• Non ci sono risultati.

L e non deve rinunciare al proprio ruolo

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "L e non deve rinunciare al proprio ruolo"

Copied!
1
0
0

Testo completo

(1)

M.D. Medicinae Doctor - Anno XXII numero 7 - ottobre 2015 5

p r i m a p a g i n a

Il medico di famiglia non può e non deve rinunciare al proprio ruolo

L

a sostenibilità dei Servizi sanitari nazionali è un problema che accomu- na l’intera Europa, pur con i dovuti distinguo. I tentativi di controllare la spesa sanitaria spesso prevaricano il campo della politica e invadano quello delle professioni sanitarie. L’atto medico è sempre più imbrigliato in lacci e lacciuoli che ne delimitano l’azione. A pagare le conseguenze di tutto ciò sono i professionisti che si trovano in prima linea, come i medici di medi- cina generale, che attraversano una vera e propria crisi di identità, acuita dal dilagare di una Medicina sempre più amministrata da scelte economico-politi- che. Che fare? Per Vincenzo Costigliola, Presidente dell’European Medical Association (EMA), la risposta non è difficile: il Mmg deve puntare sulla pecu- liarità della Disciplina che esercita per gestire i repentini cambiamenti imposti al suo ruolo, non dalle esigenze della “politica”, ma dalla domanda di salute che viene da pazienti sempre più consapevoli e informati. Soggetti attivi della propria salute, più esigenti che chiedono prestazioni professionali non certo affini ad una “Medicina amministrata”.

“Il medico di medicina generale non può e non deve rinunciare al proprio ruolo - dichiara ad M.D. il Presidente dell’Ema - ma deve rafforzarlo. Puntan- do sulla peculiarità della relazione fiduciaria con i propri pazienti, deve conso- lidarne l’eticità. Solo attraverso questo rapporto privilegiato è possibile stilare un profilo medico dei propri assistiti con informazioni validate e credibili, che diventano un vero e proprio patrimonio per poter mettere in atto una medici- na sempre più personalizzata che rappresenta il futuro delle cure”. Rafforza- re la relazione, strutturare dei profili dei propri assistiti dettagliati sono que- ste le armi a cui i medici di famiglia devono affidarsi per rispondere alle ri- chieste inappropriate che vengono dai sistemi sanitari in cui operano. Per farlo però, secondo Costigliola, devono appropriarsi anche dei mezzi messi a disposizione dalla moderna tecnologia ed essere pro-

tagonisti della rivoluzione digitale in atto, non subendo passivamente quanto gli viene imposto. Proprio per questi motivi c’è bisogno di strutturare una formazio- ne al passo coi tempi, una formazione continua “in itinere” che permetta alla professione di rispondere ai

cambiamenti e gestirli.

w

Attraverso

w w

il presenteQR-Code è possibile ascoltare con tablet/smartphone l’intervista a

Vincenzo Costigliola

Riferimenti

Documenti correlati

Quale può essere il numero esatto dei pezzi del puzzle di Melania, sapendo che è vicino a 1000.. Giustificare

In una intervista curata da Antonio Carioti, pubblicata su «la Lettura» #238 (19 giugno 2016), Fulvio Cammarano, Presidente della Sissco (Società italiana per lo Studio della Storia

MARTINELLO ELENA MARTINI GIAMPIERO MICOTTI LUCIA MILAZZO PAOLO NAPOLI MATTEO PARRINO CLAUDIA PASTORI ROBERTO PIETRIBIASI PAOLA PIZZATO CORRADO PREATO ROBERTO RAIMONDI ALBERTO

«Il mio desiderio più grande, la mia più grande speranza, è che questa rete in cui tutti noi qui siamo intrappolati possiamo percepirla un giorno come una semplice rete di

Insomma non c’è tempo da perdere, per evitare che altri possano morire di TSO, per garantire ad ogni cittadino che il trattamento sanitario, anche quando obbligatorio, è

“La riorganizzazione interna dell’Agenzia che ho proposto - ha spiegato Ruffini - come primo atto da Direttore riorienta l’attività della stessa per tipo di contribuenti, gestendo

Therefore, this cross- sectional investigation was planned, primarily, to determine the ability of nuclear magnetic resonance (NMR) spectroscopic analysis of unstimulated whole

sua divisione in due cellule, tempo caratteristico della specie e delle condizioni colturali..