• Non ci sono risultati.

Mutazioni somatiche di BRAF in pazienti affetti da melanoma maligno metastatico ed efficacia clinica degli approcci terapeutici a bersaglio molecolare con inibitori di BRAF

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "Mutazioni somatiche di BRAF in pazienti affetti da melanoma maligno metastatico ed efficacia clinica degli approcci terapeutici a bersaglio molecolare con inibitori di BRAF"

Copied!
1
0
0

Testo completo

(1)

Mutazioni somatiche di BRAF in pazienti affetti da melanoma maligno metastatico ed efficacia clinica degli approcci terapeutici a bersaglio molecolare con inibitori di BRAF

G. Ponti1, G. Pellacani5, L. Simi3, R. Depenni2, A. Spallanzani2, F. Gelsomino2, A. Pollio4, S.

Borsari5, A. Fabiano5, V.D. Mandel5, A. Tomasi1, G. Luppi2

1Università di Modena e Reggio Emilia,Dipartimento di Medicina Diagnostica, Clinica e di Sanità

Pubblica; 2Università di Modena e Reggio Emilia, Dipartimento di Oncologia; 3Università di

Firenze, Dipartimento di Fisiopatologia Clinica, Unità di Biochimica Clinica; 4Università di Napoli,

Dipartimento di Odontoiatria, Unità di Medicina Orale; 5Università di Modena e Reggio Emilia,

Clinica Dermatologica.

L’introduzione di terapie a bersaglio molecolare ha rivoluzionato la prognosi dei pazienti affetti da melanoma in stadio avanzato. Attualmente è possibile determinare lo status molecolare del melanoma analizzando geni quali C-KIT, BRAF ed N-RAS per la scelta di strategie terapeutiche mirate. Mutazioni di BRAF si riscontrano in circa il 50% dei melanomi: tra queste la V600E (c.1799T>A) e la V600K (c.1798_1799GT>AA) sono maggiormente frequenti e ben studiate nei pregressi protocolli di sperimentazione fase II/III con inibitori di BRAF. Questi ultimi (Dabrafenib e Vemurafenib) hanno dimostrato chiara efficacia nell’indurre risposte obiettive nel melanoma avanzato.

Con il presente lavoro presentiamo le preliminari valutazioni delle correlazioni tra tipologie di mutazioni somatiche del gene BRAF riscontrate in una coorte di melanomi in stadio IV e le risposte cliniche a tali inibitori selettivi.

A partire dal giugno 2011, 20 pazienti (11 M, 9F; età media 55 anni) affetti da melanoma stadio IV BRAF+ sono stati arruolati in protocolli terapeutici con Dabrafenib (150 mg 2 volte/die) o Vemurafenib (960 mg 2volte/die) presso l’Università di Modena e Reggio Emilia.

Il restaging strumentale della malattia veniva eseguito a 8 settimane dall’inizio della terapia.

Sono state riscontrate mutazione hot spot V600E in 19 pazienti, in due differenti pazienti sono state individuate le rare mutazioni V600M (c.1798G>A) e V600R (c.1790T>G). In un melanoma è stata evidenziata una doppia mutazione (V600E; V600M) ed il relativo paziente, trattato con Dabrafenib, ha presentato una rapida regressione delle importati lesioni metastatiche. In due casi la ricerca mutazionale in BRAF, risultata inizialmente negativa, è stata poi riscontrata in una successiva analisi.

I dati clinici preliminari evidenziano una risposta obiettiva già nelle primissime settimane di terapia, buona tolleranza con scarsi effetti collaterali sia nei pazienti con mutazioni V600E che in quelli con le rare mutazioni V600M e V600R. Il periodo di sopravvivenza medio libero da progressione dei 15 pazienti con follow-up di almeno 8 settimane è stato di 7 mesi.

In 9 pazienti persiste la risposta terapeutica ad oggi.

La doppia mutazione di BRAF potrebbe costituire un fattore prognostico positivo per la risposta agli inibitori di BRAF. Nei casi negativi alla ricerca mutazionale, dovrebbe essere routinariamente impiegate indagini più approfondite atte ad evidenziare non solo la presenza della comune V600E ma anche delle varianti meno comuni degli esoni 11 e 15.

Riferimenti

Documenti correlati

Si defnisce ittero la colorazione giallastra della cute e delle mucose dovuta ad accumulo di bilirubina Si chiama sub-ittero un aumento della bilirubina plasmatica a cui corrisponde

Se la Recherche fa ancora parte di una linea platonica e poi romantica per la quale esiste un’opposizione tra autenticità del soggetto e maschera sociale che la

Busta viola per bimbi tra 8 e i 11 kg Maschera Facciale n°1-2 Lama Laringoscopio n°1 Cannula di Mayo 0-1 Maschera laringea n°1.5 Tubo Tracheale n°4 non cuff Sondini Aspirazione 8

The proper way to approach the study of the allowed parameter space of supersym- metric models, in light of the current LHC constraints, is to perform a global likelihood

Locations of EREs identified by MatInspector analysis are shown by green circles, eNOS peaks identified by MACS are shown by boxes (blue C27IM_NT, red C27IM_E2) and primers

Sommario: Introduzione. Il modello tradizionale: l’amministrazione come mera “esecutrice” del diritto nel rispetto del principio di legalità. Il progressivo superamento

di quei profili di concreta offensività che costituiscono la chiave di volta della declaratoria di incostituzionalità. In merito alla pretesa esistenza di effetti

Autostima familiare, interpersonale e scolastica e vissuti di progettualità Dopo aver analizzato i profili dell'autostima dei soggetti ed esplorato le loro