• Non ci sono risultati.

P è sufficiente per Q (P → Q) Il

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "P è sufficiente per Q (P → Q) Il "

Copied!
2
0
0

Testo completo

(1)

Oggetto:

Re: CHIARIMENTO esercizi file EC A Mittente:

Carlo Zappia carlo.zappia@unisi.it Chiarimento esercizio 13:

- se valgono convessità delle preferenze e ottimo interno, la tangenza è necessaria e sufficiente per ottimo, - se vale solo convessità potremmo avere un ottimo di frontiera (non interno) che non rispetta la tangenza, quindi in questo secondo caso ottimo non implica tangenza (quindi tangenza non è necessaria per ottimo) Questo usando una nozione di logica del tipo: dire che P è necessaria e sufficiente per Q equivale a dire due cose:

1. P è necessaria per Q (P ← Q) 2. P è sufficiente per Q (P → Q) Il 16/10/2016 17:59, … ha scritto:

Salve professore,

le volevo chiedere un chiarimento su un esercizio presente tra quelli della categoria di Consumo A; alla domanda n°13 chiede quali siano le condizioni affinchè ci sia la tangenza e la risposta corretta è l'opzione (c) dove dice che la tangenza è condizione sufficiente ma non necessaria per l'ottimalità della scelta; sul libro invece,a pagina 72, c'è scritto tutto il contrario e perciò mi era sorto il dubbio se avessi sbagliato l'esercizio anche se tra le soluzioni quella corretta è sempre la (c).Quindi volevo sapere se ha sbagliato il libro o se non è corretto l'esercizio.

La ringrazio anticipatamente.

Buona domenica.

(2)

Oggetto:

Re: CHIARIMENTO esercizi file EC A Mittente:

Carlo Zappia carlo.zappia@unisi.it

il consumatore dell’esercizio 18, usa 1,5 di z per ogni 1 di c, e la proporzione è fissa (perfetta complementarietà)

quindi i panieri di consumo che soddisfano la proporzione sono sulla retta z=1,5c (con z sulle ordinate)

il vincolo di bilancio è 5c+6z=56

sul vincolo di bilancio l'unico paniere che rispetta le proporzioni è quello dell'incrocio fra le due rette, quindi (c,z) ottimo è (4,6)

il vincolo di bilancio dell’esercizio 20 passa da p1x1+p2x2=m a 2p1x1+p2x2=2m

ma questo equivale a dire (posso dividere tutto per 1/2) p1x1+(1/2)p2x2=m : la retta è la stessa!

in effetti da un punto di vista economico il prezzo di 2 dimezzato equivale al raddoppio di p1 e m allora se ragiono così p2 sta diminuendo, e se x2 diminuisce il bene è di Giffen

(segue)

nell’esercizio 23 S considera i beni perfetti sostituti nella proporzione 2 a 1 (le curve di indifferenza sono inclinate a -1/2)

se consuma q positive di entrambi i beni i prezzi devono essere necessariamente [1,2] (o multipli con lo stesso rapporto relativo), altrimenti consumerebbe solo il bene relativamente meno costoso, come fa il consumatore di perfetti sostituti in generale

ma se i prezzi sono questi allora so che L consuma nel rapporto 1 (poichè per L, che ha preferenze strettamente convesse, vale MRS=p1/p2)

buon lavoro, CZ

Il 22/08/2016 21:20, … ha scritto:

Oggi con una collega di corso abbiamo provato a fare gli esercizi del consumo A, e abbiamo trovato difficoltà nello svolgere gli esercizi n. 18-20-23. Se è possibile aiutarci per email, altrimenti aspetteremo un prossimo ricevimento.

Grazie in anticipo per la sua disponibilità. Buona serata

Riferimenti

Documenti correlati

The previous experiments show that both the delay needed for audiovisual simultaneity and range of delays decrease with increasing drum tempos, both for natural and artificial

Nel caso in cui i margini di resezione risultino positi- vi per la presenza di cellule tumorali si può associare la radioterapia adiuvante, non essendo ancora stato confermato

il 9] fu introdutto in Milano et portato nella chiesa del Duomo di questa città il tabernacolo donato da sua Santità alla detta chiesa, a l’incontro del quale andorno tre

Inoltre è importate notare che se X è soluzione di DARE allora è anche soluzione di GDARE visto il fatto che la matrice pseudo-inversa è una generalizzazione della matrice inversa e

Per quanto detto l'algoritmo di Dijkstra ,anche se non viene esplicitamente riferito alla tecnica DP, trova ispirazione nel principio fondante della programmazione dinamica che

29 Notiamo che con un ingresso di questo tipo la salita della concentrazione è molto più rapida, e il valore di plateau viene raggiunto molto più

Il circuito può essere allora rappresentato mediante un grafo G = (V, E) in cui i vertici sono in corri- spondenza biunivoca con i componenti elettronici; ad ogni vertice si assegna

Le sue parole: «Non c’è dubbio che la scelta di Pietro Ferrero sia stata lungimirante, con attenzione ad acquisire quel le com- petenze d’avanguardia in ambito