Modello di contatto fra componenti

Nel documento Progettazione e ottimizzazione strutturale di protesi dentali orientabili (pagine 57-64)

4.4: Aggiunta della cappetta semisferica sul punto di applicazione del carico

5.1. Modello di contatto fra componenti

Si è realizzato un modello esplorativo semplificato composto da due cubi a contatto.

Tramite il software Solidworks sono state realizzate le geometrie e il contatto tra esse.

Figura 5.1: modello esplorativo semplificato.

L’assieme è stato poi importato in ambiente Ansys Workbench. Insieme alle geometrie viene importata automaticamente la connessione esistente tra le due superfici a contatto dei cubi, connessione del tipo “Contact”. Da un’analisi delle tipologie di contatto realizzabili si sono identificate due opzioni che verranno studiate di seguito, il contatto “Contact” e il contatto “Joint”.

Si vuole ora comprendere in che cosa le due metodologie differiscano.

Il comando “Contact” corrisponde all’elemento CONTA174 in ambiente Ansys APDL. Il suo utilizzo esprime il contatto e lo scorrimento tra superfici tridimensionali e una superficie deformabile definita da questo elemento. Esso ha le caratteristiche geometriche dell’elemento solido a cui è

57

e tre rotazioni). A seconda del caso le varie componenti possono essere rese libere o vincolate (1).

Approfondendo la ricerca per quanto riguarda nello specifico i comandi utilizzati in ambiente Workbench risulta che considerando due superfici a contatto le due metodologie di connessione differiscano per la modalità di trasferimento dei carichi (2):

1) Contact: vengono posti degli elementi tra i singoli nodi e si realizzano delle connessioni estremamente localizzate. Le sollecitazioni sono trasmesse localmente su tutta la superficie.

Il contatto è di tipo nodo-a-nodo. A seconda della formulazione, si può avere penetrazione dei nodi all’interno della superficie target.

2) Joint: viene creato un punto sul centroide della superficie considerata per il contatto, e viene costruito un “ragno” di elementi verso tutti i nodi di ciascuna superficie coinvolta. Tutte le forze e i momenti passano attraverso il centroide. Non vi è, quindi, trasferimento di forze di tipo nodo-a-nodo.

Volendo visualizzare il differente comportamento delle due modalità di connessione, si sono svolte delle simulazioni che le concepissero entrambe separatamente.

Dopo aver importato il modello esplorativo semplificato in ambiente Ansys Workbench, si è scelto di mantenere in prima analisi il contatto importato automaticamente da Solidworks, quindi del tipo “Contact- Fixed” (fixed: non sono permessi gradi di libertà all’interfaccia). A entrambi i cubi è stato assegnato l’acciaio strutturale come materiale costitutivo.

_______________________________________________________________________________________

58

Si è realizzata una mesh quadrata di lato massimo pari a 5 mm. La struttura è stata vincolata tramite un incastro applicato ad una delle due superfici laterali, mentre il carico, di modulo pari a 300 N diretto lungo il verso negativo dell’asse Y, è stato applicato alla superficie superiore del cubo non vincolato. Si vuole simulare, quindi, una sollecitazione a flessione.

Figura 5.2: sistema di vincolo (blu) e carico (rosso).

La distribuzione delle tensioni, come atteso dalla teoria, risulta variabile lungo l’asse X (assiale) e Y (trasversale), costante invece lungo Z (ad eccezione della zona immediatamente prossima al vincolo).

Figura 5.3: tensione equivalente di Von-Mises utilizzando un contatto di tipo “Contact”.

Figura 5.4: spostamento risultante utilizzando un contatto di tipo “Contact”.

59

Figura 5.5: distribuzione della tensione lungo l'asse Z utilizzando un contatto di tipo “Contact”.

Il trasferimento dei carichi tra i due componenti appare continuo. La stessa simulazione è stata ripetuta rimuovendo il contatto importato automaticamente con la geometria e generando manualmente il contatto, sempre tramite l’opzione “Contact” e rimuovendo ogni grado di libertà all’interfaccia. Si vuole osservare se questo comporti dei cambiamenti.

Figura 5.6: selezione della superficie di contatto.

Non verranno riportati i risultati ottenuti, in quanto analoghi a quelli precedenti.

A questo punto si è modificata la tipologia di contatto utilizzando il vincolo multiplo “Joint”, sempre eliminando i gradi di libertà all’interfaccia. Al fine di avere un confronto visivo dei risultati, è stato replicato il sistema di vincolo e carico utilizzato nel caso precedente.

Ciò che si osserva differisce da quanto osservato in merito all’utilizzo dell’opzione “Contact”:

l’utilizzo del vincolo multiplo introduce una discontinuità nella distribuzione degli sforzi nelle tre direzioni.

_______________________________________________________________________________________

60

Figura 5.7: tensione equivalente di Von-Mises utilizzando un contatto di tipo "Joint".

Figura 5.8: spostamento risultante utilizzando un contatto di tipo "Joint".

a) b)

Figura 5.9: tensione risultanti lungo l'asse Z (a) e lungo l'asse Y (b) utilizzando un contatto di tipo "Joint".

Dalle figure 5.7 e 5.9 si può notare la discontinuità tensionale introdotta dal vincolo multiplo. In figura 62.b, in cui è rappresentata la distribuzione della tensione lungo l’asse Y (direzione di applicazione del carico), si osserva come all’interfaccia si generi una zona di trazione (giallo-arancione) sulla superficie superiore della struttura, a cui corrisponde una zona di compressione (blu) sulla superficie inferiore (la zona di compressione sulla superficie superiore del cubo di destra è dovuta all’applicazione del carico, e si manifesta anche nel caso di utilizzo di un contatto di tipo

“Contact”).

61

a) b)

Figura 5.10: tensione normale (lungo l'asse X) all'interfaccia, considerando un contatto di tipo "Joint". A) cubo vincolato. B) cubo caricato.

a) b)

Figura 5.11: tensione normale (lungo l'asse X) all'interfaccia, considerando un contatto di tipo "Contact". A) cubo vincolato. B) cubo caricato.

Preliminarmente sembrerebbe che l’opzione “Contact” produca l’effetto di unire i due cubi in un unico volume. Considerare l’interfaccia, quindi, mostrerebbe gli stessi risultati che si avrebbero analizzando un solido unico (di lunghezza 2L, con L pari al lato del cubo) a metà della sua lunghezza.

L’utilizzo di “Joint”, invece, produce una forte discontinuità tra i due. Mentre il cubo caricato (cubo di destra) mostra una distribuzione della tensione normale simile a quanto osservato con

_______________________________________________________________________________________

62

l’opzione “Contact” (una zona di trazione sulla porzione superiore e una zona di compressione sulla porzione inferiore), l’interfaccia del componente vincolato è sempre suddivisibile in una regione soggetta a trazione e una a compressione, con una particolare concentrazione degli sforzi verso i vertici della superficie.

Si è voluto osservare il comportamento delle due tipologie di contatto anche rispetto all’applicazione di un carico di compressione. Si è quindi applicata una forza di modulo pari a 300 N diretta lungo il verso negativo dell’asse X.

Figura 5.12: sistema di vincolo e carico di compressione.

Anche in questo caso il contatto di tipo “Contact” fa sì che l’applicazione del carico di compressioni comporti una risposta che si attenderebbe da un volume unico, mentre il contatto di tipo “Joint” mette in luce una chiara interfaccia tra i due componenti.

a) b)

Figura 5.13: tensione equivalente di Von-Mises (a) e tensione lungo l'asse X (b) considerando un contatto di tipo "Contact".

63

Figura 5.14: tensione equivalente di Von-Mises (a) e tensione lungo l'asse X (b) considerando un contatto di tipo "Joint".

In definitiva entrambe le metodologie di contatto dimostrano l’effettivo trasferimento dei carichi, e non si può ancora concludere quale delle due possa essere definita più corretta dell’altra.

Il fatto che nel caso del contatto di tipo “Contact” si osservi una risposta assimilabile a quella che si osserverebbe nel caso di un volume unico, però, potrebbe a pensare di prediligere un contatto di tipo “Joint”.

Nel documento Progettazione e ottimizzazione strutturale di protesi dentali orientabili (pagine 57-64)

Documenti correlati