• Non ci sono risultati.

Il tema centrale della mia tesi è la protezione dell’ambiente a livello internazionale, con una particolare attenzione all’Acqua intesa come bene comune

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "Il tema centrale della mia tesi è la protezione dell’ambiente a livello internazionale, con una particolare attenzione all’Acqua intesa come bene comune"

Copied!
1
0
0

Testo completo

(1)

RIASSUNTO ANALITICO TESI.

Il tema centrale della mia tesi è la protezione dell’ambiente a livello internazionale, con una particolare attenzione all’Acqua intesa come bene comune.

E’ impossibile analizzare tutte le insenature di questa importante materia, perciò ho preferito concentrarmi sull’aspetto internazionale, o meglio, sull’attività svolta in tale ambito da un apposito Organismo internazionale: l’UNEP. Questo Organismo è stato istituito nel 1972, in concomitanza con la Conferenza di Stoccolma. Ha una struttura tecnico-organizzativa tipica delle Organizzazioni operanti nel grande sistema delle Nazioni Unite. La principale missione dell’UNEP è quella di fornire una guida e incoraggiare il partenariato alla cura per l'ambiente ispirando, informando e consentendo a Nazioni e popoli di migliorare la loro qualità della vita senza compromettere quella delle generazioni future. L’Organismo non è indipendente e non ha un bilancio proprio, anche il suo finanziamento si basa su donazioni di volontari. L’UNEP collabora molto con altre Organizzazioni internazionali, coopera insieme a loro, ai loro Membri nella stesura di Trattati, Convenzioni, che riguardino i settori più disparati dell’ambiente naturale globale. La sua attività si sviluppa intorno ai seguenti problemi: cambiamenti climatici, disastri e conflitti, gestione degli ecosistemi, governo dell’ambiente, sostanze pericolose e risorse naturali ed efficienza. Negli ultimi anni si discute sulla costituzione di una nuova Organizzazione indipendente: UNEO.

Infine la parte più specifica riguardante l’annosa questione dell’acqua, in alcuni Paesi più grave che in altri. L’intervento della CIG in casi più pregnanti come: il caso Gabcikovo-Nagymaros e il caso Israele-Palestina.

Ho scelto questo tema perché nel partecipare ad una conferenza sulle energie rinnovabili, mi sono resa conto di quanto sia importante mantenere l’ambiente sano. Ma la cosa che più mi ha colpito è stata quella di vedere quanto sia grave ciò che accade nei Paesi più poveri a causa della mancanza di acqua potabile, e quanto spreco invece c’è nelle nostre case. Ma soprattutto è triste vedere che vince sempre il potere dei più malvagi. La mia tesi vuole essere un invito a riflettere e impegnarsi a cambiare qualcosa, a partire dal nostro piccolo.

Riferimenti

Documenti correlati

Vantaggi: resisten- za a tutti gli agenti chimici ed alle temperature d'uso (100°-150° ), re- sistenza all'usura moderata, enor- me versatilità cromatica, possibi- lità

I primi sono quelli collocati in corrispondenza dell’immissione nell’acquedotto dell’acqua emunta dai pozzi dopo il trattamento di potabilizzazione o dopo la miscelazione con

Tutte le spese occorrenti per la presa d’acqua, per la conduttura, per il contatore e per la installazione del medesimo, sono a carico dell’utente. I lavori riguardanti la

70 1 I costi di posa della condotta di allacciamento e del relativo dispositivo d'interruzione, compreso il raccordo alla rete di distribuzione, sono a carico del titolare

Forniture provvisorie.. A richiesta potrà essere accordata una fornitura provvisoria motivata da particolari usi. Tali forniture verranno concesse, compatibilmente con il

1 I gestori degli impianti di approvvigionamento idrico adottano le misure edili, d’esercizio e organizzative necessarie per garantire l’approvvigionamento di acqua

3 Qualora il titolare dell'allacciamento non ottemperasse alle richieste di pagamento delle spese a suo carico per la manutenzione o sostituzione dell'allacciamento

Il CRR di ARPA Lombardia ha sviluppato negli anni metodi basati sulla scintillazione liquida per la misura dell’attività alfa e beta totale, del radon 222, dell’uranio e del radio