CHE COS'È IL FINANZIAMENTO FONDIARIO IN CONTO CORRENTE A SCADENZA

13  Download (0)

Testo completo

(1)

FOGLIO INFORMATIVO

FINANZ. FONDIARIO IN C/C A SCADENZA

INFORMAZIONI SULLA BANCA

Banca di Salerno Credito Cooperativo Società Cooperativa

Via Velia n. 15 84122 SALERNO

Tel.: 089 403600 - Fax: 089 794244

Email: segreteria@bancadisalerno.it - Sito internet: www.bancadisalerno.it Registro delle Imprese della CCIAA di Salerno al n. SA-49791

Iscritta all’Albo della Banca d’Italia n. 4524.50 - cod. ABI 8561 Iscritta all’Albo delle società cooperative n. A166132

Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo, al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti del Credito Cooperativo e al Fondo di Garanzia Istituzionale.

Solo in caso di offerta fuori sede:

Cognome e nome del proponente: ___________________________

Indirizzo: ___________________________

Telefono: ___________________________

E-mail: ___________________________

CHE COS'È IL CONTO CORRENTE

Il conto corrente è un contratto con il quale la banca svolge un servizio di cassa per il cliente: custodisce i suoi risparmi e gestisce il denaro con una serie di servizi (versamenti, prelievi e pagamenti nei limiti del saldo disponibile).

Al conto corrente sono di solito collegati altri servizi quali carta di debito, carta di credito, assegni, bonifici, domiciliazione delle bollette, fido.

Il conto corrente è un prodotto sicuro. Il rischio principale è il rischio di controparte, cioè l’eventualità che la banca non sia in grado di rimborsare al correntista, in tutto o in parte, il saldo disponibile. Per questa ragione la banca aderisce al sistema di garanzia denominato Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo, che assicura a ciascun correntista una copertura fino a 100.000,00 euro.

Altri rischi possono essere legati allo smarrimento o al furto di assegni, carta di debito, carta di credito, dati identificativi e parole chiave per l’accesso al conto su internet, ma sono anche ridotti al minimo se il correntista osserva le comuni regole di prudenza e attenzione.

Per saperne di più:

La Guida pratica al conto corrente, che orienta nella scelta del conto, è disponibile sul sito www.bancaditalia.it, presso tutte le filiali della banca e sul sito della bancawww.bancadisalerno.it

*

L’esposizione delle spese, dei tassi e di eventuali importi finanziabili, rilevabile nel comparto “FIDI e SCONFINAMENTI, è fatta a scopo puramente esemplificativo.

CHE COS'È IL FINANZIAMENTO FONDIARIO IN CONTO CORRENTE A SCADENZA

Il finanziamento fondiario in conto corrente a scadenza è una apertura di credito a tempo determinato, disciplinato dagli artt.38 e seguenti della D.lgs. 385/1993. Con questa operazione la banca mette a disposizione del cliente, a tempo determinato, nei limiti massimi previsti dalla citata normativa (nell’attualità 80% del valore degli immobili offerti in ipoteca), una somma di denaro, concedendogli la possibilità di utilizzare importi superiori alla disponibilità propria, nei limiti della somma accordata.

Le disponibilità accordate possono essere concesse in relazione agli stati di avanzamento lavori (SAL) nel caso di operazione di finanziamento destinato alla costruzione di opere edili, di norma residenziali, che il richiedente intende realizzare. L’intervento creditizio è di norma pari al 50% del costo effettivo delle opere da eseguire. Le erogazioni delle somme maturate, in rapporto alle opere edificate, avverrà dietro presentazione di SAL eseguiti in conformità ai progetti presentati e nel rispetto delle norme urbanistiche, come verificate da un tecnico di fiducia della banca, nella misura percentuale stabilita nell’atto di finanziamento, con minimi pattuiti.

(2)

Il rimborso delle somme erogate viene garantito dalla concessione di ipoteca su immobili. In taluni casi, a quest’ultima può aggiungersi altra garanzia (fideiussione, pegno, ecc.).

Salvo diverso accordo, il cliente può utilizzare (anche mediante l’emissione di assegni bancari), in una o più volte, il credito concesso e può ripristinare la disponibilità di credito con successivi versamenti, bonifici, accrediti.

Sulle somme utilizzate nell’ambito del fido concesso, il cliente è tenuto a pagare gli interessi passivi pattuiti.

Il cliente è tenuto ad utilizzare l’apertura di credito entro i limiti del fido concesso e la banca non è obbligata ad eseguire operazioni che comportino il superamento di detti limiti (c.d. sconfinamento). Se la banca decide di dare ugualmente seguito a simili operazioni, ciò non la obbliga a seguire lo stesso comportamento in situazioni analoghe, e la autorizza ad applicare tassi e condizioni stabiliti per detta fattispecie.

Tra i principali rischi, va tenuta presente la variazione in senso sfavorevole delle condizioni economiche (tassi di interesse ed altre commissioni e spese del servizio) ove contrattualmente previsto, in connessione con modifiche dei tassi rilevati sui mercati nazionale, comunitario o internazionale.

GARANZIA IPOTECARIA

Allo scopo di garantire il rimborso del credito, degli interessi e commissioni a qualsiasi titolo dovuti ed ancorché addebitati nel conto, d’eventuali sconfinamenti comunque verificatisi oltre i limiti dell’apertura di credito e d’altri oneri (eventuali imposte, possibili spese giudiziali e stragiudiziali di qualsiasi natura) nonché per l’esatto adempimento delle obbligazioni derivanti dal contratto d’apertura di credito in conto corrente, il Correntista e/o la parte datrice d’ipoteca, concede un’iscrizione ipotecaria su una proprietà immobiliare il cui valore, verificato da perizia tecnica, sia congruo.

Il Correntista (la parte datrice d’ipoteca) garantisce che i beni di proprietà, su cui iscrivere il gravame sono di sua esclusiva proprietà e disponibilità e sono liberi da ipoteche, vincoli o pesi a favore di terzi, privilegi, nonché da trascrizioni ed iscrizioni pregiudizievoli.

Cenni sulle commissioni bancarie

negli ultimi anni sono stati emanati dal legislatore numerosi provvedimenti normativi aventi ad oggetto la disciplina delle commissioni bancarie sui rapporti di affidamento. Con la legge di conversione n. 214/2011 del decreto legge 201/2011, è stato introdotto nel Testo Unico Bancario (d.lgs. 385/1993) il nuovo art. 117-bis ("Remunerazione degli affidamenti e degli sconfinamenti"), in forza del quale è stabilito espressamente che i contratti di apertura di credito possono prevedere, quali unici oneri a carico del cliente, una “commissione onnicomprensiva” (FON) calcolata in maniera proporzionale rispetto alla somma messa a disposizione del cliente e alla durata dell'affidamento e un tasso di interesse debitore sulle somme prelevate. In base a tale disposizione di legge.

La norma dispone, inoltre, che, a fronte di sconfinamenti in assenza di affidamento ovvero oltre il limite del fido, i contratti di conto corrente e di apertura di credito possano prevedere, quali unici oneri a carico del cliente, una commissione di istruttoria veloce (SAS) determinata in misura fissa, espressa in valore assoluto, commisurata ai costi e un tasso di interesse debitore sull'ammontare dello sconfinamento. Tale ultimo onere (SAS) non è applicato per autorizzazioni concesse su rapporti che a fine giornata non presentano sconfinamenti per effetto di accrediti successivi allo sconfinamento. Per i rapporti intestati a soggetti classificati “consumatori” uno sconfinamento su saldo disponibile inferiore ad € 500,00 per un periodo inferiore a 7 giorni non produce applicabilità di tale commissione (una sola volta nel trimestre).

CONDIZIONI ECONOMICHE DELL'APERTURA DI CREDITO

QUANTO PUO’ COSTARE IL FIDO Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Ipotesi di calcolo:

Per un affidamento di: € 1.500,00 Durata del finanziamento (mesi): 3

T.A.E.G: 8,27%

Oltre al TAEG vanno considerati altri costi, quali le spese e le imposte per la stipula del contratto e l’iscrizione dell’ipoteca, nonché le spese per la perizia e per l’assicurazione dell’immobile ipotecato.

Il TAEG massimo applicato per le operazioni di finanziamento non sarà comunque superiore al Tasso di Soglia così come esposto dall’art.2 della legge sull’usura (l.n. 108/1996).

Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) ed il relativo Tasso di Soglia previsti dall’art.2 della legge sull’usura (l.n.

108/1996), relativi alle operazioni di apertura di credito in conto corrente, posso essere consultati in filiale e sul sito internet della bancawww.bancadisalerno.it.

Le condizioni riportate nel presente foglio informativo rappresentano, con buona approssimazione, la gran parte dei costi complessivi sostenuti.

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo

(3)

TASSI

Tasso debitore annuo per utilizzi entro i limiti del fido

entro fido:

EURIBOR MEDIA % MENSILE 3M/365 (Attualmente pari a: -0,052%) + 4 punti perc.

Minimo: 5%

Valore effettivo attualmente pari a: 5%

Tasso Annuo Effettivo (T.A.E.) 5,09453%

Tasso debitore annuo per utilizzi oltre i limiti del fido

EURIBOR MEDIA % MENSILE 3M/365 (Attualmente pari a: -0,052%) + 7 punti perc.

Minimo: 5%

Valore effettivo attualmente pari a: 6,948%

Tasso Annuo Effettivo (T.A.E.) 7,13113%

CAPITALIZZAZIONE

Periodicità TRIMESTRALE

ULTIME RILEVAZIONI DEL PARAMETRO DI RIFERIMENTO - FONTE IL SOLE 24 ORE

Data Valore

01.11.2015 -0,052%

01.10.2015 -0,037%

01.09.2015 -0,027%

SPESE DEL FIDO

Commissione onnicomprensiva 2%

Commissione di istruttoria veloce € 10,00

Spese per la stipula del contratto

Spese collegate all'erogazione del credito € 0,00 Spese collegate al rinnovo/decurtazione del credito € 0,00

Spese per la gestione del rapporto

Invio comunicazioni periodiche posta: € 2,50

casellario elettronico: € 0,00

Altre comunicazioni POSTA: € 0,00

CASELLARIO ELETTRONICO: € 0,00

ALTRE SPESE DA SOSTENERE

Al momento della stipula del finanziamento il cliente deve sostenere costi relativi a servizi prestati da soggetti terzi.

Imposte e tasse presenti e future Nella misura effettivamente sostenuta

Perizia tecnica (immobili finiti)

La perizia di stima da regolare direttamente al perito incaricato è a carico del cliente. La perizia viene redatta a cura della banca a mezzo tecnici di fiducia. Il costo a carico del cliente è variabile da piazza a piazza.

Perizia tecnica (immobili in costruzione 1° SAL)

La perizia di stima da regolare direttamente al perito incaricato è a carico del cliente. La perizia viene redatta a cura della banca a mezzo tecnici di fiducia. Il costo a carico del cliente è variabile da piazza a piazza.

Perizia tecnica (immobili in costruzione SAL successivi)

La perizia di stima da regolare direttamente al perito incaricato è a carico del cliente. La perizia viene redatta a cura della banca a mezzo tecnici di fiducia. Il costo a carico del cliente è variabile da piazza a piazza.

(4)

Adempimenti notarili Da concordare con il notaio rogante

Assicurazione immobile

Assicurazione sull'immobile prestata da compagnia di assicurazione intermediata dalla banca o da altra compagnia proposta dal cliente, ritenuta di gradimento della banca.

Altre assicurazioni facoltative

Polizze assicurative a copertura del rimborso del credito in caso di morte, invalidità totale o disoccupazione del cliente, qualora espressamente richiesta dal cliente.

ALTRE SPESE EVENTUALI DEL FINANZIAMENTO

Variazione/restrizione/estinzione dell'ipoteca € 300,00 (oltre ai costi di perizia ed agli oneri notarili) Rilascio di dichiarazione di assenso alla cancellazione

dell'iscrizione ipotecaria € 100,00 (oltre ai costi di perizia ed agli oneri notarili)

Spese per rinnovo ipoteca € 300,00

Richiesta copia della documentazione Nella misura effettivamente sostenuta il cui ammontare è comunicato in via preventiva

CONDIZIONI ECONOMICHE DEL CONTO CORRENTE

VOCI DI COSTO

Spese per l'apertura del conto Non previste

SPESE FISSE

Gestione Liquidità

Canone annuo Non previsto

Numero di operazioni gratuite Non previste

Spese annue per conteggio interessi e competenze € 20,64

(€ 5,16 Trimestrali)

Servizi di pagamento

Canone annuo carta di debito nazionale/internazionale

Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente. Si rinvia al foglio informativo del relativo contratto.

Circuiti abilitati Bancomat, Pagobancomat, Cirrus Maestro, Visa Electron

Canone annuo carta di credito

Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente. Si rinvia al foglio informativo del relativo contratto.

Home banking

Canone annuo per internet banking e phone banking

Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente. Si rinvia al foglio informativo del relativo contratto.

SPESE VARIABILI

Gestione liquidità

Registrazione operazioni non incluse nel canone € 1,90

Invio estratto conto POSTA: € 2,50

CASELLARIO ELETTRONICO: € 0,00

Servizi di pagamento

Prelievo sportello automatico presso la stessa banca in Italia

Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente. Si rinvia al foglio informativo del relativo

(5)

contratto.

Prelievo sportello automatico presso altra banca in Italia

Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente. Si rinvia al foglio informativo del relativo contratto.

Bonifico verso Italia e Ue fino a 50.000 euro con addebito in c/c

Online: € 1,29

Sportello: 0,15% Minimo: € 3,50 Massimo: € 50,00

Domiciliazione utenze € 0,00

INTERESSI SOMME DEPOSITATE

Interessi creditori

Tasso creditore annuo nominale

EURIBOR MEDIA % MENSILE 1M/365 (Attualmente pari a: -0,117%) - 1 punti perc.

Minimo: 0,15%

Valore effettivo attualmente pari a: 0,15%

Tasso Annuo Effettivo (T.A.E.) 0,15008%

DISPONIBILITÀ SOMME VERSATE

Contanti/assegni circolari stessa banca Contanti in giornata. Assegni circolari massimo 1 giorno lavorativo

Assegni bancari stessa filiale Massimo 1 giorno lavorativo Assegni bancari altra filiale Massimo 1 giorno lavorativo Assegni circolari altri istituti/vaglia Banca d'Italia Massimo 1 giorno lavorativo Assegni bancari altri istituti Massimo 4 giorni lavorativi

Vaglia e assegni postali Massimo 4 giorni lavorativi

Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM), previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo agli sconfinamenti in assenza di fido, assimilabile alle operazioni di apertura di credito in conto corrente, può essere consultato in filiale e sul sito internet della Banca all’indirizzowww.bancadisalerno.it(sez. Trasparenza).

ALTRE CONDIZIONI ECONOMICHE

OPERATIVITÀ CORRENTE E GESTIONE DELLA LIQUIDITÀ

Spese per operazione € 1,90

Spese tenuta conto Vedi voce Canone annuo

Spese invio Estratto Conto POSTA: € 2,50

CASELLARIO ELETTRONICO: € 0,00

ALTRI RECUPERI SPESE

Rec. Spese Informativa precontrattuale € 0,00

Rec. Spese Stampa elenco condizioni € 0,00

Rec. Spese trasp. Documentazione periodica € 2,50 Res. Spese di invio raccomandata Dormienti € 2,00 Spese per estinzione del conto

SERVIZI DI PAGAMENTO

Per informativa obbligatoria mensile (per clienti non consumatori e non microimprese)

Per informativa ulteriore rispetto a quella dovuta per

legge € 2,50

(6)

Per comunicazione di mancata esecuzione dell'ordine (rifiuto)

€ 2,50

Per revoca dell'ordine oltre i termini € 2,50 Per recupero fondi in caso di identificativo unico fornito

inesatto dal cliente € 2,50

ASSEGNI

Spese cambio Assegni Bancari Fuori Piazza

fino a € 300,00: € 5,40 fino a € 1.000,00: € 6,00 fino a € 2.000,00: € 6,60 fino a € 2.500,00: € 7,50

oltre: 0,3% Minimo: € 7,50 Massimo: € 75,00

Spese cambio Assegni Circolari ICCREA € 0,00

Spese cambio Assegni BANCA D'ITALIA € 0,00

Spese cambio Assegni Postali

fino a € 300,00: € 5,40 fino a € 1.000,00: € 6,00 fino a € 2.000,00: € 6,60 fino a € 2.500,00: € 7,50

oltre: 0,3% Minimo: € 7,50 Massimo: € 75,00

Spese cambio Assegni Bancari Su Piazza

fino a € 300,00: € 5,40 fino a € 1.000,00: € 6,00 fino a € 2.000,00: € 6,60 fino a € 2.500,00: € 7,50

oltre: 0,3% Minimo: € 7,50 Massimo: € 75,00

Spese cambio Assegni Circolari Altri Istituti

fino a € 300,00: € 3,00 fino a € 1.000,00: € 3,20 fino a € 2.000,00: € 3,40 fino a € 2.500,00: € 3,80

oltre: 0,18% Minimo: € 3,80 Massimo: € 50,00

Spese / Impagato CKT € 15,00

Spese / Insoluto € 20,00

Spese / Pagato dopo insoluto

Spese reclamate / Reso titolo a banche € 0,33 Spese reclamate / Reso pagato senza oneri € 0,59

Spese nostre / Richiamato da cliente € 10,00

Spesa per emissione singolo assegno € 0,20

Spese nostre / Impagato CKT € 10,00

Spese nostre / Insoluto / protestato € 10,00

Spese nostre / Insoluto sospeso in attesa ass € 10,00

Spese nostre / Pagato dopo insoluto € 10,00

Bollo assegni in forma libera € 1,50

Spese nostre / Protestato € 10,00

Spese nostre / Ritornato da richiamo € 5,00

Spese nostre / Reso pagato senza oneri € 10,00 Altre spese nostre / Ritornato da richiamo € 10,00

Spese a favore Corrispondente € 5,33

Spese accredito Dopo Incasso 0,2% Minimo: € 5,00 Massimo: € 20,00

Altre spese accredito Dopo Incasso 0,15% Minimo: € 3,00 Massimo: € 10,00

CASSA RACCOLTA VALUTA

Acquisto Banconote: spese fisse € 1,55

Vendita Banconote: spese fisse € 1,55

Acquisto Assegni: spese fisse € 2,58

Acquisto Assegni: commissioni 0,15% Minimo: € 0,77

(7)

OPERAZIONI ESTERO

Bonifici in partenza: Commissioni di servizio € 5,00

Pagamento: recupero spese OUR

Le spese e commissioni reclamate dalle Banche Corrispondenti verranno totalmente recuperate nei confronti del cliente.

Bonifici in partenza - commissioni 0,15% Minimo: € 5,00 Massimo: € 260,00 Bonifici in partenza - Home Bank - commissioni 0,15% Minimo: € 2,50 Massimo: € 10,00

BONIFICI

Spese add. bon. su Banche / Accredito per emolumenti Spese add. bon. su Banche / Disposizione da/a altro Istit.

Spese add. bon. su Banche Internet Bank € 1,29

Spese add. bon. su Banche da Sportello 0,15% Minimo: € 3,50 Massimo: € 50,00 Spese add. bon. su Banche / Bonifici importo rilevante 0,15% Minimo: € 5,00 Massimo: € 260,00

Spese add. bon. da Banche € 0,00

Spese add. bon. Clienti / Accredito per emolumenti Spese add. bon. Clienti / Giroconto

Spese add. bon. Clienti / Bonifico a Vs. favore

Spese add. bon. Clienti / da Sportello € 0,00

Incassi e Pagamenti S.T.Ar.

Bonifico SEPA per cassa se cliente 0,15% Minimo: € 3,50 Massimo: € 50,00

Bonifico SEPA - Ordine permanente € 3,50

ADDEBITI DISPOSIZIONI

Addebito Effetti / Home Banking € 0,00

Pagamento RI.BA. - da home banking € 0,00

Addebito Effetti/ Ritiro Passivo € 0,00

Pagamento RI.BA. - ritiro passivo € 0,00

Pagamento RI.BA. - allo sportello € 0,00

Pagamento MAV - da home banking € 0,00

Pagamento MAV - allo sportello € 0,00

Pagamento RAV - da home banking € 1,00

Pagamento RAV - allo sportello € 1,00

Pagamento Bollettini Freccia - emessi ns. tramite - allo sportello

€ 0,00

Pagamento Bollettini Freccia - emessi ns. tramite - da

home banking € 0,00

Pagamento Bollettini Freccia - allo sportello € 1,00

ASSEGNI CIRCOLARI

Recupero Bolli su emissione Assegno Circolare € 1,50

BOLLETTE

Comm. Pag. Bollette SALERNO ENERGIA € 0,00

Comm. Pag. Bollette per Cassa € 1,20

Comm. Pag. Cassa Bollettini di C/C Postale da Cliente € 2,00 Comm. Add. Bollette ENEL ENERGIA Forniture Elettriche € 0,00 Comm. Add. Bollette ENEL ENERGIA Forniture GAS € 0,00

Comm. Add. Bollettini di C/C Postale € 2,00

Comm. Add. Bollette T.I.M. € 0,00

Comm. Add. Bollette TELECOM ITALIA S.P.A. € 0,00

(8)

Comm. Add. Bollette ENEL SERV.ELETT.CAMPANIA € 0,00

VALUTE

Valuta - Oper. Generiche / Prelevamenti In giornata Valuta - VERS. ASS. SU PIAZZA 3 giorni lavorativi Valuta - RIACCRED. ASS. IMP. PRIMA PRES 2 giorni lavorativi Valuta - VERS. ASSEGNI FUORI PIAZZA 3 giorni lavorativi Valuta - VERS.ASS. CIRCOLARI ICCREA 1 giorno lavorativo Disponibilita' - Oper. Generiche / Prelevamenti In giornata Disponibilita' - VERS. ASS. SU PIAZZA 4 giorni lavorativi Disponibilita' - VERS. ASSEGNI FUORI PIAZZA 4 giorni lavorativi Disponibilita' - VAGLIA POSTALI 4 giorni lavorativi Disponibilita' - VERS.ASS. CIRCOLARI ICCREA In giornata Disponibilita' - RIACCRED. ASS. IMP. PRIMA PRES 2 giorni lavorativi Disponibilita' - VERSAMENTO ASS. CRA In giornata

CASSA RACCOLTA VALUTA

Valuta - Oper. Generiche 5 giorni lavorativi

Valuta - BANCONOTE In giornata

Valuta - EURO UNIONE ECONOMICA MONETAR. 5 giorni lavorativi Disponibilità - Oper. Generiche 30 giorni calendario

Disponibilità - BANCONOTE In giornata

Disponibilità - EURO UNIONE ECONOMICA MONETAR. 5 giorni lavorativi

OPERAZIONI ESTERO

Valuta - Oper. Generiche In giornata

Valuta - Incasso da Estero 2 giorni lavorativi

Valuta - Incasso da Estero / Euro In giornata

Disponibilita' - Oper. Generiche In giornata

Incassi e Pagamenti S.T.Ar.

Giorni regolamento Sepa Credit Transfer (SCT) 1 giorno lavorativo Giorni regolamento SCT Alta Priorita' In giornata Giorni regolamento Bonifico Estero 1 giorno lavorativo

AUTORIZZ.ADDEBITI

Valuta pagamento RID In giornata

(9)

BONIFICI IN USCITA

Tipo Bonifico Data valuta di addebito

Bonifico Italia

Bonifico in ambito UE/Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda e Liechtenstein) in euro.

Bonifico estero in ambito UE/Spazio Economico Europeo in divisa di Stato membro dell’UE/Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda e Liechtenstein) non appartenente all’unione monetaria.

Altri bonifici estero in euro

Giornata operativa di esecuzione

BONIFICI IN ENTRATA

Tipo Bonifico Data valuta di accredito e disponibilità dei fondi

Bonifico Interno Stessa giornata di addebito all’ordinante

Bonifico Italia altra banca

Bonifico in ambito UE/Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda e Liechtenstein) in euro.

Bonifico estero in ambito UE/Spazio Economico Europeo in divisa di Stato membro dell’UE/Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda e Liechtenstein) non appartenente all’unione monetaria.

Stessa giornata operativa di ricezione dei fondi sul conto della banca (data di regolamento)

Altri bonifici estero Stessa giornata operativa di ricezione dei fondi sul conto della banca (data di regolamento)

INCASSI COMMERCIALI

RID PASSIVI

Addebito RID Giornata operativa di addebito (con decorrenza dal 5

luglio 2010) Ri.Ba PASSIVE

Addebito Ri.Ba Giornata operativa di addebito (con decorrenza dal 5

luglio 2010) MAV/Bollettini bancari “Freccia” PASSIVI

Addebito MAV/Bollettini bancari “Freccia” Giornata operativa di addebito (con decorrenza dal 5 luglio 2010)

RID ATTIVI (SOLO PER I CLIENTI CHE HANNO CONTRATTUALIZZATO IL SERVIZIO)

Valuta e disponibilità dei fondi per l’accredito RID Stessa giornata operativa di accredito dei fondi sul conto della banca (data regolamento). (con decorrenza dal 5 luglio 2010)

Ri.Ba ATTIVE (SOLO PER I CLIENTI CHE HANNO CONTRATTUALIZZATO IL SERVIZIO)

Valuta e disponibilità dei fondi per l’accredito Ri.Ba Stessa giornata operativa di accredito dei fondi sul conto della banca (data regolamento). (con decorrenza dal 5 luglio 2010)

MAV/Bollettini Bancari “Freccia” ATTIVI (SOLO PER I CLIENTI CHE HANNO CONTRATTUALIZZATO IL SERVIZIO)

Valuta e disponibilità dei fondi per l’accredito MAV Stessa giornata operativa di accredito dei fondi sul conto della banca (data regolamento). (con decorrenza dal 5 luglio 2010)

Valuta e disponibilità dei fondi per l’accredito Freccia Stessa giornata operativa di accredito dei fondi sul conto della banca (data regolamento). (con decorrenza dal 5 luglio 2010)

(10)

GIORNATE NON OPERATIVE E LIMITE TEMPORALE GIORNALIERO BONIFICI IN USCITA

Cut off (orario limite oltre il quale gli ordini di pagamento si considerano ricevuti la giornata operativa successiva)

Tipo Bonifico Modalità Orario limite(

cut off

)

Sportello 12

InBank disposto entro le ore 14,00

OnBank disposto entro le ore 13,00

Bonifico Italia

Remote banking (CBI) ricevuto entro le ore 14,00

Sportello 12

InBank 12

OnBank 12

Bonifico Estero

Remote banking (CBI) 12

Sportello 12

InBank disposto entro le ore 14,00

OnBank disposto entro le ore 13,00

Bonifico di importo rilevante

Remote banking (CBI) ricevuto entro le ore 14,00 Il termine massimo di cut off sarà anticipato alle ore 10 .per i bonifici allo sportello e alle ore 10,00 per i bonifici disposti da InBank/OnBank e ricevuti da Remote banking per le giornate semi-lavorative (es. giorno del santo patrono della filiale di riferimento, 14 Agosto, 24 Dicembre, 31 Dicembre).

TEMPI DI ESECUZIONE BONIFICI IN USCITA

Tipo beneficiario Modalità Giorno di accredito della Banca del

Beneficiario

Bonifico interno (stessa banca) Medesimo giorno di addebito dei

fondi(*)

Sportello Massimo 1 giornata operativa

successiva/e alla data di ricezione dell’ordine

Bonifico nazionale o in ambito UE/Spazio Economico Europeo (Norvegia, Islanda e Liechtenstein) in Euro

InBank, OnBank, Remote banking (CBI)

Massimo 1 giornata operativa successiva/e alla data di ricezione dell’ordine

Sportello Massimo 1 giornata operativa

successiva/e alla data di ricezione dell’ordine

Bonifico estero in ambito UE/Spazio Economico Europeo in divisa di altro Stato membro dell’UE/Spazio Economico Europeo non appartenente all’unione monetaria:

InBank, OnBank, Remote banking (CBI)

Massimo 1 giornata operativa successiva/e alla data di ricezione dell’ordine

(*) in caso di bonifico interno la banca del beneficiario è anche la banca del cliente ordinante, la quale dovrà accreditare il beneficiario nella stessa giornata in cui addebita i fondi al cliente ordinante.

INCASSI COMMERCIALI

RID PASSIVI

Tempi di esecuzione Data di scadenza (con decorrenza dal 5 luglio 2010)

Ri.Ba PASSIVE

Tempi di esecuzione Giorno operativo successivo alla data di scadenza

(con decorrenza dal 5 luglio 2010).

MAV/Bollettini Bancari “Freccia” PASSIVI

Tempi di esecuzione Massimo 3. giornate operative successive alla data

di ricezione dell’ordine RID ATTIVI (SOLO PER I CLIENTI CHE HANNO CONTRATTUALIZZATO IL SERVIZIO)

Termine per l‘accettazione delle disposizioni RID 10 giornate operative anteriori alla data

(11)

Ordinario scadenza (per i RID con scadenza dal 5 luglio 2010)

Termine per l‘accettazione delle disposizioni RID Veloce

7 giornate operative anteriori alla data scadenza (per i RID con scadenza dal 5 luglio 2010)

Tempi di esecuzione

Tali da consentire l’addebito dei fondi all’altra

banca alla data di scadenza

(con decorrenza dal 5 luglio 2010).

Ri.Ba ATTIVE (SOLO PER I CLIENTI CHE HANNO CONTRATTUALIZZATO IL SERVIZIO)

Termine per l’accettazione delle disposizioni 20 giornate operative anteriori alla data scadenza (per le Ri.Ba con scadenza dal primo luglio 2010).

ALTRO

CAPITALIZZAZIONE DARE TRIMESTRALE

RIFERIMENTO CALCOLO INTERESSI ANNO CIVILE

ADDEBITO ASSEGNI DATA EMISSIONE

TIPO LIQUIDAZIONE AVERE PER GIACENZA MEDIA

TIPO LIQUIDAZIONE DARE PER SALDI VALUTA

PERIOD. INVIO ESTRATTO CONTO TRIMESTRALE

PERIODO APPL. OPER. OMAGGIO ANNUALE

PERIODO APPL. SPESE FISSE TRIMESTRALE

PERIODO APPL. SPESE LIQUIDAZ. TRIMESTRALE

RECESSO E RECLAMI Recesso dal contratto

Il cliente e la banca hanno diritto di recedere in qualsiasi momento, dandone comunicazione per iscritto e con il preavviso rispettivamente di 15 (quindici) giorni e 2 (due) mesi, dal contratto di conto corrente e/o dall’inerente convenzione di assegno, nonché di esigere il pagamento di tutto quanto sia reciprocamente dovuto. Il recesso senza preavviso è ammesso in presenza di giusta causa o giustificato motivo, che ricorre, ad esempio, nel caso di assegno impagato per difetto di provvista o per mancanza di autorizzazione. Il recesso dal contratto provoca la chiusura del conto.

Tempi massimi di chiusura del rapporto contrattuale

30 giorni dal ricevimento della richiesta del cliente.

(12)

Reclami

I reclami vanno presentati in forma scritta alla Banca di Salerno Credito Cooperativo e indirizzati ai seguenti recapiti:

Per posta ordinaria: Banca di Salerno Credito Cooperativo - Ufficio Reclami, via Velia n.15 – Salerno – 84122 (SA) Per fax: nr. +39 (0)89 403237

Per posta elettronica, all’email:segreteria@bancadisalerno.it

Per posta elettronica certificata, all’indirizzo PEC:segreteria@pec.bancadisalerno.it

I reclami possono essere presentati anche direttamente allo sportello della Filiale, dove è intrattenuto il rapporto, che cura l’inoltro all'Ufficio Reclami.

L’Ufficio Reclami provvede ad evadere tempestivamente le richieste pervenute, fornendo una risposta al cliente entro il termine di 30 giorni (90 giorni in caso di reclami relativi ai servizi di investimento).

Se il cliente non è soddisfatto o non ha ricevuto risposta entro i 30 giorni, prima di ricorrere al giudice può rivolgersi a:

Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Per sapere come rivolgersi all’Arbitro si può consultare il sito www.arbitrobancariofinanziario.it., chiedere presso le Filiali della Banca d'Italia, oppure chiedere alla banca;

Conciliatore Bancario Finanziario. Se sorge una controversia con la banca, il cliente può attivare una procedura di conciliazione che consiste nel tentativo di raggiungere un accordo con la banca, grazie all’assistenza di un conciliatore indipendente. Per questo servizio è possibile rivolgersi al Conciliatore Bancario Finanziario (Organismo iscritto nel Registro tenuto dal Ministero della Giustizia), con sede a Roma, Via delle Botteghe Oscure 54, tel. 06.674821, sito internetwww.conciliatorebancario.it.

Resta salva la facoltà di rivolgersi al giudice nel caso in cui il cliente non fosse soddisfatto della decisione dell’ABF o la mediazione si dovesse concludere senza raggiungere un accordo.

In ogni caso, il Cliente, per poter fare causa alla Banca davanti al Giudice Ordinario, deve prima alternativamente:

- effettuare il tentativo di mediazione obbligatoria, previsto e disciplinato dal D.Lgs. 28/2010 (e successive modifiche della L. 98/2013), ricorrendo ad uno degli organismi di mediazione iscritti nell’apposito registro (tra i quali il predetto Conciliatore Bancario Finanziario);

- esperire il procedimento davanti al citato Arbitro Bancario Finanziario (ABF).

LEGENDA

Canone annuo Spese fisse per la gestione del conto.

Capitalizzazione degli interessi Una volta accreditati e addebitati sul conto, gli interessi sono contati nel saldo e producono a loro volta interessi.

Commissione Istruttoria veloce

Importo addebitato al cliente a fronte dei costi che trovano giustificazione

“nell’istruttoria veloce” che la banca deve effettuare prima di concedere lo sconfinamento/scopertura sul saldo disponibile. La commissione non si applica a quei rapporti che a fine giornata non presentano sconfinamenti per effetto di accrediti successivi allo sconfinamento.

Commissione onnicomprensiva sugli affidamenti

Compenso per l’impegno della Banca di tenere a disposizione del Cliente una linea di credito con carattere rotativo. E’ calcolata in percentuale rispetto alla somma messa a disposizione ed alla durata dell’affidamento stesso. Il valore della commissione applicata è espressa su base annua sebbene essa venga calcolata con periodicità trimestrale.

Disponibilità somme versate Numero di giorni successivi alla data dell’operazione dopo i quali il cliente può utilizzare le somme versate.

Saldo disponibile Somma disponibile sul conto, che il correntista può utilizzare.

Sconfinamento in assenza di fido

Somma che la banca ha accettato di pagare quando il cliente ha impartito un ordine di pagamento (assegno, domiciliazione utenze) senza avere sul conto corrente la disponibilità.

Spesa singola operazione non compresa nel canone

Spesa per la registrazione contabile di ogni operazione oltre quelle eventualmente comprese nel canone annuo.

Spese annue per conteggio interessi e competenze

Spese per il conteggio periodico degli interessi, creditori e debitori, e per il calcolo delle competenze.

Spese per invio estratto conto Commissioni che la banca applica ogni volta che invia un estratto conto, secondo la periodicità e il canale di comunicazione stabiliti nel contratto.

Tasso creditore annuo nominale

Tasso annuo utilizzato per calcolare periodicamente gli interessi sulle somme depositate (interessi creditori), che sono poi accreditati sul conto, al netto delle ritenute fiscali.

Tasso debitore annuo nominale

Tasso annuo utilizzato per calcolare periodicamente gli interessi a carico del cliente sulle somme utilizzate in relazione allo sconfinamento in assenza di fido.

Gli interessi sono poi addebitati sul conto.

Tasso Minimo debitore cd. “tasso floor”

Il Tasso Minimo viene applicato in presenza di un tasso debitore indicizzato ad un parametro di riferimento prescelto. Relativamente a tali rapporti il tasso non potrà in nessun caso essere inferiore alla misura del TASSO MINIMO su base annua.

(13)

Tasso Effettivo Valore del tasso, rapportato su base annua, che tiene conto degli effetti della periodicità - se inferiore all’anno - di capitalizzazione degli interessi.

Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM)

Tasso di interesse pubblicato ogni tre mesi dal Ministero dell’economia e delle finanze come previsto dalla legge sull’usura. Come prescrive la legge, il limite oltre il quale gli interessi sono da considerarsi usurari si ottiene aumentando i tassi medi di un quarto e aggiungendo un margine di ulteriori quattro punti percentuali. La differrenza tra il limite e il tasso medio non può essere superiore a otto punti percentuali

Valute sui prelievi

Numero dei giorni che intercorrono tra la data del prelievo e la data dalla quale iniziano ad essere addebitati gli interessi. Quest’ultima potrebbe anche essere precedente alla data del prelievo.

Valute sui versamenti Numero dei giorni che intercorrono tra la data del versamento e la data dalla quale iniziano ad essere accreditati gli interessi.

figura

Updating...

Riferimenti

Argomenti correlati :