• Non ci sono risultati.

Impiego di temozolomide negli ependimomi intracranici recidivanti dell’adulto

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "Impiego di temozolomide negli ependimomi intracranici recidivanti dell’adulto"

Copied!
1
0
0

Testo completo

(1)

IMPIEGO DI TEMOZOLOMIDE NEGLI EPENDIMOMI INTRACRANICI RECIDIVANTI

DELL'ADULTO

C. Bosa1, M. Magistrello1, E. Trevisan1, I. Morra2, V. Fiano3, C. Dealis4, R. Rudà1, R. Soffietti1

1

UO di Neuro-Oncologia, AOU San Giovanni Battista, Torino

2

UO di Anatomia Patologica, AO OIRM-S. Anna, Torino

3

Unità di Epidemiologia dei Tumori, AOU San Giovanni Battista, Torino

4

Divisione di Oncologia Medica, Ospedale di Bolzano, Bolzano

INTRODUZIONE: La chirurgia rappresenta la più importante modalità di trattamento degli

ependimomi intracranici. La radioterapia post-operatoria fa parte del trattamento standard nell'ependimoma anaplastico (gr. III WHO) e può inoltre essere un'opzione valida negli ependimomi di grado II alla recidiva. Ci sono pochi dati in letteratura riguardo il ruolo della chemioterapia e i derivati del platino sono tuttora considerati la migliore opzione nel caso degli ependimomi recidivanti, con tassi di risposta tra il 31% e il 67%. Modelli sperimentali hanno suggerito il possibile impiego di temozolomide (TMZ), tuttavia studi clinici preliminari sono stati finora piuttosto deludenti. Obiettivi di questo studio: valutare il ruolo di TMZ negli ependimomi intracranici recidivanti dell'adulto, con particolare riferimento al response rate (RR), alla progression-free survival (PFS) a 6 e 12 mesi, all'overall survival (OS) e alla tollerabilità del trattamento; analizzare la correlazione tra lo status di metilazione del promotore di MGMT e la risposta al trattamento con TMZ.

MATERIALI E METODI: Sono stati retrospettivamente valutati i pazienti adulti con ependimoma

intracranico recidivante dopo trattamento standard trattati con TMZ presso il nostro Centro da aprile 1999 a giugno 2011. Lo status di metilazione del promoter di di MGMT è stato analizzato tramite PCR.

RISULTATI: Sono stati raccolti 18 casi (12 M, 6 F) con ependimoma intracranico recidivante di

grado II (8/14, 44%) e grado III (10/18, 56%); la progressione prima dell'inizio del trattamento con TMZ era locale in 10/18 (56%), locale e spinale in 6/18 (33%), spinale in 2/18 (11%). L'età media all'inizio del trattamento era di 42 anni (range 18-61), con un tempo mediano trascorso dalla prima neurochirurgia di 2 anni (range 7 mesi-12 anni). Il Karnofsky Performance Status (KPS) era 70 (range 60-90). I pazienti erano stati sottoposti in precedenza ai seguenti trattamenti: asportazione macroscopicamente radicale (8/18, 44%), asportazione parziale (9/18, 50%), biopsia (1/18, 6%) e radioterapia convenzionale (17/18, 94%). 6/18 (33%) pazienti avevano già ricevuto trattamenti chemioterapici diversi da TMZ. TMZ è stata impiegata alla prima recidiva in 9/18 pazienti, alla seconda recidiva in 7/18 e alla terza recidiva in 2/18. I pazienti hanno ricevuto una mediana di 8 cicli (range 1-24). Il trattamento è stato ben tollerato in 12/18 (67%), mentre nei rimanenti 6/18 (33%) pazienti è stata osservata una tossicità ematologica di grado II-III. Le risposte sono state le seguenti: CR in 3/18 (17%) e PR in 5/18 (28%), con un RR complessivo del 45%; SD in 6/18 (33%) e PD in 4/18 (22%). Sono state osservate 3 CR e 1 PR tra gli ependimomi anaplastici e 4 PR tra gli ependimomi di grado II. La PFS mediana è stata di 9 mesi (range 1 mese-12 anni), mentre la PFS a 6 e 12 mesi è stata del 72% e 39% rispettivamente; l'OS è stata di 31 mesi (range 3 mesi-12 anni). 4/18 (22%) pazienti sono tuttora viventi. L'analisi della metilazione del promotore di MGMT è stata effettuata in 8/18 (44%): il promotore era metilato in 2 pazienti, in cui si è osservata rispettivamente una PR e una SD, e non metilato nei rimanenti 6 casi, che hanno mostrato 1 PR, 3 SD e 2 PD rispettivamente.

CONCLUSIONI: Temozolomide potrebbe essere di utile impiego negli ependimomi recidivanti,

soprattutto nella forma anaplastica. La probabilità di risposta non sembra essere correlata allo stato di metilazione del promotore di MGMT.

Riferimenti

Documenti correlati

For a preliminary validation of the idea an edge- cracked homogeneous and orthotropic layer under mode II dominant conditions has been con- sidered and the energy release rate has

part of the road , where the driver has the sufficient visibility for maintaining a safe separation from other vehicles while making a turn at a crossing << SoA

The biofilm formation ability of Listeria monocytogenes isolated from meat, poultry, fish and processing plant environments is related to serotype and pathogenic profile of

Questo modello epigenetico dello sviluppo della personalità non può certamente rinchiudere in una teoria le complessità innumerevo- li dei singoli reali percorsi di vita, ma

Le più elevate percentuali di resistenza in C.albicans a fluconazolo, itraconazolo e flucitosina sono state osservate tra gli stipiti isolati da urine e tessuti molli (1.7, 1.7, 0.9

Ancora qualche spunto di riflessione sulla criticitaè della comunicazione all’interno della relazione infermiere paziente deriva dai dati raccolti dalle Strutture Sanitarie, ad

L’ultimo studio utilizza i dati relativi alla financial literacy dei quindicen- ni per valutare mediante un indicatore dicotomico la diffusione delle espe- rienze finanziarie tra

Eleven morphological traits were used in the present study, to assess phenotypic diversity in Ethiopian durum wheat collected from different districts of origin and altitude