• Non ci sono risultati.

come Pa

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "come Pa"

Copied!
1
0
0

Testo completo

(1)

1

Data Pagina Foglio

16-10-2020

1+3

II Sole/2

11S

Ieri a Mattino24 l'intervista a Sabino Cassese, docente alla Luiss

Cassese

«Pa,

chi dice

che

funziona

come

prima

vive su

Urano»

Simone Spetia —a pag.3

L'INTERVISTA

Sabino Cassese. Il giudice della Consulta: non sottovalutare l'impatto del lavoro a distanza sui ministeri

«Chi

dice che

la Pa

funziona

come

prima

vive su

Urano»

Simone Spetia

hi dice che nulla è cambiato, che l'amministrazio-ne ha continuato a funzionare è come se abitasse su Urano». Sabino Cassese, giudice emerito della Corte Costituzionale, insegna alla Luiss, ma soprattutto è uno dei massimi esperti di diritto amministrativo e amministrazione pubblica in Italia. E un'idea su come lo smart working abbia pesato sulle performance dei pubblici uffici ce l'ha chiara: «Non ragiono sulla mia opinione - ci spiega a a4Mattino, su Radio24 - Ho un dato oggettivo. La legge 241 del '90 prevede che siano fissati dall'amministrazione dei termini, alla scadenza dei quali oc-corre adottare delle decisioni am-ministrative. Ogni "catena di mon-taggio" dell'amministrazione, ha un termine. Il Governo ha varato dei decreti legge, tre se non vado errato, che includono delle proro-ghe ai termini per provvedere. Allo-ra la mia domanda è: se sono stati prorogati i termini e la cosa è avve-nuta tre volte, la pubblica ammini-strazione ha veramente funzionato come funzionava prima oppure si è fermata o ha fortemente rallenta-to? La risposta a questa domanda è un po' ovvia».

Di qui Urano «che come lei sa è il pianeta più distante dal Sole, quindi un po' lontano dalle cose

italiane». Alcune attività, spiega il giurista, non possono essere fatte da remoto e quindi è inevitabile che, mancando la presenza, viene a mancare il servizio: «Esempi: il custode di un museo può fare il te-lelavoro? Lo può fare, ma si chiude il museo. La persona che sta allo sportello per il rilascio dei passa-porti, può farlo? Finché non viene organizzato un sistema di conse-gne dei passaporti non può». Quindi le cose sono andate piutto-sto male? «Il bilancio che possia-mo fare dell'esperienza vissuta fi-nora è un bilancio negativo, che dobbiamo accettare perché l'am-ministrazione era impreparata a questo evento e ha fatto quello che poteva fare. Il problema è che ora non siamo più impreparati, quindi quelli che parlano di emergenza oggi fanno un po' sorridere. La mia domanda è: il ministero della pub-blica amministrazione ha organiz-zato le cose in modo da evitare quello che è accaduto, cioè la pro-roga dei termini per provvedere? Perché la proroga è una specie di sanatoria, vuol dire che si blocca tutto e si decide dopodomani, quando si riapre».

Si è detto che i comuni e le am-ministrazioni periferiche in genere avrebbero avuto maggiori difficoltà rispetto a quelle centrali: «Iniziamo col dire che il rapporto tra stato e cittadino non può interrompersi improvvisamente, con le persone che stanno a casa e i cittadini che

vanno nell'ufficio e trovano l'ufficio chiuso. Però non sottovaluterei il fatto che mentre nel Comune si no-ta più facilmente questo malfun-zionamento dell'amministrazione perché il cittadino si aspetta un cer-to servizio, un certificato in quel de-terminato giorno e non lo trova, nell'amministrazione centrale que-ste cose non si notano subito, ma le conseguenze sono molto più vaste. Lei avrà, per esempio, un ministro che non ha i suoi collaboratori e i collaboratori del ministro che non sanno a che santo rivolgersi perché i dipendenti del ministero non so-no presenti e gli archivi, oggi, sono archivi prevalentemente cartacei. Non si può chiedere a un dipenden-te che sta a casa un documento che sta nell'archivio cartaceo. Non è stata fatta una riflessione organiz-zativa sufficiente su come affronta-re una situazione nella quale i lavo-ratori non sono in ufficio, ma spar-pagliati sul territorio».

~• RIPRODUZIONE RISERVATA

321Ji' ì

Edilizia. lo Amari working nella I a blocca finn al 311E dei permessi

SU RADIO 24 Ieri a Mattino24 l'intervista a Sabino Cassese, docente alla School of Government della Luiss, che è stato anche ministro della Funzione pubblica nel governo Ciampi e giudice emerito della Corte costituzionale.

«Alcune attività non sì possono fare da remoto: se manca la presenza, manca il servizio, Nel complesso il bilancio è negativo»

~ :-.-Covm e sm:vl wo..-•.

ri

IxnccslcJlll~ 1 riJotli del 23-30;,

Ritaglio stampa ad uso esclusivo del destinatario, non riproducibile.

Interviste

045688

Riferimenti

Documenti correlati

1 Al RTD, infatti, competono tutti i poteri di impulso e coordinamento finalizzati alla piena transizione verso la modalità operativa digitale.. j-bis) pianificazione

• A livello nazionale, regionale e delle singole istituzioni scolastiche le associazioni professionali accreditate sono consultate e valorizzate nel merito della didattica,

BD/AGGGRAD.PERM DM APPROVAZ. 296 del 27 dicembre 2006 ed in particolare il comma 607 dell’art.1, che prevede la ridefinizione, con Decreto del Ministro della

Nonostante le premesse di una escalation tra Stati Uniti e Russia non fossero mai svanite negli ultimi anni, è difficile capire perché la situazione si stia degradando così

del Dipartimento della funzione pubblica per i siti web delle PA..

Giovanni Tria sarà ospite su Radio Unitus, webradio ufficiale dell’Ateneo della Tuscia, per un approfondimento sulla situazione economica e sociale dell’Italia, destabilizzata

29/1993 7 , le amministrazioni dello Stato attuano le iniziative di comunicazione di pubblica utilità di propria competenza avvalendosi del Dipartimento per l’informazione

E così nella nostra architettura degli ambienti formativi entra a pieno titolo l’idea dei processi di apprendimento come costruzione discorsiva, oltre alla centralità non tanto