• Non ci sono risultati.

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE dell adunanza del 27 marzo 2017

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE dell adunanza del 27 marzo 2017"

Copied!
8
0
0

Testo completo

(1)

Deliberazione n. 9

COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

dell’adunanza del 27 marzo 2017

OGGETTO:Approvazione del Piano Comunale del servizio di gestione dei rifiuti e del Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

L’anno duemiladiciassette, il giorno ventisette del mese di marzo (27/3/2017) nella sala consiliare, dietro inviti diramati a norma di legge in data 20 marzo 2017, prot. n. 24492 ed integrazione in data 23 marzo 2017, prot. 25416, è stato convocato il Consiglio comunale in seduta ordinaria pubblica di prima convocazione, per le ore 9:30.

Gli inviti sono stati notificati a tutti i Signori Consiglieri e il relativo Ordine del Giorno affisso all’Albo pretorio on- line.

La riunione ha inizio alle ore 10.55 ca., con appello di seduta. Presiede il Presidente del Consiglio ing.Pierluigi CAPUTO e partecipa alla seduta il Segretario Generale, avv. AlfonsoRENDE. Al momento dell’appello di seduta il Sindaco, arch. Mario OCCHIUTO non è presente e si registra la presenza degli Assessori: SPATARO, SPADAFORA, CARUSO,PASTORE e dei sotto elencati:

CONSIGLIERI PRESENTI ASSENTI CONSIGLIERI PRESENTI ASSENTI

1 Ambrogio Marco si 17 Falcone Fabio si

2 Bruno Davide si 18 Gervasi Luca si

3 Cairo Gaetano si 19 Granata Vincenzo si

4 Caputo Pierluigi si 20 Guccione Carlo si

5 Cassano Francesca si 21 Malizia Francesca si

6 Chiappetta Piercarlo si 22 Mauro Alessandra si

7 Cipparrone Giovanni si 23 Morcavallo Enrico si

8 Cito Francesco si 24 Morrone Luca si

9 Covelli Damiano Cosimo si 25 Paolini Enzo si

10 Del Giudice Sergio si 26 Rende Biancamaria si

11 De Marco Maria Teresa si 27 Ruffolo Antonio si

12 De Rosa Alessandra si 28 Rugiero Anna si

13 Di Nardo Lino si 29 Salerno Carmelo si

14 D’Ippolito Giuseppe si 30 Sconosciuto Pasquale si

15 Fabiano Anna si 31 Spadafora Francesco si

16 Falbo Andrea si 32 Spadafora Gisberto si

Tot. 12 4 Tot. 11 5

Pertanto, all’appello risultano presenti i suddetti n. 23 Consiglieri.

Nel corso della riunione entrano in aula il Sindaco, i consiglieri: Chiappetta, Morcavallo, De Marco, Falbo, Ruffolo, il Vice Sindaco e gli assessori: De Cicco, Vizza, Succuro e Vigna.

C I T T À D I C O S E N Z A

(2)

SEDUTADELCONSIGLIOCOMUNALEDEL27 MARZO 2017

OGGETTO: Approvazione del Piano Comunale del servizio di gestione dei rifiuti e del Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Il Presidente del Consiglio, ing. PIERLUIGI CAPUTO, verificata l’esistenza del numero legale, dopo aver nominato scrutatori i consiglieri: 1) SPADAFORA GISBERTO; 2) CAIRO GAETANO; 3) CIPPARRONE GIOVANNI,dà lettura di alcune comunicazioni pervenute:

- il consigliere comunale SPADAFORA FRANCESCO comunica la propria uscita dal gruppo consiliare FORZA COSENZA e l’adesione al GRUPPO MISTO;

- il consigliere comunale BRUNO DAVIDE comunica la propria uscita dal gruppo consiliare FORZA

COSENZA e l’adesione al GRUPPO MISTO;

- i consiglieri SPADAFORA FRANCESCO e BRUNO DAVIDE appartenenti al GRUPPO MISTO indicano il consigliere SPADAFORA FRANCESCO presidente del gruppo stesso;

- il consigliere Cito Francesco comunica di lasciare il gruppo consiliare “OCCHIUTO BIS” e di aderire al gruppo consiliare “COSENZA LIBERA”;

- i consiglieri CITO FRANCESCO e SCONOSCIUTO PASQUALE facenti parte del gruppo COSENZA LIBERA

comunicano che il Presidente del gruppo è il Sig. CITO FRANCESCO;

- i consiglieri GERVASI LUCA e SALERNO CARMELO facenti parte del gruppo FORZA COSENZA

comunicano che il Presidente del gruppo è il consigliere GERVASI LUCA.

Successivamente, dà la parola al consigliere DI NARDO il quale comunica che a breve formalizzerà, assieme agli altri componenti, la variazione denominazione del proprio gruppo consiliare Cosenza Positiva in “Cosenza Positiva - Fratelli d’Italia”.

Da poi la parola al consigliere GRANATA VINCENZO il quale chiede l’inversione dell’ordine del giorno e precisamente l’immediata trattazione del punto iscritto al n. 8 avente per oggetto:

«Approvazione del Piano Comunale del servizio di gestione dei rifiuti e del Regolamento Comunale per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati. Il Presidente del Consiglio pone, quindi in votazione la proposta suddetta, che viene approvata all’unanimità dal Sindaco e dai 22 componenti dell’assemblea presenti: (Ambrogio;Cairo; Caputo; Cipparrone; Cito; Covelli; Del Giudice; De Rosa; Di Nardo;

D’Ippolito; Fabiano; Gervasi; Granata; Guccione; Mauro; Morrone, Paolini; Rende; Rugiero; Salerno;

Sconosciuto; Spadafora G).

Il Presidente del Consiglio comunica all’Assemblea che la proposta di deliberazione è stata approvata ad unanimità dei votanti dalla commissione Ambiente e, verificato che nessun consigliere chiede di intervenire pone in votazione la proposta. Ed

I L C O N S I G L I O C O M U N A L E

Su conforme proposta del Direttore del Settore 8° Ambiente ed Edilizia Privata ing. Carlo Pecoraro, recante in calce l’espressione del parere favorevole dello stesso dirigente in ordine alla regolarità tecnica, ai sensi dell’art. 49 del t.u.o.e.l. n. 267/2000;

VISTI :

- gli indirizzi del Piano di gestione dei Rifiuti della regione Calabria adottato con la Deliberazione di Giunta Regionale n. 497/2016;

- le Linee “Guida per il potenziamento della raccolta differenziata nella Regione Calabria”

approvate con DGR n. 239 del 29.06.2016;

- il Bando della Regione Calabria pubblicato sul BURC n. 1. Del 4.01.2017 - Calabria FESR- FSE 2014-2020 - DGR n. 296 del 28/07/2016 - Piano di Azione “Interventi per il miglioramento del servizio di Raccolta Differenziata in Calabria;

VISTI i documenti oggetto della presente proposta;

(3)

- che il Piano Comunale di gestione dei rifiuti fornisce le misure per il raggiungimento degli obiettivi fissati dal Piano di gestione dei rifiuti della Regione Calabria;

- che è necessario avere conseguentemente uno strumento adeguato che disciplini la materia sul territorio comunale;

- che gli strumenti predetti risultano indispensabili ai fini del finanziamento regionale per la raccolta differenziata;

PRECISATO CHE:

- Le azioni sottese al Piano Comunale sono improntate ai criteri di priorità nella gestione dei rifiuti stabiliti dalla normativa vigente e rispettano i “Criteri minimi ambientali per la gestione dei rifiuti urbani”, emanati con Decreto del MATTM del 13 febbraio 2014, pubblicato sulla G.U. n. 58 del 11 marzo 2014.

- gli obiettivi che si intendono conseguire con il Piano Comunale di gestione dei rifiuti urbani sono:

 riduzione dei rifiuti biodegradabili (RUB) in discarica;

 riduzione dei rifiuti indifferenziati in discarica;

 aumento della raccolta differenziata;

- l’allegato Regolamento Comunale disciplina la raccolta differenziata dei rifiuti nel territorio del Comune di Cosenza, ai sensi dell’art. 198 del D.Lgs. n. 152/2006 e ss.mm.ii. e conformemente alla normativa comunitaria ed alle leggi regionali in materia.

- il suddetto Regolamento detta:

a) le misure per assicurare la tutela igienico-sanitaria in tutte le fasi della gestione dei rifiuti urbani;

b) le modalità del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti urbani;

c) le modalità del conferimento, della raccolta differenziata e del trasporto dei rifiuti urbani e assimilati, al fine di garantire una distinta gestione delle diverse frazioni di rifiuti e promuovere il recupero degli stessi;

d) le norme atte a garantire una distinta e adeguata gestione dei rifiuti urbani pericolosi;

e) le misure necessarie a ottimizzare le forme di conferimento, raccolta e trasporto dei rifiuti di imballaggio, in sinergia con altre frazioni merceologiche, fissando standard minimi da rispettare;

f) le modalità di esecuzione della pesata dei rifiuti urbani prima di inviarli al recupero e allo smaltimento;

g) l'assimilazione, per qualità e quantità, dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani;

h) le norme per la gestione degli altri rifiuti rispetto ai rifiuti urbani.

PRESO ATTO che la proposta della presente deliberazione è stata sottoposta al preventivo esame della Commissione consiliare “Ambiente” che l’ha approvata ad unanimità dei votanti giusta verbale n. 7 del 24/3/2017;

VISTO l’esito della votazione palese, per alzata di mano, proclamato dal Presidente, che è il seguente:

- componenti dell’assemblea presenti: n. 23 (Sindaco; Ambrogio; Cairo; Caputo; Cipparrone; Cito, Covelli;

Del Giudice; De Rosa; Di Nardo; D’Ippolito; Fabiano; Gervasi; Granata; Guccione; Mauro; Morrone; Paolini;

Rende; Rugiero; Salerno; Sconosciuto; Spadafora G.) - voti favorevoli: n. 23

- voti contrari: nessuno;

- astenuti: nessuno.

Ad unanimità

Per i motivi sopra esposti

D E L I B E R A:

1. di approvare il Piano Comunale di gestione dei rifiuti e del Regolamento Comunale di gestione dei rifiuti urbani e assimilati, composto da una parte testuale di n. 47 pagine (all. 1)

(4)

ed un elaborato grafico recante la planimetria del territorio comunale, oggetto del servizio (all. 2) documenti allegati al presente atto quali parti integranti e sostanziali;

2. di approvare il Regolamento per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati, composto di n. 38 articoli e n. 5 allegati (all. 3), documento allegato al presente atto come parte integrante e sostanziale.

Copia del presente atto viene trasmesso, per il tramite del Servizio Archivio: Sindaco; Assessore all’Ambiente; Dirigente del Settore 8° Ambiente - Edilizia privata; Dirigente del Settore 12°

Programmazione Risorse finanziarie - Bilancio - Patrimonio; Dirigente Settore Decoro Urbano;

Segretariato generale

–––––o–––––

Successivamente, con separata votazione palese, per alzata di mano, IL CO N SIG LIO CO MUNA LE

- componenti dell’assemblea presenti: n. 23 (Sindaco; Ambrogio; Cairo; Caputo; Cipparrone; Cito, Covelli; Del Giudice; De Rosa; Di Nardo; D’Ippolito; Fabiano; Gervasi; Granata; Guccione; Mauro; Morrone; Paolini; Rende;

Rugiero; Salerno; Sconosciuto; Spadafora G.) - voti favorevoli: n. 23

- voti contrari: nessuno;

- astenuti: nessuno;

A L L ’ U N A N I M I T À

DEL IB ERA:

di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, ai sensi del quarto comma dell’articolo 134 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, emanato con decreto legislativo 18 agosto 2000, n.

267.

–––––o–––––

― Di disporre che il presente atto venga pubblicato nell’Albo pretorio on-line di questo Comune ai sensi dell’art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69 e successive modificazioni.

La presente deliberazione assume il n. 9 del 2017.

–––––o–––––

(OMISSIS)

(5)
(6)
(7)
(8)

Il presente verbale viene letto, approvato e sottoscritto.

Seguono le firme sull’originale del Presidente del Consiglio e del Segretario Generale.

ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE

(Art. 124, comma 1, d.lgs. n. 267/2000)

Si attesta che la presente deliberazione viene pubblicata all’Albo Pretorio on-line di questo Comune per 15 (quindici) giorni consecutivi a partire dal 29 marzo 2017.

Cosenza, lì 29 marzo 2017

LA DIRIGENTE DEL SETTORE AFFARI GENERALI

f.to (dott.ssa Maria Molezzi)

ESECUTIVITÀ

(ex art. 134, comma 3, del T.u.o.e.l. n. 267/2000)

La presente deliberazione è divenuta esecutiva in data ……….……….. (dopo il decimo giorno dalla sua pubblicazione).

IL SEGRETARIO GENERALE

Cosenza, lì ……….. F.to ……….

ESECUTIVITÀ IMMEDIATA

(ex art. 134, comma 4, del T.u.o.e.l. n. 267/2000)

La presente deliberazione è dichiarata immediatamente eseguibile.

IL SEGRETARIO GENERALE f.to (avv. Alfonso Rende)

È copia conforme all’originale per uso amministrativo.

IL SEGRETARIO GENERALE

Cosenza, lì ……….. ……….

Cosenza, lì 29 marzo 2017

Riferimenti

Documenti correlati

2) MODALITA’ DI CONFERIMENTO PER LE UTENZE DOMESTICHE - rifiuti indifferenziati:.. da conferire utilizzando il sacchetto giallo, da posizionare in prossimità dell’uscio o sul

I produttori di rifiuti speciali (con esclusione di quelli assimilati agli urbani dal presente regolamento), nonché dei rifiuti pericolosi, sono tenuti a distinguere

le modalità del conferimento, della raccolta differenziata e del trasporto dei rifiuti urbani al fine di garantire una distinta gestione delle diverse frazioni di rifiuti e

TITOLO II – NORME PARTICOLARI NELLA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI ... 31 – Imbrattamento delle aree pubbliche ... 32 – Rimozione scarichi abusivi su suolo pubblico o di uso pubblico

h) N.70 Contenitori portarifiuti da lt.240 in polietilene, di colore “BLU” ad alta densità, carrellati su n°2 ruote da 200 mm, coperchio piano, sezione tronco

- altri oggetti metallici o non metallici asportati prima della cremazione, tumulazione od inumazione. I rifiuti da esumazioni ed estumulazioni di cui alla

Interessanti sono i dati di RD% che mette in relazione i quantitativi intercettati di raccolta differenziata con la produzione di rifiuti totali; in questo senso si evidenzia che

Qualora previsto nel contratto di servizio il soggetto gestore è tenuto ad istituire il servizio di pronto intervento per la rimozione di carogne e carcasse di