R6150 Economia ed estimo ambientale

Nel documento 1997/98 (pagine 53-58)

Anno: 4 Periodo: l Docente: Giulio Mondini

Èobiettivo del corso lo studio dei problemi economici, procedurali e normativi connessi al-l'intervento sul territorio. Tali problematiche verranno indagate principalmente in riferimento all'analisi di fattibilità del progetto o del piano verificata attraverso metodologie specifiche, sia di carattere "quantitativo" che "qualitativo", a scala edilizia, territoriale e ambientale. Al-l'interno di questo quadro d'insieme, la valutazione economica rappresenta un aspetto premi-nente di studio.

PROGRAMMA

Sono argomenti del corso i temi relativi alla valutazione dei beni economici, così come sono proposti all'interno di diversi quadri di riferimento: l'economia neoclassica, l'economia del benessere, l'economia ambientale. In particolare, i temi sono così articolati:

Fondamenti dell'economia ecologica.

L'approccio microeconomico ai problemi ambientali.

L'approccio macroeconomico ai problemi ambientali.

Risorse ambientali e sviluppo sostenibile.

Ambiente e valori incommensurabili.

Teorie e tecniche estimative e loro applicazioni.

Cenni all'analisiinput - outpute sue applicazioni.

Cenni all'analisimulticriteriae sue applicazioni.

Cenni alle teorie decisionali e loro applicazioni.

La Valutazione di Impatto Ambientale e sue applicazioni.

L'Analythic Hierarchy Processe sue applicazioni.

BIBLIOGRAFIA

A.Barbanente, G. Mondini,Riflessioni sulla ricerca: valutazione dei piani e degli interventi edilizi complessi, in A. Realfonzo,La valutazione nella pianificazione urbana e regionale, CNR IRIS, Quaderno n.8, Bari, 1992.

A.Realfonzo,Teoria e metodo dell'estimo urbano,La Nuova Italia Scientifica, Roma 1994.

R. Roscelli (cur.),Misurare nell'incertezza,CELID, Torino, 1990.

M. Bresso,Per un'economia ecologica,NIS, Roma, 1993.

ESAME

La prova in merito prevede due livelli di verifica: il primo sulla conoscenza dei contenuti .dell'insegnamento; il secondo sulla produzione didattica dello studente.

R1790 Elettrotecnica

(lndir. Pianif e gesto territoriale) Anno: 4 Periodo: l Docente: Maurizio Reperto

Il corso si propone di fornire le nozioni di base dell'elettrotecnica indispensabili per una cor-retta utilizzazione delle macchine e degli impianti elettrici, tenendo anche conto dei problemi relativi alla sicurezza. A tale scopo, vengono esposti i fondamenti dell'analisi delle reti di bipoli lineari in regime stazionario e quasistazionario e sono richiamati alcuni aspetti fonda-mentali della teoria dei campi necessari per la comprensione del funzionamento dei compo-nenti dei sistemi elettrici. La teoria e i modelli sviluppati nella prima parte del corso sono infine applicati allo studio delle più comuni macchine elettriche e degli impianti di distribu-zione dell'energia elettrica.

REQUISITI

Analisi Matematica l e2,Fisica l e2,Geometria.

PROGRAMMA Prima parte: circuiti.

Multipoli e modello circuitale dei fenomeni elettromagnetici, regimi di funzionamento, meto-do simbolico. [8 ore]

Grandezze elettriche e loro proprietà, classificazione dei componenti ideali, considerazioni energetiche sui componenti ideali, connessioni tra i componenti. [12 ore]

Metodi di analisi dei circuiti elettrici in regime permanente, trasformazioni energetiche nei circuiti. [8 ore]

Circuiti in regime transitorio, transitori del primo e del secondo ordine. [4 ore]

Sistema trifase, definizioni, metodi di soluzione di circuiti trifase equilibrati e squilibrati, mi-sura della potenza. [6 ore]

- Seconda parte: campi.

Richiami sui campi vettoriali e sulle loro proprietà, equazioni di Maxwell, campo di corrente statico, leggi fondamentali dei circuiti in forma locale. [4 ore]

Dispersori e impianti di terra, cenni sulle normative antinfortunistiche, dimensionamento e protezione dei conduttori. [4 ore]

Campo elettrostatico, capacità e rigidità dielettrica, campo elettrico quasi stazionario, corrente di spostamento. [2 ore]

Campo magnetico statico e quasistazionario, proprietà dei materiali ferromagnetici, circuiti magnetici, relè differenziale, auto- e mutue induttanze, generalizzazione del potenziale elet-trico e forze elettromotrici indotte. [6 ore]

Energia magnetica, perdite nel ferro, conversione elettromeccanica dell'energia, elet-tromagneti, motori a riluttanza passo-passo. [6 ore]

Terza parte: macchine elettriche.

Trasformatore ideale, trasformatore reale e circuito equivalente, prove sul trasformatore,

tra-sformatore trifase, parallelo di trasformatori, cenni su autotratra-sformatore e trasformatori di misura. [8 ore]

Campo magnetico~otante, motore asincrono trifase e circuito equivalente, prove sui motori asincroni, avviamento e regolazione della velocità nei motori asincroni, macchina a induzio-ne, motore asincrono monofase. [6 ore]

Macchina elettrica a corrente continua, tipologie di eccitazione e circuiti equivalenti, commu-tazione, motoribrushless. [4 ore]

Cenni sul generatore sincrono. [2 ore]

ESERCITAZIONI

Analisi dei circuiti in regime stazionario e quasistazionario. [12 ore]

Campi di corrente, elettrici e magnetici. [6 ore]

Macchine elettriche. [8 ore]

BIBLIOGRAFIA Testo di supporto:

P.P. Civalleri,Elettrotecnica,Levrotto& Bella, Torino.

Testi per approfondimenti:

V. Daniele, A. Liberatore, R. Graglia, S. Manetti,Elettrotecnica,Monduzzi, Bologna.

A.E. Fitzgerald,C.Kingsley, A. Kusko,Macchine elettriche,Angeli, Milano.

ESAME

L'esame è composto da una prova scritta e da un colloquio. La prova scritta richiede la solu-zione di tre problemi relativi ad argomenti svolti durante il corso; durante tale prova è con-sentita la consultazione di testi ed appunti.

Il superamento della prova scritta è vincolante per l'ammissione al colloquio orale, che deve essere sostenuto nell'ambito dello stesso appello.

Per partecipare all'esameènecessario effettuare la prenotazione consegnando lo statino. Du-rante il corso vengono svolti due compiti scritti riservati agli iscritti regolari per ottenere l'esonero dalla prova scritta.

R1794 Elettrotecnica

(corso ridotto)

Anno: 3,4 Periodo:2

Lezioni, esercitazioni: 4+2(ore settimanali);34+ 16(ore nell'intero periodo) Docente: Edoardo Barbisio

-Scopo del corso è fornire i fondamenti indispensabili per affrontare la gestione degli impianti elettrici a livello elementare.

A tal fine si espongono i fondamenti dell'analisi delle reti di bipoli in regime stazionario e sinoidale permanente [monoLase e trifase). Lo studio delle macchine più comuni viene effet-tuato utilizzando i loro modelli circuitali. Un particolare sviluppoèdedicato all'analisi ed alla descrizione costruttiva dei trasformatori monofasi e trifasi, in quanto componenti fondamen-tali di ogni impianto industriale.

REQUISITI

Analisi I eli,Fisica I elI.

PROGRAMMA

- Reti elettriche a costanti concentrate (reti di multipoli): introduzione operativa di tensione e corrente. Leggi di vincolo per tensioni e correnti. Potenza elettrica, wattmetro. [4 ore]

Bipoli ideali elementari attivi e passivi: generatori ideali di tensione e di corrente, resisto-re, induttoresisto-re, condensatore. Energia immagazzinata in un induttore e in un condensatore.

Reti serie/parallelo di bipoli omologhi, bipoli equivalenti. Trasformatore ideale. [4 ore]

Partitore di tensione e di corrente. Dualità. Modelli elementari di bipoli reali attivi e pas-sivi. [2 ore]

Soluzione analitica di reti lineari serie/parallelo in regime stazionario: metodo di falsa posizione, principio di sovrapposizione degli effetti, teoremi di Thévenin, Norton e Mill-mano Trasformazione stella/triangolo. [5 ore]

Grandezze periodiche, funzionali caratteristici. Grandezze ad andamento sinoidale per-manente. Operazioni algebriche ed integro-differenziali su grandezze sinoidali: spazio vettori aie associato. Operatori: impedenza e ammettenza. [3 ore]

Potenza in regime sinoidale. Teorema di Boucherot. Rifasamento monofase. [2 ore]

Studio analitico e grafico di reti lineari serie/parallelo in regime sinoidale permanente.

Applicazioni ai modelli di trasformatore monoLase e di motore asincrono. [4 ore]

Sistemi trifasi simmetrici ed equilibrati. Misure di potenza con inserzione Aron. Rifasa-mento trifase. Confronto tra sistemi monofasi e trifasi per il trasporto dell'energia.

[5 ore]

Trasformatore/autotrasformatore monoLase e trifase: cenni costruttivi e circuito equiva-lente completo. Prova a vuoto e in corto circuito. Dati di targa. Variazione di tensione sotto carico. Parallelo di trasformatori. Trasformatori di misura. [50re]

Nel corso delle lezioni verranno suggeriti e svolti esercizi applicativi degli argomenti teorici esposti. Gli studenti saranno stimolati a cercare personalmente le metodologie più idonee per affrontare i singoli problemi.

ESERCITAZIONI

Le ore di esercitazione ripetitiva da svolgere in aula saranno assistite dal docente del corso con l'ausilio di un coadiutore.

LABORATORIO

Èprevista una visita guidata ai laboratori del Dipartimento di Ingegneria Elettrica Industriale, con esecuzione di misure sperimentali.

BIBLIOGRAFIA

Dispense fornite dal docente.

P.P. Civalleri:"Elettrotecnica".Levrotto& Bella, Torino.

Testi consigliati per integrazioni ed approfondimenti:

G.Fabricatore:"Elettrotecnica e applicazioni".Liguori, Napoli.

G. Someda:"Elettrotecnica penerale".Pàtron, Padova.

Testi per esercitazioni:

G.Fiorio:Raccolta di esercizi di Elettrotecnica.CLUT, Torino.

A.Laurentini,A.R.Meo,R.Pomè:Esercitazioni di Elettrotecnica. Levrotto& Bella.

ESAME

L'esame consiste di una prova scritta seguita da una orale (da sostenere in giorni diversi).

Nel documento 1997/98 (pagine 53-58)