• Non ci sono risultati.

5 IMPIEGO DI LAVORO E RETRIBUZIONI

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "5 IMPIEGO DI LAVORO E RETRIBUZIONI"

Copied!
4
0
0

Testo completo

(1)

27

INEA - AGRITREND IV trimestre 2013

Gli ultimi dati pubblicati dall’ISTAT mostrano che gli occupati nel set-tore agricolo hanno registrato un calo del 2%, nel quarto trimestre del 2013 rispetto al trimestre precedente, percentuale lievemente

in-Tab.5.1 Forze di lavoro per condizione e tasso di disoccupazione.Valori in migliaia di unità o in percentuali

Fonte: elaborazioni INEA su dati IstAt.

feriore a quella mostrata nello stesso trimestre del 2012 (-2,3%). La dinamica dell’occupazione nel settore primario, tuttavia, risulta non in linea con quella del resto dell’economia che vede gli occupati subire una riduzione complessiva, in termini congiunturali, di appena lo 0,3% e una relativa stabilità delle forze lavoro. L’andamento di queste ulti-me, d’altra parte, risente della variazione dell’occupazione negli altri settori produttivi e, in particolare, nell’industria in senso stretto, dove l’occupazione rimane stabile in termini congiunturali ma si riduce

del-5

IMPIEGO DI LAVORO

E RETRIBUZIONI

DATI DESTAGIONALIZZATI DATI NON DESTAGIONALIZZATI

Valori assoluti

IV trim '13 su III trim '13 Valori

assoluti

IV trim '13 su IV trim '12

assolute percentuali assolute percentuali

Forze Lavoro

Totale 25.527 7 0,0 25.663 -130 -0,5

Occupati

Agricoltura, silvicoltura e pesca 798 -16 -2,0 822 -19 -2,3

Industria in senso stretto 4.522 2 0,0 4.596 -30 -0,6

Costruzioni 1.588 5 0,3 1.598 -96 -5,7

Servizi 15.395 -60 -0,4 15.392 -252 -1,6

Totale 22.302 -70 -0,3 22.408 -397 -1,7

Persone in cerca di occupazione

Totale 3.225 77,2 2,5 3.255 267 9,0

Tasso di disoccupazione

(2)

-28

INEA - AGRITREND IV trimestre 2013 -12,0 -10,0 -8,0 -6,0 -4,0 -2,0 0,0 2,0 4,0 6,0 2011 2012 2013

Posizioni totali Ore lavorate pro capite Monte ore

Fig. 5.1 Monte ore lavorate, posizione occupate e ore lavorate pro capite nel settore agricoltura, silvicoltura e pesca (variazioni tendenziali percentuali) lo 0,6% in termini tendenziali. Analogamente nel

settore dei servizi si è registra una variazione negativa dell’occupazione pari allo 0,4% rispetto al trimestre precedente e all’1,6% rispetto allo stesso trimestre del 2012.

Le dinamiche precedentemente descritte pos-so essere spiegate, con riferimento specifico al settore agricolo, prendendo in considerazione le variazioni delle posizioni lavorative e il numero di ore di lavoro pro capite espletate dai lavora-tori dipendenti e indipendenti che insieme de-finiscono il monte ore lavorate. In particolare, nel quarto trimestre 2013, le posizioni lavorative hanno subito un calo del 2,4%, superiore rispet-to a quello registrarispet-to nel trimestre precedente (-1,1%). Al contrario le ore lavorate pro-capite sono aumentate del 4,8%, determinando un au-mento del monte ore lavorate pari al 2,2%.

L’incremento delle ore lavorate pro-capite va riportato all’uso più in-tensivo del fattore lavoro, in seguito alla fuoriuscita di molti lavoratori dal settore. A questo riguardo va tenuto conto anche che il calo delle posizioni lavorative non interessa in maniera uniforme tutti i lavoratori del settore, differenziandosi in maniera rilevante tra i dipendenti e gli indipendenti e tra essi tra quelli di sesso maschile e femminile.

Le ultime informazioni ISTAT sulle variazioni trimestrali del lavoro, di-stinto per categoria e sesso, infatti, evidenziano che il calo dell’occupa-zione in termini tendenziali interessa in misura maggiore le lavoratrici (-6,35%) piuttosto che i lavoratori (-0,45%). Inoltre distinguendo per categoria di lavoro le lavoratrici dipendenti sembrano essere colpi-te in misura maggiore dal calo dell’occupazione (-16,13%) rispetto ai Fonte: elaborazioni INEA su dati IstAt.

(3)

29

INEA - AGRITREND IV trimestre 2013

colleghi uomini (-4,48%), mentre al contrario accade per le lavoratrici indipendenti (+8,18) che aumentano in misura maggiore rispetto ai lavoratori indipendenti (+3,89%), in particolar modo nelle aree del Mezzogiorno d’Italia (+18,06% donne contro +0,99% uomini). Quanto detto sembra essere il risultato delle politiche (PSR, leader…) poste in essere a livello territoriale volte a promuovere l’imprenditorialità femminile e giovanile. Complessivamente, distinguendo tra le ore la-vorate dai lavoratori dipendenti totali e quelle attribuibili alle restanti

categorie di lavoratori, le prime hanno mostrato una riduzione mentre le seconde aumentano significativamente.

Il calo dell’occupazione nel settore agricolo porta con sé un aumento delle retribuzioni lorde per unità di lavoro dipendente, con una va-riazione positiva pari allo 0,4% rispetto al terzo trimestre 2013 e del 3,1% rispetto allo stesso trimestre del 2012. L’incremento in termini tendenziali è superiore rispetto a quello registrato dall’economia nel suo complesso (+1,6%), in conseguenza dell’aumento più contenuto

8 -10 -8 -6 -4 -2 0 2 4 6 2011 2012 2013

Monte ore dipendenti Monte ore non dipendenti

Fonte: elaborazioni INEA su dati IstAt.

Note: monte ore lavorate stimato nel quarto trimestre del 2013

Fig. 5.2 Monte ore lavorate per posizione lavorativa nel settore agricoltura, silvicoltura e pesca (variazioni tendenziali percentuali)

(4)

30

INEA - AGRITREND IV trimestre 2013 registrato dalle retribuzioni lorde

nel settore delle industrie alimen-tari (+2,7%) e dei servizi (+1,2%). La variazione registrata dalle retri-buzioni lorde nel settore agricolo si ripercuote sui redditi da lavoro dipendente definiti dalla differenza tra le retribuzioni lorde e gli one-ri sociali. Essi, infatti, subiscono un aumento in termini congiunturali analogo a quello delle retribuzioni lorde (+0,4%) e lievemente più ele-vato in termini tendenziali (+3,2%).

Tab 5.3 Redditi da lavoro dipendente per unità di lavoro dipendente. Dati destagionalizzati, valori assoluti in euro e variazioni percentuali

Fonte: elaborazioni INEA su dati IstAt.

Settori Valori IV trim '13 Variazioni % IV trim '13 su III trim '13 IV trim '13 su IV trim '12

Agricoltura, silvicoltura e pesca 5.243 0,4 3,2

Industria 10.691 0,9 2,5

Industrie alimentari, delle bevande e del tabacco 10.478 0,6 2,5

Servizi 9.888 0,3 1,1

TOTALE 9.986 0,5 1,6

Tab. 5.2 Retribuzioni lorde per unità di lavoro dipendente. Dati destagionalizzati, valori assoluti in euro e variazioni percentuali

Fonte: elaborazioni INEA su dati IstAt.

Settori Valori IV trim '13 Variazioni% IV trim '13 su III trim '13 IV trim '13 su IV trim '12

Agricoltura, silvicoltura e pesca 4.219 0,4 3,1

Industria 7.603 1,1 2,5

Industrie alimentari, delle bevande e del tabacco 7.492 0,9 2,7

Servizi 7.303 0,5 1,2

Figura

Fig. 5.1 Monte ore lavorate, posizione occupate e ore lavorate pro capite nel  settore agricoltura, silvicoltura e pesca (variazioni tendenziali percentuali)lo 0,6% in termini tendenziali
Fig. 5.2 Monte ore lavorate per posizione lavorativa nel settore agricoltura,  silvicoltura e pesca (variazioni tendenziali percentuali)
Tab. 5.2 Retribuzioni lorde per unità di lavoro dipendente. Dati destagionalizzati,  valori assoluti in euro e variazioni percentuali

Riferimenti

Documenti correlati

Nel caso dei dipendenti del Commercio e Turismo che rappresentano il 28% degli occupati del settore dei servizi la retribuzione media è in linea con quella del Nord Est +0,3%,

Un particolare approfondimento è stato riservato, nell’ultima parte del Rapporto, alle assunzioni da parte delle imprese dei giovani, oggi sicuramente tra i soggetti più

L’Istat rende disponibile un aggiornamento delle stime di ore lavorate, unità di lavoro, retribuzioni e redditi da lavoro dipendente diffuse lo scorso 29 maggio nell’ambito

Con la diffusione degli indici in base 2000 è stato allargato l’insieme di indicatori destagionalizzati relativi all’indagine sulle grandi imprese: accanto agli

Analoga formula, che considera gli indici delle ore contrattuali ed il monte ore del periodo base, viene applicata per la costruzione degli indicatori medi della durata contrattuale

Tavola 4.18 Retribuzione totale media per dipendente secondo l'attività economica e posizione nella professione nelle grandi imprese - Anno 2000 (Indici mensili e media annua in

Tavola D.1.11 Indici trimestrali dell’occupazione alle dipendenze al netto della cassa integrazione guadagni nelle grandi imprese per qualifica e raggruppamento principale

Tavola D.1.14 Indici medi annui dell’occupazione alle dipendenze al netto della cassa integrazione guadagni nelle grandi imprese per qualifica e raggruppamento principale