• Non ci sono risultati.

Cassa integrazione in deroga, domanda semplificata: nuove istruzioni INPS

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "Cassa integrazione in deroga, domanda semplificata: nuove istruzioni INPS"

Copied!
2
0
0

Testo completo

(1)

Direzione Centrale Ammortizzatori Sociali

Direzione Centrale Tecnologia, Informatica e Innovazione Roma, 04-06-2020

Messaggio n. 2328

OGGETTO: Flusso di gestione semplificato per la presentazione di domande per trattamento di cassa integrazione in deroga per aziende con numero elevato di unità produttive

L’Istituto con la circolare n. 58 del 7 maggio 2020, nell’illustrare la gestione delle misure a sostegno del reddito previste dal decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, relativamente ai trattamenti di cassa integrazione in deroga per unità produttive site in 5 o più Regioni o Province autonome in ipotesi di sospensione o riduzione dell'attività lavorativa per eventi riconducibili all'emergenza epidemiologica da COVID-19, ha previsto che, a seguito dell’avvenuta emanazione del decreto ministeriale di concessione della prestazione di CIGD, l’azienda invii la domanda di integrazione salariale all’INPS sulla piattaforma “CIGWEB” con il sistema del ticket; pertanto, le domande dovranno essere trasmesse dalle aziende in relazione alle singole unità produttive censite dall’INPS, anche qualora il decreto concessorio abbia autorizzato più unità operative.

Si evidenzia che il flusso di gestione è stato così delineato al fine di consentire il monitoraggio del rispetto del limite massimo del periodo di sospensione concedibile di cassa integrazione in deroga pari a 9 o 13 settimane, il cui conteggio viene effettuato per singola unità produttiva dell’azienda.

Ciò premesso, diverse aziende con un elevato numero di unità produttive, dislocate sull’intero territorio nazionale e oggetto di sospensione, hanno segnalato, in questo particolare momento dovuto all’emergenza da COVID-19, difficoltà tecniche tali da incidere negativamente sui tempi effettivi di erogazione della prestazione, derivanti dal rispetto delle citate modalità di

(2)

presentazione delle domande per singola unità produttiva. Pertanto, acquisito il parere positivo del Ministero vigilante, è stato predisposto per le stesse un diverso flusso di gestione di invio delle domande all’Istituto, che consente alle aziende che hanno molteplici unità produttive, la presentazione di un numero minore di domande, unificandole in unità produttive omogenee per attività svolta e per collocazione territoriale.

Preliminarmente all’inoltro delle domande, l’azienda dovrà comunicare all’Istituto, inviando una PEC all’indirizzo dc.ammortizzatorisociali@postacert.inps.gov.it, che in relazione al decreto di concessione adottato dal Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, intende presentare una domanda semplificata in presenza di una pluralità di unità produttive. La PEC dovrà contenere le seguenti informazioni:

Numero decreto

ministeriale Settimane

concesse Unità produttiva

accorpante Elenco Unità produttive accorpate

Ne deriva che dovranno essere espressamente indicate dall’azienda stessa le unità produttive su cui chiede di presentare domanda, unità produttive che possono ricomprendere unità produttive omogenee per matricola aziendale, collocazione territoriale, periodo di sospensione concesso, attività produttiva svolta e articolazione dei giorni di sospensione dei beneficiari.

In particolare, l’azienda potrà dichiarare un’unità produttiva individuata per la gestione delle domande delle unità produttive ubicate nelle Regioni del Nord che hanno diritto alle 13 settimane, ed un’altra o più per la gestione delle unità produttive ubicate nelle altre Regioni per cui il decreto ministeriale ha concesso 9 settimane di sospensione.

Si specifica che la scelta dell’unità produttiva di riferimento su cui far confluire le domande accorpate, secondo le modalità sopra esposte, è considerata irreversibile, e come tale dovrà essere utilizzata anche in caso di eventuale concessione di proroga del trattamento di cassa integrazione in deroga con causale COVID-19, al fine di consentire il monitoraggio da parte dell’Istituto della prestazione concessa.

Da ultimo, si precisa che tale flusso semplificato attiene esclusivamente le prestazioni di cassa integrazione in deroga connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19 e, di conseguenza, nulla è innovato per quanto riguarda la disciplina degli altri ammortizzatori sociali a cui hanno diritto le aziende e per i quali dovranno essere utilizzate le modalità ordinarie di presentazione della domanda all’INPS.

Il Direttore Generale Gabriella Di Michele

Riferimenti

Documenti correlati

L’INPS conferma che il requisito soggettivo per accedere ai trattamenti di cassa integrazione in deroga, per le prestazioni concesse in base ad accordi stipulati a decorrere dal

Il numero di lavoratori indicati nelle domande di sospensione in deroga è pari a 41593, contro i circa 27927 del 2011, mentre il fabbisogno finanziario ammonta a circa 333 milioni

Domande riferite ai periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa che hanno avuto inizio ad “settembre, ottobre e novembre 2020” (se la domanda è unica e comprende

o Le imprese che alla data del 23 febbraio 2020 hanno in corso un trattamento di integrazione salariale straordinario, possono sospendere il programma di CIGS e accedere

Il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali può adottare decreti che prevedono la modifica della modalità di pagamento delle integrazioni salariali straordinarie, da conguaglio

Il novellato articolo 22 prevede che, in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da COVID- 19 e previo accordo che può essere concluso anche in via telematica con le

Diversamente, ove i periodi di integrazione salariale agricola a pagamento diretto interessino una frazione di mese, il flusso dovrà essere compilato con le consuete modalità

Tanto rappresentato, nel rinviare ad una successiva comunicazione per la disciplina di dettaglio della prestazione in commento, con il presente messaggio si comunica il

2856/2020, in ragione dell’attribuzione all’INPS della competenza ad autorizzare le domande di proroga relative alla CIG in deroga per le aziende plurilocalizzate (cfr. il

2. Planimetria dettagliata e aggiornata con evidenziate le sorgenti sonore, gli edifici e gli altri eventuali ricettori potenzialmente disturbati, la classe acustica prevista

• A decorrere dal 19 luglio 2020 e sempre fino al 31 dicembre 2020 il diritto allo svolgimento delle prestazioni di lavoro in modalità agile è stato esteso anche ai

− le somme non sono arretrati di lavoro dipendente in senso stretto, ma somme erogate per conto del fondo ..., sulle quali, in caso di costanza di lavoro, avrebbe dovuto applicare

146/2021, all’articolo 11, comma 1, introduce un ulteriore periodo massimo di 13 settimane di trattamenti di Assegno ordinario (ASO) e Cassa integrazione guadagni in deroga (CIGD)

92/2012, ha stabilito, con riferimento al periodo dal 1° febbraio 2021 al 31 dicembre 2021, che per il trattamento di mobilità in deroga non trova applicazione il meccanismo

Il flusso Uniemens-CIG si basa sulle strutture standard di Uniemens in particolare sulla sezione <PosContributiva> che viene specializzata per il trasporto della nuova

Il comma 1 dispone che gli effetti finanziari del presente decreto sono coerenti con l’autorizzazione al ricorso all’indebitamento approvata il 29 luglio 2020 dalla Camera dei

Il limite massimo sarà di 8 mesi per il 2014 e di 6 mesi per il 2015 e per il 2016.Oggi pomeriggio (27 novembre) il sottosegretario al Lavoro, Carlo Dell'Aringa, presenterà il

Aggiornamento del tasso di utilizzo del numero delle ore CIG autorizzate ("tiraggio") delle domande e dei beneficiari di Disoccupazione non agricola, di ASPI, di MINIASPI,

Tav. 4) Serie storica mensile da settembre 2013 delle ore di CIG Ordinaria (CIGO) per area geografica (valori assoluti e variazioni %) Tav. 5) Serie storica mensile da settembre

“bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020”, prevede che, al fine del compimento dei piani di

I datori di lavoro con sede legale in Valle d’Aosta ma con unità operative e lavoratori in altre Regioni, qualora queste ultime non abbiano previsto lo strumento della

Il successivo decreto interministeriale del 24 marzo 2020, relativo all’assegnazione delle risorse per il finanziamento dei trattamenti di cassa integrazione in deroga, all’articolo

18 del 2020 per un periodo complessivo di nove settimane, indipendentemente dall’effettiva fruizione di tutto il periodo autorizzato, presentano istanza per la richiesta