• Non ci sono risultati.

E … 10! … candeline con regalo

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "E … 10! … candeline con regalo"

Copied!
2
0
0

Testo completo

(1)

I 2008, VOL 4, N. 10 ISSN 2279-9001

EDITORIALE

E … 10! … candeline con regalo

Federico Batini, Direttore LLL

E … 10! … candeline con regalo.

Inauguriamo, con questo numero, il quarto anno della nostra Rivista e festeggiamo il numero 10. Al momento del primo numero, nel 2005, nessuno dei componenti della Redazione avrebbe cre-duto di arrivare così lontano e con una regolarità così assidua. Vogliamo ringraziare per questo tutti coloro che, negli anni, si sono avvicendati nella Redazione, l’intero Comitato Scientifico, e il Forum per l’Educazione degli Adulti che ha creduto, da subito, nel progetto di una Rivista che fosse in grado di far dialogare la ricerca con l’azione sul campo. Il crescente consenso che la Rivi-sta ha incontrato ci ripaga dello sforzo che abbiamo sostenuto per mantenere alto il livello e co-stante la puntualità di uscita.

I numeri si sono succeduti, grazie al contributo di molti, ospitando contributi davvero rilevanti provenienti da tutto il mondo, anche questa, ci piace credere, è una delle caratteristiche che hanno reso questa Rivista un’esperienza unica nel panorama italiano.

Negli anni, ad oggi, un solo numero ha visto la Rivista affiancare, alla versione on line, un edizio-ne cartacea, eppure la costante attenzioedizio-ne, il rilevante patrimonio di contributi e collaborazioni, lo sguardo capace di cogliere le dimensioni internazionali così come le piccole esperienze di buone pratiche locali, hanno fatto sì che l’attenzione anche del mondo scientifico attorno alla Rivista po-tesse crescere. Per questo siamo orgogliosi di annunciare che, proprio da questo numero, alla Ri-vista on line sarà affiancata un’edizione cartacea, che conterrà una parte del monografico ed alcu-ne rubriche, che potranno anche variare. La versioalcu-ne cartacea dunque, nata grazie alla collabora-zione con l’editore Transeuropa, non sarà una copia della versione on line, ne costituirà una parte soltanto, a volte con approfondimenti. Le due versioni dunque, conserveranno una loro identità ed autonomia. Miglior regalo per i 10 numeri non potevamo farcelo.

La Rivista on line manterrà l’esclusiva di alcune rubriche e il proprio carattere di assoluta gratui-tà, ma sarà affiancata da un’edizione cartacea che ospiterà la parte monografica di ogni numero ed un paio di rubriche.

Questo numero: le competenze un linguaggio definitivo?

In questo numero affrontiamo, con contributi davvero significativi, il tema delle competenze. Le competenze hanno conosciuto negli ultimi anni, un esplosione di interesse, inutile ricordare i diversi passaggi, anche normativi, che a livello internazionale, in Europa e in Italia hanno reso così di prepotente attualità questo tema.

Sembrano, ad oggi, essere il linguaggio con il quale i mondi della formazione, dell’istruzione, del lavoro potranno trovare un codice comune di dialogo e interscambio, di fecondazione reciproca. I processi attorno all’esplorazione, individuazione, validazione e certificazione delle competenze riescono, almeno negli intenti, a favorire un grado di maggiore democrazia negli apprendimenti, riescono a valorizzare ciò che ognuno sa e sa fare, indipendentemente dal luogo, dal tempo e dal-la modalità con dal-la quale ha appreso. Non esistono competenze formali, non formali e informali, esistono luoghi e modalità di apprendimento che corrispondono a questi tre mondi, non esistono competenze di serie A e serie B, una competenza è una competenza, ovunque e comunque sia sta-ta acquisista-ta. Le competenze potrebbero allora porsta-tarsi dietro un porsta-tato positivo in termini di uguaglianza ed accesso, particolarmente rilevante nel campo dell’educazione degli adulti per il

(2)

II 2008, VOL 4, N. 10 ISSN 2279-9001

quale, finalmente, l’esperienza lavorativa, associativa, esistenziale dei soggetti potrebbe trovare una traduzione in termini di riconoscimento, una vera e propria restituzione.

La competenza, concettualmente, sposta l’asse dal processo di insegnamento al processo di ap-prendimento ed anche questo può costituire un vantaggio non irrilevante, pensando alla signifi-catività ed all’efficacia dei nostri sistemi di istruzione (nella logica di mettere, al centro di tutto, il soggetto in apprendimento, chiunque esso sia ed a qualsiasi livello e momento della sua esistenza si trovi).

Le competenze però, è bene ricordarlo, possono anche costituire un pericolo, orizzontando i siste-mi di istruzione e formazione eccessivamente in direzione del mondo del lavoro, accettando e fa-cendo proprio un equivoco gravissimo: il mondo del lavoro è orientato al presente ed al profitto, i sistemi di istruzione e formazione debbono, giocoforza, essere orientati al futuro ed all’empower-ment dei soggetti. E’ bene ricordare che agire in una direzione o nell’altra non è un’opzione neu-tra, e che le due opzioni, malgrado i tentativi di “aggiustamento” possono, davvero essere in con-flitto, compiere l’una o l’altra scelta, in definitiva, significa agire in direzione della democrazia e delle opportunità per tutti o del determinismo e della conservazione.

Ci sembra dunque, sin da ora, il momento di segnalare un importante appuntamento a questo proposito: ad ottobre 2008 si terrà il IV Convegno Internazionale sul Diritto all’apprendimento, appuntamento biennale organizzato da Cofir, l’argomento messo a tema da questo convegno sarà proprio: Competenze e diritto all’apprendimento.

Riferimenti

Documenti correlati

Nell’ambito della riforma del lavoro (Jobs Act) il Governo ha previsto che le dimissioni volontarie dei lavoratori dipendenti del settore privato, così come la

N el marzo del 1291 un tale Pantaleone da Matera si rivolge con una missiva al Re di Napoli Carlo II d’Angiò, e gli chiede se il pane biscottato che gli aveva ordinato

I sentimenti, dunque, rilevano nel diritto (su tutti, l’amore è fondamento giuridicamente rilevante della dimensio- ne relazionale, stigmatizzato nei principi di dignità e di

Carta del Rischio, sviluppata sulla base dell’omonimo sistema dell’Istituto Centrale per il Restauro (ICR) del MiBAC dal quale ha mutuato l’impostazione generale specializzandola

Una licenza d'uso per opere creative è in sostanza un documento con cui il titolare dei diritti regolamenta l'utilizzo della sua opera e ne autorizza (alcuni) usi. licenziante

che gli assegnatari hanno richiesto, ai sensi della normativa sopracitata, la rideterminazione ora per allora, dei canoni di locazione, relativi a vari bienni , comprensivi

che gli assegnatari hanno richiesto, ai sensi della normativa sopracitata, la rideterminazione ora per allora, dei canoni di locazione, relativi a vari bienni , comprensivi

L’ente che gestisce un tratto di autostrada conserva sale a sufficienza per eliminare un tratto di 80 pollici di neve.. Supponiamo che la quantit` a di neve che cade al giorno sia