5 Valutazione Risultati e sviluppi futuri

Download (0)

Testo completo

(1)

Capitolo 5

97

5 Valutazione Risultati e sviluppi futuri

Il lavoro ha prodotto lo studio dei risultati di pressione provenienti da simulazioni fluidodinamiche condotte in tutto l’inviluppo di volo considerato su una sonda multi-foro di geometria nota [2] e lo sviluppo di un algoritmo di monitoraggio delle avarie (algoritmo di monitoring) più semplice ed efficace di quello concepito in precedenti studi [3].

Le tecniche di monitoraggio già note si basano sull’uso delle differenze di pressione (semplici e doppie) come strumento di analisi e permettono di identificare fino a due avarie (two fail-OP) ma necessitano di un’importante fase di analisi per la calibrazione e la scelta delle differenze di pressione più idonee ad identificare le avarie ma, soprattutto, la scelta delle soglie, fortemente influenzate dai parametri di volo (α,β,V).

E’ stato effettuato, quindi, uno studio sugli andamenti delle pressioni, delle differenze di pressione e differenze doppie di pressione, finalizzato a stabilire il grado di influenza di ogni parametro e le possibilità d’intervento per ridurre tali dipendenze.

A partire dalla realizzazione di un modello che utilizza le misure di pressione disponibili per la stima della pressione statica, sono state valutate le differenze tra i coefficienti di pressione allo scopo di eliminare la dipendenza dal parametro delle velocità. L’analisi degli andamenti grafici dei coefficienti di pressione per diverse condizioni di assetto (α,β) ha evidenziato, anche, una ridotta dipendenza dal parametro β.

E’ stato possibile, inoltre, realizzare utili approssimazioni delle curve ottenute con l’obbiettivo di semplificare le procedure di scelta delle soglie di errore. In questo modo, la scelta delle fasce di tolleranza si è ridotta a semplici operazioni di incremento percentuale rispetto ad un valore di riferimento (retta funzione di α e di β utilizzata per l’approssimazione dei grafici), indipendente dal parametro di velocità.

L’integrazione di tale strumento nei moderni Flight Control System (FCS) porterebbe ad una sostanziale semplificazione delle operazioni di monitoring, un notevole incremento nella precocità di individuazione dell’avaria ad ogni condizione prevista nell’inviluppo di volo e la possibilità d’intervenire sulla scelta delle soglie attraverso operazioni d’incremento dei valori di riferimento. Inoltre, la possibilità di

(2)

Capitolo 5

98

avere direttamente a bordo l’informazione sulla pressione statica potrà servire per conoscere la velocità in ogni condizione dell’inviluppo di volo.

Per verificarne l’effettiva integrazione e quindi l’utilizzo in condizioni di sicurezza, i prossimi obbiettivi del progetto prevedono la realizzazione di una campagna di test in cui verranno effettuate le valutazioni circa la risposta del sistema di monitoraggio messo a punto, attraverso la somministrazione di avarie simulate ottenute moltiplicando il valore corretto per un coefficiente, da un certo istante fino alla fine della simulazione. A seguito si procederà alla valutazione sulla capacità del sistema di rielaborare i dati disponibili per fornire i parametri di volo.

Altri obbiettivi futuri sono orientati verso:

Lo sviluppo di una rete neurale capace di fornire la stima della velocità di volo del velivolo partendo dall’informazione sulla pressione statica; Il progetto di dettaglio della sonda;

La definizione dell’architettura elettrica/elettronica;

La realizzazione di un prototipo della sonda per prove in galleria del vento.

figura

Updating...

Riferimenti

Argomenti correlati :