Top PDF La Fed controlla i tassi di interesse?

La Fed controlla i tassi di interesse?

La Fed controlla i tassi di interesse?

Preliminarmente, verrà introdotta la struttura della Banca Centrale Americana, fra cui i principali organi decisionali. Verrà, inoltre, descritto l’iter decisionale della Federal Reserve. L'oggetto di trattazione del secondo capitolo riguarda gli strumenti a disposizione dell’Autorità Monetaria utilizzati per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Si dimostrerà, inoltre, che le Autorità sono solite fissare degli obiettivi c.d. intermedi da raggiungere, i quali dovrebbero essere legati agli obiettivi finali e più generali. Il terzo capitolo si occupa di fornire un excursus storico in merito alle politiche monetarie passate attuate dalla Banca Federale. In particolare, in questo capitolo, si avrà modo di discutere in merito alle modalità con cui la relazione fra i tassi di interesse obiettivo e di mercato è variata. Il quinto capitolo si occupa dei contratti futures sul federal funds rate; in particolare viene studiata la loro capacità previsionale delle politiche economiche che verranno intraprese dalla Banca Centrale. Infine, nell’ultimo capitolo, verrà effettuata un’analisi empirica con i dati, in modo da valutare l'eventuale influenza della Banca Centrale, attraverso la fissazione del tasso obiettivo sugli altri tassi di mercato.
Mostra di più

78 Leggi di più

Spread dei tassi di interesse e dinamica dell'inflazione:   una  verifica empirica per l'euro area

Spread dei tassi di interesse e dinamica dell'inflazione: una verifica empirica per l'euro area

L'area geografica d'interesse per quest'analisi è circoscritta all'Europa (Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Olanda, Portogallo e Spagna) ed il range temporale è relativo agli anni 1991-2008. le stime che verranno effettuate riguarderanno l'intero campione con tre tipologie di tasso di interesse (di breve periodo, di lungo periodo e lo spread tra i due tassi):

40 Leggi di più

La parita tra i tassi di interesse: una verifica empirica

La parita tra i tassi di interesse: una verifica empirica

E’ stato quindi stimato un primo modello molto semplice che sarebbe servito a calcolare la relazione di lungo periodo da inserire poi in un modello MCE. Dopo aver testato i residui di questa stima siamo arrivati alla conclusione che l’ipotesi iniziale in cui si pensava che le variabili usate in questo lavoro fossero cointegrate era falsa, siamo perciò tornati sui nostri passi per cercare un modello adatto a verificare la parità dei tassi d’interesse. Questo è stato trovato in una riparametrizzazione del modello lineare dinamico generale (ADL), che offre tramite un semplice test di significatività su uno dei coefficienti la possibilità di convalidare l’ipotesi della teoria economica. Successivamente abbiamo aggiunto la specificazione dei modelli GARCH, così da considerare la presenza di eteroschedasticità all’interno delle variabili e, utilizzando un periodo campionario ristretto, abbiamo ristimato il modello per cogliere eventuali differenze dovute alla volatilità.
Mostra di più

32 Leggi di più

I contratti swap su tassi d'interesse: relazione di uno stage presso la Romiri Consulting

I contratti swap su tassi d'interesse: relazione di uno stage presso la Romiri Consulting

Gli accrual swap sono dei contratti dove gli interessi fissi maturano solo nel momento in cui il tasso variabile rimane tra gli estremi di un intervallo prefissato, se nella vita del con[r]

52 Leggi di più

Tasso di interesse a lungo termine e domanda aggregata: una verifica empirica per il regno unito

Tasso di interesse a lungo termine e domanda aggregata: una verifica empirica per il regno unito

determinazione degli investimenti produttivi e del consumo di beni durevoli è, teoricamente, quello a lungo termine. La teoria economica ci suggerisce che, in presenza di una di un una struttura a termine dei tassi di interesse stabile, tale tasso a lungo termine è ridondante una volta ŝŶƐĞƌŝƚŽŶĞůŵŽĚĞůůŽŝůƚĂƐƐŽĂďƌĞǀĞƚĞƌŵŝŶĞ;ĚŝĨĂƚƚŽ͕ů͛ĞůĞŵĞŶƚŽĐŚĞ ͞ĐĂƚƚƵƌĂ͟ ůĂ ĐƵƌǀĂ >DͿ͘  ƚĂůĞ ƉƌĞĚŝnjŝŽŶĞ ĚĞůůĂ ƚĞŽƌŝĂ ĞĐŽŶŽŵŝĐĂ supportata dai dati?
Mostra di più

52 Leggi di più

La modellizzazione dei depositi a vista nella gestione del rischio di tasso di interesse delle banche

La modellizzazione dei depositi a vista nella gestione del rischio di tasso di interesse delle banche

le variazioni del tasso di mercato sono positive o negative 12 , se il tasso di mercato è al di sopra o al di sotto di un certo livello, o ancora se i tassi di mercato sono negativi o positivi. Si potrebbe anche pensare di combinare la specificazione proposta nella tesi con uno dei fenomeni di asimmetria appena descritti. Inoltre, come già evidenziato, il modello proposto non tiene conto del ritardo con il quale le banche adeguano il tasso clientela alle variazioni dei tassi di mercato. Per fare ciò si potrebbero usare delle variabili esplicative ritardate o i “friction model”. Ciò, probabilmente, consentirebbe di cogliere meglio tutti i fenomeni che caratterizzano l’andamento dei tassi clientela. Per quanto riguarda il modello volumi, si potrebbe prendere in considerazione l’idea di lavorare con modelli non lineari, come proposto da Castagna A. e Manenti F., in grado forse di cogliere meglio tutte le dinamiche che guidano l’andamento dei volumi, e di utilizzare una variabile diversa dall’Euribor3m, come ad esempio il rendimento dei titoli di Stato italiani a più breve termine. Inoltre, per una stima più precisa, oltre a dividere la clientela tra retail e corporate, potrebbe essere opportuno fare una distinzione anche in base alle fasce di importo.
Mostra di più

88 Leggi di più

Differenze di comportamento tra bce e fed, una verifica empirica con regola di Taylor

Differenze di comportamento tra bce e fed, una verifica empirica con regola di Taylor

Scopo principale della Banca è quello di mantenere sotto controllo l’andamento dei prezzi mantenendo il potere d’acquisto nell’area dell’euro. La BCE esercita, infatti, il controllo dell’inflazione badando a contenere, tramite opportune politiche monetarie (controllando la base monetaria o fissando i tassi a breve), il tasso di inflazione di medio periodo ad un livello inferiore o prossimo al 2%. La regola adottata della BCE è una regola flessibile: l’obiettivo inflazionistico non è definito come un valore preciso ma inferiore o vicino al 2% inoltre, deve essere raggiunto nel medio periodo. La reazione della banca centrale risponde alle determinanti della variabile obiettivo e non alla variabile obiettivo stessa e ciò determina una maggiore efficienza della politica monetaria. I vantaggi di questa flessibilità sono: distinguere tra shock da domanda e shock da offerta sui prezzi, limitando le oscillazioni delle variabili reali dei tassi di interesse e lascia maggiori spazi per politiche anticicliche senza compromettere la fiducia dei mercati nella stabilità dei prezzi.
Mostra di più

31 Leggi di più

Legge di capitalizzazione semplice o lineare o regime interesse semplice

Legge di capitalizzazione semplice o lineare o regime interesse semplice

questi sono i tassi periodali che in generale si indicano con i k . Infine, salvo diverso avviso i tempi si conteggiano secondo l’anno commerciale composto da 360 giorni (12 mesi tutti di 30). Se l’esercizio richiede l’uso dell’anno civile si conteggiano i giorni di calendario ed ovviamente l’anno è di 365 giorni (o 366 se bisestile).

5 Leggi di più

Influenza della fed sulla ecb: una verifica empirica

Influenza della fed sulla ecb: una verifica empirica

Nel giugno 2007, il consiglio direttivo della banca centrale europea ha deciso a Francoforte una nuova stretta monetaria, alzando di un quarto di punto i tassi d’interesse d’Eurolandia. Il tasso di rifinanziamento principale sulle operazioni pronti contro termine è salito al 4%, quello marginale al 5% e quello sui depositi overnight al 3%. La Bce porta così il costo del denaro a livelli mai visti dopo gli attacchi al World Trade Center. Inoltre il divario fra il costo del denaro negli Usa ed in Eurolandia è sceso a 1.25%. Secondo l’Adusbef tale rialzo si farà sentire sopratutto per le famiglie con il mutuo sulla casa.
Mostra di più

45 Leggi di più

Tassi equivalenti

Tassi equivalenti

Si osservi che il tasso mensile equivalente in capitalizzazione semplice è 1% mentre in capitalizzazione composta è minore, 0.990 % , ciò è la conseguenza delle ipotesi base dei due regime: in quella composta gli interesse produrranno altri interessi nei periodi successivi, al contrario nella capitalizzazione semplice gli interessi sono infruttiferi.

4 Leggi di più

Spettroscopia ultraveloce applicata a materiali nanocompositi di interesse per il fotovoltaico

Spettroscopia ultraveloce applicata a materiali nanocompositi di interesse per il fotovoltaico

Di conseguenza, viene osservato un segnale positivo nello spettro ∆A nella regione di lunghezza d'onda di assorbimento dello stato eccitato ( ∆A ( λ ; τ ) > 0).. Anche in questo caso,[r]

45 Leggi di più

Legge di capitalizzazione composta o esponenziale o regime interesse composto

Legge di capitalizzazione composta o esponenziale o regime interesse composto

Supponiamo che alla fine di ogni periodo chiudiamo e immediatamente riapriamo il conto, così la banca sarà costretta a capitalizzarmi gli interessi. Alla fine del primo anno [r]

2 Leggi di più

Nuove metodologie di sintesi di composti eterociclici di interesse biologico con reazioni Pd-catalizzate

Nuove metodologie di sintesi di composti eterociclici di interesse biologico con reazioni Pd-catalizzate

A major improvement from a preparative point of view was demonstrated by Mizoroki, Heck and colleagues, who independently found that organic halides were suitable organopalladium prec[r]

120 Leggi di più

Polimeri a memoria molecolare per l’identificazione di substrati di interesse tossicologico nell’uomo

Polimeri a memoria molecolare per l’identificazione di substrati di interesse tossicologico nell’uomo

chimica, termica e meccanica significativamente minore dei MIPs. Ci sono oggi più di 500 molecole di interesse farmaceutico otticamente attive e la risoluzione delle soluzioni racemiche è una delle principali possibili applicazioni. Il primo MIP in questo campo fu realizzato per il Timolol (Fischer et al., 1991), inibitore dei recettori α- adrenergici, seguito dal Naproxen (Kempe and Mosbach, 1994), agente antinfiammatorio non steroideo e dall’efedrina, agonista adrenergico, (Ramström et al., 1996). Altri polimeri per separazioni chirali sono stati preparati per analiti importanti nella diagnostica medica e nei processi biotecnologici: aminoacidi, derivati di amminoacidi e peptidi, (Kempe and Mosbach, 1995), carboidrati (Mayes et al., 1994; Nilsson et al., 1995; Wulff and Haarer, 1991) e ormoni (Andersson et al., 1995). E’ stata verificata la possibilità di sfruttare la tecnologia dell’imprinting molecolare per estrazioni in fase solida per la purificazione di estratti. Nella prima applicazione in questo settore sono stati prodotti MIP specifici per atrazina da utilizzare su estratti di fegato di bue (Muldoon and Stanker, 1997). Questo tipo di sistema, ovvero “Molecularly Imprinted Solid Phase Extraction” (MISPE), permette così di separare analiti da campioni biologicamente complessi e potrebbe offrire una valida alternativa nelle fasi di pretrattamento per composti lipofili. Oltre alle tradizionali colonne cromatografiche sono stati sviluppati con i MIPs altri sistemi di separazione come la cromatografia a strato sottile (L-phenilalanina anilide, Kriz et al., 1994) e l’elettroforesi capillare (Nilsson et al., 1994). Una delle aplicazioni in questo senso è stata la polimerizzazione con la pentamidina (un farmaco usato nel trattamento delle affezioni AIDScorrelate, presente in concentrazioni fisiologiche nelle urine) quale molecola stampo (Sellergren, 1994).
Mostra di più

119 Leggi di più

Intermediate temperature solid oxide fuel cells fed with syngas: an evaluation of electrochemical phenomena

Intermediate temperature solid oxide fuel cells fed with syngas: an evaluation of electrochemical phenomena

The very fast degradation observed for the tar-fed sample has been related to the aggravated conditions in which the cell has been operated, rather than the concentration of toluene itself; in fact, the operating temperature of T = 650°C and the low steam content in the fuel stream are critical conditions for a cell operating with tar containing fuels. However, the measured degradation effects are expected to be exacerbated with higher concentrations of tar. Moreover, it is reported in literature that model tars, especially those with a low molecular weight, such as benzene and toluene, have an enhanced reactivity in forming carbon deposits, compared to the mixtures of tars typically contained in real product gasses from gasification of biomass 48, 96, 97 . It is worth noting that the sample operating with the clean simulated syngas (BC_syngas) operated for more than 1000 hours, at a higher current density, with an overall loss in the voltage of about 10%.
Mostra di più

157 Leggi di più

Chimica di specie fluorurate neutre e ioniche di interesse fondamentale, ambientale e applicativo

Chimica di specie fluorurate neutre e ioniche di interesse fondamentale, ambientale e applicativo

perfluorocomposti più estensivamente usati nell’industria elettronica; in tale settore industriale, negli ultimi decenni, si è avuto un impiego sempre maggiore di sostanze fluorurate, utilizzate nelle varie fasi di assemblaggio e pulizia dei semiconduttori. In particolare, il trifluoruro di azoto viene impiegato durante le fasi di etching e cleaning del processo produttivo dei semiconduttori. Anche il germanio gioca un ruolo fondamentale nell’industria elettronica: grazie alla sue proprietà di semiconduttore, esso è stato inizialmente utilizzato soprattutto per la costruzione dei transistor, ma nel tempo ha trovato impiego nelle fibre ottiche di reti di comunicazione, nei sistemi di visione agli infrarossi, nei catalizzatori di reazioni di polimerizzazione e nelle lampade fluorescenti. Gli studi sul germanio, condotti nell’ambito del presente lavoro, hanno in particolare permesso di caratterizzare le geometrie e le stabilità delle specie fluorurate, sia neutre che ioniche, di questo importante elemento, fornendo inoltre informazioni sulla reattività, finora poco conosciuta, delle specie ioniche. Notevole interesse desta inoltre una classe di composti organici a cui abbiamo dedicato attenzione: le perfluoroalcansolfonammidi. Queste sostanze vengono da lungo tempo impiegate in numerose applicazioni, che vanno dalla produzione di erbicidi e insetticidi a quella dei cosmetici, dei grassi, dei lubricanti, delle vernici e degli adesivi. Il nostro lavoro propone, in particolare, un insieme di reazioni che può aiutare a chiarire il meccanismo di degradazione di queste sostanze in atmosfera.
Mostra di più

182 Leggi di più

Metodologie di sintesi e caratterizzazione di materiali di interesse bioingegneristico a base di idrossia patite

Metodologie di sintesi e caratterizzazione di materiali di interesse bioingegneristico a base di idrossia patite

Il midollo che si trova nelle lacune del tessuto spugnoso di ossa piatte come costole, sterno e vertebre e nell’epifisi delle ossa lunghe, o midollo rosso, è sede della formazione dei[r]

270 Leggi di più

La recente direttiva sui diritti dei consumatori e l'impatto sui settori concernenti i servizi di interesse economico generale

La recente direttiva sui diritti dei consumatori e l'impatto sui settori concernenti i servizi di interesse economico generale

La tutela degli utenti nei settori in esame porta alla mente i tentativi, per lo più di stampo dottrinale, volti a riconsiderare la tradizionale nozione di soggetto debole e come tale meritevole di tutela. La letteratura in materia è vasta. Per una ricostruzione delle più recenti tendenze si veda: C. C ASTRONOVO , S. M AZZAMUTO , Manuale di diritto privato europeo, Milano, 2007, p. 270 ss.; F. M ACARIO , Dalla tutela del contraente debole alla nozione giuridica di consumatore comune, europea e costituzionale, in Obbligazioni e contratti, novembre 2006, p. 872. Tuttavia, deve rilevarsi come nei settori qui presi in esame la previsione di una specifica disciplina a tutela degli utenti, se pur ricollegabile alla liberalizzazione delle relative attività (e dunque alla trasformazione del rapporto con il fornitore in un rapporto di tipo contrattuale) sia comunque giustificabile in virtù della particolare natura dei servizi in esame, in quanto volti a soddisfare interessi di rilevanza generale. Al riguardo, significativo è quanto evidenziato da L. A LLA , Finanziamento degli obblighi di servizio pubblico e disciplina degli aiuti di stato: evoluzione della giurisprudenza e recenti innovazioni normative nella prospettiva dello State Aid Action Plan, cit., p. 7, ove si afferma che “I servizi di interesse economico generale, si differenziano, infatti, dalle altre prestazioni di attività economiche, perché in considerazione dei rilevanti interessi sociali connessi alla loro prestazione, l’esercizio dell’attività è improntata al rispetto di principi – ed al perseguimento di obiettivi – in parte diversi rispetto a quelli della logica del mercato e delle regole che presiedono al suo funzionamento. Questa indotta deviazione dalla sola logica del mercato può sostanziarsi, ad esempio, nell’obbligo di fornitura del servizio a predeterminati livelli di prezzo, secondo predefinite caratteristiche qualitative, in modo continuativo e con carattere di tendenziale universalità, e determina l’insorgenza di extracosti, la cui copertura può essere garantita attraverso molteplici modalità di intervento pubblico”. Al riguardo, afferma l’A., che tale natura composita ne fa una “fattispecie complessa” e che tale complessità di riverbera sul regime giuridico strutturandolo secondo canoni di più o meno difformità rispetto a quelli previsti per la altre attività economiche.
Mostra di più

202 Leggi di più

Alcune osservazioni sui tassi di occupazione e disoccupazione in Italia: un confronto fra dati ufficiali e risultati provenienti dall'indagine sui bilanci  delle famiglie italiane

Alcune osservazioni sui tassi di occupazione e disoccupazione in Italia: un confronto fra dati ufficiali e risultati provenienti dall'indagine sui bilanci delle famiglie italiane

“Nel complesso, queste informazioni mostrano che le famiglie italiane hanno rapidamente assimilato l’uso di carte di debito, credito o prepagate: nel 2014 ne erano titolari quasi i quattro quinti delle famiglie, da meno di un quinto nel 1989. Sebbene nel corso degli ultimi 25 anni questi strumenti si siano diffusi velocemente in tutte le fasce della popolazione, i loro tassi di adozione restano diversi: sono ancora più elevati di circa 20 punti tra le famiglie del Centro Nord rispetto a quelle del Mezzogiorno; di circa 30 punti sia tra le famiglie degli occupati rispetto a quelle dei pensionati sia tra quelle dei laureati rispetto a quelle dei meno istruiti.” [Banca
Mostra di più

47 Leggi di più

Show all 43 documents...