LEZIONE 6 DELLA SCUOLA DEL SABATO

Testo completo

(1)

LEZIONE 6 DELLA SCUOLA DEL SABATO

SABATO 6 FEBBRAIO 2021

1 TRIMESTRE 2021

(2)

La condanna delle nazioni. Isaia 13-23.

La storia di Babilonia predetta. Isaia 13.

Lucifero volle essere dio. Isaia 14:12-14.

La fine di Babilonia. Isaia 14:15-23.

Il trionfo finale. Isaia 24-27.

Davanti al profeta Isaia, Dio solleva il velo del mondo spirituale e gli mostra come si sta svolgendo il conflitto tra le forze del bene e le forze del male per il controllo di ogni anima.

Anche se a volte sembra che il "principe di questo mondo" abbia il controllo sulle nazioni, in realtà è Dio che ha il controllo. Lui è il vincitore. Chiunque si unirà al suo popolo otterrà la vittoria, mentre i regni di questo mondo e la loro gloria saranno distrutti.

(3)

“Questo è il piano deciso contro tutta la terra e questa è la mano stesa contro tutte le nazioni” (Isaia 14:26)

Dio condanna le nazioni che si relazionavano (o si sarebbero relazionate) con il suo popolo:

Babilonia

▪ Is. 13:1-14:23; 21:1-17 Assiria

▪ Is. 14:24-27 Filistia

▪ Is. 14:28-32

Moab ▪ Is. 15:1-6:14

Siria

▪ Is. 17:1-14 Etiopia

▪ Is. 18:1-7

Egitto

▪ Is. 19:1-20:6 Gerusalemme

▪ Is. 22:1-25 Tiro ▪ Is. 23:1-18

Alcuni ricevettero un messaggio di speranza che avrebbe attenuato la loro punizione (Isaia 19:16-25), ma tutti dovevano subire le conseguenze delle loro azioni.

La relazione inizia con l'unica nazione che non era ancora intervenuta contro il popolo di Dio, ma che sarebbe diventata il simbolo di tutta la ribellione: BABILONIA (Apocalisse 17:5).

(4)

“Negli annali della storia umana può sembrare che la formazione delle nazioni, l’ascesa e la caduta degli

imperi siano il frutto della volontà e del valore dell’uomo; l’evolversi degli eventi sembra dipendere

prevalentemente dal potere, dall’ambizione o dal capriccio umani. Ma la Parola di Dio ci rivela che al di là, dietro e tramite il gioco degli interessi, del potere e delle passioni umane, c’è l’azione di colui che, nella

sua misericordia, realizza silenziosamente e con pazienza i suoi obiettivi”

E.G. Whte, Profeti e re, p. 127

(5)

Proprio come Gesù ha descritto la distruzione di Gerusalemme mescolata agli eventi del ritorno di Cristo, Isaia pone la caduta di Babilonia come una similitudine di quello stesso evento (vv. 9-11). Dio ha diretto gli eventi, ma non ha impedito agli elementi

umani da lui utilizzati di operare secondo i suoi desideri (vv. 15-18).

Anche se i Medo-Persiani fecero di Babilonia una delle loro capitali, quando Alessandro Magno vi entrò la trovò già in uno stato decadente. Gradualmente, Babilonia fu relegata nell'oblio e abbandonata (v. 20).

Babilonia non era nemmeno una nazione importante al tempo in cui questo testo fu scritto.

(6)

LUCIFERO VOLLE ESSERE DIO

“Come mai sei caduto dal cielo, o Lucifero, figlio dell'aurora? Come mai sei stato gettato a terra, tu che atterravi le nazioni?” (Isaia 14:12)

Il re di Babilonia è presentato come pieno di orgoglio e autosufficienza molti dei suoi re erano così (vedi Daniele 2:5; 3:7; 4:30; 5:2).

Tuttavia, la forma altamente poetica e allegorica in cui questa profezia è scritta ci indica chiaramente che ci sta mostrando la radice stessa del problema, il vero re di Babilonia: Lucifero, "il serpente antico, che è chiamato diavolo e Satana” (Apocalisse 12:9).

Lucifero voleva essere "come l'Altissimo" (v. 14); e dichiarò: "Io sono un dio" (Ezechiele 28:2). Il suo atteggiamento contrasta molto con quello di Dio, che

"umiliò se stesso" (Filippesi 2:8).

(7)

Isaia 14:18-20 ci mostra il destino finale di questo "re" di Babilonia: distruzione e oblio eterno. Che fine diversa per chi si mette umilmente al servizio di Dio!

Tuttavia, Babilonia non è ancora scomparsa. È ancora presente nelle potenze orgogliose e spietate che opprimono il popolo di Dio (vedi Apocalisse 17).

“La discendenza dei malfattori non sarà più nominata!” (Isaia 14:20b)

Il suo nome significa "confusione", anche se nella lingua caldea aveva un altro significato: "Porta degli dei". È la porta spalancata che porta alla distruzione, nel tentativo di salvarsi per i propri meriti.

La Bibbia ci mostra un'altra porta: la "porta del

cielo", Betel, dove entrano coloro che seguono Gesù e lo accettano per fede come loro personale

Salvatore.

(8)

Verrà il tempo in cui Dio metterà un termine a questo mondo. In quest'opera, Dio dirà ad alcuni: "I vostri morti vivranno; i loro corpi morti risorgeranno"; e ad altri: "I morti non rivivranno più; i trapassati non risorgeranno più” (Isaia 26:14,19).

Quando Dio verrà a liberare il suo popolo, si sentirà la gioia trionfante dei redenti: Ecco, questo è il nostro Dio; lo abbiamo aspettato ed egli ci salverà. Allora egli distruggerà la morte per sempre; e il Signore Dio asciugherà ogni lacrima (Isaia 25:8-9).

Ma prima che tutto sia finito, prima che tutto sia rinnovato, prima che Dio concluda "la sua strana opera", la terra sarà desolata per un tempo.

(Is. 24; Ap. 20; Is. 28:21)

(9)

“L'Eterno degli eserciti preparerà su questo monte a tutti i popoli un banchetto di cibi succulenti, un banchetto di vini vecchi, di cibi succulenti pieni di midollo, di vini vecchi e raffinati” (Isaia 25:6).

Isaia 25 è un canto di lode per il favore di Dio nel giorno escatologico dell’Eterno, diviso in tre parti:

1. vv. 1-5. Dio è lodato per aver operato a favore del suo popolo.

2. vv. 6-8. Si celebra una festa per il popolo di Dio.

3. vv. 9-12. Dio viene lodato nell'attesa di ciò che sta per fare.

Isaia 26, da parte sua, ci presenta i redenti:

1. vv. 2, 7. Sono giusti, retti e custodi della verità.

2. vv. 3-4. Confidano completamente in Dio.

3. vv. 9. Cercano Dio.

Questa è la promessa che Dio fa a coloro che abiteranno la Nuova Terra: “Io, l'Eterno, la custodisco, l'annaffio ad ogni istante, la custodisco notte e giorno, perché nessuno la danneggi” (Isaia 27:3).

(10)

“Quelli che prendono il Cristo in parola e si affidano alla sua guida e alla sua volontà, trovano pace e riposo

(…). Il Signore dice: «A colui ch’è fermo nei suoi sentimenti tu conservi la pace, la pace, perché in te

confida» (Isaia 26:3). Le nostre vite possono

sembrare un groviglio confuso, ma quando le affidiamo al saggio Architetto, egli ne ricaverà un modello di vita

e di carattere ricco della sua gloria. Un carattere simile a quello del Cristo sarà accolto nel regno di Dio.

Una nuova umanità camminerà con lui in vesti bianche perché ne sarà degna”.

E.G. White, La Speranza dell’uomo, p. 245

figura

Updating...

Riferimenti

Updating...

Argomenti correlati :