• Non ci sono risultati.

6.1. Gamma Ray (totale, K,Th,U)

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "6.1. Gamma Ray (totale, K,Th,U)"

Copied!
9
0
0

Testo completo

(1)

6.1. Gamma Ray (totale, K,Th,U)

Il valore di GR, relativo ad una specifica formazione, è determinato dalle sue caratteristiche paragenetiche. Ciò rende questo rilievo particolarmente importante e utile per la ricostruzione litostratigrafica dei pozzi tanto che, nella sola area di Travale, sono stati eseguiti 52043 m di GR – Spectralog e 526 di solo GR totale.

Dall’analisi degli istogrammi relativi a tutti i pozzi dell’area (tabella 6_1 e figura 6_5), è emerso che il valore medio più basso di GR totale caratterizza le Anidriti di Burano, con circa 30 γAPI (0.3% di K, 1.63 ppm di Th e 2.83 ppm di U) e il Membro carbonatico delle filladi di Boccheggiano con 40 γAPI (0.7% di K, 3.66 ppm di Th e 1.93 ppm di U). I valori più alti sono stati rilevati invece in corrispondenza delle intrusioni granitiche con circa 260 γAPI (3.8% di K, 25.92ppm di Th e 12.95ppm di U). Relativamente alto è il valore medio del Gruppo dei Micascisti con circa 127.07 γAPI (1.2% di K, 14.28 ppm di Th e 3.18 ppm di U) e della componente filladica delle Filladi di Boccheggiano con circa 112 γAPI (1.8% di K, 11.87ppm di Th e 3.33ppm di U). Grazie alle sue peculiarità, il log di GR permette di distinguere all’interno della stessa formazione i diversi membri litologici che la compongono.

Un esempio molto significativo è rappresentato dalle Filladi di Boccheggiano. L’isotgramma relativo (figura 6_6) mostra una distribuzione bimodale dei valori evidenziata da due punti di flesso della curva cumulativa di distribuzione che corrispondono a due picchi di ricorrenza dei valori stessi. Tali picchi indicano la presenza di un membro a composizione prevalentemente filladica (picco di ricorrenza maggiore) e un altro a composizione prevalentemente carbonatica (picco di ricorrenza minore).

(2)

Fig. 6_5.Trend dei valori medi (media aritmetica) di GR ottenuti dagli istogrammi formazionali. Da notare il picco del Granito (Corpo intrusivo) e il minimo delle Anidriti di Burano.

Le due componenti possono essere analizzate con maggior dettaglio (figura 6_7), dopo averne individuato i rispettivi intervalli di profondità, in funzione delle principali variazioni della curva GR corrispondente.

Analizzando gli intervalli associati al Membro filladico, in tutti i pozzi dell’area, risulta che il valore medio di GR è piuttosto basso (tabella 6_2). Anche la componente spettroscopica K, infatti, indica uno basso contenuto di potassio, nonostante la plausibile elevata presenza di minerali argillosi in rocce filladiche.

(3)

Questo è dovuto al fatto che, nella maggior parte dei casi, all’interno delle Filladi di Boccheggiano, anche nell’ambito del membro filladico, sono presenti fitte intercalazioni delle due principali componenti (carbonatico e filladico). A ciò si aggiunge una locale presenza di Filladi grafitose e Quarziti che concorrono ad attenuare il valore di GR.

Anche l’istogramma relativo alle Rocce Termometamorfiche in senso lato mostra una distribuzione bimodale (figura 6_8) dovuta alla presenza di due litologie prevalenti: Skarn (42 γAPI) dalle Cornubianiti (130 γAPI).

Fig. 6_6. Esempio di Istogramma formazionali della curva di GR relativo alle Filladi di Boccheggiano. Sono evidenziati le due ricorrenze massime relative: L’ovale azzurro individua il membro a composizione prevalentemente carbonatica (30.4γAPI), mentre l’ovale viola individua il membro a composizione filladica (115.31γAPI). La presenza delle due componenti è evidenziata anche dalla curva di distribuzione.

(4)

Un altro esempio è dato dalle Argille e Calcari a Palombini (figura 6_9), anche se i valori medi calcolati per l’intera area, considerando l’esiguo numero di dati, non sono statisticamente significativi.

(5)

Tab. 6_2. Tabella riassuntiva dei valori medi di GR e delle tre componenti spettroscopiche, K, Th, U, relative ad ogni formazione. Sono evidenziati i valori di K del Membro filladico delle Filladi di Boccheggiano. Sono riportati anche i numeri di pozzi in cui è presente il log per ogni formazione attraversata.

(6)

Dalla distribuzione dei valori, per le considerazioni fatte in precedenza, si può notare un’importante presenza della componente carbonatica, oltre a quella argillitica.

Per tutte le altre formazioni non sono state individuate particolari anomalie nella distribuzione dei valori che ne sottolineano così una sostanziale omogeneità litologica. Mettendo in relazione i valori medi di GR appaiono, per alcune formazioni, delle differenze tra i vari pozzi che però non discordano particolarmente con il valore medio. Per esempio, per le Anidridi di Burano, all’aumentare della profondità, il valore medio di GR diminuisce (figura 6_10).

La formazione delle Anidridi di Burano, che nell’area oggetto di studio è possibile Fig. 6_8. Dall’istogramma si possono distinguere i due principali termini litologici delle Rocce Termometamorfiche dell’area di Travale: Skarn (42 γAPI) e Cornubianiti (130 γAPI). Anche in questo caso la funzione di distribuzione (in verde) presenta due punti di flesso.

(7)

componente carbonatica risulta più alterata con sviluppo di mineralizzazioni che fanno aumentare il contenuto radioattivo.

Confrontando i valori medi delle Rocce Termometamorfiche (87 γAPI) di tutti i pozzi dell’area (figura 6_11), risulta evidente una forte differenza di valori tra il pozzo T_S_1B, in cui prevale la presenza dello Skarn, e il pozzo M_4 in cui invece prevale la presenza Cornubianiti.

Per quanto riguarda le Argille e Calcari a Palombini dalla figura 6_12, è possibile notare come il valore medio di tale formazione nel pozzo M_2 sia piuttosto basso rispetto alla media. Ciò è dovuto alla prevalenza della componente carbonatica.

Fig. 6._9. Dall’istogramma si possono distinguere due massime ricorrenze nell’ambito della formazione delle Argille e Calcari a Palombini. Poiché la differenza tra i due termini non è elevata, la funzione di distribuzione non evidenzia anomalie nel suo andamento.

(8)

Fig. 6_10. Il grafico mette in relazione i valori medi di GR nelle Anidridi di Burano per tutti i pozzi presi in esame

Fig. 6_11. Il grafico mette in relazione i valori medi di GR delle Rocce Termometamorfiche per tutti i pozzi presi in esame.

(9)

Fig. 6_12. Il grafico mette in relazione i valori medi di GR di Argille e Calcari a Palombini per tutti i pozzi presi in esame.

Figura

Fig. 6._9. Dall’istogramma si possono distinguere due massime ricorrenze nell’ambito della  formazione delle Argille e Calcari a Palombini

Riferimenti

Documenti correlati

Fourth, fifth, sixth, seventh, eighth, ninth, tenth,. the last,

Sia k il numero di eccedenze strette di 0 (peraltro uguale al numero di eccedenze strette di ). Proseguendo, dopo esattamente k passaggi di mano tutti hanno il loro diploma.

 Perche` i rivelatori di raggi gamma Perche` i rivelatori di raggi gamma non sono molto precisi nel. non sono molto precisi nel determinare la direzione di determinare la

Per cortese concessione dell’Archivio di Stato

The GAMMA-400 gamma-ray telescope with excellent angular and energy resolutions is designed to search for signatures of dark matter in the fluxes of gamma-ray

Pertanto, tali criteri di interpretazione non appaiono giustapponibili in sede di analisi politica, riferendosi il primo al contenuto di verità di un’asserzione ideologica, mentre

Discovered in the late 1960's by the VELA satellites intended to monitor the nuclear test ban treaty.. Flashes of High Energy Photons

Quando mi accadde di partecipare nella Camera dei deputati alla X legislatura, questo distacco tra la politica come esercizio della vita collettiva e il linguaggio in cui si