• Non ci sono risultati.

INCONTRO DI CONFRONTO ACTION RESEARCH

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "INCONTRO DI CONFRONTO ACTION RESEARCH"

Copied!
1
0
0

Testo completo

(1)

PLANIMETRIA GENERALE

4

Cortile palestra

Area gioco per l'infanzia Area verde libera

Asilo nido aziendale Università di Pisa Percorso ciclo-pedonale

Parcheggio

LEGENDA

3 2 1

N

0 10 20 30 40 50 100 m

Scala 1 : 1000 5

1

2

3

4

5

6

6

Gli inviti sono stati recapitati consegnando nelle scuole una comunicazione per i genitori attraverso gli insegnanti ed i bambini. La no- tizia è stata diffusa online su Facebook, attra- verso la mailing list, le associazioni che hanno partecipato ed il CTP5.

INVITO AI PARTECIPANTI

Mercoledì 8 novembre si è tenuto il secondo in- contro aperto di progettazione partecipata.

Il programma ha previsto:

• la presentazione della proposta progettuale

• Action research

per individuare insieme ai partecipanti inte- grazioni e modifiche al progetto.

MERCOLEDÌ 8 NOVEMBRE Progettiamo il verde di via Puglia

AULA LIM - SCUOLE PARMINI illustrazione della proposta progettuale per definire insieme integrazioni e modifiche via Parigi 3

16:30

Per presentare il progetto sono state utilizzate delle suggestioni, disegnando gli elementi che verranno inseriti diretamente sulle fotografie.

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Il disegno a mano libera, rispetto al disegno tecnico, è più informale. Inoltre, come il tratto a matita che può essere cancellato, ha in sé un carattere di provvisorietà, che induce le perso- ne a sentirsi più libere di metterlo in discussione.

Le aree di intervento mostrate sono: l'area gio- co per l'infanzia nei pressi della scuola d'infanzia Puccini, l'area verde libera, l'ipotesi di ripristi- no della collezione botanica in via Mariscoglio e la sistemazione esterna dell'asilo aziendale dell'Università.

È stata infine aperta una piccola parentesi sull'ipotesi di sistemazione del cortile della pa- lestra della scuola elementare.

Problemi affrontati

! La partecipazione è stata molto bassa

Occorre modificare le modalità di coinvolgimento delle persone che, al di fuori degli even- ti programmati, si sono invece rivelate sensibili al tema e disposte ad affrontare la que- stione, esprimendo la propria opinione attraverso i questionari, negli incontri informali e utilizzando le e-mail e il social network.

MOBILITÀ ESITO

VEGETAZIONE

RECINZIONE

TERRENO VIA MARISCOGLIO

PERCORSO PIAGGE

DOMANDE PER STIMOLARE IL DIBATTITOTEMI AFFRONTATI

!

ISTRUZIONI

Su un cartellone vengono scritti i temi da discutere e vengono poste delle do- mande in merito ai partecipanti.

Le persone scrivono le loro risposte su dei foglietti adesivi che vengono appe- se sotto il tema a cui si riferiscono.

Alla fine si ottiene un quadro d'insieme delle idee, visibile a tutti. Il facilitatore ne riassume il contenuto per individuare le questioni più importanti.

Il metodo si presta a focalizzare gli ar- gomenti in assemblee affollate.

Immagine di: Ben Orlansky

Piante già grandi o ancora piccole, che richiedono meno cure ma dovranno essere sostituite da strut- ture di copertura (es. gazebi) finché non cresceranno abbastanza da fornire ombra?

Estesa a tutta l'area o solo nella zona gioco per l'in- fanzia?

In che materiale deve essere fatta?

Se venisse ripristinata la collezione botanica, c'è l'in- teresse ad accedere all'area, in tempi e modi concor- dati, come opportunità di educazione ambientale?

Semplice attraversamento o dotato di arredi per renderlo anche uno spazio di sosta?

La discussione è sorta spontanea dai partecipanti al termine dell'illustrazione del pro- getto, senza che ci fosse stato bisogno di porre le domande preparate.

Alcuni temi non sono stati discussi perché ritenuti non interessanti e ne sono stati ag- giunti altri nuovi rispetto a quelli previsti. Questo non è un problema, in quanto com- pito del facilitatore è anche quello di far emergere i temi che sono più rilevanti per le persone.

Data la ridotta affluenza, la discussione si è tenuta per alzata di mano anziché usare il metodo dell'Action research.

Gli alberi devono essere già grandi da fare ombra e per la recinzione è preferibile piantare una siepe.

Il percorso ciclopedonale per il viale delle Piagge sarà un attraversa- mento e non un luogo di sosta.

L'inserimento dei cestini deve essere coadiuvato da un programma di educazione ambientale promosso attraverso le scuole.

Si richiede una previsione dei costi di realizzazione e manutenzione dell'intervento, valutando anche il coinvolgimento dei cittadini.

percorso pedonale percorso ciclabile VIABILITÀ

linea servizio pubblico strada chiusa al traffico in ingresso e uscita da scuola

Il tema della viabilità è stato ampiamente di- scusso nell'incontro.

Per incentivare la mobilità dolce, il servizio di pedibus deve essere integrato da un program- ma di sensibilizzazione attraverso le scuole.

Studiando insieme la mappa è stato indivi- duato un tratto di strada da chiudere al traffi- co, in ingresso e uscita da scuola, per garantire la sicurezza dei pedoni, invogliando le persone a lasciare la macchina e camminare.

Progettazione partecipata per la riorganizzazione funzionale e gestionale di un'area verde

per scuole dell'infanzia e primarie. Il caso del Polo scolastico di Porta a Piagge a Pisa. Tesi di laurea magistrale in Ingegneria Edile-Architettura DESTEC _ Scuola di Ingegneria _ Università di Pisa

Laureanda: Agnese Amato

Relatori: prof. Massimo Rovai, arch. Luisa Santini, dr. Fabrizio Cinelli

9 PROGETTO PARTECIPATO

INCONTRO DI CONFRONTO ACTION RESEARCH

Riferimenti

Documenti correlati

Il progetto ha lo scopo di fornire un pro memoria degli interventi operativi da attuare già previsti favorendo la diffusione degli strumenti esistenti (procedure specifiche

La scelta ha effetto per l’intero anno scolastico cui si riferisce e per i successivi anni di corso nei casi in cui sia prevista l’iscrizione d’ufficio, fermo

È quindi indispensabile una corretta valutazione dei parametri vitali per poter attuare immediatamente le misure di rianimazione (se il Soccorritore è uno solo, ancora

Padroneggia e applica in situazioni diverse le conoscenze fondamentali relative all’organizzazione logico-sintattica della frase semplice, alle parti del discorso (o

In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI

Proclamazione degli eletti quali rappresentanti dei genitori nel Consiglio di Intersezione (Scuola dell’Infanzia), nei Consigli di Interclasse (Scuola Primaria) e nei

 produrre liberamente e in modo creativo, attraverso l’esplorazione delle diverse potenzialità espressive della voce, degli oggetti sonori e di semplici strumenti,

I Genitori o i soggetti esercenti la potestà genitoriale devono iscrivere alla classe prima della scuola primaria i bambini che compiono sei anni di età entro il 31 dicembre