• Non ci sono risultati.

Attività sperimentale-dimostrativa in Agricoltura biologica (2001-2002)

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "Attività sperimentale-dimostrativa in Agricoltura biologica (2001-2002)"

Copied!
4
0
0

Testo completo

(1)

Attività sperimentale-dimostrativa in Agricoltura biologica (2001-2002)

https://www.innovarurale.it/italia/bancadati-ricerca/attivita-sperimentale-dimostrativa-agricoltura-biologica-2001-2002

Attività sperimentale-dimostrativa in Agricoltura biologica (2001-2002)

1/4 https://www.innovarurale.it/italia/bancadati-ricerca/attivita-sperimentale-dimostrativa-agricoltura-biologica-2001-2002

1/4

Attività sperimentale-dimostrativa in Agricoltura biologica (2001-2002)

Riferimenti Acronimo 78 AGRIBIO 01 Rilevatore Tonesi Rossana Regione Lombardia

Scala territoriale Regionale

Titolo del programma Piano della ricerca 2001 Informazioni Strutturali Capofila

Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura - Sezione di Sant'Angelo Lodigiano

Periodo

14/11/2001 - 13/11/2002 Durata

12 mesi Partner (n.) 6

Costo totale

€57.158,22

Contributo concesso

€ 51.645,69 (90,36 %) Risorse proprie

€ 5.512,53 (9,64 %) Stato del progetto Concluso

Abstract

Il progetto si compone di due parti, una relativa ai cereali autunno-vernini e l'altra alle colture orticole. *Cereali* : A fronte di una crescente richiesta di cereali prodotti con il metodo biologico, in particolare per la preparazione di pane e altri prodotti da forno, il progetto ha risposto all'esigenza di individuare le cultivar che meglio si adattano all'agricoltura biologica. Inoltre si è tentato di ottimizzare alcuni aspetti di tecnica colturale mantenendo nello stesso tempo saldi i principi del metodo di coltivazione biologica.

*Colture orticole* : In Lombardia le aziende produttrici di ortaggi biologici (pomodoro, patata, zucchino, peperone, melanzana, lattuga e melone) sono concentrate principalmente nelle province di Brescia, Mantova e Bergamo.

La crescente domanda di prodotti da agricoltura biologica ha indotto la Regione Lombardia a finanziare questo progetto con lo scopo principale di valutare la qualità nutrizionale e la salubrità dei prodotti "bio" rispetto a quelli ottenuti con metodo convenzionale.

Obiettivi

- Confronto varietale e prove di concimazione per frumento tenero e farro; - tecniche di controllo delle infestanti del mais; - confronto varietale di lattughe da cespo e determinazione del contenuto in nitrati; - produzione di insalate per la quarta gamma con particolare riguardo alla carica microbica; - coltivazione del pomodoro da mensa senza l’impiego del rame.

Contenuti

Tipologia di ricerca Sperimentazione

(2)

Attività sperimentale-dimostrativa in Agricoltura biologica (2001-2002)

https://www.innovarurale.it/italia/bancadati-ricerca/attivita-sperimentale-dimostrativa-agricoltura-biologica-2001-2002

2/4

Area disciplinare 6.4 Prodotti vegetali Area problema

404 Nuovi e migliorati prodotti alimentari derivati dalle produzioni di pieno campo

601 Garantire prodotti alimentari esenti da contaminanti tossici, compresi i residui delle tecnologie agricole 402 Produzione di frutti e vegetali con maggiore accettabilità dai consumatori

Ambiti di studio

7.3. 8. Agricoltura biologica

2.2.3. Comparto orticolo in generale 2.5.1. Cereali e prodotti derivati Parole chiave

sistemi erbacei

pratiche/protocolli di coltivazione Ambito territoriale

Regionale

Destinatari dei risultati Produttori agricoli

Associazioni di produttori, cooperative, consorzi, ecc.

Servizi di assistenza tecnica Beneficiari indiretti dei risultati Consumatori

Turismo rurale

Territorio, paesaggio e ambiente Risultati Attesi

Prodotto innovativo atteso

Per frumento e farro: a. Identificazione di genotipi adatti alla coltivazione biologica b. Messa a punto d’idonee tecniche colturali c. Valutazione della qualità tecnologica e nutrizionale dei frumenti prodotti con agrotecnica biologica d.

Contenimento degli inquinanti da micotossine. Per il mais: a. messa a punto di linee di gestione del terreno, che consentano il controllo delle malerbe e siano altresì compatibili col metodo biologico. Per le orticole: a. 1. verifica dell’attitudine all’accumulo di nitrati nelle lattughe da cespo ottenute con metodo biologico, in confronto con le stesse cv allevate con metodo tradizionale b. definizione della carica microbica su lattughino, rucola, valeriana e cicoria trasformati in prodotti di IV gamma c. verifica dell'efficacia di due tecniche di lotta biologica ad Aphis gossypii su melone e zucchino in coltura protetta d. protocollo per la coltivazione del pomodoro da mensa in tunnel senza l’utilizzo di fitofarmaci, agendo preventivamente su umidità e temperatura

Natura dell'innovazione Innovazione di processo / prodotto Caratteristiche dell'innovazione Tecnico-produttive

Agronomiche

Forma di presentazione del prodotto Protocolli e disciplinari

(3)

Attività sperimentale-dimostrativa in Agricoltura biologica (2001-2002)

https://www.innovarurale.it/italia/bancadati-ricerca/attivita-sperimentale-dimostrativa-agricoltura-biologica-2001-2002

3/4

Pubblicazioni

Impatti dell'innovazione Miglioramento qualitativo Si

Impatti ambientali e sociali dell'innovazione Tutela biodiversità

Salute consumatori Risultati Realizzati

Prodotto innovativo realizzato

Per frumento e farro: a. Identificazione di genotipi adatti alla coltivazione biologica b. Individuazione dei punti critici della tecnica colturala da utilizzare per migliorare la qualità tecnologica del frumento biologico. c. Valutazione della qualità tecnologica e nutrizionale dei frumenti prodotti con agrotecnica biologica Per le orticole: a. il metodo biologico, caratterizzato da un ritmo di crescita più lento della pianta e da una disponibilità azotata meno concentrata nel tempo, permette un minor accumulo di nitrati negli ortaggi da foglia b. verifica della minor carica moicrobica sui prodotti bio rispetto a quelli tradizionali c. verifica dell'efficacia di due tecniche di lotta biologica ad Aphis gossypii su melone e zucchino in coltura protetta d. protocollo per la coltivazione del pomodoro da mensa in tunnel senza l’utilizzo di fitofarmaci, agendo preventivamente su umidità e temperatura

Natura dell'innovazione Innovazione di processo / prodotto Caratteristiche dell'innovazione Agronomiche

Tecnico-produttive

Forma di presentazione del prodotto Protocolli e disciplinari

Pubblicazioni

IMPATTI DELL'INNOVAZIONE Miglioramento qualitativo Si

Capitale Diminuzione Mezzi tecnici Diminuzione

Impatti ambientali e sociali dell'innovazione Tutela biodiversità

Salute consumatori Partenariato Ruolo

(4)

Attività sperimentale-dimostrativa in Agricoltura biologica (2001-2002)

https://www.innovarurale.it/italia/bancadati-ricerca/attivita-sperimentale-dimostrativa-agricoltura-biologica-2001-2002

4/4

Capofila Nome

Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura - Sezione di Sant'Angelo Lodigiano Responsabile

Gaetano Boggini Dettagli

Ruolo Partner Nome

Istituto Sperimentale per l'Orticoltura - Sezione di Montanaso Lombardo Responsabile

Massimo Schiavi Dettagli

Ruolo Partner Nome

Associazione Italiana Agricoltura Biologica (AIAB Lombardia) Responsabile

Dettagli Ruolo Partner Nome

Associazione Lombarda Agricoltori Biologici La Buona Terra Responsabile

Dettagli Ruolo Partner Nome

Centro per l'Incremento della Vitivinicoltura, Frutticoltura, Cerealicoltura (CIViFruCe) Responsabile

Dettagli Ruolo Partner Nome

Provincia di Lodi - Settore Agricoltura ed Ambiente rurale Responsabile

Dettagli

Riferimenti

Documenti correlati

presentato sulle Sottomisure 16.1, 16.2 e 1.1 sul Programma di Sviluppo rurale per il Veneto 2014 - 2020, dove l’obiettivo generale è stato quello di mettere a punto strumenti

Una volta completata la potatura avremo il problema di gestire i tralci o sarmenti. Il viticoltore ha tre possibilità: trinciatura e interramento dei sarmenti in vigna, la raccolta

La presentazione a maggio scorso da parte della Commissione europea, del Green New Deal e delle Strategie Farm to Fork e Biodeversità hanno creato forti aspettative nel

Tecnologia di produzione Agriges Le suddette dosi hanno valore indicativo e possono variare in rapporto alle caratteristiche pedoclimatiche di ogni zona. Esclusiva tecnologia

si consiglia, prima della ripresa vegetativa per non incorrere in fenomeni di fitotossicità, di intervenire con olio bianco addizionato con zolfo che risulta essere efficace anche

BATTERIOSI: in presenza di condizioni favorevoli alla malattia (prolungate bagnature) intervenire con sali di rame* o Bacillus amyloliquefaciens. cinerea): intervenire durante le

In alternativa è possibile intervenire con olio di arancio dolce o Bacillus pumilus (Sonata) o Pythium oligandrum (Polyversum) o Ampelomices quisqualis (AQ10 WG). Con lo zolfo si

Intervenire in previsione di precipitazioni o bagnature prolungate preventivamente con sali di rame*, eventualmente in miscela con zolfo nei casi di forti attacchi di