PINSCHER. UTILIZZAZIONE: cane da casa e da compagnia CLASSIFICAZIONE A.C.W. Gruppo 7 Cani di tipo Pinscher BREVE CENNO STORICO

Testo completo

(1)

PINSCHER

UTILIZZAZIONE: cane da casa e da compagnia CLASSIFICAZIONE A.C.W.

Gruppo 7 Cani di tipo Pinscher BREVE CENNO STORICO

Già all’inizio del 20° secolo, il numero degli Zwergpinscher era consistente e, nel 1925, il libro delle origini portava già non meno di 1300 iscrizioni di questa razza. Delle diverse varietà di colore, come per il Pinscher, si selezionarono solo i cani di colore nero con focature più chiare e i monocolori da rosso a rosso- marrone.

ASPETTO GENERALE

Lo Zwergpinscher è un modello ridotto del Pinscher, esente da qualsiasi accenno di nanismo.

Elegante, il suo pelo raso mette in evidenza la sua costruzione nel quadrato.

PROPORZIONI IMPORTANTI

Il rapporto lunghezza/altezza deve far apparire la sua costruzione il più possibile nel quadrato

La lunghezza della testa (misurata dalla punta del tartufo

all’occipite) corrisponde alla metà della lunghezza della linea superiore (considerata dal garrese all’inserzione della coda)

COMPORTAMENTO – CARATTERE

Sveglio, di un temperamento vivace, sicuro di sé e di un carattere equilibrato. Queste qualità fanno di lui un compagno piacevole sia come cane di famiglia che da compagnia.

TESTA

REGIONE DEL CRANIO: Cranio forte, allungato, senza un occipite marcatamente sporgente.

La fronte è piatta e parallela alla canna nasale. Stop leggero, ma definito

REGIONE DEL MUSO: Tartufo ben sviluppato e sempre nero. Muso termina come un cono smussato. Canna nasale diritta. Labbra nere, lisce e aderenti di piatto alle mascelle;

commessura delle labbra chiusa Mascelle/Denti mascella inferiore e superiore potenti: la chiusura a forbice è completa (con 42 denti, secondo la formula dentaria del cane), e forte;

i denti si adattano correttamente e sono di un bianco puro. I masseteri sono fortemente sviluppati, senza però dare alle guance uno spiacevole rilievo. Occhi scuri, di forma ovale; i bordi delle palpebre sono pigmentate di nero e sono strettamente aderenti al globo

oculare Orecchi ripiegati e pendenti, attaccati alti, a forma di V, puntano verso l’avanti in

(2)

direzione delle tempie, e il loro interno aderisce strettamente alle guance; le pieghe parallele, non devono superare la sommità del cranio.

COLLO: nobilmente arcuato, non troppo corto, s’inserisce morbidamente nel garrese; asciutto, senza giogaia o pelle rilassata; la pelle della gola è strettamente aderente senza formare

alcuna piega.

CORPO

Linea superiore leggermente discendente dal garrese verso il posteriore Garrese è il punto più alto della linea dorsale. Dorso forte, corto e teso. Rene forte. La distanza fra l’ultima costola e l’anca è breve, così che il cane risulta compatto. Groppa va fondendosi impercettibilmente con l’inserzione della coda in una lieve curva. Torace moderatamente ampio, di sezione ovale, raggiunge il gomito. Il petto è distintamente segnato dalla punta dello sterno. Linea inferiore e ventre i fianchi non sono troppo rilevati: Con la parte inferiore della cassa toracica, la linea inferiore disegna una curva elegante.

CODA: naturale; l’obiettivo da raggiungere è una coda a sciabola o a falcetto ARTI

ANTERIORI

In generale visti dal davanti gli arti sono forti, diritti e non ravvicinati fra loro; visti di lato, gli avambracci sono diritti. Spalle la scapola è ben aderente alla cassa toracica ed è molto

muscolosa su ambedue i lati della spina scapolare, e sporge dalle apofisi spinose

delle vertebre toraciche. Il più obliqua possibile e ben rivolta verso il dietro, forma un angolo di circa 50° sull’orizzontale.

Braccio aderente al corpo, forte e ben muscoloso, forma un angolo da 95 a 105° con la scapola. Gomito correttamente aderente, non deviato in fuori né in dentro. Avambraccio fortemente sviluppato e ben muscoloso. Completamente diritto visto dal davanti e di

lato. Carpo forte e fermo. Metacarpo forte e leggermente elastico. Visto dal davanti verticale, visto da lato, leggermente inclinato rispetto al terreno. Piede anteriore forte e rotondo. Le dita sono ben strette fra loro e arcuate (piede di gatto); cuscinetti resistenti, unghie corte, nere e forti.

POSTERIORI

In generale obliqui se visti da lato, paralleli, ma non troppo ravvicinati, se visti

da dietro. Coscia moderatamente lunga, ampia, fortemente muscolosa. Ginocchi non deviati in fuori né in dentro. Gamba lunga e forte, con buoni tendini, che s’inserisce in un garretto solido. Garretto marcatamente angolato, forte, fermo, non deviato in dentro né in

fuori. Metatarso perpendicolare al terreno. Piede posteriore un po’ più lungo dell’anteriore.

Dita ben unite e arcuate. Unghie corte e nere

ANDATURA lo Zwergpinscher è un trottatore. Nel movimento il suo dorso rimane fermo e

(3)

piuttosto saldo. Movimento armonioso, energico, sicuro e sciolto con buon allungo. Il trotto tipico è allungato, morbido e fluente, con buona spinta del posteriore e libera estensione dell’anteriore.

PELLE su tutto il corpo è strettamente aderente ai tessuti sottostanti MANTELLO

PELO raso e folto, liscio, fitto e brillante senza zone prive di pelo COLORE

• Monocolore: rosso cervo, marrone rossiccio fino al marrone rosso scuro.

• Nero focato: nero lacca con focature rosse o marroni. Si ricercano le focature il più possibile scure, intense e nettamente definite. Le focature sono distribuite come segue: sopra gli occhi, alla gola, ai metacarpi, sui piedi, all’interno degli arti posteriori, sotto la radice della coda, e in forma di due triangoli regolari, nettamente separati, sul petto

TAGLIA E PESO

Altezza al garrese Maschi e Femmine: da 25 a 30 cm Peso Maschi e Femmine . da 4 a 6 kg

DIFETTI qualsiasi deviazione a quanto sopra deve essere considerato come difetto che sarà penalizzato a seconda della sua gravità. E in particolare:

Costruzione in genere pesante o leggera. Soggetto basso o alto sugli arti

Cranio pesante o rotondo

Rughe sulla fronte

Muso corto, appuntito o stretto

Chiusura a tenaglia

Occhi chiari, troppo piccoli o troppo grandi.

Orecchi inseriti bassi, molto lunghi o non portati simmetricamente

Zigomi fortemente sporgenti

Pelle rilassata alla gola

Dorso troppo lungo, arcuato o cedevole

Dorso cifotico

Groppa avvallata

Piedi allungati

Ambio

Movimento steppante, con arti troppo levati in alto

Pelo rado

Moschettature, scriminatura nera lungo la linea mediana del dorso, sella scura e mantello schiarito o pallido

Taglia inferiore o superiore di 1 cm. alle norme dello Standard

(4)

DIFETTI GRAVI

Insufficienza di tipicità sessuale (esempio: femmina mascolina)

Aspetto generale gracile

Testa a mela

Mancanza di parallelismo alle linee cranio facciali

Gomiti deviati in fuori

Posteriori sotto di sé

Posteriori diritti o a botte

Garretti deviati in dentro

Taglia inferiore o superiore di più di 1 cm. e meno di 2 cm. alle norme dello Standard

DIFETTI ELIMINATORI

Comportamento pauroso, aggressivo, cattivo, esageratamente diffidente, nervoso

Malformazione di qualsiasi genere

Soggetto insufficientemente tipico

Difetti alla chiusura della bocca, come enognatismo, prognatismo o deviazione delle arcate degli incisivi

Difetti gravi che riguardano la struttura, il pelo o il colore

Taglia inferiore o superiore di più di 2 cm.. alle norme dello Standard

Qualsiasi cane che presenti, in modo evidente, anomalie d’ordine fisico o comportamentale, sarà squalificato.

N.B. I maschi devono avere due testicoli apparentemente normali completamente discesi nello scroto

Carattere

Pur essendo piccolo di statura è un cane forte e dal carattere fiero, pieno di energia e di vita, amante del gioco e dei bambini, fedele e leale, é molto curioso e bramoso di conoscere il mondo che lo circonda. È abbastanza testardo, orgoglioso e impavido. Si affeziona da subito alle persone che lo circondano, soprattutto al proprio padrone, e lo segue ovunque vada, proteggendolo in caso di necessità. Se ben socializzato è molto socievole E’ amabile e dolce sia con le persone che con gli altri animali. Con gli estranei è diffidente. È molto intelligente e apprende facilmente; è consigliabile portarlo fin da piccolo ai corsi di socializzazione, dove può adattarsi al contatto umano e con le altre razze. Con questi corsi, il Pinscher Nano obbedirà ai comandi del padrone capendo quello che vuole. Si adatta benissimo alla vita

(5)

domestica, arrecando pochi problemi e disturbi; non è una razza che “sporca” tanto, ma quando succede, è necessario prendere le giuste decisioni e sgridarlo perché altrimenti non capirà dell’errore fatto, continuando a sporcare dentro casa. Ottimo guardiano attento ed intelligente con doti caratteriali uniche.

Informazioni sulla razza

Lo Zwergpinscher (Pinscher nano) deve essere un Pinscher in minatura, ma non deve

assolutamente presentare i difetti tipici del nanismo. Occhi troppo grandi e sporgenti, cranio troppo globoso, occipite molto sporgente, arti troppo corti denotano una degenerazione e non sono motivi di pregio.

La costruzione del Pinscher nano dev’essere un piccolo capolavoro di armonia di proporzioni:

sono difetti gravi una conformazione troppo leggera o troppo pesante e goffa. Anche la taglia è un’importante caratteristica, oscilla tra i 25 e i 30 cm al garrese per maschi e femmine.

E’ un cane che da moltissimo e che chiede poco in cambio ed è praticamente impossibile che diventi fastidioso o scomodo da gestire. Non solo perché è piccolo, ma e silenzioso e capace (grazie alla sua altissima sensibilità) di sparire quando si rende conto che in casa ci sono problemi importanti da risolvere. Questo non significa che sia un cane apatico, tutt’altro!

Quando è il momento di correre e giocare, il Pinscher nano si trasforma in un vero folletto allegro e iperattivo. In questi casi, solitamente, dà anche sfogo alle sue corde vocali: ma non è un insopportabile abbaione. Si fa sentire quando avverte un rumore sospetto (ha lo stesso istinto alla guardia del Pinscher e del Dobermann), ma è pronto a tacere se il suo amico umano glielo chiede, o se capisce do solo che non c’è nessun pericolo. Il suo carattere insieme alla piccola mole lo rende particolarmente adatto alla vita in appartamento.

Dimostra la sua energia e vivacità nel rincorrere uccellini, lucertole, mosce ed insetti volanti.

E’ divertentissimo vederlo balzare ad altezze spropositate tutto preso dal gioco. In assenza di vere prede, sarà felice di giocare insieme al suo amico umano con una pallina o uno straccio.

Il Pinscher nano, quando è ben allevato, è un cane molto robusto ma è sempre di taglia piccola e non bisogna imporgli sforzi eccessivi per le sue piccole ossa, anche se lui si sente un vero leone e non si ferma davanti a nulla

figura

Updating...

Riferimenti

Updating...

Argomenti correlati :