• Non ci sono risultati.

Bullismo e Cyberbullismo

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "Bullismo e Cyberbullismo"

Copied!
17
0
0

Testo completo

(1)

Bullismo

Cyberbullismo e

Dott.ssa FEDERICA PIRRERA Psicologa-Psicoterapeuta

(2)

Definizione: Bullismo

Con il termine bullismo si intende una serie di azioni e prevaricazioni verbali, fisiche e psicologiche ripetute in modo sistematico nel tempo, e messe in atto intenzionalmente da uno o più bambini/ragazzi più forti (i bulli) verso un altro minore (la vittima), al fine di arrecargli danno.

(3)

Definizione: Bullismo

Secondo l’Ordine degli Psicologi della Lombardia, il bullismo si differenzia in:

o Bullismo diretto nel momento in cui vi sono attacchi espliciti, fatti di violenze fisiche e verbali.

o Bullismo indiretto nel momento in cui danneggia le relazioni sociali della vittima, attraverso la diffusione di pettegolezzi, calunnie e l’esclusione dal gruppo.

(4)

Caratteristiche principali

Il bullismo presenta alcune specificità:

▪ Le azioni aggressive attuate dal bullo hanno l’obiettivo di arrecare un danno alla vittima o di emarginarla;

▪ Le azioni aggressive attuate dal bullo sono ripetute in modo sistematico nel tempo, pertanto non si tratta di una singola conseguenza ad un

episodio di rabbia o di conflitto tra bullo e vittima;

▪ Il bullo è più forte e, in genere, più grande della vittima (relazione asimmetrica)

▪ Le prevaricazioni avvengono di solito davanti ad un pubblico;

▪ La vittima non chiede aiuto perché ha paura di ritorsioni (isolamento).

(5)

Attori coinvolti nel fenomeno

Il bullismo è un fenomeno complesso che coinvolge diversi attori:

o BULLO, colui o coloro che mettono in atto le diverse forme di violenza verbale, fisica e/o psicologica

o VITTIMA, colui che subisce le azioni aggressive e di prevaricazione da parte del bullo

o GREGARIO, colui o coloro che sostengono o aiutano il bullo nelle sue azioni e nei soprusi

o PUBBLICO, colui che assiste alle azioni del bullo, senza intervenire.

(6)

Conseguenze

L’Ordine degli Psicologi della Lombardia evidenzia specifiche conseguenze psicologiche e sociali:

o Per il bullo → basso rendimento scolastico, aumento dell’aggressività, incapacità di rispettare le regole, comportamenti devianti e criminali che possono svilupparsi nel tempo.

o Per la vittima → sintomi fisici, sintomi psicologici (quali ansia, depressione, disturbi del sonno, aggressività), scarsa autostima, svalutazione di sé,

ritiro sociale, comportamenti autolesivi, abbandono scolastico.

(7)

Manifestazioni del fenomeno

o Bullismo fisico: il bullo utilizza forme di violenza fisica sulla vittima (ruba e/o distrugge oggetti della vittima, spinge, strattona, etc.).

o Bullismo verbale: il bullo aggredisce la vittima verbalmente attraverso frequenti insulti, prese in giro o minacce.

o Bullismo relazionale: il bullo utilizza la relazione per «colpire» la vittima, pertanto diffonde voci e pettegolezzi con l’obiettivo di escluderla dal gruppo.

(8)

Definizione: Cyberbullismo

La diffusione di mezzi di comunicazione e di social media anche tra le fasce più giovani della popolazione, ha determinato lo sviluppo di nuove modalità di aggressione che hanno fatto nascere il fenomeno del cyberbullismo.

Il cyberbullismo è «un atto aggressivo ed intenzionale, condotto da un individuo o da un gruppo di individui, usando varie forme di contatto

elettronico, ripetuto nel corso del tempo, contro una vittima che ha difficoltà a difendersi» (Smith et al., 2008).

(9)

Definizione: Cyberbullismo

Nel fenomeno del cyberbullismo, il bullo utilizza i media per mettere in atto azioni aggressive, umiliazioni o iniziative che causano l’esclusione della

vittima dal gruppo di pari. Obiettivo è quello di arrecare un danno psicologico alla vittima, rovinandone la reputazione o le amicizie, diffondendo online

maldicenze, postando in rete video imbarazzanti, insulti, derisioni o minacce attraverso i social network.

(10)

Definizione: Cyberbullismo

Secondo l’Ordine degli Psicologi della Lombardia, anche il cyberbullismo si differenzia in:

▪ Cyberbullismo diretto nel momento in cui vi sono attacchi espliciti con messaggi, chat ed email che hanno un effetto immediato sulla vittima.

▪ Cyberbullismo indiretto nel momento in cui il bullo danneggia le relazioni sociali della vittima, attraverso la diffusione di calunnie in aree pubbliche della rete, cosicché i contenuti diventano pubblici e condivisibili.

(11)

Tipologie di Cyberbullismo

Secondo l’Ordine degli Psicologi della Lombardia, il cyberbullismo si sviluppa secondo diverse modalità:

Flaming → messaggi elettronici violenti e volgari, mirati a suscitare battaglie in un forum tra due o più contendenti;

Harassment → messaggi offensivi, insultanti, disturbanti, inviati ripetutamente nel tempo;

Cyberstalking → molestie insistenti e intimidatorie, tanto da ingenerare nella vittima timore per la propria incolumità fisica;

Denigration → diffusione online di pettegolezzi e/o altro materiale

(12)

Tipologie di Cyberbullismo

Impersonation → furto dell’identità di qualcuno, di cui si viola l’account o si ottiene in modo consensuale l’accesso; in tal modo, il bullo si fa passare per la vittima, invia dal suo profilo messaggi o email, con l’obiettivo di

danneggiare la sua rete sociale;

Outing e trickery → diffusione di confidenze spontanee di un coetaneo, immagini riservate o intime precedentemente salvate;

Esclusione → emarginazione del coetaneo da un gruppo online;

Cyberbashing o happy slapping → pubblicazione online di filmati, in cui la vittima viene picchiata e insultata dal bullo al cospetto di un gruppo, che riprende la scena;

(13)

Attualmente, la tecnologia consente ai bulli di infiltrarsi nelle case delle vittime, per cui chi è vittima di bullismo sente protezione e sicurezza nel

proprio ambiente domestico, invece nel caso di cyberbullismo i bulli riescono ad infiltrarsi nelle case altrui e la vittima sperimenta una situazione di

perpetua esposizione e di mancanza di protezione.

Tra Bullismo e Cyberbullismo

(14)

Come definito dal MIUR, vi sono peculiari differenze tra bullismo e cyberbullismo:

❖ Attori coinvolti:

- Nel bullismo, sono coinvolti studenti della classe e/o dell’Istituto - Nel cyberbullismo, sono coinvolti ragazzi della rete Internet

❖ Bullo:

- Nel bullismo, è quello forte e che riesce a prevaricare i più fragili - Nel cyberbullismo, chiunque può diventare cyberbullo

❖ Bullo:

- Nel bullismo, la vittima conosce il bullo

Tra Bullismo e Cyberbullismo

(15)

❖ Azioni e racconti del bullo:

- Nel bullismo, sono raccontate nell’ambiente scolastico circoscritto - Nel cyberbullismo, il materiale è diffuso in tutto il mondo

❖ Azioni del bullo:

- Nel bullismo, avvengono nell’ambiente scolastico circoscritto - Nel cyberbullismo, possono manifestarsi 24/24 ore

❖ Libertà del bullo:

- Nel bullismo, le dinamiche scolastiche limitano le azioni del bullo - Nel cyberbullismo, il bullo non sperimenta alcun limite di azione

❖ Vittima:

Tra Bullismo e Cyberbullismo

(16)

▪ Per la prevenzione e il contrasto del bullismo e cyberbullismo è importante attuare azioni volte alla sensibilizzazione dei temi,

accompagnando i ragazzi ad una maggior consapevolezza del significato della relazione e ad uso responsabile degli media e social media.

▪ In contesto scolastico è importante favorire un clima sereno e accogliente all’interno della classe e/o dell’istituto, promuovendo una cultura del

rispetto e dell’integrazione all’interno dell’istituzione scolastica/educativa.

Azioni contro Bullismo e Cyberbullismo

(17)

Fonti Sitografiche

https://www.altalex.com/guide/bullismo

https://www.miur.gov.it/bullismo-e-cyberbullismo https://www.opl.it/psicologia-attuale/bullismo.php

https://www.opl.it/public/files/14545-COP+IMP-Dossier-bullismo-e- cyberbullismo-web.pdf

https://www.ospedalemarialuigia.it/psicologia-applicata/bullismo- caratteristiche-e-conseguenze

Riferimenti

Documenti correlati

Non era una domanda, ma quasi tutti i ragazzi hanno risposto RINGRAZIANDO NOI, perché è stata data loro l'opportunità di esprimersi, hanno ritenuto importante questo

 coinvolge, nella prevenzione e contrasto al fenomeno del bullismo, tutte le componenti della comunità scolastica, particolarmente quelle che operano nell'area

la promozione della solidarietà, della cooperazione, del rispetto e dell'aiuto reciproco in ambito sia scolastico che extrascolastico, favorendo la condivisione delle regole e delle

temporaneo allontanamento dell’alunno dalla comunità scolastica per periodi non superiori a 15 giorni: il Dirigente Scolastico, informato dal singolo docente o dal

281, dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, del Garante per l'infanzia e l'adolescenza, del Comitato di applicazione del codice di autoregolamentazione media e minori,

a) Baiting (reato): prendere di mira utenti (users), nello specifico principianti (new users), in ambienti virtuali di gruppo (es: chat, game, forum) facendoli diventare

Collabora con gli insegnanti della scuola, propone corsi di formazione al Collegio dei docenti, coadiuva il Dirigente scolastico nella redazione dei Piani di vigilanza attiva ai

favorisce la discussione all'interno della scuola, attraverso i vari organi collegiali, creando i presupposti di regole condivise di comportamento per il contrasto