Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale (Porto di Ravenna)

Download (0)

Full text

(1)

Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale (Porto di Ravenna)

Al Presidente Daniele Rossi

Oggetto: Procedura di RDO sul Mepa per l’affidamento del Servizio di Cassa periodo 2020/2024 Nomina Commissione giudicatrice.

Visto di legittimità (se richiesto):

Data: 16-12-2019 Firma: Gabriele Sangiorgi*

Il Segretario Generale:

Data: 16-12-2019 Firma: Paolo Ferrandino*

(* Firme autografe su originale, conservato presso l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale, e sostituite da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3 D.Lgs. 39/1993)

Con riferimento alla procedura in oggetto, allo scadere dei termini di presentazione delle offerte, ai sensi dell’art. 77 del D.lgs. 50/2016 si rende necessario nominare una Commissione giudicatrice per la scelta dell’offerta economicamente più vantaggiosa.

Fra il personale interno alla Autorità di Sistema Portuale sono stati individuati tre dipendenti dotati della necessaria esperienza, professionalità e competenze relative alla natura del contratto da affidare.

Si propone, pertanto, la seguente composizione della Commissione giudicatrice:

Angelo Mazzotti Presidente Capo Area Ragioneria e Bilancio

Vincenzo Di Rocco Componente In forza all'Ufficio Legale e Affari giuridici

Giovanni Araniti Componente In forza alla Direzione Amministrazione, Bilancio e Risorse umane

firma del Responsabile del Procedimento: Claudia Toschi*

Ravenna, 16-12-2019

(2)

Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale (Porto di Ravenna)

DELIBERA PRESIDENZIALE N. 294/ 2019

Il sottoscritto Presidente dell’ Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro- settentrionale (Porto di Ravenna),

Vista la Legge 28 gennaio 1994 n. 84 "Riordino della legislazione in materia portuale" e successive modificazioni e integrazioni;

Visto il D.lgs. 04/08/2016, n.169 “Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione della disciplina concernente le Autorità portuali di cui alla legge 28 gennaio 1994, n.84, in attuazione dell’articolo 8, comma 1, lettera f), della legge 7 agosto 2015, n.124” pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – Serie Generale n. 203 del 31/08/2016;

Visto il Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti prot. n. 416 del 01/12/2016, notificato in pari data, con cui il Dott. Daniele Rossi è stato nominato Presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale per la durata di un quadriennio;

Vista la delibera Presidenziale n. 10 del 10/02/2017 relativa alla nomina del Comitato di gestione dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale;

Vista la delibera del Comitato di gestione n. 1 del 02/03/2017 con la quale è stato nominato Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centro-Settentrionale il Dott. Paolo Ferrandino per un quadriennio, con decorrenza 16.03.2017;

Visto il bilancio di previsione dell’Autorità di Sistema Portuale per l’esercizio finanziario 2019, adottato con Delibera del Comitato di Gestione n. 37 del 30/10/2018 e approvato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con nota M_INF.VPTM.REGISTRO UFFICIALE.U.0000520.08-01-2019 dell’8/1/2019 (ns protocollo 133 dell’8/1/2019);

Visto il “Regolamento di amministrazione e contabilità dell'Autorità di Sistema Portuale”

approvato dall'Ente con Delibera del Comitato Portuale n. 2 del 27.02.2007 e dal Ministero dei Trasporti con nota del 23.05.2007 rif. M_TRA/DINFR/Prot. n. 5358 (ns. prot. n. 3823 del 23.05.2007), così come modificato con Delibera del Comitato Portuale n. 18 del 16.12.2011;

Visto l’art. 22 comma 4 D.lgs. n.169/2016 recante disposizioni transitorie e all’estensione dell’efficacia del Regolamento di cui sopra;

(3)

Visto il vigente “Regolamento di organizzazione e di funzionamento della segreteria tecnico- operativa dell'Autorità di Sistema Portuale" approvato con Delibera Presidenziale n. 46 del 09/03/2018;

Visto il D.lgs. 25 maggio 2016, n. 97, recante revisione e semplificazione delle disposizioni di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza, correttivo della legge 6 novembre 2012, n. 190 e del D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33;

Visto il “Piano triennale 2019-2021 per la prevenzione della corruzione e per la trasparenza dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale” approvato con Delibera Presidenziale n.

16 del 29/01/2019;.

Vista la normativa vigente in materia di appalti pubblici ed in particolare il D.Lgs n. 50 del 18/4/2016 “Codice dei contratti pubblici” ed il successivo D.Lgs n.56 del 19/4/2017

“Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50”, cd.

“Correttivo Appalti”;

Vista la Delibera Presidenziale n.122 del 19/12/2014 relativa all’aggiudicazione del servizio di cassa dell’Autorità Portuale di Ravenna per il periodo 2014 – 2019 all’Istituto di Credito Cassa di Risparmio di Ravenna e che la citata convenzione scadrà il 31-12-2019 rendendo pertanto necessaria la tempestiva individuazione dell’istituto bancario cui affidare il servizio di cassa per il successivo quinquennio 2020-2024;

Vista la Delibera Commissariale n.17 del 23/10/2019 con la quale è stato approvato l’Avviso di manifestazione di interesse ai sensi dell’art 216, c. 9 D.lgs n.50/2016 per l’individuazione degli operatori economici da invitare alla successiva procedura negoziata ai sensi dell’art 36, comma 2, del Codice Appalti prevedendone la relativa pubblicazione sul sito web dell’Ente e che, scaduto il termine ultimo fissato dal citato avviso, sono pervenute n. 3 (tre) manifestazioni di interesse da parte di soggetti dotati dei requisiti preventivamente individuati dall’avviso stesso;

Vista la Delibera Presidenziale n.266 del 25/11/2019 con cui si è avviata la procedura di Richiesta di offerta (RdO) sul MEPA al fine di individuare, tra i soggetti dotati degli idonei requisiti ed aventi manifestato il proprio interesse, l’Istituto Bancario cui affidare il Servizio di Cassa per il quinquennio 2020-20204 sulla base del Capitolato d’oneri e del disciplinare di gara all’uopo predisposti;

Tenuto conto che l’aggiudicazione dell’appalto avverrà, ai sensi dell’art. 95 comma 6 del Codice, con il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo, al fine di selezionare l’operatore economico che meglio risponda alle esigenze dell’AdSP mediante l’assegnazione dei punteggi relativi all’offerta tecnica ed economica sulla base dei criteri indicati negli atti di cui alla presente procedura;

(4)

Considerata la Richiesta di offerta (RdO) n. 2460171 inviata tramite la Piattaforma di acquisti in rete della Pubblica Amministrazione (MePA), ai 3 operatori economici abilitati alla categoria Servizi di Tesoreria e Cassa ed aventi manifestato il proprio interesse a partecipare alla procedura di cui trattasi;

Tenuto conto che il termine ultimo per il ricevimento delle offerte della procedura in oggetto è stato fissato alle 23:59 del giorno 13.12.2019 e che entro tale termine è pervenuta n.1 (una) offerta da parte dell’istituto “La Cassa di Ravenna SpA”;

Viste le linee guida di attuazione del D. Lgs. 50/2016 emanate dall’ANAC ed in particolare, le Linee Guida n. 3, recanti “Nomina, ruolo e compiti del responsabile unico del procedimento per l'affidamento di appalti e concessioni”, adottate dall'ANAC con Delibera n. 1096 del 26.10.2016 (pubblicate nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 273 del 22.11.2016) e aggiornate dall’ANAC con deliberazione del Consiglio n. 1007 dell’11/10/2017;

Viste le Linee Guida n. 5, recanti "Criteri di scelta dei commissari di gara e di iscrizione degli esperti nell'Albo nazionale obbligatorio dei componenti delle commissioni giudicatrici", adottate dall'ANAC con Delibera n. 1190 del 16.11.2016 (pubblicate nella Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 283 del 03.12.2016) e aggiornate dall’ANAC con deliberazione del Consiglio n. 4 del 10/01/2018;

Visto il D.L. 32/2019 del 18 aprile 2019 e successivamente convertito in legge n. 55 del 14 giugno 2019, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 18 giugno 2019, dove l’art. 1, comma 1, lett. c), della citata legge ha sospeso fino al 31 dicembre 2020 la previsione dell’art. 77, comma 3, D.lgs. 50/2016, e conseguentemente risulta sospesa anche l’operatività dell’Albo dei commissari di gara.

Tenuto conto della conseguente comunicazione dell’ANAC del 15 luglio 2019 con cui è stata sospesa l’operatività dell’Albo di cui all’articolo 78 del Decreto Legislativo 19 aprile 2016, n.

50;

Visto l'art. 31, c. 3, del D.lgs. 50/2016 e ss.mm.ii., il quale prevede che "Il RUP, ai sensi della legge 7 agosto 1990, n. 241, svolge tutti i compiti relativi alle procedure di programmazione, progettazione, affidamento ed esecuzione previste dal presente codice, che non siano specificatamente attribuiti ad altri organi o soggetti";

Considerato altresì il punto 5.2 delle Linee Guida n. 3 del 26/10/2016 secondo cui sia il Responsabile del Procedimento ad espletare le procedure amministrative, con l'esame della regolarità formale della documentazione amministrativa, la verifica della sussistenza dei requisiti e delle condizioni di partecipazione in capo agli operatori economici concorrenti, le attività preliminari di valutazione e ammissione dei concorrenti e la successiva proposta di aggiudicazione;

(5)

Tenuto conto che spetta, dunque, al Responsabile del Procedimento, l'adozione, ad esito delle valutazioni dei requisiti soggettivi, economico-finanziari e tecnico-professionali, anche a seguito dell'attivazione del cd. "soccorso istruttorio" ai sensi dall'art. 83, comma 9, D. Lgs.

50/2016 e ss.mm.ii. o della richiesta di chiarimenti in merito ai documenti ed alle dichiarazioni presentati in sede di offerta, ove ne ricorrono le condizioni, del provvedimento motivato con cui determina le esclusioni e le ammissioni alla procedura di affidamento, e l'espletamento dei successivi adempimenti di cui all'art. 29, c. 1 e c. 2, del D.lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii.;

Ritenuto necessario, ai sensi dell'art. 216, comma 12, del D.lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii., procedere alla nomina della Commissione giudicatrice per la scelta dell'offerta economicamente più vantaggiosa secondo i tradizionali criteri di competenza e trasparenza e che la stessa, ai sensi dell'art. 77, co. 2, del D.lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii., deve essere composta da tre componenti dotati di comprovata esperienza e delle necessarie professionalità e competenze tecniche specialistiche relative alla natura del contratto da affidare;

Valutato che, ai sensi dell’art. 77 c.3, del vigente Codice Appalti, “in caso di affidamento di contratti per i servizi e le forniture di importo inferiore alle soglie di cui all'articolo 35 o per quelli che non presentano particolare complessità“ la Stazione appaltante può nominare componenti interni e che “Sono considerate di non particolare complessità le procedure svolte attraverso piattaforme telematiche di negoziazione ai sensi dell'articolo 58”;

Considerato che in capo ai componenti della Commissione giudicatrice non deve sussistere nessuna delle incompatibilità di cui ai commi 4, 5 e 6 dell'art. 77 del D.lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii., nonché delle altre condizioni di inconferibilità dell'incarico o di incompatibilità, cause di astensione o situazioni di conflitto di interesse, anche potenziale, previste della normativa vigente, ed ostative ai fini dell'incarico di Commissario in seno alla Commissione giudicatrice dell'appalto in oggetto, e che l'attività dei Commissari deve svolgersi nel rispetto delle prescrizioni e degli obblighi del "Codice di Comportamento dell'Autorità Portuale di Ravenna";

Valutato che, ai sensi dell’art. 77, comma 4 del D.lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii., i componenti della commissione non hanno svolto alcun’altra funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto in oggetto e che fra il personale interno all’ AdSP sono stati pertanto individuati tre dipendenti in possesso delle idonee caratteristiche;

Considerato che l’attività della Commissione giudicatrice si svolgerà durante l'orario di servizio e che i dipendenti di cui sopra hanno dato la loro disponibilità alla nomina quali membri della Commissione giudicatrice in questione;

DELIBERA

- di nominare, ai sensi e per gli effetti dell'art. 77 e 216, co. 12, del D.lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii. nell'ambito della procedura negoziata in questione, la sottoelencata Commissione giudicatrice:

(6)

Angelo Mazzotti Presidente

Capo Area Ragioneria e Bilancio dell’Autorità di Sistema Portuale del

Mare Adriatico centro

settentrionale

Vincenzo Di Rocco Componente In forza all'Ufficio Legale e Affari giuridici dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro settentrionale

Giovanni Araniti Componente

In forza alla Direzione Amministrazione, Bilancio e Risorse umane dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro settentrionale

- di attribuire alla stessa il compito di esaminare e valutare le offerte tecniche degli operatori economici concorrenti, attribuire i relativi punteggi, secondo quanto previsto dagli atti di gara, e individuare, ai sensi dell'art. 97, comma 3, del D.lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii., le eventuali offerte anomale e, ove necessario, supportare il Responsabile Unico del Procedimento nella relativa verifica. L’avvio dell’attività della Commissione giudicatrice è subordinata al rilascio della dichiarazione, da parte di ciascuno dei componenti della Commissione giudicatrice stessa, di insussistenza delle incompatibilità di cui ai commi 4, 5 e 6 dell’ art. 77 del D.lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii., nonché delle altre condizioni di inconferibilità dell'incarico o di incompatibilità, cause di astensione o situazioni di conflitto di interesse, anche potenziale, previste della normativa vigente, ed ostative ai fini dell'incarico di Commissario in seno alla Commissione giudicatrice dell'appalto in oggetto, e che l'attività dei Commissari si svolgerà nel rispetto delle prescrizioni e degli obblighi del "Codice di Comportamento dell'Autorità di Sistema Portuale del mare Adriatico centro Settentrionale”;

- di dare atto che i commissari, come sopra individuati, svolgeranno l'attività nella Commissione giudicatrice durante il proprio orario di servizio e, pertanto, senza aggravio di spese o altri oneri per questa Amministrazione;

- di incaricare il Responsabile Unico del Procedimento ad adempiere agli obblighi di trasparenza di cui all'art. 29, comma 1, del D.lgs. n. 50/2016 e ss.mm.ii .

Ravenna, 16-12-2019

Il Presidente Daniele Rossi*

Il Direttore Amministrativo – Claudia Toschi*

Il Dirigente Ufficio Legale e Affari giuridici – Gabriele Sangiorgi*

Il Segretario Generale – Paolo Ferrandino*

(* Firme autografe su originale, conservato presso l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale, e sostituite da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3 D.Lgs. 39/1993)

Figure

Updating...

References

Related subjects :