• Non ci sono risultati.

INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Relatore Per. Ind. Claudio Cardaio

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI. Relatore Per. Ind. Claudio Cardaio"

Copied!
14
0
0

Testo completo

(1)

Relatore Per. Ind. Claudio Cardaio INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO DELLA

PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

(2)

La Legge 30 aprile 1976, n. 373 «Norme per il contenimento del consumo energetico per usi termici negli edifici» per la prima volta afferma il principio del risparmio energetico quando all'art.1 impone esplicitamente che "Al fine di contenere il

consumo energetico per fini termici negli edifici, sono regolate dalla presente legge le caratteristiche di prestazione dei

componenti, l'installazione l'esercizio e la manutenzione degli impianti termici per il riscaldamento degli ambienti e per la produzione di acqua calda per usi igienici e sanitari, alimentati da combustibili solidi, liquidi o gassosi ... " introducendo

concetti moderni in tema di progettazione degli impianti ed isolamento termico degli edifici.

Omissis…

STORIA DELL’EFFICIENTAMENTO ENERGETICO

(3)

REQUISITI PER ACCEDERE AL SUPERBONUS

MIGLIORAMENTO DI DUE CLASSI ENERGETICHE DELL’EDIFICIO O DELLE UNITÀ IMMOBILIARI INDIPENDENTI (DA DIMOSTRARE CON APE ANTE E POST OPERAM ATTRAVERSO DICHIARAZIONE ASSEVERATA)

RISPETTO DEI REQUISITI MINIMI PREVISTI DAL DECRETO ATTUATIVO DM REQUISITI 06/08/2020 (INDICANO LE CARATTERISTICHE PRESTAZIONALI O DI PRODOTTO DEI VARI COMPONENTI ALL. E, I MASSIMALI DI DETRAZIONE PER OGNI INTERVENTO

INTERVENTI TRAINANTI

ISOLAMENTO >25% SUP. DISP. CONDOMINI E SINGOLE U.I.

SOSTITUZIONE IMPIANTO CENTRALIZZATO (INTERVENTI SU PARTI COMUNI)

CONDOMINI

SOSTITUZIONE IMPIANTO SINGOLO SINGOLE U.I.

DESTINAZIONE D’USO RESIDENZIALE*

DOTATI D’IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

(4)

INTERVENTI TRAINATI

SOSTITUZIONE SERRAMENTI

SCHERMATURE SOLARI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI E/O RELATIVI SISTEMI DI ACCUMULO COLONNINE PER LA RICARICA DI MEZZI ELETTRICI

BACS (BUILDING & AUTOMATION CONTROL SYSTEM)

TUTTI GLI ALTRI INTERVENTI DI EFFICIENTAMENTO ENERGETÌCO DI CUI ALL'ARTICOLO 14 DEL CITATO DECRETO-LEGGE N. 63 DEL 2013, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE N. 90 DEL 2013

(5)
(6)

APPROCCIO PROGETTUALE – STUDIO DI FATTIBILITÀ

LO STUDIO DI FATTIBILITÀ CONSISTE NELLA MODELLAZIONE DELL’EDIFICIO A LIVELLO ENERGETICO E SIMULARE VARI SCENARI DI INTERVENTO PER CAPIRE QUALE/QUALI POSSONO ESSERE LE VIE DI ACCESSO AL SUPERBONUS.

IN CASO L’ACCESSO SIA POSSIBILE E SI VOGLIA PROCEDERE LO STUDIO DOVRÀ ESSERE APPROFONDITO CON UN PROGETTO VERO E PROPRIO DI DETTAGLIO A LIVELLO ESECUTIVO

(7)

APPROCCIO PROGETTUALE – STUDIO DI FATTIBILITÀ 1. Analisi dell’edificio a livello macroscopico

a) ANALISI DELLE PARTI COMUNI: impianto centralizzato, facciate, copertura, solai su esterno, sottotetti, etc

b) ANALISI DEI PUNTI DEBOLI DELL’EDIFICIO: Elementi particolarmente non prestanti a livello energetico del caso in oggetto c) SITUAZIONE ATTUALE: valutazione di possibilità di intervento su

alcuni elementi o esclusione di altri

(8)

2. Analisi di dettaglio delle singole unità immobiliari nelle loro parti private a) Apparecchiature per impianti ACS (se autonomi)

b) Climatizzazione estiva (se autonomi) c) Caratteristiche degli infissi

APPROCCIO PROGETTUALE – STUDIO DI FATTIBILITÀ

(9)

APPROCCIO PROGETTUALE – STUDIO DI FATTIBILITÀ

1. Verifiche degli isolamenti su parti comuni

a) Realizzazione cappotto b) Isolamento della

copertura

Le strutture devono rispettare i requisiti richiesti nell’All. E del Decreto del MISE

(10)

ESEMPIO PRATICO - INTERVENTI TRAINANTI

Art. 119 – Comma 1

A) ISOLAMENTO TERMICO Superfici opache verticali e orizzontali e inclinate oltre 25% della superficie lorda disperdente dell’edificio o dell’unità immobiliare all’interno di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendente e con accessi autonomi (villette a schiera)*

Spesa massima in detrazione:

•50.000€ per edifici unifamiliari o indipendenti (villette a schiera)

•40.000€ per ogni u.i. (edifici da 2 a 8 u.i.)

•30.000€ per ogni u.i. (oltre 8 u.i.) Materiali isolanti conformi C.A.M.

(criteri ambientali minimi)

B) PARTI COMUNI DI EDIFICI – IMPIANTI Sostituzione impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per riscaldamento, raffrescamento o produzione ACS con:

• caldaie a condensazione con efficienza almeno classe A

• pompa di calore (anche ibridi o geotermici) i punti precedenti anche abbinati a impianti FV con accumulo

•Impianti a micro-cogenerazione o a collettori solari Spesa massima in detrazione:

•20.000€ per ogni u.i. (edifici da 2 a 8 u.i.)

•15.000€ per ogni u.i. (oltre 8 u.i.)

(11)

Interventi su parti comuni (trainanti)

 Riqualificazione della copertura

 Riqualificazione della facciata principale e laterale

 Riqualificazione della facciata tergale e delle corti

Interventi su parti private (trainati)

 Sostituzione degli infissi delle singole u.i.

 Sostituzione dei boiler elettrici con scaldacqua a pompa di calore

ESEMPIO PRATICO - VALUTAZIONI

(12)

ESEMPIO PRATICO – STUDIO FATTIBILITA’

(13)

APPROCCIO PROGETTUALE

(14)

DEFINIZIONE OPERA

INTERVENTI DA ESEGUIRE

PROGETTO TECNICO ESECUTIVO

PROGETTO ECONOMICO ESTIMATIVO

Ex L.10/91 - D.Lgs. 192/2005 E s.m.i.

Risoluzione punti critici

Riferimenti

Documenti correlati

Siti e riviste controllate: sito ANCE (solo per la parte studi ed approfondimenti), sito Confindu- stria, sito ABI ,sito Inps, sito Censis, sito Cresme, sito Svimez,

La sezione riporta l'indice di prestazione energetica globale non rinnovabile in funzione del fabbricato e dei servizi energetici presenti, nonché la prestazione energetica

La sezione riporta l'indice di prestazione energetica globale non rinnovabile in funzione del fabbricato e dei servizi energetici presenti, nonché la prestazione energetica

La sezione riporta l’indice di prestazione energetica globale non rinnovabile in funzione del fabbricato e dei servizi energetici presenti, nonché la prestazione energetica

energetica Guida alla compilazione dell’attestato di prestazione energetica degli edifici pagina 17 di 92 Rev.20 18.05.2022 PARTE TERZA - REDAZIONE DI UN NUOVO ATTESTATO

La sezione riporta l’indice di prestazione energetica globale non rinnovabile in funzione del fabbricato e dei servizi energetici presenti, nonché la prestazione energetica

La sezione riporta l'indice di prestazione energetica globale non rinnovabile in funzione del fabbricato e dei servizi energetici presenti, nonché la prestazione energetica

[] La struttura è soggetta a fenomeni di condensa interstiziale, ma la quantità è rievaporabile durante la stagione estiva. Condizioni