• Non ci sono risultati.

Bollatura sanitaria. La bollatura delle carni fresche, macinate e delle preparazioni di carni

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "Bollatura sanitaria. La bollatura delle carni fresche, macinate e delle preparazioni di carni"

Copied!
11
0
0

Testo completo

(1)

Bollatura sanitaria

La bollatura delle carni fresche,

macinate e delle

preparazioni di carni

(2)

I riferimenti legislativi

L’apposizione del bollo sanitario sulle carni fresche, macinate e sulle preparazioni di carni indica l’avvenuto controllo ispettivo

La bollatura sanitaria per le carni fresche ha i seguenti riferimenti legislativi: D Lvo 286/94 All. I Cap XI, mod. da DM 23.11.1995, e D Min San 13.6.1994 (GU 21.6.1994 serie gen. n. 143)

Per le carni macinate e le preparazioni di carni:

DPR 3.8.1998 n. 309 (GU 27.8.1998 serie gen. n.

199) e Circolare 8.2.1999

n. 2 (GU 22.3.1999

serie gen. n. 67)

(3)

Bollatura da D Lvo 286/94 mod.

con D M 23.11.1995 (S O G U serie gen. n. 303 del 30.12.1995)

La bollatura sanitaria, per i macelli CEE, deve essere effettuata sotto la sorveglianza del veterinario ufficiale a mezzo di bollo di forma ovale, delle dimensioni di

almeno 6,5 cm di larghezza e di 4,5 cm di altezza con i seguenti caratteri: in alto la sigla di identificazione del

Paese in maiuscolo, es. I o “Repubblica Italiana”, B, DK, D, NL, F…seguita dal numero di riconoscimento

veterinario dello stabilimento (es. M 21), in basso una

delle sigle CEE, EOF, EWG, EEC…Le lettere devono avere dimensioni di 0,8 cm e le cifre di 1 cm almeno

(4)

Bollatura da D Lvo 286/94 mod. con D M 23.11.1995 (S O G U serie gen.

n. 303 del 30.12.1995)

Capitolo XI: Bollatura sanitaria

Carcasse di peso > di 65 kg i bolli vanno apposti sulla faccia esterna della coscia, lombata,

groppa, costato e spalla; per le altre carcasse almeno 4 bolli ovvero sulle spalle e cosce.

Agnelli, capretti e suini almeno 2 bolli su ciascun lato della carcassa. Etichetta o placchetta possono essere utilizzate per agnelli, capretti e suinetti.

Bollo a fuoco per i fegati di bovini, suini e solipedi

(5)

Bollatura da D Lvo 286/94 mod. con D M 23.11.1995 (S O G U serie gen. n.

303 del 30.12.1995 o argomento

Capitolo XI: Bollatura sanitaria (consumo condizionato)

57 bis. Le carni dei suini di cui all’art. 10, comma 1, lettera b), devono essere munite del bollo

sanitario (bollo CEE) attraversato nel senso dell’asse maggiore da due rette parallele,

distanti almeno un centimetro tra loro ed apposte in modo che le indicazioni contenute nel bollo

stesso restino leggibili e le due linee parallele

restino evidenti come il margine esterno bel bollo.

(6)

Bollatura da D Lvo 286/94 mod. con D M 13.6.1994 (G U serie gen. n. 143 del 21.6.1994)

Bollatura sanitaria per i macelli di capacità limitata

Bollo sanitario di forma rettangolare (misure 6 cm in larghezza e 4 cm in altezza) contenente:

In alto, la “USL” nel cui territorio è situato il macello,

Al centro, il numero di identificazione seguito da M o S,

In basso, il nome della Regione o Provincia autonoma nel cui territorio si trova il macello

(7)

Bollatura da D Lvo 286/94 mod. con D M 13.6.1994 (G U serie gen. n. 143 del 21.6.1994)

Bollatura sanitaria per le macellazioni d’urgenza

Bollo sanitario di forma rettangolare (misure 6 cm in larghezza e 4 cm in altezza) contenente:

In alto, l’indicazione dell’USL nella quale si trova il macello,

Al centro, la sigla MSU seguita dal numero di identificazione del veterinario ufficiale;

In basso, la Regione o Provincia autonoma

(8)

Bollatura conigli, selvaggina d’allevamento di piccola e grossa taglia (DPR 559/92) e

selvaggina cacciata (DPR 607/96)

Bolli a placca per conigli e selvaggina di piccola taglia.

Bolli a inchiostro o a fuoco per selvaggina di grossa taglia (TIMBRO DI FORMA PENTAGONALE)

Nei timbri o placche vi sono le indicazioni previste da D Lvo 286/94 per le strutture di macellazione a norma CEE Se le strutture NON SONO A NORMA CEE sul bollo a

placca va indicato, da un lato, il Comune, la Ditta

produttrice e la sede dello stabilimento e, dall’altro lato, la sigla VS e il numero assegnato al veterinario del

macello

Dimensioni delle lettere e cifre 0,2 per i bolli a placca e 0,8 per i bolli a inchiostro e a fuoco

(9)

Bollatura sanitaria carni macinate e

preparazioni di carni (Generalità) DPR 306/98

Consumatore finale: chi mangia

Consumatore: ristoranti, mense, ospedali e altre collettività

Non rientra nel DPR 306/98 la produzione di carni per il trito di salumeria

Etichetta da apporre sulle confezioni: “Carni

per la trasformazione”, “Carni CEE”, Carni non CEE” ovvero “Mercato italiano”

Carni macinate di bovino suino ovi-caprino, con massimo 1% di sale. Carni macinate di

altre specie, escluse le equine, solo se

(10)

Bollatura sanitaria carni macinate e

preparazioni di carni (Generalità) DPR 306/98

Il bollo deve contenere il numero di riconoscimento che sarà diverso per:

Laboratorio di sezionamento di carni rosse (D Lvo 286/94)

Macello o lab. sez. volatili da cortile (DPR 495/97)

Coniglio e selvaggina allevata (DPR 559/92) Selvaggina uccisa a caccia (DPR 607)

Laboratorio per prodotti a base di carne (D Lvo 537/92)

Unità di produzione autonoma (DPR 309/98)

(11)

Bollatura sanitaria carni macinate e preparazioni di carni (DPR 306/98)

Cifre/P per stabilimento di sez. di carni rosse, selvaggina di grossa taglia, sia allevata che uccisa, e unità di

produzione autonoma

0 cifre/P per sez. di volatili da cortile, conigli,

selvaggina di piccola taglia sia allevata che uccisa

Cifre/LP per stabilimenti annessi a lab di prodotti a base di carne (la P deve essere sempre associata alla lettera L) 9-cifre/P stabilimenti non industriali di salumeria

convalidati per la produzione esclusiva di salsiccia fresca

9-cifre/LP stabilimenti non industriali di salumeria convalidati per la produzione di salsiccia fresca

mantenendo il riconoscimento anche dei prodotti a

Riferimenti

Documenti correlati

Nel caso invece i libri (o “blocco” di 100 pagine) siano stati utilizzati, anche solo parzialmente, anteriormente al 1° giugno 2005 non è dovuta alcuna integrazione.

In ragione di ciò, poiché questa norma prevede il principio del favor rei, le violazioni alle disposizioni in tema di omessa bollatura dei libri/scritture contabili non sono

642, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: e dalle federazioni sportive ed enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI”.. Da ciò consegue che tutti gli atti,

Per le imprese plurilocalizzate, l'ufficio del Registro delle Imprese competente per la bollatura dei libri sociali o, nel caso venisse richiesta, del libro giornale e del libro

342, cui rinvia il comma 7 del citato articolo 110, dispone, per i soggetti in regime di contabilità semplificata, che «La rivalutazione è consentita a condizione che venga redatto

Purtroppo però, se da un lato il sistema attuale di integrazio- ne fra la bollatura sanitaria ed etichettatura dei prodotti di origine animale, si sia dimostrato capace di offrire

• Se la visita medica è in corso o programmata, ogni soggetto viene riportato in elenco con indicatore dello status “Non conforme” (alla data della visita il soggetto non

evidenziando le differenze di genere, relative ai dati aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori, sottoposti a sorveglianza sanitaria secondo.. il modello in