Piano per la parità di genere Università degli Studi Roma Tre

Testo completo

(1)

Piano per la parità di genere

Università degli Studi Roma Tre

(2)

SOMMARIO

INTRODUZIONE ...3

LE SFIDE DA AFFRONTARE ATTRAVERSO IL PIANO ...5

1.AZIONI DI BENESSERE ORGANIZZATIVO. ...5

2.RICONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO –VITA –STUDIO. ...5

3.AZIONI PER PREVENIRE E COMBATTERE VIOLENZA E DISCRIMINAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE SUL TEMA DELL'UGUAGLIANZA E DELLE PARI OPPORTUNITÀ. ...5

4.MONITORAGGIO E GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI DISCRIMINAZIONE E INTEGRAZIONE DELLE MISURE DI GENERE. ...5

GLI OBIETTIVI DEL PIANO ...6

1. PROMUOVERE L'EQUILIBRIO E LA PROSPETTIVA DI GENERE ...6

2. PROMUOVERE E MANTENERE IL BENESSERE FISICO, PSICOLOGICO E SOCIALE DI TUTTI I LAVORATORI ...6

3. ATTUARE VALIDE POLITICHE DI PARI OPPORTUNITÀ ALL'INTERNO DEGLI AMBIENTI DI LAVORO PER COMBATTERE LA DISCRIMINAZIONE DI GENERE E TROVARE UN EQUILIBRIO TRA LAVORO E VITA PRIVATA ...7

4. SENSIBILIZZARE LA COMUNITÀ UNIVERSITARIA E I CITTADINI SUL TEMA DELLE PARI OPPORTUNITÀ E DELLA NON DISCRIMINAZIONE .7 IL PIANO D'AZIONE E LE SUE MISURE PER AFFRONTARE LE SFIDE E RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI INDIVIDUATI .8 1. PROMUOVERE IL BENESSERE ORGANIZZATIVO ...8

2. FAVORIRE LA CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI LAVORO, VITA E STUDIO ...8

3. PROMUOVERE AZIONI DI CONTRASTO ALLA VIOLENZA E ALLA DISCRIMINAZIONE...8

4. SENSIBILIZZARE LA COMUNITÀ SUL TEMA DELL'UGUAGLIANZA E DELLE PARI OPPORTUNITÀ PER CREARE UN AMBIENTE DI STUDIO E DI LAVORO BASATO SUL RISPETTO E LA VALORIZZAZIONE DELLE DIFFERENZE ...8

5. PROMUOVERE UNA CULTURA DELLA NON DISCRIMINAZIONE, DELLA NON VIOLENZA E DELLE PARI OPPORTUNITÀ, CON INIZIATIVE SPECIFICHE RIVOLTE SIA ALLA COMUNITÀ UNIVERSITARIA CHE AI CITTADINI ...9

6. CONTRIBUIRE A COSTRUIRE LA PROSPETTIVA DI GENERE NELLA POLITICA EDUCATIVA LOCALE E, IN PARTICOLARE, NELLA FORMAZIONE E NELLA RICERCA ...9

7. PROMUOVERE L'INCLUSIONE DELLE DONNE NELLE ATTIVITÀ, NEI SETTORI PROFESSIONALI E NEI SETTORI TECNOLOGICAMENTE AVANZATI A TUTTI I LIVELLI DI RESPONSABILITÀ ... 10

8. PROMUOVERE ANALISI DI GENERE CHE TENGANO CONTO DELLE ESIGENZE DELLE DONNE E DEGLI UOMINI ... 10

CONCLUSIONE – IN BREVE ... 11

ALLEGATI ... 15

(3)

INTRODUZIONE

La parità di genere è un valore fondamentale dell'Unione europea ed è uno degli obiettivi dell'ONU per lo sviluppo sostenibile (OSS). La parità di genere nella ricerca e nell' insegnamento garantisce che i sistemi di R&I sostengano società democratiche ed egualitarie1.

L'obiettivo della strategia dell'UE per la parità di genere è un'Unione in cui donne e uomini, ragazze e ragazzi, in tutta la loro diversità, siano liberi di perseguire il percorso scelto nella vita, abbiano pari opportunità di dare il meglio di sé e possano ugualmente partecipare e guidare la nostra società europea.2 Attraverso il GEP (Gender Equality Plan), l'obiettivo della Commissione europea è migliorare il sistema europeo di ricerca e innovazione, creare ambienti di lavoro paritari di genere in cui tutti i talenti possano prosperare e integrare meglio la dimensione di genere in progetti volti a migliorare la qualità della ricerca e la rilevanza per la società della conoscenza, delle tecnologie e delle innovazioni prodotte.3

Lo Statuto dell'Università degli Studi Roma Tre - di cui all'art. 1, comma 6 - riconosce come valore fondante il principio costituzionale delle pari opportunità: "L'Ateneo garantisce alla comunità universitaria pari opportunità nell'accesso allo studio, al lavoro e alla ricerca, nel pieno rispetto dei principi di merito e delle competenze individuali, impegnandosi a rimuovere ogni discriminazione nell'avanzamento di carriera di docenti e personale, anche in conformità a quanto previsto dal proprio Codice Etico. L'Ateneo promuove, anche attraverso la valorizzazione degli studi di genere, la realizzazione di una sostanziale parità tra uomini e donne."4

Sulla base di ciò, l'Università degli Studi Roma Tre ha attivato il Comitato Unico di Garanzia (CUG) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni, riconoscendo l’importanza del principio delle pari opportunità per la costruzione di una società democratica e multiculturale e per la valorizzazione dell’ambiente di lavoro. Il ruolo del CUG è quello di riequilibrare tutte le situazioni di disparità all'interno dell'Università. L'Ateneo intende pertanto adoperarsi per la rimozione di tutti i possibili impedimenti, che, "limitando la libertà e l'uguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese", come si legge al comma 2 dell'Art. 3 della Costituzione italiana.5

In linea con lo statuto dell'Università degli Studi Roma Tre, che soddisfa i requisiti della Commissione europea, l’Ateneo ha sviluppato un sistema che comprende l’analisi, il confronto e lo studio dei risultati provenienti dalla seguente documentazione che costituirà il punto di partenza del GEP dell'Università degli Studi Roma Tre:

- Statuto dell'Università degli Studi Roma Tre

- Regolamento per il funzionamento del Comitato Unico per la Garanzia delle Pari Opportunità e la Promozione del Benessere dei Lavoratori e della Non Discriminazione dell'Università Roma Tre

1 Guida di Horizon Europe sui piani per la parità di genere (GEP) - Commissione europea - pag.10 - https://op.europa.eu/en/publication-detail/-/publication/ffcb06c3-200a-11ec-bd8e-01aa75ed71a1/language- en/format-PDF/source-232129669

2 https://ec.europa.eu/info/policies/justice-and-fundamental-rights/gender-equality/gender-equality- strategy_en

3 https://ec.europa.eu/info/research-and-innovation/strategy/strategy-2020-2024/democracy-and- rights/gender-equality-research-and-innovation_en

4 Art. 1, comma 6 - Statuto dell'Università degli Studi Roma Tre

5 Comma 2 dell'Art. 3 - Costituzione Italiana

(4)

- Relazione annuale del Comitato Unico di Garanzia

- La proposta del CUG: Piano di azioni positive per il triennio 2021-2023 Il GEP dell'Università degli Studi Roma Tre è inoltre coerente con:

- la Costituzione Italiana

- il Codice Etico dell'Università degli Studi Roma Tre

- il Codice di condotta dei dipendenti della Pubblica Amministrazione (D.M. 28 novembre 2000)

- il Codice delle pari opportunità (D.Lgs. 11 aprile 2006 n° 198)

Il GEP dell'Università degli Studi Roma Tre vuole essere uno strumento flessibile, paragonabile ad un Piano d'Azione Positivo, avente i seguenti obiettivi principali:

- Migliorare la qualità e l'impatto della ricerca e dell'innovazione;

- Migliorare gli ambienti di lavoro che consentano una ricerca e un apprendimento di buona qualità e contribuiscano a massimizzare il potenziale e i talenti di tutto il personale e degli studenti;

- Attrarre e trattenere i talenti assicurando che tutte le competenze del personale siano valutate e riconosciute in modo equo e appropriato.

Il contenuto del GEP dell'Università degli Studi Roma Tre si basa sulle seguenti aree tematiche:

- equilibrio tra vita-lavoro e cultura organizzativa;

- equilibrio di genere nella leadership e nel processo decisionale;

- parità di genere nel reclutamento e nell'avanzamento di carriera;

- integrazione della dimensione di genere nei contenuti della ricerca e dell'insegnamento;

- misure contro la violenza di genere, comprese le molestie sessuali.

Il GEP prevede azioni per raggiungere gli obiettivi citati attraverso una struttura che rileva:

- le sfide - gli obiettivi - gli attori chiave - le aree chiave - le misure da adottare - il target

- gli indicatori chiave di prestazione (KPI)

Il GEP dell'Università degli Studi Roma Tre contiene misure sviluppate sulla base del contesto di riferimento dell’Ateneo e con la collaborazione dei suoi principali organi; in tal senso, il GEP tiene conto:

- degli organi di governance

- dell'inserimento lavorativo e della vita personale

- del sesso e delle prospettive di genere per la ricerca e i ricercatori anche nella dimensione didattica Infine, il GEP dell'Università degli Studi Roma Tre è uno strumento collaborativo che nasce dalla discussione interna sulla base dell’esperienza di genere dell'Ateneo. I risultati di tale analisi e processo sono il GEP stesso e la proposta CUG: “Piano di azioni positive per il triennio 2021-2023"che contengono le sfide, le soluzioni e le azioni concrete e mirano a coinvolgere i principali stakeholder nei prossimi aggiornamenti del GEP.

Secondo i requisiti obbligatori della Commissione Europea, il GEP dell'Università degli Studi Roma Tre è un documento pubblico composto da risorse dedicate (Equality Officers o Gender Equality Teams); include disposizioni per la raccolta e il monitoraggio dei dati; è supportato da attività di formazione e sviluppo delle capacità per aumentare la consapevolezza.

(5)

LE SFIDE DA AFFRONTARE ATTRAVERSO IL PIANO

Sulla base della "proposta CUG: il piano d'azione positivo per il triennio 2021-2023", il GEP dell'Università degli Studi Roma Tre ha individuato le seguenti principali sfide legate alla Parità di Genere e alla Diversità:

1. Azioni di benessere organizzativo

Spesso uno scarso ambiente organizzativo può causare casi di crollo emotivo (burn-out) e comportamenti che potrebbero costituire violenza psicologica e molestie. La capacità dell'organizzazione di promuovere e mantenere il benessere fisico, psicologico e sociale dei lavoratori a tutti i livelli, nonché di valutare la percezione dello stress legato al lavoro e la sua associazione con la violenza e la discriminazione di genere è importante.

2. C onciliazione dei tempi di Lavoro – Vita – Studio

La creazione di posti di lavoro di buona qualità e l'aumento della quota di donne nel mondo del lavoro sono connesse con la conciliazione tra lavoro, vita privata e famiglia. Inoltre, affrontando la questione della partecipazione sia delle donne che degli uomini all'occupazione e incoraggiando iniziative a sostegno di varie forme di flessibilità dell'orario di lavoro (lavoro a tempo parziale o flessibile), si produce un certo impatto non solo sul grado di soddisfazione dei lavoratori sulla conciliazione tra lavoro e vita privata ma anche delle rispettive famiglie, poiché genitori e figli avranno più possibilità di trascorrere tempo di qualità insieme.

3. Azioni per prevenire e combattere violenza e discriminazione e sensibilizzazione sul tema dell'uguaglianza e delle pari opportunità

Senza una prospettiva di genere una parte importante del problema potrebbe essere trascurata e potrebbero prevalere le disuguaglianze o i ruoli di genere tradizionali. È opportuno riconoscere i possibili pregiudizi, preferenze, interessi e valori dei ricercatori di entrambi i generi. Attraverso tale consapevolezza è possibile ridurre al minimo l'influenza di questi fattori sulla ricerca, rendendo così i suoi risultati più credibili e validi.

4. Monitoraggio e gestione delle situazioni di discriminazione e integrazione delle misure di genere

Per proteggere i diritti e il benessere dei lavoratori e fornire le stesse opportunità nella vita, è importante evitare ogni forma di discriminazione. Le disuguaglianze devono essere identificate e monitorate al fine di creare misure specifiche per evitarle. La sfida è pianificare, attuare e valutare misure di non discriminazione per consentire il raggiungimento di un adeguato livello di uguaglianza. Il monitoraggio e la gestione adeguati sono fattori chiave nella lotta contro la discriminazione di genere. Punto focale dovrebbe essere la creazione di un piano e di un kit di strumenti che affrontino la questione in modo pratico. L'obiettivo è quello di fornire una guida dettagliata sull'attuazione di questo piano, seguendo un approccio basato sui diritti umani per la promozione di una maggiore uguaglianza.

(6)

GLI OBIETTIVI DEL PIANO

Considerando le sfide sopramenzionate, l'obiettivo di questo documento è quello di trovare soluzioni concrete per aumentare la consapevolezza sui temi della non discriminazione e delle pari opportunità, generando una consapevolezza diffusa e condivisa tra tutti i membri della comunità dell'Università degli Studi Roma Tre.

In questo senso gli obiettivi specifici del GEP dell'Ateneo sono:

1. Promuovere l'equilibrio e la prospettiva di genere

Un approccio orientato alla questione di genere è fondamentale. Esso dovrebbe prevedere l’impegno a fornire strutture di assistenza all'infanzia, mantenere l'orario di lavoro flessibile per conciliare lavoro e responsabilità domestiche, stabilire una partecipazione equilibrata di ambo i sessi negli organi di gestione universitari per favorire la presenza delle donne.

Indicatore chiave di prestazione (KPI):

- Organizzazione di almeno 2 corsi relativi alla parità di genere (uno per gli studenti e uno per il personale docente);

- Organizzazione di almeno altre 2 iniziative (convegni, premi, ecc.) che promuovano la dimensione di genere.

CALENDARIO: 2021-2023

2. Promuovere e mantenere il benessere fisico, psicologico e sociale di tutti i lavoratori

Creare le condizioni e un'organizzazione efficiente che consenta a tutti i dipendenti di mantenere un adeguato grado di benessere fisico e psicologico. La promozione del benessere aiuta a ridurre lo stress e a creare ambienti di lavoro gradevoli in cui gli individui possano operare al meglio. Una buona salute e un buon benessere possono essere un fattore fondamentale per un alto livello di coinvolgimento dei dipendenti e delle prestazioni dell’organizzazione.

Indicatore chiave di prestazione (KPI):

- Almeno il 50% dei ricercatori, dei docenti e del personale tecnico e amministrativo coinvolto in attività di sensibilizzazione;

- Almeno il 30% dei ricercatori, dei docenti e del personale tecnico e amministrativo e degli studenti percepisca un maggiore benessere alla fine del periodo (questionario di valutazione da condursi nel 2023).

CALENDARIO: 2021-2023

(7)

3. Attuare valide politiche di pari opportunità all'interno degli ambienti di lavoro per combattere la discriminazione di genere e trovare un equilibrio tra lavoro e vita privata

Creare politiche universitarie che consentano ai dipendenti di gestire in modo adeguato il lavoro e la vita privata/familiare, prendendosi cura delle esigenze familiari e combinandole con i doveri professionali.

Riorganizzare e migliorare lo sviluppo e la valutazione dei processi politici in modo che la non discriminazione e la prospettiva di genere siano incorporati in tutte le politiche a tutti i livelli e in tutte le fasi.

Indicatore chiave di prestazione (KPI):

- Almeno il 50% del personale contrattualizzato utilizzi i nuovi servizi di assistenza familiare forniti dall'università;

- Almeno il 30% dei ricercatori, dei docenti, del personale tecnico e amministrativo e degli studenti percepisca la trasparenza nelle procedure di progressione di carriera e retribuzione alla fine del periodo (questionario di valutazione da condursi nel 2023).

CALENDARIO: 2021-2023

4. Sensibilizzare la comunità universitaria e i cittadini sul tema delle pari opportunità e della non discriminazione

Favorire l'attuazione degli standard di uguaglianza e non discriminazione nella comunità universitaria, coinvolgendo tutti i suoi membri e cittadini sull'importanza di questo argomento. È essenziale promuovere e incoraggiare una comprensione generale delle questioni relative al genere e creare strutture che sostengano lo sviluppo e la promozione delle pari opportunità.

Indicatore chiave di prestazione (KPI):

- Almeno il 50% dei ricercatori, dei docenti e del personale tecnico e amministrativo coinvolti in azioni di sensibilizzazione;

- Almeno il 30% dei ricercatori, dei docenti, del personale tecnico e amministrativo e degli studenti percepisca un clima migliore di non discriminazione alla fine del periodo (questionario di valutazione da condursi nel 2023).

CALENDARIO: 2021-2023

(8)

IL PIANO D'AZIONE E LE SUE MISURE PER AFFRONTARE LE SFIDE E RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI INDIVIDUATI

1. Promuovere il benessere organizzativo

L'Università degli Studi Roma Tre intende promuovere e mantenere il benessere fisico, psicologico e sociale di tutti i lavoratori, con l'obiettivo di creare un'organizzazione del lavoro efficace e produttiva, promuovendo e mantenendo un adeguato grado di benessere fisico e psicologico. In questo senso, sono numerose le iniziative assistenziali che riguardano, ad esempio, la prevenzione medica e l'assistenza sanitaria, il sostegno alla famiglia attraverso il rimborso spese per scuole materne, scuole primarie e campi estivi.

Questa sfida sarà affrontata attraverso le seguenti iniziative:

• Indagine sul benessere organizzativo dei dipendenti;

• Formazione sul lavoro agile e monitoraggio dei percorsi agili e di telelavoro;

• Giornata del benessere e di stili di vita sani;

• Rafforzamento del Servizio di Prevenzione e Protezione;

• Servizi sanitari;

• Progetto di sensibilizzazione sul fenomeno della violenza maschile contro le donne.

2. Favorire la conciliazione dei tempi di lavoro, vita e studio

L'Università degli Studi Roma Tre si impegna a introdurre azioni che rendano più facile coniugare l'attività professionale con le responsabilità familiari attraverso nuove modalità di lavoro che possano garantire una maggiore flessibilità in tal senso, come le politiche di telelavoro e di lavoro da remoto.

Questa sfida sarà affrontata attraverso le seguenti iniziative:

• Avvio del progetto di welfare per l'Università;

• Consolidamento del lavoro a distanza;

• Creazione di nuovi modelli di lavoro flessibili.

3. Promuovere azioni di contrasto alla violenza e alla discriminazione

L'Università degli Studi Roma Tre intende prevenire e contrastare ogni episodio di violenza e discriminazione nella comunità universitaria e tra tutti i cittadini attraverso:

• la sensibilizzazione della comunità sull'importanza di denunciare tutte le forme di molestie, violenze o discriminazioni all'interno dell'università.

4. Sensibilizzare la comunità sul tema dell'uguaglianza e delle pari opportunità per creare un ambiente di studio e di lavoro basato sul rispetto e la valorizzazione delle differenze

L'Università degli Studi Roma Tre sensibilizzerà la comunità universitaria e tutti i cittadini sul tema delle pari opportunità e della non discriminazione e affronterà il tema della nonviolenza, della non discriminazione e dell'importanza di valorizzare le differenze attraverso le seguenti iniziative:

• la promozione di seminari e conferenze sul tema dell’uguaglianza e delle pari opportunità;

• la promozione di iniziative culturali ed educative anche con altri enti istituzionali sulle differenze di genere;

(9)

• Incoraggiare gli studenti a esplorare questioni relative alle pari opportunità e alla non discriminazione.

5. Promuovere una cultura della non discriminazione, della non violenza e delle pari opportunità, con iniziative specifiche rivolte sia alla comunità universitaria che ai cittadini

L'Università degli Studi Roma Tre incoraggerà attivamente la non discriminazione per fornire un ambiente positivo e solidale attraverso le seguenti iniziative:

• favorire l’uso di un linguaggio inclusivo che includa le donne e tratti uomini e donne allo stesso modo, in grado di comunicare apertamente e in modo trasparente tra loro e con il pubblico;

• offrire corsi di Mentoring and Empowerment per migliorare la visibilità, la fiducia in sé stessi, le capacità negoziali e di leadership, dedicando particolare attenzione al genere sottorappresentato;

• introdurre/mantenere una procedura interna di sostegno alla ricerca per i periodi di maternità e congedo parentale;

• promuovere campagne per rendere più visibile il contributo delle donne alla ricerca e promuovere la diversità di genere dei gruppi di ricerca.

In questo senso, l'Università degli Studi Roma Tre garantirà i più alti standard scientifici durante la conduzione delle ricerche da parte di team di lavoro, ne riconoscerà e premierà i risultati secondo il principio delle pari opportunità. Ciò avverrà in un contesto di fiducia e cooperazione che rispetti le capacità e le esigenze individuali.

6. Contribuire a costruire la prospettiva di genere nella politica educativa locale e, in particolare, nella formazione e nella ricerca

L'Università Roma Tre incorporerà una prospettiva di genere nella sua agenda e nei progetti di ricerca nei quali è coinvolta attraverso le seguenti azioni:

• Formare gruppi di ricerca sull'integrazione e la consapevolezza di genere. In questo senso, l'intero team deve conoscere la terminologia chiave, come la differenza tra genere e sesso;

• Integrare i valori della diversità e dell'uguaglianza nella predisposizione delle proposte progettuali, promuovendo anche argomenti di ricerca che rompano le dinamiche sessiste e le metodologie di progettazione per affrontare le norme sociali e le relazioni di genere;

• Raccogliere dati disaggregati per genere e valutare il potenziale per l’identificazione di strumenti adeguati;

• Introdurre un linguaggio sensibile alle specificità di genere nella ricerca e includere i termini nel contesto di una prospettiva di genere;

• Pianificare strategie di comunicazione per evitare il rischio di trasmettere stereotipi;

• Organizzare incontri di networking e workshop con gruppi di ricerca per discutere tali temi, generando consapevolezza all'interno del settore;

• Dare riconoscimento istituzionale alle tesi che affrontano la dimensione di genere (ad es. premi per tesi di laurea magistrale/ dottorato).

(10)

7. Promuovere l'inclusione delle donne nelle attività, nei settori professionali e nei settori tecnologicamente avanzati a tutti i livelli di responsabilità

L'Università degli Studi Roma Tre si impegna a promuovere la massima rappresentanza delle donne a tutti i livelli universitari e nell'organizzazione di attività adeguate volte a:

• Promuovere la presenza di esperti donne;

• Mantenere la trasparenza nei processi di selezione e remunerazione;

• Dare evidenza ai successi delle donne particolarmente nell’ambito della ricerca;

• Incoraggiare attivamente le donne a cercare le opportunità che desiderano;

• Garantire ai dipendenti un salario giusto e uguale in base al loro livello di esperienza;

• Creare opzioni più flessibili per le donne, tra cui telelavoro e smart working, per motivare le donne e mantenere intatta la continuità finanziaria e professionale.

8. Promuovere analisi di genere che tengano conto delle esigenze delle donne e degli uomini

L'Università degli Studi Roma Tre intende promuovere la prospettiva di genere attraverso linee guida e relazioni adeguate, come ad esempio il rapporto interno sull'equilibrio di genere. Il rapporto sul genere è uno strumento di monitoraggio delle performance per i risultati raggiunti in termini di pari opportunità, di promozione nel campo della formazione, della ricerca e del benessere di studenti e dipendenti.

Inoltre, l'Università degli Studi Roma Tre intende:

• Monitorare e garantire che le procedure e le pratiche sul posto di lavoro rispettino la parità di genere;

• Avviare il percorso per la revisione di testi, comunicazioni, immagini dal punto di vista dell'uguaglianza di genere e della diversità;

• Raccogliere periodicamente dati quantitativi e qualitativi disaggregati per genere nei dipartimenti/scuole, se possibile in formato digitale;

• Pianificare regolari riunioni di aggiornamento del GEP per massimizzarne l'impatto;

• Promuovere iniziative per favorire una diffusa competenza di genere a tutti i livelli dell'organizzazione, anche attraverso la formazione di personale, docenti e ricercatori.

(11)

CONCLUSIONE – IN BREVE

Attraverso il GEP, le principali sfide e gli obiettivi identificati per ciascun settore potrebbero essere riassunti come segue:

AREA SFIDA OBIETTIVO

Equilibrio di genere nella leadership e nel processo decisionale

Monitoraggio e gestione delle situazioni di discriminazione e integrazione delle misure di genere

Promuovere l'equilibrio e la prospettiva di genere

Cultura organizzativa Azioni di benessere organizzativo Promuovere e mantenere il benessere fisico, psicologico e sociale di tutti i lavoratori con l'obiettivo di creare un ambiente di lavoro efficace e produttivo promuovendo e mantenendo un adeguato grado di benessere fisico e psicologico

Parità di genere nel reclutamento e nell'avanzamento di carriera

Mantenimento di pari

opportunità di carriera, parità di retribuzioni

Attuare valide politiche di pari opportunità all'interno degli ambienti di lavoro, garantire la trasparenza e combattere la discriminazione di genere

Integrazione della dimensione di genere nei contenuti della ricerca e dell'insegnamento

Sensibilizzazione di docenti e

ricercatori sul tema

dell’uguaglianza e delle pari opportunità

Contribuire alla sensibilizzazione della comunità universitaria sulle pari opportunità, includere la questione di genere all'interno di progetti e azioni di ricerca

Equilibrio tra lavoro e vita privata Conciliazione dei tempi di vita, lavoro e studio

Armonizzare l'attività

professionale con le

responsabilità familiari implementando modelli di lavoro flessibili come il lavoro a distanza Misure contro la violenza di

genere, comprese le molestie sessuali

Azioni per prevenire e combattere la violenza e la discriminazione

Contribuire a sensibilizzare la comunità universitaria e i cittadini

sul tema della non

discriminazione

(12)

L’elaborazione del GEP ha individuato le seguenti misure, che saranno messe in atto dall'Università degli Studi Roma Tre attraverso azioni specifiche:

MISURA ATTIVITÀ ATTORE CHIAVE

Promuovere il benessere organizzativo - attuare iniziative di welfare

- Condurre un sondaggio sul benessere organizzativo dei dipendenti - rafforzare i servizi e le politiche sanitarie

- attività di sensibilizzazione

- Ricercatori, docenti e personale tecnico e amministrativo

Favorire un equilibrio tra lavoro, vita privata e studio

- fornire infrastrutture (ICT e trasporti anche in convenzione) a supporto delle esigenze della famiglia

- incoraggiare modelli di lavoro flessibili e il lavoro a distanza

- Ricercatori, docenti e personale tecnico e amministrativo

Promuovere azioni di contrasto alla violenza e alla discriminazione

- sensibilizzare sull'importanza di denunciare tutte le forme di molestie, violenze o discriminazioni

- Ricercatori, docenti e personale tecnico e amministrativo

- Studenti Sensibilizzare la comunità sul tema delle pari

opportunità per creare un ambiente di studio e di lavoro basato sul rispetto e l'apprezzamento delle differenze

- promuovere seminari, conferenze e iniziative educative sulle differenze di genere

- Incoraggiare gli studenti a esplorare le questioni relative alle pari opportunità e alla non discriminazione

- Ricercatori, docenti e personale tecnico e amministrativo

- Studenti - Cittadini Promuovere una cultura della non

discriminazione, della non violenza e delle pari opportunità, con iniziative specifiche rivolte sia alla comunità universitaria che ai cittadini

- offrire corsi di Mentoring e Empowerment per migliorare la visibilità, la fiducia in sé stessi, le capacità di negoziazione e leadership, in particolare dedicati al genere sottorappresentato

- condividere le buone pratiche di carriera – ruoli modello per le donne (scienziate, ricercatrici e accademiche)

- introdurre/mantenere una procedura interna di sostegno alla ricerca per i periodi di maternità e congedo parentale

- promuovere campagne per rendere più visibile il contributo delle donne alla ricerca e promuovere la diversità di genere dei gruppi di ricerca;

- delineare iniziative strategiche volte ad aumentare la quota di partecipazione dei membri del gruppo sottorappresentati.

- Ricercatori, docenti e personale tecnico e amministrativo

- Studenti - Cittadini

(13)

Contribuire a costruire la prospettiva di genere nella politica educativa locale e, in particolare, nella formazione e nella ricerca

- corsi specifici disponibili per gli studenti sulla parità di genere e le competenze trasversali nei loro curricula di studio

- workshop e corsi di formazione sull'integrazione del sostegno alla parità di genere per il personale docente

- dare riconoscimento istituzionale alle tesi di laurea che affrontano la dimensione di genere (ad es. premi per tesi di laurea magistrale/

dottorato).

- promozione del networking di gruppi di ricerca multidisciplinari interessati alle questioni di genere e alla gestione della diversità - monitoraggio dei dati disaggregati per genere relativi alla ricerca:

assegnazione dei finanziamenti, presentazione delle pubblicazioni, valutazione dell'eccellenza, domande di brevetto

- Ricercatori, docenti e personale tecnico e amministrativo

- Studenti - Altre istituzioni

Promuovere l'inclusione delle donne nelle attività, nei settori professionali e nei settori tecnologicamente avanzati a tutti i livelli di responsabilità

- promuovere la presenza di esperti donne

- mantenere il livello di trasparenza raggiunto nei processi di selezione e remunerazione

- dare evidenza ai successi delle donne particolarmente nell’ambito della ricerca

- incoraggiare attivamente le donne a cogliere più rischi e cogliere le opportunità che desiderano

- corrispondere ai dipendenti un salario equo e paritario in base al loro livello di esperienza

- Creare opzioni più flessibili per motivare le donne e mantenere intatta la continuità finanziaria e professionale

- Ricercatori, docenti e personale tecnico e amministrativo

Promuovere le analisi di genere che tengano conto delle esigenze delle donne e degli uomini (e. g. equilibrio di genere)

- nominare delegati (nei dipartimenti/scuole, con un ruolo proattivo e consultivo) responsabili di monitorare e garantire che le procedure e le pratiche sul posto di lavoro rispettino la parità di genere;

- Avviare il percorso per la revisione periodica di testi, comunicazioni, immagini dal punto di vista della parità di genere e della diversità;

- Raccogliere periodicamente dati quantitativi e qualitativi disaggregati per genere nei dipartimenti/scuole, se possibile in formato digitale.

Analizzare questi dati in un report dedicato, in modo da monitorare lo stato dell'arte del genere e della diversità nell'organizzazione e

- Ricercatori, docenti e personale tecnico e amministrativo;

- Studenti

(14)

consentire un'ulteriore raccolta di dati;

- Pianificare regolari riunioni di follow-up sul GEP per massimizzarne l'impatto;

- Promuovere iniziative per favorire una diffusa cultura dell’equilibrio di genere a tutti i livelli dell'organizzazione, anche attraverso la formazione del personale, dei docenti e dei ricercatori.

(15)

Allegati

- Statuto dell'Università degli Studi Roma Tre

- Regolamento per il funzionamento del Comitato Unico per la Garanzia delle Pari Opportunità e la Promozione del Benessere dei Lavoratori e della Non Discriminazione dell’Università Roma Tre - Relazione annuale del comitato unico di garanzia

- La proposta del CUG: il piano d'azione positivo per il triennio 2021-2023

figura

Updating...

Argomenti correlati :