Luca Eternità Monti. Ciao Luca, facci il tuo ritratto!

Testo completo

(1)

 

Ad illuminare la pregiata galleria d’arte di Calcio a 5 - Extra Time e di Futsalmarche c’è uno dei personaggio più rappresentativi del calcio a 5 marchigiano.

Luca Eternità Monti.

A rispondere alle domande di Silvia Saccomano e sulle matite dell’Artista Daniele Cardinali c’è dunque l’esperto portiere anconetano, esempio unico di sportività e di passione verso la nostra amata disciplina.

 

Ciao Luca, facci il tuo ritratto!

“Ciao Silvia! Sono  Luca Monti, sono nato in Ancona 46 anni fa, ci vivo da sempre. Sono sposato con Daniela e ho mia figlia Benedetta che è la cosa più bella della mia vita. Per lavoro faccio il rappresentante di cemento, nelle province di Ascoli e Macerata.”

(2)

 

Che tipo è Luca Monti?

“So un bambino… semplicemente un bambino. Il problema è per mia moglie che deve sopportarmi in questo modo. Purtroppo però ormai son così: mi tengo e mi deve tenere così.”

 

E’ più bello giocare a 20 anni o a 46?

“A 20 anni hai altre motivazioni, sicuramente. A 46 anni la mia felicità è quella di poter giocare ancora! Ho tanti amici che – molto più giovani di me – hanno dovuto smettere, quindi… non posso lamentarmi.”

 

(3)

“Ho il patentino da allenatore da tanti anni, però è una cosa che non mi piace. Diciamo che… finché trovo qualcuno che ha il coraggio di farmi giocare, penserò solo a giocare.”

 

Ti senti un ragazzo fortunato?

“Molto, molto fortunato. Perché innanzitutto siamo ancora qui a parlare di calcio a 5 e come ti dicevo significa che ho la fortuna di poterlo ancora fare. E a 46 anni non è poco.

Poi ho una bella famiglia e più in generale… mi sento felice. Per tutte queste ragioni mi sento un ragazzo fortunato.”

 

Tu hai sempre giocato ad Ancona, ma le tue qualità potevano anche spingerti anche lontano dalla tua città. Hai mai preso in considerazione offerte fuori regione?

“Ti rispondo in maniera molto semplice: credo che la mia carriera rappresenta quello che è stato il mio valore e quello che io come portiere e come uomo potevo esprimere. Tutto ciò che potevo dare ho avuto la possibilità di farlo qui ad Ancona, perciò non c’è mai stato bisogno di valutare altre proposte”.

 

Hai giocato con tanti calciatori e personaggi che hanno fatto la storia di questo sport. Uno su tutti che ti ha colpito e ti ha lasciato un ricordo importante?

(4)

“Il giocatore più forte con cui ho giocato è Francesco Severoni (pivot che ha fatto la storia della Scudo San Carlo di Ancona, ndr), in assoluto. Cecco Severoni, oltre ad essere il più forte giocatore di sempre, è il mio migliore amico. Quindi, credo che una menzione speciale da parte mia vada rivolta in primis a lui”.

 

(5)

“Quello de esse retrocesso l’anno scorso col Pietralacroce dalla C1 alla C2! Ne ho anche uno che risale a diversi anni fa, ovvero una finale del Torneo delle Regioni persa in

Calabria. Sconfitta 2 a 1 dalla Sicilia per un rigore subito all’ultimo secondo. Era la mia ultima occasione per giocare in Rappresentativa, quindi ha bruciato ancora di più”.

 

Il sogno nel cassetto di Luca Monti qual è?

“E’ quello de tornà in C1 col Pietralacroce! Per quest’anno sarà dura, ma ci proveremo, ve lo prometto! Ci sono squadre più forti di noi obiettivamente, ma ci proveremo, questo è certo”.

 

Come ti immagini nella caricatura che l’Artista di FutsalMarche disegnerà per te?

“Con i guanti e un pallone, ma anche con le basette bianche, coi riporti nei capelli. Che devo fa, ce l’ho, me li tengo! (si specchia e ride, ndr)”.

 

Grazie Luca.

(6)

“Grazie a voi, ma prima di salutarci consentitemi un saluto al mio amico Alberto Brunelli, giovedì ospite della trasmissione “Calcio a 5 Extra Time”: Alberto, come dici sempre te, sei spazzato via!

”.

 

Silvia Saccomano

c5extratime@alice.it

L’Artista  (Daniele Cardinali)

spogliatoi@tiscali.it

figura

Updating...

Riferimenti

Updating...

Argomenti correlati :