Sabato Maria Madre di Dio. Lunedì. Domenica SS. Nome di Gesù. Martedì. Mercoledì S. Mario m. Lunedì S. Genoveffa. Giovedì S.

14  Download (0)

Full text

(1)
(2)

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 11 ore 18,03 ore 16,53 Giorno 17 ore18,03 ore 16,59 Giorno 13 ore18,01 ore 17,06

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore17,58 ore 17,13 Giorno 25 ore17,53 ore 17,21 Giorno 31 ore17,48 ore 17,30

1

2

Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica

Maria Madre di Dio

SS. Nome di Gesù

S. Genoveffa

S. Ermete

S. Amelia

Epifania del Signore

S. Raimondo di P.

S. Massimo

Battesimo del Signore

S. Aldo

S. Igino papa

S. Modesto m.

S. Ilario

S. Felice

S. Mauro ab.

S. Marcello papa

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

3

2

3

4

5

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì

S. Antonio ab.

S. Liberata

S. Mario m.

S. Sebastiano

S. Agnese

S. Vincenzo m.

S. Emerenziana

S. Francesco di Sales

Conv. di S. Paolo

Ss. Tito e Timoteo

S. Angela Merici

S. Tommaso d’Aquino

S. Costanzo

S. Martina

S. Giovanni Bosco

17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

1

5

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria

... Il breve tragitto dalla Cappelletta e dalla Rotonda della

“passeggiata lunga” (diventata, col passare degli anni, prima Viale Regina Elena poi, altre idealità prevalendo, corso Italia) ci menava proprio davanti alle caserme con lo spettacolo del via vai della truppa, gli ufficiali di picchetto nelle loro ricche divise, la banda azzurra

ad armacollo, le sortite del trombettiere modulatore di note dai significati arcani, le lunghe teorie di carrette militari o di autocarri diretti al poligono, o di là rientranti.

Le nostre donne si scambiavano indecifrabili segni d’intesa, alla vista di un’anziana matrona che conduceva la figlia ultratrentenne a zonzo su e giù dai Quartieri, sussurrandole di quando in quando: “Su colla vita, cara... il tenente,

ecco il tenente...”

Erano passati lunghi anni, ma Imeneo persisteva nell’inesorabile pollice verso.

(3)

6

7

Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì

S. Verdiana

Presentazione del Signore (Candelora)

S. Biagio

S. Gilberto

S. Agata

S. Paolo Miki

S. Teodoro m.

S. Girolamo Emiliani

S. Apollonia

Ss. Arnaldo e Scolastica

N.S. di Lourdes

S. Eulalia

Ss. Fosca e Maura

S. Valentino

Ss. Faustino e Giovita

S. Giuliana v.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

3

2

8

9

Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì

S. Donato

Ss. Giulia e Simone

S. Mansueto

S. Eleuterio - Settuagesima

S. Pier Damiani

S. Margherita

S. Renzo

S. Edilberto re

S. Cesario

S. Romeo

S. Leandro - Sessagesima

S. Romano abate

17 18 19 20

21 22 23 24 25 26 27 28

1

5

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 11 ore 17,46 ore 17,31 Giorno 17 ore17,39 ore 17,40 Giorno 13 ore17,31 ore 17,48

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore17,22 ore 17,57 Giorno 25 ore17,12 ore 18,05 Giorno 28 ore17,07 ore 18,10

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria

Costeggiando la parrocchiale di San Pietro, ci

giungevano il salmodiare d’una messa in terzo e le note gutturali delle Orfanelle impegnate ad assassinare il Dies Irae o il De profundis, stupendi quando il gregoriano viene eseguito a regola d’arte, ma roba da processo in bocca alle povere ragazzine e anche al panciuto vice parroco, impareggiabile riformatore del salterio e dei canti liturgici in genere: il suo Ite, missa est gridava vendetta al cospetto di Dio e degli uomini.

Sul piccolo sagrato era di stanza la bancarella di due sorelle, rugose e stagionate anzichenò, certe Simangi (i soprannomi erano allora assai in voga) e qui, volenti o nolenti, le nostre madri dovevano spendere almeno un decino, fosse di liquirizia o di tiramolla, lontana parente della moderna chewing-gum.

E d’un tratto eravamo alla piazzuola del mercato Carenzi, che tutti chiamavano de è perzôn, collocato com’era, proprio sotto le celle del carcere mandamentale.

La piazza era una tavolozza dai colori smaglianti,

un rimbalzare di grida e di richiami, un agitarsi di grembiuli e di foulards; dietro i banchi, tipi da galleria,

A cominciare dalla Juma calàje, che volendo magnificare l’ottimo prezzo delle pere o delle patate novelle, berciava appunto ai quattro venti, A juma calàje (abbiamo

ribassato il prezzo!)

REALE FIORENZO srl Strada del Turchino 20 Tel. 0143.78250 - Fax 0143.73523

15067 NOVI LIGURE (AL) - Italy info@realefiorenzo.it

PRAGA SERVICE REAL ESTATE

SERRAVALLE SCRIVIA

Se esposto al pubblico regolarizzare agli effetti imposta Comunale Pubblicità e Diritti pubbliche affissioni. (D.P.R. N. 639 del 26-10-1972)

(4)

10

11

Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì

S. Giusto

S. Basilio

S. Tiziano

Ss. Casimiro e Lucio

S. Adriano

S. Marziano - Quinquagesima

Ss. Perpetua e Felicita

s. Giovanni di Dio

Le Sacre Ceneri

S. Simplicio papa

S. Costantino

S. Luigi Orione

I di Quaresima

S. Matilde regina

S. Luisa

S. Eriberto

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

11 12 13 14 15 16

3

2

12

13

Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì

S. Patrizio

S. Cirillo di G.

S. Giuseppe - Festa del papà

II di Quaresima

S. Benedetto

S. Lea

S. Fedele

S. Romolo

Annunc. del Signore

S. Teodoro

III di Quaresima

S. Sisto III papa

S. Secondo m.

S. Amedeo

S. Beniamino m.

17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

31

1

5

2009

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 11 ore 17,06 ore 18,11 Giorno 17 ore16,55 ore 18,19 Giorno 13 ore16,44 ore 18,27

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore16,33 ore 18,34 Giorno 25 ore16,20 ore 18,42 Giorno 31 ore16,10 ore 18,50

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria

...al bar della Beppa ci si impuntava come muli ché ci venisse comprato un gelatino.

Con due soldi ce ne davano una bella porzione, crema e cioccolato, e non rompessimo più l’anima alla genitrice che di cavare spiccioli ne aveva fin sopra i capelli.

Il nostro cane, il vecchio Cili, ci seguiva caracollando e si doveva far finta di niente e che la brava bestiola non ci appartenesse, ogni volta che, davanti ai negozi di frutta e verdura, si

abbandonava a fulminee irrorazioni che facevano schizzare i bottegai di dietro il banco, rossi di collera e prossimi all’infarto.

Gli effluvi della rosticceria della Tuera, poco prima del passaggio ferroviario, avvertivano il potenziale cliente che la farinata era pronta nel teglione di rame: c’era da farne un’indigestione per la tenue moneta di lire 0,50.

Ai due tavolini, unico arredo nel breve spazio a ridosso del bancone, stazionavano rari avventori, il viso chino sul piatto, il mezzo litro a portata di mano, mentre nel forno il crepitio dei sarmenti creava l’impressione di anime che dolorosamente levassero lamenti...

(5)

14

15

Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato

S. Ugo v.

S. Francesco di Paola

IV di Quaresima

S. Isidoro v.

S. Vincenzo Ferrer

S. Celestina

S. Giovanni B. La Salle

S. Alberto Dionigi

S. Maria Cleofe

V di Quaresima

S. Stanislao v.

S. Giulio I papa

S. Ermenegildo

S. Ignazio

S. Annibale

S. Bernadette

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

3

2

16

17

Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato

Le Palme

S. Galdino v.

S. Emma

S. Adalgisa v.

S. Anselmo

S. Leonida

S. Giorgio m.

Pasqua di Resurrezione

dell’Angelo - Festa della Liberazione

Ss. Marcellino e Cleto

Ss. Ida e Zita

S. Valeria

S. Caterina da Siena

S. Pio V papa

17 18 19 20

21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

1

5

2009

Sergio Fava - Pasqua in “Raume Tobbio” - Tecnica mista

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 11 ore 16,08 ore 18,50 Giorno 17 ore15,54 ore 19,09 Giorno 13 ore15,42 ore 19,10

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore15,31 ore 19,19 Giorno 25 ore15,20 ore 19,27 Giorno 30 ore15,13 ore 19,34

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria

Se esposto al pubblico regolarizzare agli effetti imposta Comunale Pubblicità e Diritti pubbliche affissioni. (D.P.R. N. 639 del 26-10-1972)

Poi venne la guerra e con essa i giorni tetri della fame, dei bombardamenti, del massacro.

Anche Novi pagò il suo tributo di sangue, ebbe i suoi morti, i suoi deportati e le bombe distrussero, nel luglio del ’44 e nell’aprile del ’45, decine e decine di case ed opifici.

Quando i Partigiani liberarono la città, ci furono cortei e festeggiamenti.

La gente sembrava impazzita: s’era chiusa la tetra parentesi della guerra e i figli erano tornati a casa.

Non tornarono quelli della Benedicta, disgraziati, massacrati lassù, tra il Tobbio e le Capanne di Marcarolo,

oppure deportati in Germania, e fu ancor peggio.

(6)

18

19

20

Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì

Festa dei lavoratori - S. Giuseppe art.

S. Cesare

Ss. Filippo e Giacomo ap.

Ss. Silvano e Nereo

S. Pellegrino m.

S. Giuditta m.

S. Flavia

S. Vittore m. - festa della mamma

S. Gregorio v.

S. Antonino

S. Fabio m.

S. Rossana

B.V.M. di Fatima

S. Mattia ap.

S. Torquato

S. Ubaldo v.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

11 12 13 14 15 16

3

2

21

22

Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì

S. Pasquale Bylon

S. Giovanni I papa

S. Celestino V papa

S. Bernardino da Siena

S. Vittorio m.

S. Rita da Cascia

s. Desiderio v.

Beata V. Maria Ausiliatrice

S. Gregorio VII papa

S. Filippo Neri

S. Agostino

S. Emilio m.

S. Massimino v.

S. Felice I papa

Visitaz. B. Maria Vergine

17 18 19 20

21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

1

5

2009

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 11 ore 15,11 ore 19,35 Giorno 17 ore15,02 ore 19,43 Giorno 13 ore14,55 ore 19,49

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore14,48 ore 19,55 Giorno 25 ore14,43 ore 20,01 Giorno 31 ore14,39 ore 20,06

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria

A volte ci spingevamo sino alla

Maddalena, per vedere i Giudei di Don

Beniamino, quel santo prete.

Eravamo rapiti dietro le lance dei soldati romani e la coppa di unguento di

Giovanni d’Arimatea... Il venerando rettore teneva la

commemorazione di San Prospero, compatrono della città di Novi e s’infervorava nel panegirico: ... E che dire delle gesta ipiche dei martiri? Della passione e morte di nostro Signore, incarnatosi purtroppo per salvarci? Se fosse tornata

l’inquisizione, l’avrebbero condannato al rogo, povero don Beniamino, così semplice e serafico, con quel suo chiodo fisso della casa di riposo ...per uomini e donne, d’ambo i sessi...

Sarebbe morto, ultranovantenne, senza un baiocco, dopo aver realizzato un soggiorno per anziani, la sua Piccola Casa, tra le più belle e razionali della nostra provincia.

Ai piedi dell’altare del Compatrono, andavamo in oca davanti al bozzetto ligneo dell’antica Novi, rinserrata tra sue mura fitte di «dominioni», le quattro porte ben chiuse a tener lontani i vicini pericolosi, a cominciare da quelli di Pozzolo.

(7)

23

24

Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì

S. Giustino

S. Marcellino - Festa della Repubblica

S. Carlo Lwanga e compagni

S. Quirino v.

Ascensione del Signore

S. Norberto v.

S. Roberto v.

S. Medardo v.

Ss. Efrem, Siro e Primo

S. Diana

S. Barnaba ap.

Pentecoste

S. Antonio da Padova

S. Eliseo

S. Germana

S. Aureliano

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

11 12 13 14 15 16

3

2

25

26

Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì

S. Gregorio B.

S. Marina

Santissima Trinità

S. Ettore

S. Luigi Gonzaga

S. Paolino da Nola

S. Lanfranco v.

Nat. S. Giovanni Battista

S. Guglielmo ab.

Corpus Domini

S. Cirillo d’Alessandria

S. Attilio conf.

Ss. Pietro e Paolo

Ss. Primi Martiri

17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

1

5

2009

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria

Se esposto al pubblico regolarizzare agli effetti imposta Comunale Pubblicità e Diritti pubbliche affissioni. (D.P.R. N. 639 del 26-10-1972) IL SOLE Sorge Tramonta

Giorno 11 ore 14,38 ore 20,06 Giorno 17 ore14,36 ore 20,09 Giorno 13 ore14,35 ore 20,12

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore14,35 ore 20,13 Giorno 25 ore14,36 ore 20,14 Giorno 30 ore14,38 ore 20,14

Novi è nota nel mondo soprattutto per i due

Campionissimi del ciclismo: Costante Girardengo e Fausto Coppi.

Il primo, originario di Novi, il secondo, novese d’adozione, dimorò a

Novi pressoché tutta la vita.

Una delle abitazioni di Girardengo è la villa che si trova

all’incrocio tra via Garibaldi e via Trieste. Fausto Coppi invece dimorò nella villa di viale Rimembranza con la moglie Bruna Ciampolini e la figlia Marina, fino a quando si trasferì nella nuova dimora di via Serravalle con Giulia Occhini, la Dama Bianca, che gli diede il figlio Faustino Angelo.

(8)

27

28

Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

3

2

1

29

30

5

3

2009

Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica

S. Alessio conf.

S. Federico

S. Giusta

S. Elia profeta

S. Lorenzo da B.

S. Maria Maddalena

S. Brigida

S. Cristina

S. Giacomo ap.

Ss. Anna e Gioacchino

S. Liliana

S. Nazario

S. Marta

S. Pietro Crisologo

S. Ignazio di Loyola

17 18 19 20

21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Sacro Cuore di Gesù

Cuore Immacolato di Maria

S. Tommaso ap.

S. Elisabetta di P.

S. Antonio M.Z.

S. Maria Goretti

S. Claudio

S. Adriano

S. Armando

S. Vittoria

S. Benedetto da Norcia

S. Fortunato m.

S. Enrico imperatore

S. Camillo de Lellis

S. Bonaventura

Beata Vergine del Carmelo

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria IL SOLE Sorge Tramonta

Giorno 11 ore 14,38 ore 20,14 Giorno 17 ore14,41 ore 20,12 Giorno 13 ore14,44 ore 20,09

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore14,49 ore 20,05 Giorno 25 ore14,55 ore 19,59 Giorno 31 ore15,01 ore 19,52

La Piazza della Collegiata fu sede di importanti avvenimenti. Di lì passò anche Napoleone, il 6 luglio 1805.

Era il mese di luglio.

L’Imperatore passò una prima volta nella nostra città per recarsi a Genova dove, tra grandi feste, si accompagnava il passaggio del territorio ligure all’Impero francese.

A cerimonie finite, Napoleone ripartì da Genova alla volta della Francia. Il 6 luglio fu a Novi.

Un cronista scrisse così riguardo al

suo frettoloso passaggio: “Oggi, sabato 6 luglio, all’ore 8 astronomiche, è ripassato da questa città l’Imperatore di Francia Napoleone che si era portato a Genova il 29 giugno ed i Signori Capitolari vestiti con cappa sono stati sulla porta della chiesa per riceverlo in caso che avesse voluto entrarvi.

Ma essendo lui passato in fretta non entrò e furon così dispensati dalle ulteriori cerimonie dal suo Cerimoniale prescritte”…

La carrozza passò senz’altro sotto l’arco di porta Cavanna, transitò davanti alla chiesa della Collegiata (sulla soglia della cui porta era schierato il capitolo in grande pompa); poi, probabilmente dopo il cambio dei cavalli, riprese il suo andare per la contrada “Girardenga” ed imboccò la strada che lo conduceva ad Alessandria verso le Alpi da valicare.

Qualcuno crede ancora che Napoleone si fosse addirittura fermato a piantare gli alberi davanti la chiesa della Pieve, ma la fretta di questo suo secondo passaggio fa pensare che essi siano stati là interrati da qualche agricoltore del circondario.

Giuseppe Girardengo - Porta Genova o Porta della Cavanna

(9)

31

32

33

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì

S. Alfonso de L.

S. Eusebio

S. Lidia

S. Domenico di G.

Madonna della neve

Trasfigurazione del Signore

S. Gaetano da T.

S. Domenico

Ss. Fermo e Romano

S. Lorenzo m.

S. Chiara d’Assisi

S. Giuliano

S. Ippolito

S. Alfredo

Assunzione di Maria Vergine

S. Rocco

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

11 12 13 14 15 16

2

1

34

35

Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì

S. Giacinto

S. Elena imperatrice

S. Ludovico

S. Bernardo ab.

S. Pio X papa

B.V. Maria Regina

S. Rosa da Lima

S. Bartolomeo ap.

S. Ludovico re

S. Alessandro m.

S. Monica

S. Agostino

Martirio S. Giovanni B.

S. Faustina

S. Aristide

17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

31

5

3

2009

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria IL SOLE Sorge Tramonta

Giorno 11 ore 15,02 ore 19,50 Giorno 17 ore15,08 ore 19,43 Giorno 13 ore15,16 ore 19,33

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore15,24 ore 19,23 Giorno 25 ore15,32 ore 19,12 Giorno 31 ore15,41 ore 19,01

Se esposto al pubblico regolarizzare agli effetti imposta Comunale Pubblicità e Diritti pubbliche affissioni. (D.P.R. N. 639 del 26-10-1972)

...La gente si assiepava ai lati delle strade, parte in religioso atteggiamento, parte per mera curiosità.

C’erano dei tipi buffi immancabilmente presenti alla processione del 5 agosto, come Mariôn, una vecchietta dall’età indefinibile, patita del gioco del lotto ed esperta nell’interpretare i sogni.

Procedeva caracollando, col moccolo in mano, la corona del rosario appesa al collo, come un abitino, biascicando

paternostri, tratto tratto fermandosi ad aggiustarsi le scarpe sbilenche che le uscivano dai piedi.

La marmaglia se la godeva e le faceva il verso; un ragazzotto impertinente, con una pedatina calcolata al millimetro, calciava a lato la scarpa della poveretta e allora sì che i gloriapatri si tramutavano in pittoresche reprimende...

Le figlie di Maria cercavano di coprire i lazzi alzando il volume di Mira il tuo popolo; intanto Mariôn aveva recuperato la peripatetica calzatura e poteva riacciuffare le compagne di viaggio, sforzandosi di darsi contegno, tutta accesa in viso.

(10)

36

37

Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

S. Egidio ab.

S. Elpidio v.

S. Gregorio m.

S. Rosalia

b.m. Teresa di Calcutta

S. Umberto

S. Regina

Natività B. Vergine Maria

S. Sergio papa

S. Nicola da Tolentino

Ss. Proto e Giacinto

SS. Nome di Maria

S. Giovanni Crisostomo

Esaltazione della S. Croce

B.V. Maria Addolorata

Ss. Cornelio e Cipriano

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

2

1

38

39

Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

S. Roberto B.

S. Sofia m.

S. Gennaro v.

S. Eustachio

S. Matteo Evangelista

S. Maurizio m.

S. Pio da Pietralcina

S. Pacifico

S. Aurelia

Ss. Cosimo e Damiano

S. Vincenzo de Paoli

S. Venceslao m.

Ss. Michele, Gabriele, Raffaele

S. Girolamo dott.

17 18 19 20

21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

5

3

2009

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria IL SOLE Sorge Tramonta

Giorno 11 ore 15,43 ore 18,59 Giorno 17 ore15,52 ore 18,47 Giorno 13 ore16,01 ore 18,34

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore16,11 ore 18,22 Giorno 25 ore16,21 ore 18,10 Giorno 30 ore16,29 ore 17,59

Michelangelo Mori - da attento estimatore delle cose novesi quale fu – ci ha lasciato molte informazioni sulle fontane di Novi.

La fontana di Piazza Collegiata (o del sale) è la più antica di tutte, essendo stata ultimata nell’anno 1823, e curiosa è la storia della sua costruzione.

Nell’aprile del 1814, dopo aver sconfitto i Francesi in Germania, conquistato Parigi, esiliato all’Elba Napoleone Bonaparte, l’esercito confederato compo- sto dagli Inglesi e dai loro alleati, comandato da Lord Bentink, conquistava Genova. Il 18 aprile, raggiunta Voltaggio, si apprestava a dare l’assalto al Forte di Gavi, ancora in mano ai Francesi. Il Comandante della guarnigione gaviese, mandò a Novi un reparto di soldati con l’ordine di prelevare 200 quintali di sale da un deposito che i Francesi vi avevano creato, per approvvigionare il Forte che di lì a poco sarebbe stato preso d’assedio. I Novesi si rifiutarono però di soddisfare le pretese dei Francesi..

Tuttavia la gente di Novi non poté rallegrarsi a lungo per aver acquisito quel cospicuo deposito. Infatti il 25 aprile entrarono in città le truppe inglesi che provvidero subito a sequestrare il deposito del sale e quello del tabacco.

Alle rimostranze degli Amministratori novesi rispose la Commissione britannica delle prede di guerra, la quale assicurava i Novesi che sarebbe stato loro versato un congruo risarcimento tratto dal ricavato della vendita del sale e del tabacco.

La riscossione di quel premio suggerì l’idea di rammodernare l’acquedotto civico e di costruire una fontana di marmo che desse decoro alla Piazza della Collegiata. I lavori di rifacimento dell’acquedotto si conclusero nel 1816, e subito dopo si affidò l’incarico dell’ideazione della fontana all’architetto Cervetto di Genova, che presentò alcuni progetti e fu prescelto quello che proponeva una vasca circolare con al centro un basamento sormontato dalla figura di un pastore dalla cui zampogna s’innalzava un zampillo. Appoggiate al bacino maggiore vi erano due vasche sormontate da due mascheroni muniti di rubinetto, affinché si potesse attingere acqua. In seguito vennero aggiunte due fontanelle a getto continuo, così che i passanti potessero dissetarsi. La realizzazione dell’opera, affidata allo scultore Giuseppe Gaggini, iniziò nel 1820 e si conclusero tre anni più tardi. L’acqua dissetò i Novesi fino all’agosto del 1936, quando fu dichiarata non potabile per infiltrazioni microbiologiche.

Pasquale Edoardo Perolo (Dini) - La piazza della Collegiata Olio su tela

(11)

40

41

Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica

S. Teresa del Bambin Gesù

SS. Angeli Custodi

S. Gerardo ab.

S. Francesco d’Assisi

S. Placido m.

S. Bruno ab.

B.V. Maria del Rosario

S. Brigida

S. Dionigi

S. Daniele v.

S. Firmino v.

S. Serafino da M.

S. Edoardo re

S. Callisto I papa

S. Teresa d’Avila

S. Edvige

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

2

1

42

43

44

Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì

S. Ignazio d’A.

S. Luca Evangelista

S. Laura

S. Irene

S. Orsola e compagne

S. Donato v.

S. Giovanni da Capestrano

S. Antonio M. C.

Ss. Daria e Crispino

S. Evaristo papa

S. Fiorenzo v.

Ss. Simone e Giuda

S. Massimiliano

N.S. Gesù Re dell’Universo

S. Lucilla

17 18 19 20

21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

5

3

2009

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria IL SOLE Sorge Tramonta

Giorno 11 ore 16,31 ore 17,58 Giorno 17 ore16,40 ore 17,46 Giorno 13 ore16,50 ore 17,34

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore16,59 ore 17,24 Giorno 25 ore17,08 ore 17,14 Giorno 31 ore17,16 ore 17,05

Se esposto al pubblico regolarizzare agli effetti imposta Comunale Pubblicità e Diritti pubbliche affissioni. (D.P.R. N. 639 del 26-10-1972)

La vecchia Chiesa di San Francesco – di cui Beppe Levrero ci ha lasciato memoria con il suo dipinto

“La via dei frati” – sorgeva nell’antico e popoloso rione della Valle (oggi la parte iniziale di via Cavanna), ed era situata a fianco della chiesa della Trinità.

La chiesa – ci ricorda Serafino Cavazza, in “La Comunità francescana a Novi Ligure” (opera postuma) – misurava 55 passi di lunghezza e 40 di larghezza, e aveva una navata e dieci altari laterali (cinque a destra, cinque a sinistra). Il complesso comprendeva anche il Convento dei Frati. Costruito nel XVI secolo, fu demolito nel 1960 per far posto alla Bioindustria, che l’aveva acquistato dal Comune di Novi..

Fu sede, con alterne vicende, dei frati Francescani, che nel 1937 acquistarono la palestra della “Forza e Virtù” in viale Rimembranza, trasformandola in chiesa.

Solo successivamente fu costruita l’odierna chiesa di S. Antonio.

Poi – la storia è recente – i Frati Francescani lasciano Novi nel 2008, dopo cinque secoli di presenza in città.

Beppe Levrero - La via dei frati, 1934 - Olio su tavola - Propr. Comune di Novi Ligure

(12)

45

46

Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì

Tutti i Santi

Commemorazione dei Defunti

S. Silvia

S. Carlo Borromeo

S. Zaccaria prof.

S. Leonardo ab.

S. Ernesto ab.

S. Goffredo v.

S. Oreste

S. Leone Magno

S. Martino di Tours

S. Renato m.

S. Diego conf.

S. Giocondo v.

S. Alberto Magno

S. Margherita di Scozia

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

11 12 13 14 15 16

2

1

47

48

Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì

S. Elisabetta d’Ungheria

S. Oddone ab.

S. Fausto m.

S. Benigno

Presentazione di Maria Vergine

S. Cecilia m.

S. Clemente I papa

Cristo Re

S. Caterina d’Alessandria

S. Corrado v.

I d’Avvento

S. Livia

S. Saturnino m.

S. Andrea apostolo

17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

5

3

2009

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria IL SOLE Sorge Tramonta

Giorno 11 ore 17,17 ore 17,04 Giorno 17 ore17,25 ore 16,56 Giorno 13 ore17,33 ore 16,50

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore17,40 ore 16,45 Giorno 25 ore17,46 ore 16,41 Giorno 30 ore17,50 ore 16,39

Eè burgu è una tipica espressione novese, che richiama l’esistenza, all’interno o nell’immediata periferia di luoghi, i “borghi” appunto, caratterizzati ciascuno da proprie specificità, sia di natura sociale, geografica, antropologica, o semplicemente di tradizioni.

Verso la periferia, almeno quella di un tempo, perché ormai sono inglobati nella città, ricordiamo i borghi oltre ferrovia.

Da Borgo Zerbo (immediatamente oltre il ponte della ferrovia) si dipartivano il Borgo dritto (l’attuale via San Giovanni Bosco), denominato anche “Borgo delle lavandaie” e il Borgo storto (via Casteldragone): il primo, soprattutto, abitato da una plebe che teneva lontane anche le forze dell’ordine.

Più centrale, e decisamente più “signorile” il Borgo dei Cappuccini (nome derivato dalla chiesa che si trovava sull’attuale Viale A.

Saffi, la passeggiata), che dalla stazione porta alle scuole medie.

Più avanti, verso Alessandria, superata l’ex Piazza d’Armi (dove era collocato anche il campo sportivo della Novese campione d’Italia 1922), incontriamo Borgo Crimea, con l’ultimo tratto di via Mazzini , fino all’aeroporto, via Carducci, via Galilei, via Fossati, via Cairoli, strada della Pavesa.

Prende il nome da un cascinale, oggi scomparso, probabilmente chiamato così da un nostro concittadino che aveva partecipato alla spedizione di Crimea, coi bersaglieri di Lamarmora.

Per circa un quarantennio in una modesta cappella di Borgo Crimea (sulla cui facciata campeggiava la scritta farinata) si celebrarono le funzioni religiose.

Tra gli altri a reggerla fu per lungo tempo Don Pino Maggi, sacerdote notissimo e benvoluto a tutta Novi, che seppe far crescere attorno a sé una folta schiera di fedeli e a costruire la Chiesa del Sacro Cuore come parrocchia di riferimento per tutto il Borgo, che nel frattempo si era espanso notevolmente in più direzioni.

(13)

49

50

Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì

S. Eligio

S. Bibiana

S. Francesco Saverio

II d’Avvento

S. Giulio m.

S. Nicola di Bari

S. Ambrogio v.

Immacolata Concezione

S. Siro

N. S. di Loreto

III d’Avvento

S. Giovanna F.

S. Lucia m.

S. Giovanni della Croce

S. Valeriano

S. Albina

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16

5

1

51

52

Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato Domenica Lunedì Martedì Mercoledì Giovedì Venerdì Sabato

S. Lazzaro

IV d’Avvento

S. Fausta

S. Liberato m.

S. Pietro Canisio

S. Francesca Cabrini

S. Giovanni da K.

S. Irma

Natività di Gesù

S. Stefano protomartire

S. Giovanni Evangelista

Ss. Innocenti martiri

S. Tommaso Becket

S. Ruggero

S. Silvestro papa

17 18 19 20

21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

31

2

3

2009

Ideazione e realizzazione: Osvaldo Repetti, Associazione Culturale “Orizzonti Novi” - Foto d’epoca: collezione Michelangelo Mori, cav. Salvatore Acri, Mac Foto - Stampa: Litho Commerciale sas, Novi Ligure Stampato con il sostegno del Centro Servizi per il Volontariato della provincia di Alessandria IL SOLE Sorge Tramonta

Giorno 11 ore 17,51 ore 16,39 Giorno 17 ore17,55 ore 16,38 Giorno 13 ore17,59 ore 16,37

IL SOLE Sorge Tramonta Giorno 19 ore18,02 ore 16,40 Giorno 25 ore18,04 ore 16,42 Giorno 31 ore18,05 ore 16,45

Alzando gli occhi sul varco carraio d’ingresso di Palazzo Cambiaso – Negrotto (ora sede del Municipio), osserviamo un marmo che ricorda il passaggio da Novi di Papa Pio VII.

Pio VII fu il Papa che si recò a Parigi per incoronare

Napoleone e che in seguito fu fatto arrestare dall’Imperatore stesso; il Congresso di Vienna, poi, lo restaurò nei suoi domini.

Pio VII passò da Novi due volte: la prima quando lo portarono prigioniero a Savona e da qui in Toscana, dopo aver perso lo Stato della Chiesa per opera di Napoleone; la seconda quan- do ritornò a Roma.

La seconda volta (la lapide ricorda proprio tale passaggio) il suo corteo era composto da sette carrozze e tutta Novi era in strada per rendergli omaggio.

... ”All’avvicinarsi della carrozza del Santo Padre, trentadue giovani – tutti vestiti in uniforme – gli si avvicinarono e lo supplicarono di permettere loro il distacco dei cavalli per avere l’onore di tirarlo sino alla piazza maggiore” ...

Pio VII non voleva, ma poi acconsentì.

Entrò quindi nella Collegiata e fece una breve preghiera, poi un ragazzino, che indossava un vestito di seta bianca ed era ornato di preziosi, recitò una poesia in suo onore.

Se esposto al pubblico regolarizzare agli effetti imposta Comunale Pubblicità e Diritti pubbliche affissioni. (D.P.R. N. 639 del 26-10-1972)

(14)

Gruppo Comunale “Frederick”

Novi Ligure, Via Garibaldi 91 Telefono 348-5917616

1983 - 2008

Annullo Filatelico per la Giornata Nazionale dell’AIDO 2005

I labari dell’AIDO sfilano per le vie di Novi in occasione del 25° anniversario.

La Targa d’Argento del Presidente della Repubblica.

La Associazione Culturale Orizzonti Novi è promotrice delle seguenti iniziative a favore del territorio:

Diario scolastico Insieme

Calendario Artistico Novese

Formazione docenti

Progetti per le scuole: Educazione Ambientale Educazione Alimentare

Pet Therapy (terapia con gli animali) Arte Terapia, ecc.

Incontri culturali dedicati alla riflessione filosofica

Corsi di fotografia, pittura e arti visive

Visite guidate

Figure

Updating...

References

Related subjects :