprile 1937-XV

Eu g e n io Co s e e s c h i

11

(14)
(15)

F A S C I S M O U N I V E R S A L E

(16)
(17)
(18)

É

(19)

Q u a n d o il D uce, nell’oim ai lontano ottobre 1922, cal­

cava il sacro suolo di Roma, era già apparso ai popoli, nelle giornate dell’interventism o e di V itto rio V e n eto , come un vèlite di Caio M ario, di F urio C am illo, del gran d e Scipione.

E gli m oveva, sicuro, alla conquista di u n nuovo m on­

do ideale e reale, insito in sè, sprizzato dal travaglio della sua prodigiosa giovinezza e dai torm enti di tutta la sua vita di lottatore e dom inatore.

Con sè conduceva il lau te del Carso, erede carnale e spirituale della gente L atina, E trusca e Brttzia d ie il mitico solco insanguinato di Romolo aveva raccolta e n u trita vinta e che la saggezza dei T arq u in i aveva poi concretata e personalizzata con le prim e im pronte di u n ’unità etnica e spirituale quasi completa.

E ran o i discendenti ideali dei M edici e dei M ontefeltro,

17

(20)

dei M alatesta e dei Celleoni, dei M arsili e degli Spi­

nola, dei M ontecuccolo e dei N apoleone, che, come una mitica falange O m erica, con a capo l’Eroe, che spesso s incarna in u n Dio, entravano in Roma, conquistavano Rom a, tenevano Roma.

P arve a taluno che, con le schiere del D uce, il Solitario del C ardello marciasse fieram ente avanti : la sua « Rivolta Id e ale » aveva finalm ente trovato l’anim a di un C on­

dottiero, e, con essa, quella più am pia e sensibile del Popolo, votato a tutti i sacrifici, a tu tti i cimenti, a tutte le conquiste.

P e r farsi u n ’idea di queste legioni del D uce, bisogne­

rebbe pensare di poter d ar fuoco ai più grandi ed im m ortali ideali della vita e della Storia, posseduti con un grado d ’intensità suprem a, e di stare a guard are l’in­

cendio.

L e vecchie leggende Orfiche narrano di arcane lotte d’ eroi con m ostruose e sovrum ane forze della vita ; le classiche leggende G reche narrano di centim ani, quale Briareo ; di centauri, come N esso ; d’eroi, quale E racle ; di m artiri, come Caco o di uom ini, come A n teo , alto sessantaquattro cubiti, ma, non ci tram andano m iti di esseri che sem brano balzati, per v irtù di miracolo, dal­

la m ente stessa di un D io, per arrestare la decadenza dei popoli e p er l’evoluzione della volontà e del desti­

no ultim o dell’U m an ità : tale M ussolini, C reatore e Capo del I'ascisimo.

C h i legge questi fogli di certo si dom anderà : — C he

(21)

casa, codesto giovane pensatore che scrive, inten d e p er Fascismo ?

Rispondo a voi come risposi con santissim a ribellione a u n uom o di C attedra, in altro giorno, per esserne censurato : il Progresso. Sì, il Progresso, perchè penso che la vita futura dei popoli sarà il Fascismo.

Confessiamolo francam ente : ad u n a intelligenza an a­

litica, 1 eticità della nostra Rivoluzione, più che geniale creazione di u n a tenace volontà e superiore spiritualità, appare fenomeno trascendente ed im m anente ad u n ’e­

poca, risveglio di u n a coscienza universale di bene, de­

siderio ed affermazione di un senso m orale ed eroico della vita, che, non da u n U om o sem bra essere s:ato concepito ed attuato, ma d all’ incantesim o delle forze occulte ed im perscrutabili di u n ’E ntità divina, im prov­

visam ente divenuta m aterna e buona, com partecipe ed interessata ai suprem i ed ahi destini di tu tt’intera l’U ­ m anità. M a, se noi ci soffermiamo u n m omento a scru­

tare e considerare il profondo delle forze genetiche (h e conducono ai rivolgim enti sociali, alle loro prassi ed alle loro rivoluzioni, alle loro decadenze ed alle loro lotte, avrem o 1’ intuizione e convinzione precisa che il Fasci­

smo è essenzialm ente ciò che nessuno ancora à avuto il coraggio di affermare fuori o dentro le A ccadem ie, nelle assemblee o dagli areng'arii, ma che io, il più ri­

m ile fra gli umilissimi fedeli, affermo e sostengo con questa proposizione : il Fascismo è la L egge regolatrice ed evolutiva del progresso storico.

(22)

Se qualcuno di noi volesse negare quest’assunto, non potremmo, di poi, in alcun modo, spiegare e giustificare il come ed il perchè di un Fascismo U niversale.

L età m ia, ancor giovane, mi vieta ricordare, ma, chi legge questi fogli non avrà certo dim enticato che gli albori della R ivoluzione sono torbidi, avversati, vilm ente cam battuti e calunniati perchè i vecchi uom ini di un m on­

do arm ai caduto p er sempre, ebbero la loro q u an tità scu­

sabile di miopia, così, come noi oggi abbiam o e sentiam o la vita del dovere eroico, il credo del nostro vicino, im­

m ancabile avvenire im periale, la volontà e la dedizione p er il sacrificio e per il combattim ento. M a il Fascismo crede al suo totalitario trionfo, perchè, chi à il co­

raggio e la costanza di credere al proprio destino nelle avversità, à sem pre ragione d’ogni lotta e d’ogni coa­

lizione, giacché, sem bra che la verità di u n a gran d e fede sia della stessa natura della luce : tan to più brilla quanto più s’intenebra ha notte intorno ad essa.

T re periodi caratterizzano il sorgere e l ’affermarsi del l ' ascismo.

Prim o periodo 2 3 marzo 1919 — 28 ottobre 1922 — (Piazza S. Sepolcro — M arcia su Roma).

Q uesto periodo di tempo si può chiam are periodo d’in­

com prensioni e di lotte, in cui, non è colpa del Fascism o, se p a rte del Popolo italiano non può guard are il Sole ad occhi aperti e non lo vede ad occhi chiusi.

Secondo periodo 28 O tto b re 1922 — 3 G ennaio 1925 (A ssunzione al potere — Sbaraglio della canea sovversiva).

(23)

Q uesto è periodo del rassodim ento interno e d atti­

vismo politico.

Terzo periodo : 3 G ennaio 1925-1935 e seguenti.

Q uesto terzo è periodo im periale in cui il Fascismo, assicurato il suo totalitario dominio all’ interno, interviene n ella politica m ondiale come elem ento cardine, prep a­

rando le basi politico-giuridico-economiclie del suo pros­

simo impero. £ questo il periodo dell’affermazione un i­

versale della dottrina m ussoliniana.

È ancora presente alla nostra m em oria ciré nei prim i anni del Fascism o cadono a diecine, a centinaia i m artiri della sua Idea in tutte le piazze d ’ Italia, colpiti dal pu­

g n a le di coloro che vedono nei grandi principi e nelle portentose promesse della Rivolazione, la più clamorosa utopia.

Scorre verm iglio il sangue, ma il l'ascism o non cede perchè è tutto u n a volta com patta, è tu tto un granito, cem entato con fede, con volontà e sacrificio n el cuore del m ondo, dalle profonde convulsioni del quale s’eleva la personalità del futuro fondatore dellTm pero Fascista.

Siamo nel freddo profondo dei popoli che acco­

glie le gloriose avanguardie d ell evoluzione um ana.

Succede in tal modo che la vita del fascism o, non solo viene ad essere ostacolata, m a oscurata dai suoi nemici, accusata di sem inare lo sgom ento e la morte. O g n i suo atto lo si dipinge come un misfatto contro 1 ordine della società e la tran q u illità degl’ individui. L a sua dottrina etico-politica viene condannata, la coscienza m orale dei

21

(24)

futuri dom inatori del m ondo censurata ed incrim inata. M a il Fascismo continua la sua marcia : costruisce nuove strade, innalza nuove scuole, anticipa, con la dignità del lavoro e con la equità della sua giustizia, la m issione m orale e m ateriale della donna e del cittadino di fronte a sè stessi, alla società e alla Patria.

Il fa scism o viene accusato di creare infinite miserie, iniquità, cortine di tenebre dietro le quali si trincera e com batte. V ie n e calunniato con le più inique menzo­

gne, m a crea la C arla del L avoro, fa sorgere gli stadi gli ospedali, i ricoveri per l’um anità sofferente ; eleva, con opportune e geniali leggi, l’agricultura, il commercio, la piccola e gran d e industria; popola il m are di nuove e potenti unità, fa solcare i cieli da nuovi e prodigiosi velivoli. Intanto i giovani, i giovanissimi, i fanciulletti stessi affluiscono a legioni nelle sue file, perchè, dicia­

molo, è sem pre bello p er la gioventù che nasce alla vita credere in un grande ideale, obbedire alle sue leggi, com battere p er la sua affermazione, donando irresistibil­

m ente tutta sè stessa.

E d ecco che il Fascism o s’afferma ; passa in esam e innanzi al popolo, il popolo lo com prende, l’acclama e la R ivoluzione viene fervorosam ente considerata e con­

sacrata come u n atto della volontà di Dio. In tu tta la Penisola non v’è che u n battito sincronico di cuori, un sol frem ito di volontà, un solo amore, un solo grande e sublim e grido di fede : D uce !

I popoli, nel corso della loro esistenza, si sono mo-

(25)

strati, nei mom enti decisivi della propria storia,

m artiri, a volta eroi : il popolo italiano è stato m artire ed eroe.

T uttavia, u n gruppo di m inoranza, ibrida eterogenità antifascista : la così detta opposizione, composta di re- pubblicani, anarchici, democratici, ed altro fango occa­

sionale, visto e considerato che il Fascism o, n ella sua espressione politica, è qualche cosa più d’ u n partito e che quindi non solo resiste, m a sbaraglia tu tti gli ostacoli, si ritira sull’A v e n tin o , astenendosi dai lavori parlam entari. C on questa decisione, l’O pposizione crede di m ettere il G overno di M ussolini fuori del costituzio­

nalism o, ma, nessun fascista va a ripetere ai dissidenti il famoso apologo di M enenio A g rip p a . In tal modo, riuscite inutili tutte le forme di attentati contro la nuova concezione politica dello Stato mussoliniano, il Duce, ergendosi fieram ente contro l’accozzaglia sovversiva il 3 G ennaio 1925, con uno storico discorso ne rovescia gli ultim i baluardi e tutto il potere passa autom aticam ente tutto al Fascismo.

Q uesta data è un avvenim ento m em orabile nella sua Storia, in quanto indica la ripresa d’una marcia in avanti che m ai più si ferm erà Imo al raggiungim ento delle suprem e m ète della rivoluzione.

Ala, il sovversivismo, non avendo potuto rovesciare il G overno di M ussolini ; vuoi con i suoi sotterfugi d’a­

stuzia politica o con la lu rid a e potente cam pagna gior­

nalistica che l’asseconda, vuoi con le m anovre occulte

23

(26)

degl intrighi, fuori e dentro i confini della P atria, grazie alla com piacente m assoneria, arm a a più riprese, la m ano di uom ini irresponsabili con la disperata sperenza d ’ab- batere il colosso fascista, liquidando il suo Capo con il delitto politico. Falliscono, però gli attentati del 4 N o ­ vem bre 1925, del 7 A p rile 1926, dell’l l Settem bre 1926, de! 31 O ttobre 1926 e qualch’altro ancora contro la sa­

cra persona del Duce, perchè un D io veglia amorosa- m ente sulla sua vita e sul destino del Popolo italiano.

Indubbiam ente però, la condotta inum ana d ell’antifa­

scismo à so n ito l’effetto opposto di quello che si pro­

poneva, affrettando il definitivo crollo dello Stato demo- liberale e la iniziale, rapida costituzione di quello fascista.

D a questo m om ento il D uce è della Storia e della leggenda.

L uomo principio à cosi im posto agli avvenim enti quella forza spirituale e sublim e d ell’onnipotenza, che si sprigiona solam ente d all’A ssoluto, suscitando nella co­

scienza dei popoli 1 am ore e la fede nella causa e negli ideali etici, politici, universali del Fascism o. I popoli riconoscono nel Duce la forza im pulsiva e propulsiva della Storia, la genesi sociale del nuovo secolo, che sarà secolo di formazione e di aflcrmazione fascista. N e lla nostra N azione, intanto, è tu tta una rinascita di arti e di lettere e i giovani forgiano nel tempio della scuola fascista i nobili entusiasm i di lotte e di glorie per una P atria più gran d e e più forte. L e creature stesse im pa­

rano a balbettare, ancora in fascia, il magico suono di

(27)

v f

un nom e : D uce ! Le giovinette, consapevoli d e l l a X ^ ^ Ò blim e missione cbe saranno chiam ate a svolgere un giorn

nella vita, educano, nelle organizzazioni del Regim e, la m ente e il cuore ai sani principi della fam iglia e sch iu ' dono le corolle profum ate della loro giovinezza al bacio della santa m orale del Fascismo. I vecchi, quelli che furono spettatori, spesso estatici ed increduli, allo svi­

luppo progressivo ed organico della grande Rivoluzione, sentono in mezzo a tanto fervore di (attivo pensiero e di opere di rinnovam ento e di volontà, d entusiam o e di bene, ridestarsi nel sangue l’ardore dei v en t’a n n i ed entrano nelle file col fresco entusiasm o d’ u n a rinata adolescenza. E le m adri ? C he fanno le m adri, le discendenti ideali di C ornelia e di Clelia ? D ondolano con più am ore ogni culla e ricam ano per le loro crea­

tu re i sogni grandiosi, ma certi del loro dom ani, fatto di lavoro e di gloria.

Se ci fosse dato di poter scrutare n ell’ arcano delle forze trascendenti ed im perscrutabili, che presiedono e re­

golano la vita, nei misteri profondi dell’ inconoscibile, vedrem m o di certo u n ’infinita schiera di donne, di tu tti i secoli e di tu tti i popoli, condotta personalm ente da un D io, presso le culle delle m am m e fasciste, p er far loro constatare che, finalm ente, dopo venti secoli, la m adre è divenuta, per v irtù del Fascismo, qualche cosa di vera­

m ente sacro e di profondam ente apostolico ed um ano, che s’eleva n ell’apoteosi del divino.

E coloro che fra noi non ebbero il conforto e la gioia

25

(28)

della carezza m aterna potranno con fede guard are alla più grande M adre, che prodiga a tu tti noi i carismi della sua grazia ed il bacio del suo fervido amore.

U n giorno l’uomo m endicava il suo pane e la giovi­

netta vendeva lo sua carne p er vivere. Le energie gio­

vanili, avvizzite nel vizio e nella m oralità di falsi costum i, disertavano il lavoro e liberam ente sprofondavano nel fango. Esseri, in tu tto simili a queste nostre creature, adorabili e care, che popolano di poesia la nostra casa e la nostra vita, che em anano d all’anim a e dal corpo un mistico profumo di castità, un giorno avevano fame e ven­

devano la loro carne e quello ch’è oggi il nostro orgo­

glio, diveniva la nostra maledizione.

N e ssu n a legge m orale, tra n n e quella che le anim e si fabbricano da sè, come possono e come vogliono, im­

pediva a queste creature di cadere e di vivere nel più lurido dei peccati sociali. I G overnati del tem po se ne infischiavano ; la società rappresentativa ne ri­

deva, il popolo sano soffriva, ma nu lla poteva, per­

chè sul suo focolare spesso non ardeva nem m eno il fuoco, alla vam pa del quale stem prare le sue lacrime ed asciu­

garsi la fronte.

L a terra era refrattaria al lavoro e buona p arte delle sue paludi, oggi centro di vita e di prosperità, semi­

navano squallore, irraggiando nella Penisola miasmi di esasperazione e di m orte. M igliaia di bimbi, aventi m u n altra colpa che quella di non aver chiesto di soffrire, m ordevano q uella terra e la m angiavano. C redo di non

(29)

essere censurato di rom anticism o e di accese divagazioni nel cam po austero dell’arte, perchè conosco il sapore di quella terra e so che le lacrim e sono amarissim e.

M i si chiederà ancor ora che cosa è il Fascismo ? Eb­

bene, io rispondo : — Provvidenza '• D i fatto, è la R ivolu­

zione delle Camicie N e re q uella che mette fine a queste sofferenze intim e del popolo, che, p er essere le più oscure, sono sem pre le più incomprese, Il D uce dà quin d i vita, in Italia e all’Estero, a migliaia di istituzioni be­

nefiche, le qu ali si occupano di tu tte le necessità di cui può aver bisogno la sventura o 1’ indigenza. Si viene incontro a queste, non con lo spesso um iliante gesto della carità interessata, m a con l’alta poesia dell assi­

stenza veram ente um ana e iraterna, attraverso gli or­

g an i che la estrinsecano : m aternità ed infanzia, ente opere assistenziali ecc., i cui fondi di m antenim ento sono in parte ricavati dalla provvida legge che obbliga i celibi, dal venticinquesim o anno in sù, di pagare un tributo allo Stato, annualm ente, in ragione dei beni che il contribuente possiede e ciò anche essenzialm ente — come ebbe a dire il D uce — p er dare u n a frustata de­

mografica alla N azione. E Italia fascista pensa così al dom ani di tutti i suoi figli, perchè, se c’è un dom ani per i popoli, v’è a m aggior diritto un dom ani per gl in­

dividui. È innegabile che, se non c’è potenza dem o­

grafica, non è possibile l’esistenza stabile di u n a q u al­

siasi (orma di potenza economica e m orale di un po-

27

(30)

polo, senza consum arsi nel breve giro di qualche ge­

nerazione.

C ade così tutto u n mondo d’egoismo, perchè ogni uomo sente, in Regim e fascista, d’ im m ortalare e di perpetuare nel tempo il suo lo col d ar vita a nuovi esseri, che parleranno un giorno lo stesso suo linguaggio, avranno i medesimi ideali, scorrerà nelle loro vene lo stesso san­

gue generoso da cui ebbero e danno vita. In tan to , u n ’im ­ ponente mole di lavori pubblici occupa milioni di lavo­

ratori e il pane, arrivando co! sudore in ogni casa, re­

stituisce col suo profumo la santità al focolare.

N e llo stesso modo che un incendio avanza celerm ente in u n ’im mensa foresta fino a .c h e tutto diviene bagliore e rogo, cosi il fenomeno fascista à abbracciato ed inve­

stito con le fiamme della sua ardente fede 1’ Italia dal B runnero al C apo Passato. E , poiché la R ivoluzione fa­

scista illum ina e g uida m ilioni e m ilioni d ’uom ini, coinè la chiam erem o noi ? Q u a le nom e darem o a questo so­

vram ano fenom eno, tipicam ente latino di concezione e di estrinsecazione? C hiam erem o la nostra, la R ivolu­

zione della G iustizia ? Si, perchè dal m ovim ento ascen­

sionale di u n solo popolo noi vediam o u n ’ intera u m a­

nità iniziare la marcia verso la luce. È la fede, dunque, che si sprigiona dell etica dello Stato m ussoliniano, ve­

nendo a stabilire 1 arm onia e l’am ore tra lo spirito pen­

sante e le v ita operante.

Il fenomeno fascista è perciò un ponte gettato sul-

(31)

cozzanti insiem e come due arieti nella notte delle tenebre, ma viventi di pace e di lavoro, illum inati dalla luce di

Roma, risorta ai suoi fati.

E, poiché tu tto à origine da u n a forza ideale agente e tu tto vi ritorna, e poiché l’ideale à sem pre la sua origine da u n a interpretazione spirituale della vita e delle cose, la R ivoluzione ideale del secolo X X è R ivo­

luzione fascista : la R ivoluzione dello spirito contro la m ateria ; la Rivoluzione della luce contro le tenebre.

N o n è forse la nostra, la Rivoluzione del vero, pro­

fetizzata ed anticipata da qualche gran d e e cassandrico genio del secolo scorso, la Rivoluzione che dovrà dare la felicità al mondo, giacché, p er noi fascisti, la vera felicità consiste essenzialm ente nel lavoro e nel dovere ? N o n sarà questa la Rivoluzione a cui 1 um anità obbe­

dirà come alla legge della sua intim a forza e del suo p iù gran d e destino, allo stesso modo che la stella ub­

bidisce alla volontà inconsapevole ed im penetrabile del cosmo ?

L ’anim a dei popoli graviterà intorno al fenom eno fasci­

sta come l’ago della bussola gravita intorno al suo polo magnetico.

C ’ è chi chiaram ente vede nel futuro ? Sì : la fede, consapevole del suo destino. Q u a l è d u n q u e la no­

stra fede ? L a ragione dei nostri ideali um ani. Il F a- scismo, perciò, da idea operante s’è trasform ato in po­

chi anni, rapidam ente, in re altà operatrice, dinam ica, volitiva e lattiva.

(32)

Se sfogliamo la Storia, potrem o facilm ente rilevare che u n sim ile miracolo mai s’ è verificato nella vi­

ta c n e ll’ evoluzione dei popoli. D el resto, gli annali di tu tti 1 tempi e di tu tte le genti, spesso ci tram andano la memoria di grandi ideali sociali, sprigionatisi da m enu eccelse di pensatori e di statisti, che non ebbero pero mai attuazione nella pratica realtà della vita, per­

chè si rivelano eiTimeri, utopistici e a volte anche dannosi al benessere um ano. C onsiderate la famosa, ideale Repubblica di P latone o gli Stati C onfederati d E uropa del R ousseau e del C attaneo, e vi convincerete che era riserbato solam ente al Fascismo l'u m an a m is­

sione d’intersecarsi nella vita dei popoli, per illum inarla con la luce della sua giustizia e del suo amore. Dove queste tre entità della v ita : luce, giustizia ed am ore si associano e s’indentificano, ivi incom incia a sorgere la perfezione, ivi à inizio l’arm onia.

N o n v’è grande um anità e grande am ore nel Fasci­

smo

'!

O r dunque, cosa m anca ad u n a N azione, retta da uno Stato forte, giusto ed u m a n o ? N u lla , forse mi si può rispondere e si favella il falso. Dico il falso.

Perchè appartengo a quella anonim a categoria di gio­

vani che credono ed attendono la possibilità pratica di un Im pero fascista, non solo inteso come dom inio di volontà e di spinto, ma anche e sopratutto come do­

m inio territoriale.

Cna tutti i popoli g uardano costantem ente a Roma.

S ispirano a Roma. Si sente nella stessa aria che si re-

(33)

spira u n a certa agitazione spirituale, che viene da oltre frontiera. Sembra, quest’ agitazione, volersi concretare in q u a lc h e cosa che possa in carn arla ed esprim erla e g u ar­

da a Rom a, e viene a Rom a, ripercorrendo p er la terza volta le vie Im periali della C iviltà latina. Si è che i popoli, confinanti con la nostra P atria, incom inciano a scuotersi dal lungo torpore. Si muovono i giovani e ca­

denzano il passo sulle vie dell’avvenire. U n sussulto im m enso serpeggia nelle masse. Il

quid novum

erom pe

dai più generosi petti : fra poco noi vedrem o altri popoli vivere della nostra stessa fede e dei nostri stessi ideali politici. Sarà il popolo F ran cese? Sarà il popolo Spa- gnuolo, debitore alla N em esi storica del sangue rispar­

miato, rim anendo estraneo al conflitto m ondiale ? Sarà il Belgio o l’Inghilterra ? N o i non sappiam o : ma, la marcia della R ivoluzione à già varcato le frontiere e la lum inosa luce dei suoi ideali già freme nel cielo e m a­

gnetizza nell’ aria. P arte dell’E uropa si desta : apre gli occhi e crede e non crede, ad u n tempo, di vedere ; à davanti a sè, erto e fiero come un A n teo , il Profeta del X X secolo che p arla d’im pero : il D uce !

D a questo m om ento la Rivoluzione delle Camicie N e re, non è più u n a realtà contingente o definitiva del­

l’Italia, m a u n a nuova forma di Stato che il m ondo in­

comincia ad assim ilare poco a poco. In u n a parola : da questo m om ento noi possiamo, con diritto e con ragione, parlare di Fascim o U niversale, non come possibilità po­

litica in potenza, ma come realtà pratica in atto.

31

(34)

Com e un immenso corso d acqua, che scorre maestoso a valle, inondando della sua forza ogni cosa, il V erbo del nuovo M essia valica i confini delle N azioni, sor­

passa le barriere dei popoli, forza le porte dei continenti, valica la soglia del casolare universale e si asside, sovrano, al focolare di C esare come a quello di D iogene. L a co­

scienza dei popoli s è destata. Fuoco d all’idea nuova di­

vam pa n ella fucina degli spiriti. Luci ideali passano ad illu m in are la decrepita screpolatura di quel passato oscuro delle genti e delle razze, volenterose di rinnovarsi e di rinascere ai bagliori della nuova civiltà.

G li esseri di tutti i continenti scuotono la fronte e, p er vedere di là della verità, scrutano ansiosi il feno­

meno che li travaglia : lo penetrano, se ne im possessano e ne fanno il vessillo del loro avvenire. E d eccovi il dittatore del N ord, A dolfo H itle r, prepararsi ad istau­

rare lo Stato fa sc ista in G e rm a n ia ; eccovi D ollfus, il m artire di un g ran d e ideale, il caro amico dell’ Italia, gettare le basi dello Stato corporativo nella sua A u stria.

P asserà ancora qualche anno ed il Fascism o-Stato in questi due popoli, fieri e volitivi, sarà u n fatto compiuto.

V e rra n n o poi gli altri che citeremo, ma possiamo fin d ora dire che il F enom eno fascismo è all’ordine del giorno di tutti i governi del Globo.

Si discutono i suoi principi, s’im itano le sue leggi ; si cerca, p er quanto e come è possibile, di m odellarsi alla sua dottrina politico-economico-sociale. L a R ivolu­

zione d’ottobre fatalm ente à teso i suoi tentacoli, strin-

(35)

gelido al suo m aterno seno tutti i popoli dell’U niverso sensibile.

L ’idealismo reale, quello che à le basi sulla verità e l’epigone sulla fede, non aveva più da venti secoli a b ­ bagliato il mondo con il fulgore della sua luce ; ma l’af­

ferm azione del Fascism o è stata u n a rivelazione D iv in a.

Esso [tarla il verbo della pace e della giustizia, della collaborazione e della fratellanza, del lavoro e del dovere, con la verità di un linguaggio positivo che 1’ um anità mai prim a d ’ora aveva udito. D ifatti, quello che predica il Fascismo, non è la v ita migliore, scaturita da po rten ­ tose teorie di pensatori, quali H egel e M ax, teorie che n ella pratica attuazione si sono rivelate la negazione ad­

d irittura di ogni forma di evoluzione e di benessere, ma è la vita pratica di tutti i giorni, intesa come agone di superam ento fattivo, di lavoro e di dovere, e non come pietoso fatalismo.

Ecco perchè lo spirito rivoluzionario della dottrina m ussoliniana, scardina dalle fondam enta il vecchio m ondo dem o-liberale e ne costruisce, pazientem ente, uno migliore;

ecco perchè à squarciato le nubi d ell’ universo come il crepitio di una folgore e, sceso in mezzo alle masse, à anim ato il loro travaglio col soffio vitale della sua fede, à scaldato col fuoco del proprio am ore tutte le creature, à chiam ato a sè con la sua voce di giustizia tu tti gli es­

seri come suoi figli, à incoronato il lavoro con un serto fiam m eggiante e, assiso su ll’ altare del mondo à detto : lo sono la verità e la luce !

(36)

Il crepuscolo, che da qualche cinquantennio s'adden­

sava su ll’orizzonte dei popoli, m inacciando di trascinarli irreparabilm ente e p er sem pre nelle tenebre, s’ è dira­

dato, giacché fino a quan d o esisterà il Fascismo, la con­

cezione atea della vita, il Bolscevismo non prevarrà ; il pensiero terrificante d’ im m ani catasto!! si è reso, per v irtù del 28 ottobre, praticam ente im possibile, poiché la volontà determ inante che grava sulla bilancia della Storia um ana è quella Fascista.

N o i desideriamo ardentem ente che 1 popoli si affra­

tellino ai nostri ideali e collaborino con noi p er la tra n ­ quillità ed il benessere generale.

Il Fascismo, che è popolo e resterà popolo, con la illu m in ata antiveggenza del suo C apo, à operato in modo che, in u n periodo di tem po assolutam ente minimo, la sua dottrina divenisse universale.

D i fatto, già ò accennato alla G erm ania e all A u stria fasciste, ma anche la Svizzera à i suoi Fasci d’azione con a capo A rtu ro Fonjaliaz come la B ulgaria ; I' O lan d a con a capo l’ Ingegnere M ussert come la G recia con M ercuris ; 1’ Islan d a con O ’ Duffy come la Svezia con R utger Essen ; la F ilandia con Somersalo A rn e come la F rancia con M arcel B u c a rd ; l’ Ingh ilterra con A l osi e v come la S pagna con José A n to n io Prim o D e R ivera ; il Belgio con a capo L eon D egrelle come la R um enia e m olte altre N azioni anco ra; tanto che s’è resa neces­

saria la costituzione di u n a Com m issione di C oordina­

m ento p er il Fascismo U niversale, a capo della quale

(37)

sta il M ago della parola : la m edaglia d ’ oro Eugenio Coselschi.

P er i fini pratici del nostro studio, esam iniam o lo scopo ed i program m i d’ azione di qualcuno dei sù ac­

cennati P artiti : il program m a dell’ U n io n e N azio n ale Svedese — Sverige N atio n ella F orbud — , tendente ad in staurare nel paese i principi fondam entali del sistem a politico-economico <5ella dottrina m ussoliniana, così si esprim e : L o Stato trae forza dalle sue istituzioni ra p ­ presentando il suprem o m oderatore della vita nazionale al di sopra di tu tti i principii di p arte ed interessi di classe : la rappresentanza popolate deve essere un orga­

nism o consultivo p er la costituzione di leggi relative allo sviluppo di tutte le categorie economiche. Si deve creare un forte organism o m ilitare per la dilesa del paese. Lotta a fondo contro la propaganda antinazionale e di dissolu­

zione di tu tte le organizzazioni e i circoli comunisti.

In q u an to alla vita economica nazionale la S. N . r . protegge integralm ente il diritto di proprietà.

E ’ sazionato, però, il diritto d’ intervento dello Stato nella vita economica del paese, in quanto lo Stato rap ­ presenta il controllo suprem o della cooperazione reciproca integrale.

Si prevede, infine, 1’ organizzazione di associazioni professionali e di categoria. A ltri principii avvicinano notevolm ente la N . S. F . al Fascismo italiano. L a viva sim patia che suscita sem pre più il m ovim ento Svedese

35

(38)

in tu tta la N azione, perm ette di prevedere uno sviluppo rapido e affermazioni im mediate sul terreno politico.

E passiamo all’ O lan d a : di ritorno dal suo viaggio n elle Indie, l’ingegnere M ussert, à preso im m ediatam ente contatto con il trium virato che lo à sostituito nella D i­

rezione del P artito, ed à adottato tu tte le disposizioni p er l’organizzazione del congresso nazionale del N .S.B ., che avrà luogo a ll’ A ia nel prossimo ottobre.

A llo scopo di realizzare ciò ch’egli s’era proposto du­

ra n te il suo viaggio, il Capo del Fascismo olandese à costituito a U tre c h t un ufficio p er gli affari indiani, in vista di un m aggior legam e tra i Fascisti d’ O la n d a e quelli del territorio malese.

E ’ stato particolarm ente notato con viva sim patia il gesto compiuto dal N . S. B. verso la C orona e la D in a­

stia. Infatti, in occasione del genetliaco della regina G tt- glielm ina, il Partito Fascista O landese à affermata la sua devozione, senza riserve, al simbolo dell’autorità nazionale.

D iam o ora uno sguardo al Belgio : il program m a del P artito D egrelliano si sintetizza in questo bellissimo, evangelico motto : C hristus Rex.

N e l momento che scrivo — gennaio 1935 — ànno inizio i prim i tum ultuosi, avversati comizi Rexisti.

C h e cosa vuole il Rexismo ? L ’ avvento dello Stato C orporativo nel Belgio. A bbiam o motivo di credere che il Rexismo, con a capo un giovane come D egielle, faccia rapidam ente dei forti progressi e pervenga Ira non molto al totalitario potere del Governo.

(39)

T re decrepite vecchiaie : Liberalism o, Cattolicesimo e Socialismo, unite in ibrida coalizione, tengono da troppo tem po le redini di uno Stato che non vuole, nè deve restare indietro nella marcia dei popoli verso la luce della giustizia sociale e della concordia nazionale.

Il Partito Liberale Belga, individualistico ed egoistico, chiuso nei suoi tru sts tentacolari, ormai volge alla line per lasciare il passo alle giovani e fresche energie della P atria, che, guidate dal giovanissimo D egrelle, vanno decisam ente incontro a u n più grande avvenire.

Il Socialismo Belga si barcam ena, come può, a destra e a sinistra, ma non riuscirà ad aver ragione della lotta, che si presum e accanita, perchè già em ana da tu tte le sue screpolature u n a p utrida aria di deeomposizione.

11 P artito Cattolico, per essere venuto meno alla sua m issione evangelica di pace e di concordia sulla terra, im­

m ischiandosi nelle lotte di partiti, accoppiando in ibrido connubio R eligione e Politica, alim entando contrasti di idee, espierà duram ente, m a m eritatam ente la sua colpa innanzi al T rib u n ale degli uom ini e a quello più severo di Dio.

Q ueste condizioni politiche, eticam ente contrastanti ed incerte del Belgio, congiunte al giovanile ed im pe­

tuoso entusiasm o, che porta D e g relle alla causa N azio­

nale, ci danno a sperare che il Rcxismo, dalle formu­

late teorie, sceso orm ai sul terreno pratico della lotta politica, assai presto raggiungerà le suprem e m ète dei suoi forti e nobili ideali rigenerativi e costruttivi, in favore

37

(40)

(li u n a N azione tra le più torm entate in quest’ultim o scorcio di secolo.

D alla rapida scorsa di questi program m i politici di Parti ti, che, sorti in altri popoli, s’ispirano all’idea centrale del Fascism o italiano, emerge il senso storico di un nuovo m ondo spirituale, inteso soprattutto come sentim ento di dovere, di concordia, di lavoro e di fede. L a vita stessa viene concepita come missione : disciplinata da degne ge­

rarchie, priva d’ ogni vanità ed apatia, m alevolenza ed egoismo ; ma im piegata a difesa di un superiore ideale, giusto e giustificato d all’ardente desiderio di q u ell’U m a­

n ità non ancora contagiala dal Bolscevismo, che vuol vivere la sua Storia e il suo destino col dovere e col la­

voro, in u n a collaborazione leale e fraterna con tutti.

Così, nella trasform azione politico-etico-economica ope­

rata da M ussolini in Italia con la volontà della Rivoluzione e con l’affermazione degli eterni valori della vita, i po­

poli tu tti della terra trovano, poco a poco, la forza ge­

nerosa e la capacità santa d ell’ ideale.

Si profila, in tal modo, su ll’ orizzonte del m ondo la pratica possibilità che tu tte le creature, m ediante il F a­

scismo, vibreranno u n giorno di u n a stessa volontà e di uno stesso ard en te desiderio di bene.

Q u a n d o i popoli dell' U niverso sensibile avranno compreso che Fascismo è effettivam ente incarnazione di volontà um ana, u m anitaria e di grandi ideali, quando le N azioni del m ondo avranno compreso che storica­

m ente il Fascismo è autim axism o, quindi antim ateriali-

(41)

sino, perché è forza di coesione, di solidarietà nazionale ed universale, volontà unificatrice di classi sociali e di attività um ane, consapevolezza nuova di u n a giustizia e concordia generale, giustificatrice e com une p e r tu tti gli esseri, allora noi avremo il miracolo di u n a U m a n ità

migliore, disciplinata, solidale e responsabile.

F rattanto, incominciamo ad assistere ad u n latto m e­

raviglioso : i C api di tutti gli Stati accorrono a Roma, per ascoltare la m agica parola del D uce, p er studiare il nostro Stato Corporativo, le nostre m ille istituzioni in ogni campo dell'attività um ana ; vengono ad apprendere le leggi che inquadrano, con mirabile disciplina e asso­

luta dedizione, i giovani nelle file serrale delle legioni ; la volontà di grandezza del nostro popolo ; la capacità del suo ideale im periale ed universale, che lo rende, teoricam ente e praticam ente, uno dei popoli più potenti e volitivi del mondo. F il Duce, come il vecchio Pro­

feta della G enesi, à u n a parola ed u n program m a illu­

m inato e precorritore di eventi per tutti. Carezza i pic­

coli di altre N azioni ed ammonisce, a volte, i grandi, alcuni dei quali, sollecitati da falsi orgogli, vogliono dare ad intendere di essere e di restare assolutam ente e disperatam ente ciechi alla realtà di quella luce che em ana dali’altruistica politica del Duce.

L a Rivoluzione delle Camicie N ere, ch’era balenata al genio del C apo fin dai lontani giorni d ell’acceso in­

terventism o e che era di poi divam pata come u n a m e­

teora, dopo V ittorio V en eto , dal suo gran cuore, con la

(42)

f

voce d ell’ignoto, eroica e sola, m artire e divina, com bat­

tu ta ed incom presa, redentrice ed anticipatrice, sprigiona la titanica voce di R om a e i popoli affermano che quella è la voce e la volontà di Dio.

P er la terza volta nella storia dell’U m an ità, Roma è chiam ata dai fati a svolgere la sua epica m issione di pace, di civiltà e di elevazione, di fede e di saggezza. N o n è del resto da m eravigliarsi che l’U rb e sia nuovam ente chia­

m ata a questa funzione direttrice del genere um ano, per­

chè anche Dio, eleggendola a sede della C ristianità, intese conferirle quel m andato sap ran n atu ra le d'universalità che da venti secoli conserva.

Roma è universale nel campo del D iritto, perchè il di lei Im pero è essenzialm ente unificatore di popoli, nella luce etica di una quadrata sapienza legislatrice ; l’U m a ­ n ità à quindi da Rom a, p er la prim a volta, per padre il D iritto, che è la regola consuetudinaria di vita del Po­

polo o dei popoli rom ano o romanizzati. Q u ello che A le s ­ sandro à rem plicem ente abbozzato, riunendo sotto u n a unica podestà i popoli A ssiri e Babilonesi, dando loro effimere organizzazioni politico-corporative, che si sgreto­

lano e scom paiono con la m orte im m atura del C apo, Ro- legislairice à codificato, spalancando con la re altà le porte della giustizia e del dom inio capaci di durare. Rom a perciò, non è solam ente conquistatrice, m a anche e so­

pratu tto organizzatrice dei popoli, vinti e sottomessi con la sua genialità politica e la virtus delle sue Legioni.

(43)

nendo fra sè e barbari barriere insorm ontabili ; menti- R om a, nella conquista dei popoli, si preoccupa essenzial­

m ente di vincolarli a sè, non solo col legam e della sua ascendenza politica e civile e con quello persuasivo de^a forza e del D iritto, ma anche con quello della R eligione o della L ingua. In tal modo, noi assistiamo alla discipli­

n ata e duratura arganizzazlone dei popoli più diversi, ad opera della sapienza etica di Roma.

C esare sente p er prim o che, per restaurare u n a potenza scossa dei dissidi, è necessario che il dom inio debba co­

stituire non diritto chiuso ed esclusivo del Popolo ro­

m ano, ma incentivo di compartecipazione fra quei popoli sottomessi che se ne rendano degni con le loro opere e col loro pensiero. V ediam o così i G alli, vinti e dom inati, en tra re nella più antica e veneranda A ssem blea rappre­

sentativa del Popolo rom ano : il Senato.

Q u est’atto, spiritualm ente rivoluzionario del Fondatore del prim o Im pero rom ano, è altam ente significativo, per­

chè esso ci dice con i fatti che l’U rb e opera fatalm ente per 1’ elevazione m orale e m ateriale dell’interesse uni­

versale.

D i qu esta sua divina missione ci parla lo storico Po­

libio con l’affermare solam ente i rom ani essere destinati al governo universale, perchè è loro il senso pratico della vita e delle cose, di loro le innate virtù dom inatrici e guerriere, politiche e colonizzatrici.

l u t to questo m’induce ad affermare che l lm pero Ro­

m ano è fondato sul privilegio della predestinazione. Ed

41

(44)

esso risorgerà con i segni del Littorio, percliè il senti­

mento im periale del Popolo italiano è sem pre esistito, an­

che negli oscuri periodi della sua decadenza. E ’ m ancato solam ente ad esso un Capo che sapesse educare le sue energie e tradurre nella pratica realtà dei fatti i suoi grandi ideali. O ra noi abbiamo Capo ed energie ed avre­

mo nuovam ente l'Im pero.

È fatale, perchè l’Im pero Rom ano, voluto da un D io e da un Cesare, già si rivelò il solo capace a governare il mondo.

M a, l’Im pero di C esate è invaso ed abbattuto da orde di barbari, per quella fatale legge n atu rale che avvicenda il destino degli uom ini e dei popoli.

Con un cenno della provvidnnza però, sboccia un altro ideale universale : il C ristianesim o, giovane ram pollo del vecchio tronco giudaico, che nasce in territorio rom ano e da R om a, divenuta il fulcro della cristianità, si un iv er­

salizza nel mondo.

L a redenzione degli uomini, predicata d al Figliuol di Dio, col non riferirsi ad un determ inato popolo, m a a tutte le creature del mondo, conferisce al C ristianesim o u n a personalità em inentem ente universale, che opererà la trasform azione etica e m ateriale dei barbari, i quali, installatisi come dom inatori nei confini e nel cuore stesso dell’ Im pero, resteranno sem pre m oralm ente e politica- m ente asserviti ai vinti.

Rom a, ch’era già stata la sede d ell’autorità im periale, ca­

duta questa, diviene la sede d ell’autorità spirituale e, chia-

(45)

m ata dai fati, p er la seconda volta, assume la funzione direttrice del genere um ano. L a tradizione e la capacità del dominio passa in tal modo d a ll’Im pero tem porale a quello spirituale dell’Urbe.

Il vaticinio di G iulio Proculo a Romolo è stato così coronato di lum inosa certezza.

L a storia di oggi ci dice che Rom a è chiam ata, a due­

mila anni di distanza, ad essere nuovam ente il laro del mondo.

N o n è chi non veda essere il Fascismo il crism a rac­

chiudente, oltre le proprie, anche le altre idee di diritto e di religione. C ontro il Fascismo non possono com bat­

tere le democrazie, perchè m ancano di quella pedana po­

tente che lancia lo spirito incontro alle più belle con­

quiste della vita e del pensiero. Q uesta pedana è la po­

tenza della fede, è la volontà e la capacità di un g ran d e ideale.

N e l convulso dram m a di disgregazione e di evoluzione che caratterizza la vita m oderna, gli unici sentim enti eterni dell’uomo, che restano integri, sono quelli fascisti. O gni m anifestazione spirituale, m ateriale, politica e civile, trova nel Fascismo incentivo di potenziam ento e di prosperità per l’interesse e la evoluzione d ell’um anità. 'I utte le m a­

nifestazioni del pensiero m oderno a servizio di una giusta causa, tu tte le conquiste della volontà, e le più ardite af­

fermazioni dell’ingegno, trovano nello Stato C orporativo Fascista pratica ed integrale attuazione.

Lo Stato corporativo può quindi considerarsi come Stato

43

(46)

A postolo, come u n a forma politica di governo che è a ll’avanguardia della civiltà. G li stessi valori um ani ed ideali della vita, trovano il loro equilibrio nelle nostre leggi corporative, le quali distruggono le distanze sociali ed ataviche e danno assistenza e carattere di solidarietà e di potenziam ento a tutte le buone iniziative, da qual­

siasi parte esse provengano, danno aiuto e coraggio agli um ili e difesa alla famiglia e alla tradizione.

L ’affermazione nel campo pratico di queste alte fina­

lità della vita e della storia, vanno sem pre più im ponen­

dosi alla coscienza dei G overni e dei popoli del m ondo e preparano il determ inarsi di quel processo storico che dovrà garentire la civiltà e la stabilità dei popoli da ogni minaccia di sfaldam ento, di disordine e di decadenza.

Lo spirito tradizionale della nostra civiltà m illenaria trova così la sua affermazione pratica più bella nella dot­

trin a della Rivoluzione d ’ottobre; dottrina che è sopratutto credo e poesia, n el suo significato religioso, politico, storico ed um ano. N o n è errato affermare che i popoli volitivi ed intelligenti àn n o u n a nuova forma d ’ideale politico : il fascism o, perchè sanno che esso significa civiltà, in­

tesa nel senso più elevato dell’espressione. Il Fascismo perciò en tra autom aticam ente nella concezione universale della vita, ed i suoi principi fondam entali possono es­

sere assim ilati ed attuati da tutte le razze e da tu tti i continenti. Q ueste razze, q u an tu n q u e invecchiate ed ab­

brutite nel dogma di falsi principi, propugnati da filosofi ed uom ini di stato, aventi per veicolo del genio l’indice

(47)

di un falso progresso, sentono orinai che il Fascism o non riguarda u n a determ inata attività della loro esistenza, ma è interpretazione totalitaria ed integrale della vita stessa.

L a Rivoluzione dunque, incede e trionfa sulle vie del mondo. E d oggi si può bene affermare non esservi na­

zione del globo che non veda in essa l’ancora di sal­

vezza, il punto di partenza per ogni ulteriore e gene­

roso im pulso alla civiltà.

Com e l’adolescente sente propotentem ente il prim o bat­

ticuore al com parire dell’amore, così il m ondo sente che nel suo saligne penetra poco a poco la linfa vitale di R om a. E gli statisti della vecchia E uropa, quelli delle più lo n tan e nazioni del mondo, vengono a R om a per studiare da vicino come funziona questo miracoloso Stato C orporativo Fascista. Restano estatici nel constatare che un m ondo nuovo si presenta ai loro occhi, dove la fede, il sacrificio e la disciplina vengono tradotte in capacità costruttiva e rìgeneratrìce dalla volontà di tutto un popolo.

A ttin g o n o forza della nostra forza ed ardore dal nostro entusiasm o e tornano poi alle loro N azioni, pensando che sono risorti i dom inatori del mondo. Scorrono col pen­

siero ansioso le pagine ingiallite della Storia e ricono­

scono legittim o che, attraverso le alterne vicende dei se­

coli, Rom a sia ritornata R egina d ell’universo nella rein­

carnazione del novello C esare. Ed eccovi la genuflessione ideale delle genti davanti a ll’idolo dei popoli : ¡.il Duce!

E gli cam m ina con la volontà che precede. V e d e tu tti gli orizzonti ; stende la m ano, sinceram ente amica, agli ex

45

(48)

nemici, ne tutela i diritti e ne difende la libertà. V e d e col suo Genio, nel tempo, lo scopo e la missione del F a ­ scismo come elem ento di realism o p er la vita dei po­

poli, precisando con la più logica ed assoluta certezza: — f r a u n quinquennio avrem o fatto questo, fra un decennio avrem o raggiunto la tale altra mèta. Sembra un O racolo ed è u n V a te ; sem bra u n V a te ed è un Dio. L a sua forza viene dalla sua volontà ; la volontà dalla realtà delle cose, ch’E gli pondera e guarda in faccia con occhio che rassom iglia al filo tagliente d’una spada. E il po­

polo lo venera, lo idolatra perchè vede in L u i la incar­

nazione della propria anim a, l’espressione, potente ed ar­

cana, della propria volontà e dei propri destini, la m a­

teriale estrinsecazione dei propri ideali. F. il D uce avanza, m entre le più eccelse m entalità del m ondo si dom andano affannosam ente perchè v ’è tan ta forza prem inente e fat­

tiva nello spirito del popolo italiano, perchè tan ta esu- be ranza d ’entusiasm o virile in quello dei giovani.

E ’ innegabile che questo perchè, dom andalo di fronte ai valori eterni della vita, sia il risalto e il riconosci­

m ento della nuova im pronta e del nuovo ritm o che il Fascism o à impresso a tutti gli esseri.

L a storia ci dice che il problem a dei giovini è stato sem pre uno dei più torm entosi assilli di tutti i popoli.

E indubbio che i giovani della Roma pagana, della Roma dei Cesari, della Rom a papale, siano stati il pensiero co­

stante di condottieri e di pensatori. L a T oga virile ve­

niva consegnata con rito austero a giovani degni e ca-

(49)

paci di portarla. L ’antico rito si rinnova n ell’ Italia d!

M ussolini, ogni anno, con la leva fascista. E Roma à sem pre così avuto u n ’im pronta caratteristica di nobiltà e di forza, rappresentata della volontà della sua gioventù.

11 R eg ime fascista trae la sua forza operante dai gio­

vani, d ie garentiscono la continuità dell’idea nel tem po e nello spazio. E l’entusiasm o della gioventù, per il F a ­ scismo, è qualche cosa che trascende l’um ano, divenendo quasi forma di accesa idolatria. Q uesto fatto è profonda­

m ente significativo, in quanto un Regim e politico che non gode le sim patie dei giovani, specialm ente di quelli in­

tellettuali, antesignani dell’ idea, è senza arm onia, perchè in pieno contrasto con le forze vive e fattive della Sto­

ria. N o n è un Regim e di potenza, ma un R egim e di debolezza ; non è un R egim e di popolo, ma R egim e di u n a determ inata e circoscritta classe dom inante.

In proposito, la F rancia rivoluzionaria, e non la I'ra n ­ cia solam ente, ci offre qualche esempio persuasivo. N e l­

l’epoca del secondo Im pero, il suffragio universale diceva Si e la gioventù in tellettuale del Q u a rtie r latino rispon­

deva il N o della sua ribellione.

L a gran d e forza del Fascismo, dunque, è la sua gio­

ventù. D el resto, la giovinezza non è l’anim a avulsa dalla lotta, ma è lo spirito m ilitante della lotta stessa; è il sim ­ bolo e la realtà ad un tem po del sacrificio, della vita e del com battim ento ; è il m ovente d ogni im pulso gene­

roso, la forza agente della civiltà.

U n giorno — leggevo, or non è molto, in un giornale

47

(50)

francese — H e n ri M assis ripetè a M ussolini il detto di u n grande poeta : « L a gioventù è l’ètà dell’eroism o e non q uella dei piaceri ». E d il Duce, che vede chiaro nelle cose profonde, come ognuno può rilevare, à ¡illu­

m inato e seguita ad illum inare il m ondo col canto di Giovinezza.

B alza evidente allo spirito che crede nella luce, il fa scism o essersi estrinsecato in u n a universalizzazione reale essenzialm em ente col suo elem ento ideale : la giovi­

nezza; perchè sa eli essa non è ciò che m uore, m a è ciò che nasce m irando il futuro. Ecco anche perchè ai giovani é affidato il compito di preparare, con l’azione e la te­

nace volontà, con la fede e il sacrificio, l’educazione politico-spirituale del popolo universale. A tale scopo il Regim e crede ed à fede nei giovani.

L a Storia si fermò per quei popoli che, n e ll’ evolu­

zione della propria civiltà, non si dedicarono allo svi­

luppo della propria cultura, intesa non come passatem po, m a come opera m onum entale dello spirito. N e ssu n a ci­

viltà, per quanto io sappia, è vìssuta di là della sua decadenza culturale. Il Fascismo perciò s’interessa in tutti i modi delle attività intellettuali dei giovani.

D opo aver per essi rinnovato,

in toro,

la stru ttu ra scolastica e dell’ insegnam ento, rendendola più aderente alla realtà delle vita, à istituito i C onvegni Littoriali e i Corsi Politici, ove la m igliore gioventù fascista porta il suo pensiero, fresco ed energico, cim entandosi n ell’agone delle più complesse attività della vita. In tal modo, la

(51)

D ottrina m ussoliniana viene ad assurgere ad u n a p er­

fetta forma d’ arm onia tra ideale e reale ; teoria e p ra­

tica di uom ini e di cose.

Interp retata così la Rivoluzione, cioè generatrice di arm onia, abbiamo im m ediatam ente la concezione eroica della vita e l’etica di un Fascismo realm ente universale.

Q u est’ etica, prim a che si sviluppasse nella m ente del filosofo, è stata realtà operante degli artefici della stessa Rivoluzione. E, M ussolini, come suo ideatore e capo, à scritto per essa la più bella pagina con la sua vita, tutta dedizione, com battim ento e sacrificio per la g ran d e causa del popolo. Se analizziam o il contenuto di quest etica, ci troverem o al cospetto di u n a verità assoluta del f a ­ scismo : la Rivoluzione, prim a di essere u n ’ idea nuova e definitiva della vita, perchè è legge di sviluppo, è in­

terpretazione totale, coerente ed integrale dell universo sensibile. L ’uomo, p er quest’ etica, prim a di essere una creatura è un artefice, è u n com battente, che deve ispi­

ra re ogni sua azione al nobile, al vero ed all utile non di sè, come individuo, ma per sè, come cellula inte­

g ran te dello Stato e della Storia.

B asandosi su tale concetto, la vita diviene lo tta con­

tin u a, incessante, tenace e non rinunzia ed abbandono.

L a storia stessa non la donzella del m aterialism o um ano, m a diviene conquista dello spirito, che sarà tanto più agevole quanto più forte è la volontà che ci sostiene. In altri term ini, l’etica fascista è q uella che m agistralm ente

49

(52)

sintetizza il D uce col suo motto : « Credere-obbedire- com battere ».

L a storia, del resto, è fatta dallo spirito e non dalla m ateria ; la creano gli uomini di fede, d’ ingegno, di coraggio, e non gli oscuri egoismi d’individui e fazioni di partiti. Perciò, è vano e pericoloso credere che il mondo possa essere conquistato dalla forza e non d all’idea, dalla m ateria e non dallo spirito.

M ontesquieu, genio latino, riferiva nella poderosa sua opera sulla grandezza e decadenza dei R om ani, che fu unicam ente la loro

Virtus

quella che più delle altre caratteristiche, ebbe ragione della secolare lotta tra C ar­

tagine, ricca e plutocratica, e Rom a, e scriveva — C ap. I V — : « C artagine che faceva la gu erra con la sua opulenza contro la povertà dei Rom ani, aveva, pro­

prio per questo, uno svantaggio : 1' oro e 1’ argento s’e­

sauriscono ; m a la virtù, la costanza, la forza e la po­

vertà non s’esauriscono m ai ».

D a ciò si può rilevare la prevalenza nella Storia di Rom a, dei fattori morali della vita e della tradizione.

L a priorità dei motivi spirituali di un popolo à sem ­ pre trionfato in qualsiasi forma di lotta.

Ecco perchè A te n e è creatrice e B abilonia no ; Rom a conseguente e creatrice e C artagine no. L a ragione è che Rom a à fede e C artagine no. E la fede è la poe­

sia della forza : è q uella stessa che attraverso il F a ­ scismo spingerà l’U m an ità verso un ordine di cose mi­

gliore ; verso u n a vita più concreta, perchè più giusta

(53)

e più semplice ; verso u n a realtà più bella, perchè più vera e più santa.

D ’ altra parte, : valori etici della vita an n o sem pre condotto 1' esistenza dei popoli verso la potenza e la gloria. Il Fascismo, cli'è l’esaltazione stessa e la personi­

ficazione di questi valori, vede, nei dati estrinseci ed in­

trinseci d ell’ U m anità, che la sua D ottrina va ra p id a­

m ente diventando alito e ragione di vita di tu tte le genti, che le sue leggi vengono, poco a poco, assim ilate ed applicate da altri Stati ; ma soprattutto, il Fascism o è consapevole che l’esistenza della civiltà occidentale è le­

gata a ll’evoluzione etica e all’affermazione della sua D ot­

trin a politica.

E ppure, sono trascorsi poco più di dieci anni da che la Rivoluzione d u ra e camm ina. Com e tale portentoso fenom eno à potuto conquistare il m ondo con la m aestà irresistibile dei suoi ideali ? E videntem ente con l’azione e la reazione della forza dello spirito, eh’ è rivoluzione di luce contro la m ateria e le tenebre, del vero contro il falso e con la sua legge morale, che affratella gli uom ini, trasform a e tem pra la terra in un vivaio di nobili e fattive energie.

L a scienza positiva che cerca il fenom eno nei grandi ed inattesi avvenim enti rivolgitivi della N a tu ra e della Storia e gli O ntologisti che si occupano del N u m en o àn n o la precisa, pratica possibilità di scorgere nel F a ­ scismo tu tte le caratteristiche di un fenomeno psicolo- gico-ontologico-storico, scaturito dal G enio di un U om o,

51

figura

Updating...

Riferimenti

Updating...

Argomenti correlati :