• Non ci sono risultati.

Anomalie dell’onda T nella diagnosi di pregresso infarto miocardico laterale e malattia dell’arteria circonflessa

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "Anomalie dell’onda T nella diagnosi di pregresso infarto miocardico laterale e malattia dell’arteria circonflessa"

Copied!
46
0
0

Testo completo

(1)

!

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Corso di laurea specialistica in Medicina e Chirurgia

TESI DI LAUREA

Anomalie dell’onda T nella diagnosi di pregresso infarto miocardico

laterale e malattia dell’arteria circonflessa

ANNO ACCADEMICO 2013-2014

Candidato!

!

Gabriele!Masini!

Relatore!

!

Dottor!Daniele!Rovai!

(2)

!

(3)

!

INDICE

RIASSUNTO 1

PARTE I INTRODUZIONE 3

1. L’elettrocardiogramma nella cardiopatia ischemica 3

2. Vettore di ischemia e vettore di necrosi 3

3. Diagnosi elettrocardiografica di infarto laterale 5

4. Onda T nei soggetti sani 8

5. Cause note di onda T di ampiezza aumentata 9

6. Ipotesi di lavoro 12

7. Proposito dello studio 14

PARTE II STUDIO 15 1. Materiali e metodi 15 1.1. Pazienti 15 1.2. Elettrocardiogramma 17 1.3. Scintigrafia miocardica 19 1.4. Coronarografia 21

1.5. End points dello studio 23

1.6. Analisi statistica 23

2. Risultati 25

2.1 Predittori elettrocardiografici di pregresso infarto laterale 25 2.2 Predittori elettrocardiografici di malattia della circonflessa 27

2.3 Predittori bio-umorali 30

3. Discussione 31

(4)

!

5. Conclusioni 36

BIBLIOGRAFIA 37

(5)

RIASSUNTO

La diagnosi elettrocardiografica di pregresso infarto miocardico laterale si basa attualmente sulle anomalie della depolarizzazione, come le onde Q di necrosi nelle derivazioni laterali e l'onda R prominente nelle precordiali destre. In questo studio è stato ipotizzato che anche le anomalie della ripolarizzazione, come le alterazioni dell’onda T, possano giocare un ruolo nella diagnosi di pregresso infarto laterale e nel rilevare una sottostante patologia dell’arteria circonflessa.

E' stato selezionato un gruppo di 166 pazienti con cardiopatia ischemica accertata o sospetta, sottoposti ad elettrocardiogramma a 12 derivazioni, scintigrafia miocardica e coronarografia entro un massimo di 90 giorni. I pazienti con sindrome coronarica acuta, pregresso intervento di bypass aorto-coronarico o che presentavano anomalie secondarie della ripolarizzazione all’elettrocardiogramma (come i pazienti con un blocco di branca completo, ipertrofia ventricolare sinistra o destra, pre-eccitazione o un ritmo indotto da pacemaker) sono stati esclusi. Il tracciato elettrocardiografico è stato analizzato da due osservatori indipendenti all’oscuro dei dati scintigrafici e coronarografici. I reperti elettrocardiografici sono stati correlati con l’evidenza di un pregresso infarto miocardico laterale alla scintigrafia e di una malattia dell’arteria circonflessa alla coronarografia.

La scintigrafia miocardica ha evidenziato un infarto laterale in 18 pazienti (11%). All’analisi univariata diverse variabili elettrocardiografiche sono risultate associate in maniera significativa con l’infarto laterale, come l’ampiezza dell’onda T in D1 e in V6,

l’indice T2-T6 (calcolato sottraendo l’ampiezza dell’onda T in V6 dall’ampiezza

(6)

all’ampiezza dell’onda T in V6). All’analisi multivariata solo l’indice TD1 +T6 è risultato

un predittore indipendente di infarto miocardico laterale. Un indice TD1+T6 < 0 mV ha

mostrato una sensibilità del 33% e una specificità del 91% nella diagnosi di pregresso infarto laterale. Un indice T2-T6 > 0.6 mV ha mostrato sensibilità e una specificità simili

(33% e 92%, rispettivamente).

La coronarografia ha messo in evidenza una malattia dell’arteria circonflessa (stenosi ≥ 50% o presenza di uno stent impiantato come segno indiretto di una precedente stenosi) in 57 pazienti (34%). All’analisi multivariata l’indice TD1+T6 e l’ampiezza dell’onda T

in V2 sono risultati predittori indipendenti di malattia dell’arteria circonflessa. Un indice

TD1+T6 < 0 mV ha mostrato una sensibilità del 21% e una specificità del 94%

nell’identificare una malattia dell’arteria circonflessa. Un indice T2-T6 > 0.6 mV ha

mostrato una identica sensibilità e specificità. Infine, un indice TD1+T6 < 0 mV ha

presentato una sensibilità del 44% e una specificità del 91% nell’identificare una occlusione della circonflessa, mentre un indice T2-T6 > 0.6 mV ha mostrato una

sensibilità del 21% e una specificità del 90%.

Le alterazioni della potassiemia o della funzione renale non hanno mostrato alcuna associazione significativa con la anomalie dell’onda T.

In conclusione, nei pazienti con cardiopatia ischemica accertata o sospetta, nei quali siano state escluse anomalie secondarie della ripolarizzazione, diverse anomalie dell’onda T consentono la diagnosi non invasiva di pregresso infarto miocardico laterale e di una sottostante malattia dell’arteria circonflessa con limitata sensibilità ma elevata specificità.

(7)

I. INTRODUZIONE

1. L’ELETTROCARDIOGRAMMA E LO SCREENING DELLA

CARDIOPATIA ISCHEMICA

Dato che l’elettrocardiogramma a 12-derivazioni ha un basso costo, è ubiquitario, di interpretazione relativamente facile, può essere trasmesso a distanza ed è suscettibile di una lettura automatica, rappresenta un mezzo ideale per lo screening della popolazione con cardiopatia ischemica accertata o sospetta. In questo ambito una applicazione frequente è la diagnosi di pregresso infarto miocardico, che può talora essere asintomatico o comunque questionabile. La diagnosi elettrocardiografica di infarto miocardico della parete anteriore o inferiore del ventricolo sinistro è stata codificata da anni, e si basa sulla presenza di onde Q di necrosi nelle derivazioni corrispondenti, di slivellamento del segmento ST e di anomalie dell’onda T. Più incerta è la diagnosi di infarto miocardico laterale, che rappresenta circa il 20% di tutti gli infarti e i cui criteri diagnostici sono recentemente cambiati. Con queste considerazioni in mente è stato intrapreso questo studio per valutare nuovi criteri elettrocardiografici alla luce dei dati sulla perfusione miocardica forniti dalla scintigrafia e dei dati sulla anatomia coronarica forniti dalla coronarografia.

2. VETTORE DI ISCHEMIA E DI NECROSI

Da un punto di vista elettrofisiologico, l’ischemia miocardica determina diverse modificazioni dei potenziali d’azione dei miocardiociti, ai quali corrispondono altrettante modificazioni dell’elettrocardiogramma di superficie. Le alterazioni più importanti sono: (1) un ritardo nella ripolarizzazione, che si traduce in cambiamenti

(8)

dell’onda T (come l’onda T alta e appuntita che si osserva nella fase acuta dell’ischemia); (2) la formazione di potenziali d’azione di bassa ampiezza, che si traduce in cambiamenti del tratto ST (sopraslivellamento o sottoslivellamento); (3) la mancata formazione di potenziali d’azione, cui corrispondono cambiamenti del QRS nella sua componente iniziale (con comparsa di onde Q di necrosi o di equivalenti) o finale (QRS frazionato).

I potenziali d’azione dell’area ischemica presentano un ritardo della ripolarizzazione che si manifesta con un’onda T alta e appuntita oppure piatta o negativa. Una possibile spiegazione dei cambiamenti dell’onda T è che tra l’area ischemica, parzialmente ripolarizzata e carica negativamente, e l’area sana, già totalmente ripolarizzata e carica positivamente, si crei un movimento di cariche espresso da un vettore che nelle fasi tardive dell'ischemia o dell'infarto, caratterizzate da un'onda T negativa, si allontana dall’area ischemica, chiamato vettore di ischemia.

Dal punto di vista clinico l’onda T alta e appuntita compare nelle prime fasi dell’ischemia miocardica transmurale dovuta ad occlusione coronarica acuta, insieme ad un allungamento dell’intervallo QT. In questo contesto l’onda T alta viene definita iperacuta o a tenda. L’onda T piatta o negativa si può invece presentare in fasi successive, cioè nella fase di risoluzione di un infarto miocardico transmurale. Onde T negative possono inoltre presentarsi nell’evoluzione di una sindrome coronarica acuta senza sopraslivellamento del segmento ST. Infine, onde T piatte o negative possono presentarsi come segno residuo di un vecchio infarto, e possono permanere anche per anni.

In caso di infarto miocardico acuto, l’area interessata è depolarizzata a tal punto da non poter essere più eccitata e produrre così potenziali d’azione. Se l’area necrotica arriva ad interessare una parte sufficientemente estesa di miocardio ne risulta un’onda Q

(9)

patologica, chiamata Q di necrosi. Quest’onda non si genera se la necrosi rimane confinata agli strati sottoendocardici, poiché questi strati si attivano così rapidamente da non generare deflessioni registrabili. Una possibile spiegazione della Q di necrosi è che l’area infartuata produca un vettore, chiamato vettore di necrosi, della stessa intensità ma di verso opposto al vettore che si sarebbe creato se l’area non fosse stata colpita dall’infarto. Questo vettore si genera dallo sbilanciamento fra due vettori di verso opposto, generati da due pareti opposte, quella infartuata e quella opposta sana. Prima dell’infarto i due vettori si elidono. A causa della necrosi prevale il vettore della parete opposta sana, che si allontana dalla necrosi stessa. Il vettore di necrosi, responsabile dell’onda Q, si allontana pertanto dall’area necrotica così come il vettore di ischemia, responsabile delle modificazione dell’onda T, si allontana dall’area ischemica.

Dal punto di vista clinico, la comparsa di onde Q patologiche nel contesto di un sindrome coronarica acuta con sopraslivellamento del segmento ST indica lo sviluppo di un infarto. La Q di necrosi compare a breve distanza (ore) dall’esordio acuto e può permanere per anni come segno elettrocardiografico di pregresso infarto. Tuttavia, in una percentuale che varia fra il 5 e il 25% degli infarti, soprattutto in quelli inferiori, la Q di necrosi scompare nel tempo.1

3. DIAGNOSI ELETTROCARDIOGRAFICA DI PREGRESSO INFARTO LATERALE

Secondo la terminologia comunemente accettata il ventricolo sinistro presenta una parete anteriore, una settale, una laterale e una inferiore, oltre all’apice propriamente detto. In passato questa terminologia includeva anche il termine “parete posteriore”, riferendosi in tal caso ad una parete situata al di sopra del diaframma, più o meno opposta alla parete anteriore. In questa visione un infarto miocardico diaframmatico

(10)

veniva diagnosticato quando erano presenti onde Q nelle derivazioni inferiori (D2, D3 e

aVF), mentre un infarto “posteriore” quando era presente un’onda R di elevata ampiezza (rapporto R/S > 1) e durata (≥ 0,04 s) in V1-V2, come indicato da Perloff2 nel

1964. Tuttavia, il ruolo dell’onda R prominente in V1-V2 nella diagnosi di infarto

posteriore è stato messo in discussione da una serie di evidenze provenienti da diversi tipi di studi.

Dal punto di vista elettrofisiologico studi effettuati su cuori umani perfusi hanno dimostrato che la maggior parte della parete posteriore del ventricolo sinistro si depolarizza 40-50 ms dopo l’inizio dell’attivazione ventricolare.3 Una necrosi in tali territori difficilmente può alterare la prima parte del complesso QRS, nella quale si genera l’onda onda Q o la sua immagine speculare (onda R prominente in V1-V2).

Nel 1956, Conn et al4 studiando l’ECG di un gruppo di pazienti con infarto miocardico

laterale al riscontro autoptico, trovarono che il tracciato presentava un’onda R alta in V1. Negli anni ‘70 alcuni autori conclusero che l’occlusione dell’arteria circonflessa non

dominante produce disfunzione meccanica alla ventricolografia e fibrosi all’autopsia in una parte del ventricolo sinistro opposta al setto interventricolare (dove si trova la parete laterale del ventricolo sinistro). 5

Nel 1984 Bough et al6 confrontando gli elettrocardiogrammi e l’angiografia radioisotopica di 300 pazienti, dimostrarono che l’onda R alta e ampia in V1 è un buon

indice di infarto laterale e inferiore coinvolgente il segmento basale laterale del ventricolo sinistro. L’onda R prominente in V1 presentava in questo studio una

specificità molto alta ma una bassa sensibilità (36%) nella diagnosi di infarto miocardico laterale.

Con l’introduzione della risonanza magnetica (RM), sono emerse importanti conclusioni sul ruolo diagnostico dell’onda R alta in V1 e sulla anatomia cardiaca in

(11)

vivo. In particolare è stato visto che una parete strettamente posteriore è presente soltanto in una minoranza di soggetti, marcatamente longilinei. Inoltre, somministrando mezzo di contrasto (gadolinio) e attendendo un tempo sufficiente (almeno 20 minuti) che questo si potesse depositare nel tessuto fibrotico, la RM fornisce una chiara mappatura della presenza, estensione e sede dell’infarto miocardico. Questo effetto di contrasto tardivo è adesso considerato il gold standard per lo studio dell’area infartuata.7 In diversi studi la sede e l’estensione dell’infarto alla RM sono stati confrontati con i tracciati elettrocardiografici. Questi studi hanno dimostrato che l’onda R alta in V1 si

associa all’infarto della parete laterale del ventricolo sinistro, e non all'infarto della parete inferiore o della sua porzione basale. Una onda R prominente in V1 si associa

inoltre ad un infarto miocardico più grande e più esteso in senso transmurale che quando questo pattern è assente.

Va però ricordato che esistono diverse condizioni nelle quali l’onda R in V1 è

prominente, ma non è presente alcun infarto laterale. Queste condizioni includono il blocco di branca completo, in particolare il destro, l’ipertrofia ventricolare destra e la sindrome di Wolf-Parkinson-White. Ovviamente queste condizioni vanno escluse prima di porre diagnosi di infarto laterale sulla base di una onda R prominente sulle precordiali destre.5

Il ruolo diagnostico dell’onda R alta in V1 nell’infarto laterale - anziché posteriore - non

è solo una questione terminologica ma ha delle implicazioni relative all’arteria coronarica responsabile della necrosi. Nel caso di dominanza coronarica destra, che è prevalente, la parete inferiore del ventricolo sinistro è infatti perfusa dalla coronaria destra, mentre quella laterale è perfusa dalla circonflessa.

Gli elementi diagnostici per un infarto pregresso laterale sono pertanto: onde R alte in V1 e V2 (in particolare in V1), onde Q patologiche in D1, aVL e V6 e una riduzione

(12)

dell’ampiezza dell’onda R in V6.

Figura 1 Tracciato elettrocardiografico e risonanza magnetica con contrasto di un

paziente con infarto miocardico laterale pregresso. Si noti all’ECG un’onda R prominente in V1 e in V2 e alla risonanza magnetica una cicatrice sulla parete

laterale del ventricolo sinistro nella proiezione 4-camere (al centro) e asse corto (a destra).

4. ONDA T NEI SOGGETTI SANI

L’onda T è la rappresentazione grafica della ripolarizzazione ventricolare nell’ECG di superficie. Nei soggetti sani il vettore dell’onda T è rivolto in basso, verso sinistra e nella maggior parte degli adulti in avanti. Data la disposizione spaziale del vettore dell’onda T sul piano frontale, l’onda T è positiva in D1 e D2. Vista la disposizione del

vettore sul piano orizzontale, l’onda T è positiva in V5 e V6. Nei bambini e nei giovani

(13)

T risulta negativa in V1 e V2. In circa il 50% delle donne adulte l’onda T è negativa in

V1.8

Nei maschi l’onda T nelle derivazione precordiali ha un’ampiezza media di 0,6 mV (6 mm) ma può raggiungere 1,0 mV (10 mm) e oltre. Nelle femmine invece l’ampiezza è generalmente inferiore, con un valore medio di 0,3 - 0,4 mV, raramente superiore a 0,8 mV.8 In entrambi i generi l’ampiezza dell’onda T è maggiore nelle derivazioni precordiali V2-V3 rispetto a quelle laterali sinistre. Per quanto riguarda la morfologia,

nei soggetti sani l’onda T è asimmetrica, con una branca ascendete più lenta e una discendete più rapida.

5. CAUSE NOTE DI ONDA T DI AMPIEZZA AUMENTATA

L’onda T può risultare aumentata in numerose situazioni che vanno dalla sindrome coronarica acuta alla ripolarizzazione precoce benigna, come riportato in Tabella 1.9 La prima manifestazione elettrocardiografica di un infarto miocardico acuto transmurale è un aumento di ampiezza dell’onda T.10 Questa onda T viene chiamata iperacuta o a tenda. In un secondo momento compare il sopraslivellamento del segmento ST.11 L’onda T iperacuta si presenta in una fase precoce dell’infarto (entro 30 minuti dall’inizio dell’occlusione coronarica), assume una morfologia più simmetrica e si associa ad una depressione lieve del segmento ST che si continua nell’onda T secondo una curva concava verso l’alto.

(14)

Figura 2 Onda T iperacuta in un paziente con infarto miocardico anteriore, tratta

da 12

Questo quadro elettrocardiografico è stato rilevato nel 2% dei pazienti con infarto anteriore sottoposti ad angioplastica percutanea per occlusione prossimale della discendente anteriore.13 In caso di infarto acuto da occlusione della discendete anteriore la presenza di onde T iperacute associate a sottoslivellamento del segmento ST nelle precordiali anteriori deve indirizzare verso un trattamento di rivascolarizzazione coronarica acuta come nel caso di un paziente con sopraslivellamento del segmento ST.12

Nei soggetti giovani la causa più comune di aumento dell’ampiezza dell’onda T è la ripolarizzazione precoce. Questa condizione è benigna ed è caratterizzata da una elevazione del punto J associata a sopraslivellamento ascendente del tratto ST, che appare concavo verso l’alto, con onda T prominente in almeno due derivazioni.14, 15

(15)

Figura 3 Ripolarizzazione precoce benigna, tratta da 16.

Le derivazioni più frequentemente interessate sono V1 e V3. Questa condizione è stata a

lungo considerata benigna ed associata a una buona prognosi. Recentemente alcuni studi hanno però mostrato una associazione fra ripolarizzazione precoce e morte cardiaca improvvisa. Ulteriori studi sono però necessari per approfondire la vera natura di questo profilo elettrocardiografico.17, 18

Onde T prominenti (alte, strette e appuntite) si riscontrano in condizioni di iperpotassiemia, in presenza di ipertrofia ventricolare sinistra, in particolare da cardiomiopatia ipertrofica così come nel blocco di branca sinistra. Per il blocco di branca sinistra e l’ipertrofia ventricolare sinistra i criteri di voltaggio e la durata del QRS indirizzano verso la diagnosi corretta. Per la condizione di iperpotassiemia è sufficiente il dosaggio dell’elettrolita nel siero. Per la cardiomiopatia ipertrofica sono invece necessari ulteriori indagini diagnostiche.

(16)

Figura 4 Onda T di aumentata ampiezza in un paziente con iperpotassiemia, tratta

da 9.

Figura 5 Ipertrofia ventricolare sinistra di grado severo con segni di sovraccarico,

tratta da 16.

6. IPOTESI DI LAVORO

L'ipotesi testata è che le anomalie della ripolarizzazione ventricolare, in particolare variazioni nell’ampiezza dell’onda T, possano giocare un ruolo nella diagnosi di infarto miocardico laterale.

(17)

L’associazione tra anomalie dell’onda T e infarto laterale era stata analizzata in vecchi studi nei quali l’infarto da occlusione della circonflessa veniva ancora denominato “posteriore” anziché laterale. Nello studio di Perloff et al2 uno spostamento anteriore del vettore dell’onda T veniva considerato un segno di infarto posteriore. Studi successivi hanno confermato il ruolo diagnostico di un aumento di ampiezza dell’onda T nelle precordiali destre nell’infarto da occlusione della circonflessa. Nello studio di Eisenstein et al19 un gruppo di pazienti con infarto denominato “posteriore” ma

verosimilmente laterale, dato che tutti i pazienti presentavano una ostruzione isolata della circonflessa o di un suo ramo principale, è stato confrontato con un gruppo di controllo. Nel 22% dei pazienti erano presenti Q di necrosi nelle derivazioni inferiori, nel 22% onde R prominenti nelle precordiali destre. In aggiunta a questi indici, in oltre il 70% dei pazienti con infarto da occlusione della circonflessa era presente una deviazione anteriore del vettore dell’onda T, con comparsa di onde T alte in V2 e piatte

in V6. Per stimare questa deviazione gli autori hanno proposto un indice (T2-T6)

calcolato sottraendo l’ampiezza dell’onda T in V6 dall’ampiezza dell’onda T in V2. Un

indice > 0,38 mV ha mostrato una sensibilità dell’81% e una specificità del 75% nel diagnosticare un infarto da occlusione della circonflessa. In un altro studio20,

l’elettrocardiogramma di pazienti con infarto “postero-laterale” è stato confrontato con quello di pazienti clinicamente sani senza evidenza di patologia cardiaca: i pazienti infartuati presentano rispetto ai sani una T più alta in V1-V2 e un indice T2-T6

maggiore. In un altro studio ancora21, i pazienti con infarto da occlusione della circonflessa presentavano un progressivo aumento nel tempo dell’ampiezza dell’onda T nelle precordiali destre. Questi studi pionieristici non sono stati successivamente ripresi e al momento attuale le anomalie dell’onda T non risultano fra i criteri elettrocardiografici diagnostici di infarto laterale.

(18)

7. PROPOSITO DELLO STUDIO

Investigare se le anomalie dell’onda T consentono la diagnosi di pregresso infarto miocardico laterale e di svelare una sottostante malattia dell’arteria circonflessa.

(19)

II. STUDIO

1. MATERIALI E METODI

1.1 PAZIENTI

Sono stati retrospettivamente studiati pazienti con cardiopatia ischemica accertata o sospetta in condizioni stabili. Il criterio di inclusione è che i pazienti fossero stati sottoposti ad elettrocardiogramma a 12 derivazioni, scintigrafia miocardica perfusionale e coronarografia entro un massimo di 90 giorni. Sono stati esclusi i pazienti con sindrome coronarica acuta, pregresso intervento di bypass aorto-coronarico o anomalie dell’elettrocardiogramma in grado di alterare la ripolarizzazione come il blocco di branca completo, un blocco fascicolare avanzato, l’ipertrofia ventricolare sinistra o destra, una pericardite recente o un ritmo indotto da pacemaker.

Dei 525 pazienti sottoposti a scintigrafia miocardica, 249 sono stati selezionati retrospettivamente in quanto sottoposti a coronarografia entro un tempo massimo di 90 giorni. Nell’88% dei pazienti la scintigrafia miocardica ha preceduto la coronarografia. Di questi 249 pazienti, 16 (6%) sono stati esclusi per sindrome coronarica acuta, 31 (12%) per pregresso bypass aorto-coronarico e 36 (14%) per anomalie dell’elettrocardiogramma (blocco di branca completo o emiblocco anteriore pronunciato in 18 pazienti, ipertrofia ventricolare sinistra in 6, ritmo indotto da pacemaker in 12). Sono stati così selezionati un totale di 166 pazienti. Nella maggior parte dei pazienti (88%) la scintigrafia miocardica ha preceduto la coronarografia. La tabella 2 riporta le caratteristiche cliniche dei pazienti. Come si può osservare, il 62% dei pazienti è sintomatico per angina, il 39% presentava dispnea, nel 21% era documentabile un

(20)

pregresso infarto miocardico e l’11% presentava una disfunzione ventricolare sinistra (frazione di eiezione del ventricolo sinistro < 35%).

Tabella 2. Caratteristiche cliniche dei pazienti (n=166).

Età, anni 69 [60-79]

Sesso maschile 124 (75%)

Obesità 54 (33%)

Familiarità per cardiopatia ischemica a 59 (36%) Diabete mellito b 68 (41%) Ipertensione arteriosa c 125 (75%) Ipercolesterolemia d 110 (66%) Fumatore attuale 26(16%) Obesità e 54 (32%) Angina da sforzo 82 (49%) Angina a riposo 10 (6%) Angina mista 12 (7%)

Dispnea (≥ grado 2 sec. NYHA) 64 (39%) Infarto miocardico pregresso 35 (21%) Frazione di eiezione del ventricolo sinistro < 35% 18(11%) Ipopotassiemia (K<3,5 mEq/l) 28 (17%) Iperpotassiemia (K>5,0 mEq/l) 1 (<1%) Volume di filtrazione glomerulare, ml/min/1,73 m2 82 [62-93]

a presenza nei familiari di primo grado, prima dei 55 anni se maschi o prima dei 65 anni se

femmine, di angina pectoris, infarto miocardico, morte cardiaca improvvisa, pregresso intervento di bypass aorto-coronarico o angioplastica percutanea.

(21)

b glicemia a digiuno ≥ 126 mg/dl in due misurazioni, glicemia ≥ 200 mg/dl a 2h dall’assunzione

orale di 75 mg di glucosio, HbA1c ≥ 6,5% oppure glicemia casuale ≥200 mg/dl in presenza di sintomi classici di iperglicemia22

c Pressione arteriosa sistolica ≥ 140 mm Hg, pressione arteriosa diastolica ≥ 90 mm Hg oppure

utilizzo di farmaci anti-ipertensivi23

d Colesterolo totale ≥200 mg/dl, LDL ≥130 mg/dl, HDL ≤40 nei M o ≥50 nelle F, terapia con

farmaci ipolipemizzanti24

e Indice di massa corporea > 30 Kg/m225

1.2 ELETTROCARDIOGRAMMA

L’elettrocardiogramma a 12 derivazioni è stato registrato a una velocità di 25mm/s e con un voltaggio di 10 mm/mV. Due osservatori, all’oscuro dei risultati scintigrafici e coronarografici, hanno analizzato il tracciato. In caso di disaccordo, è stato raggiunto un consenso rileggendo il tracciato insieme. L’ampiezza dell’onda T è stata misurata utilizzando la lente d’ingrandimento, se necessaria.

I criteri per identificare le anomalie dell’ECG sono stati definiti prima dell’analisi.

Le onde Q sono state considerate patologiche se superiori a 0,04 secondi in durata e superiori a ¼ (25%) dell'ampiezza dell'onda R successiva. Tuttavia, anche onde Q di durata inferiore a 0,04 secondi sono considerate patologiche se presenti nelle derivazioni V2 e V3 nelle quali normalmente è presente un’onda R iniziale. L’onda R in

V1 o V2 è stata considerata prominente se il rapporto R/S era superiore a 1 e la durata

dell’onda R superiore a 0,04 secondi.1 La ripolarizzazione precoce benigna è stata considerata in presenza di un diffuso sopraslivellamento del segmento ST concavo verso l’alto che nasce dalla parte terminale del complesso QRS e termina in una onda T

(22)

simmetrica e alta.17 L’ampiezza dell’onda T nelle derivazioni D1, V2, V6 e aVF è stata

espressa in mV. L’indice T2-T6 è stato calcolato sottraendo l’ampiezza dell’onda T in

V6 dall’ampiezza dell’onda T in V2. Considerato che la presenza di infarto miocardico

laterale è risultata associata all’ampiezza dell’onda T in V6 e in D1, è stato calcolato un

indice (TD1+TV6) sommando l’ampiezza dell’onda T in D1 all’ampiezza dell’onda T in

V6. Le caratteristiche elettrocardiografiche dei pazienti sono riportate nella tabella 3.

Tabella 3 Caratteristiche elettrocardiografiche dei pazienti. I valori sono espressi come media ±

deviazione standard o come numero assoluto e % sul totale. FC = frequenza cardiaca.

! FC, bpm 67,4 ± 14,8 PR, ms 166,2 ± 28,0 QRS, ms 93,8 ± 17,0 QTc, ms 408,3 ± 35,2 Sokolov, mm 17,2 ± 6,1 Q in almeno due derivazioni inferiori 21 (13%) Q anteriori (V1-V4) 18 (11%) Q in D1 0 (0%) Q in aVL 0 (0%) R/S >1 in V1 1 (<0,1%) R/S >1 in V2 41 (25%) Ampiezza onda T in D1, mm 1,5 ±1,3 Ampiezza onda T in V2, mm 3,6 ± 2,6 Ampiezza onda T in V6, mm 1,5 ± 1,6 T negativa inferiore 14(<1%) T negativa in DI 9 (<1%) T negativa in V6 21 (13%) Indice T2-T6, mm 2,1 ± 3,0

(23)

Indice TD1+TV6, mm 1,6 ± 1,5

Ripolarizzazione precoce 8 (<1%) T a tenda 3 (<1%)

1.3 SCINTIGRAFIA MIOCARDICA

Ciascun paziente è stato sottoposto a scintigrafia miocardica di perfusione utilizzando una gamma camera con cristallo di cadmio-zinco-tellurito (Discovery 630c NM, General Electric, Haifa, Istraele). A tutti i pazienti è stata somministrata una dose di 370 MBq di 99mTc-tetrofosmina. Nei pazienti con pregresso infarto miocardico è stata somministrata una dose di nitrati per via sublinguale prima del tracciante. I pazienti sono stati studiati in posizione supina con gli arti superiori posizionati sopra la testa. Tutte le immagini sono state ricostruite usando filtri a proiezione posteriore senza attenuazione o correzione della dispersione. Due medici esperti nella lettura di immagini scintigrafiche hanno eseguito un’analisi semi-quantitativa indipendente l’uno dall’altro e un accordo è stato raggiunto per ciascuna analisi. E’ stata eseguita l’analisi per vaso coronarico suddividendo i 17 segmenti della mappa polare di Cerqueira26 nei territori di perfusione delle tre principali arterie coronariche: discendente anteriore, circonflessa e coronaria destra. Per ciascun territorio di perfusione, il punteggio di perfusione globale a riposo (SRS) è stato calcolato sommando i punteggi di perfusione a riposo di ciascun segmento facente parte di quel territorio. Un punteggio globale a riposo maggiore di 2 è stato interpretato come segno di pregresso infarto miocardico in quel territorio. La figura 6 mostra un esempio di infarto miocardico laterale.

(24)

Figura 6 Rappresentazione a tipo bull's eye della perfusione miocardica a riposo di

un paziente con esteso infarto miocardico laterale (LCx), che si estende anche alla parete anteriore (LAD); è inoltre presente una necrosi inferiore (RCA).

Le caratteristiche scintigrafiche dei pazienti sono riportate nella Tabella 4 e 5. Come si può osservare dalla tabella 5, la scintigrafia miocardica ha mostrato un pregresso infarto miocardico laterale in 18 pazienti (11%). L’infarto ha coinvolto solo la parete laterale in 5 di questi 18 pazienti. In 7 l’infarto ha coinvolto anche la parete anteriore, in 1 paziente anche quella inferiore e in 5 pazienti l’infarto ha coinvolto sia la parete anteriore che inferiore, oltre a quella laterale. L’estensione dell’infarto laterale non è stata modesta, visto che la mediana del punteggio di perfusione a riposo nel territorio della circonflessa nei pazienti con pregresso infarto laterale è stata 4,5 [intervallo interquartile 3,8 – 7,3].

Tabella 4 Caratteristiche scintigrafiche dei pazienti. I valori sono espressi come mediana

[intervallo interquartile], come media ± deviazione standard oppure come numero assoluto e (% sul totale).

(25)

SRS IVA 1,6 ± 3,6 SRS Cx 1,0 ± 2,0 SRS Dx 0,9 ± 1,4

SRS = summed rest score (punteggio globale di perfusione a riposo); IVA = arteria interventricolare anteriore; Cx = arteria circonflessa; Dx = coronaria destra

Tabella 5 Numero dei pazienti (e percentuale del totale) con infarto miocardico pregresso

suddivisi in base alla localizzazione dell’infarto (IMP).

Nessun infarto 121 (31%) IMP anteriore 13 (8%) IMP laterale 5 (3%) IMP inferiore 10 (6%) IMP antero-laterale 7 (4%) IMP infero-laterale 1 (<1%) IMP antero-inferiore 4 (2%) IMP antero-latero-inferiore 5 (3%) 1.4 CORONAROGRAFIA

Le immagini coronarografiche sono state analizzate qualitativamente da due operatori esperti. L’albero coronarico è stato diviso in 17 segmenti in accordo con lo standard proposto dall’American Heart Association.27 Le variabili coronarografiche considerate

sono state: dominanza (destra, sinistra, codominante), precedente deposizione di stent, riduzione del lume ≥ 50% per ciascun segmento, occlusione per ciascun segmento. Se

(26)

un vaso presenta più di una stenosi, è stata presa in considerazione solo la stenosi di grado più elevato.

La tabella 6 riporta le caratteristiche coronarografiche dei pazienti. Come si può notare dalla tabella, 57 pazienti (34%) presentano una stenosi ≥ 50% della circonflessa. La stenosi è localizzata nel segmento prossimale in 21 pazienti (13%), nel segmento distale in 15 (9%) e nel primo ramo del margine ottuso in 32 pazienti (19%). Dei 166 pazienti, 11 (7%) sono portatori di stent della circonflessa.

Tabella 6 Caratteristiche coronarografiche dei pazienti. I valori sono espressi come mediana

come numero assoluto e (% sul totale).

Dominanza destra 146 (88%) Precedente PTCA* 33 (22%) Stent della Circonflessa 11 (7%)

Vaso coronarico Stenosi ≥ 50%

Tronco Comune 2 (1,2%) Arteria Interventricolare anteriore 84 (51%) Arteria Circonflessa 57 (34%) Arteria Coronaria destra 68 (41) Segmento prossimale circonflessa 21 (13%) Primo ramo del margine ottuso 15 (9%) Segmento distale circonflessa 32 (19%)

(27)

1.5 END POINTS DELLO STUDIO

1. Pregresso infarto miocardico laterale (variabile dicotomia), definito alla scintigrafia miocardica come un Summed Rest Score > 2 nel territorio di perfusione della circonflessa.

2. Malattia della circonflessa (variabile dicotomia), definita come una stenosi ≥ 50% o la presenza di uno stent impiantato come segno indiretto di una stenosi precedente.

3. Occlusione completa dell'arteria circonflessa (variabile dicotomia).

1.6 ANALISI STATISTICA

Le variabili continue a distribuzione normale sono state espresse come media ± deviazione standard, le variabili continue a distribuzione non normale come mediana e intervallo interquartile [25°-75°]. Le variabili qualitative sono state espresse come numero assoluto dei pazienti e percentuale del totale.

I predittori elettrocardiografici degli end-points primari (infarto miocardico laterale, malattia o occlusione della circonflessa) sono stati inizialmente esaminati utilizzando l’analisi univariata. L’ampiezza dell’onda T in D1, V2, V6 e aVF, l’indice T2-T6 e

l’indice TD1+TV6 sono stati esaminati come variabili continue mentre la presenza di

onde Q inferiori, onde R prominenti e ripolarizzazione precoce sono state esaminate come variabili dicotomiche. I predittori indipendenti finali degli end-points primari sono stati identificati mediante regressione logistica multipla, includendo nel modello solo quelle variabili con un valore di P inferiore a 0,10 all’analisi univariata e adottando una procedura di selezione all'indietro.

(28)

L’odds ratio (OR) e l'intervallo di confidenza al 95% (IC 95%) è stato riportato per incrementi di unitari sia per le variabili continue che per quelle dicotomiche.

Per calcolare la sensibilità e la specificità dei differenti predittori di infarto miocardico o malattia dell’arteria circonflessa, le variabili sono state dicotomizzate utilizzando la curva ROC (receiver operating characteristics curve) e privilegiando la specificità. L’abilità discriminativa di ciascun predittore è stata valutata mediante l’area sotto la curva ROC.

Un valore di P <0,05 è stato considerato statisticamente significativo. Tutti i test statistici sono stati a due code. L’analisi statistica è stata effettuata con il programma JMP 9 (SAS Institute Inc.).

(29)

2. RISULTATI

2.1 PREDITTORI ELETTROCARDIOGRAFICI DI INFARTO LATERALE

All’analisi univariata diverse variabili sono risultate associate in modo significativo ad un pregresso infarto laterale: l’ampiezza dell’onda T in V6, l’ampiezza dell’onda T in

DI, l’indice TD1+T6 e l’indice T2-T6 (tabella 7). Si noti che l’ampiezza dell’onda T in

D1, in V6 e l’indice TD1+T6 erano associate in maniera negativa all’infarto miocardico

laterale, ossia alla riduzione dell'ampiezza dell'onda T in D1 e V6 aumenta la probabilità

di infarto laterale, mentre l’indice T2-T6 è associato in maniera positiva, ossia

all’aumentare dell’indice aumenta la probabilità di infarto laterale. L’area sotto la curva ROC per l'indice T2-T6 è risultata uguale a 0,58. All’analisi multivariata l’indice TD1+T6

è risultato l’unico predittore indipendente per l’infarto laterale, essendo l’area sotto la curva ROC = 0,72.

Tabella 7 Predittori elettrocardiografici di pregresso infarto miocardico laterale. Analisi Univariata

Variabile Odds Ratio 95% CI P

Onde Q inferiori 2,20 0,57 – 7,00 0,205 R/S > 1 in V2 0,58 0,13 – 1,87 0,384

Ampiezza onda T in D1 0,58 0,39 – 0,86 0,006

Ampiezza onda T in V2 1,07 0,88 – 1,27 0,482

Ampiezza onda T in V6 0,63 0,46 – 0,85 0,003

Ampiezza onda T in aVF 0,86 0,53 – 1,37 0,524 Ripolarizzazione precoce 1,18 0,06 – 7,25 0,877 Indice T2-T6 1,17 1,01 – 1,36 0,034

Indice TDI+T6 0,59 0,42 – 0,82 0,002 Analisi Multivariata

(30)

Indice TDI+T6 0.59 0,42 – 0,82 0,002

IC= intervallo di confidenza, T2-T6 = ampiezza dell’onda T in V2 - ampiezza dell’onda T in V6,

TDI+T6 = ampiezza dell’onda T in D1 + ampiezza dell’onda T in V6

Il grafico 1 riporta i valori di sensibilità e specificità dell’indice T2-T6 e dell’indice

TDI+TV6 nel diagnosticare un pregresso infarto miocardico laterale. Per l’indice T2-T6

sono stati utilizzati due valori di cut-off, uno utilizzato nello studio di Eisenstein et al. del 1985 (3,8 mm = 0,38mV)19, l'altro scelto arbitrariamente per ottenere una specificità elevata, ≥ 90%. Lo stesso criterio è stato utilizzato per dicotomizzare l'indice TDI+TV6:

cut-off = 0mV).

Grafico 1 Sensibilità e Specificità dell'elettrocardiogramma nella diagnosi di pregresso infarto

miocardico laterale 33" 76" 33" 92" 33" 91" 0" 10" 20" 30" 40" 50" 60" 70" 80" 90" 100" T2$T6!>!3.8! T2$T6!>!6! TD1+T6!<!0!

%"

Sensibilità! Speci:icità!

(31)

Figura 7 Elettrocardiogramma di un paziente con pregresso infarto miocardico laterale.

T2-T6 = 8mm; TD1+TV6= -1mm

2.2 PREDITTORI ELETTROCARDIOGRAFICI DI MALATTIA DELL’ARTERIA CIRCONFLESSA.

All’analisi univariata le variabili associate in maniera significativa alla malattia dell’arteria circonflessa sono state: l’ampiezza dell’onda T in V2, in V6 e in aVF,

l’indice T2-T6 e l’indice TD1+T6 (Tabella 9). L’area sotto la curva ROC è risultata 0,63

per l’indice T2-T6 e 0,66 per l’indice TD1+T6 =0.63. All’analisi multivariata l’ampiezza

dell’onda T in V2 e l’indice TD1+T6 sono risultati predittori indipendenti (area sotto la

curva ROC = 0,67). Il primo associato in modo direttamente proporzionale alla malattia della circonflessa mentre il secondo in modo inversamente proporzionale.

(32)

Tabella 9 Predittori di malattia dell’arteria circonflessa Analisi Univariata

Malattia dell’arteria circonflessa

Variabile Odds Ratio 95% CI P value

Onde Q inferiori 1,51 0,58 – 3,83 0,386 R/S > 1 in V1 o V2 0,85 0,39 – 1,79 0,681

Ampiezza onde T in D1 0,81 0,62 – 1,05 0,112

Ampiezza onda T in V2 1,13 1,00 – 1,28 0,050

Ampiezza onda T in V6 0,72 0,57 – 0,88 0,002

Ampiezza onda T in aVF 0,68 0,48 – 0,94 0,018

Ripolarizzazione precoce 1,16 0,23 – 4,89 0,848 Indice T2 - T6 1,20 1,07 – 1,36 0,001 Indice TDI+V6 0,69 0,54 – 0,86 <0,001 Analisi Multivariata Indice TD1+V6 0.68 0.54 - 0.86 <0.001 Ampiezza onda T in V2 1.15 1.00 - 1.32 0.043

IC= intervallo di confidenza, T2-T6 = ampiezza dell’onda T in V2 - ampiezza dell’onda T in V6,

TDI+T6 = ampiezza dell’onda T in D1 + ampiezza dell’onda T in V6

I grafici 2 e 3 riportano i valori di sensibilità e specificità dell’indice T2-T6 e dell’indice

(33)

Grafico 2 Sensibilità e Specificità dell’indice T2-T6 e dell’indice TD1+T6nell’identificare una

stenosi ≥ 50% dell’arteria circonflessa

Grafico 3 Sensibilità e Specificità dell’indice T2-T6 e dell’indice TD1+T6nell’identificare una

occlusione dell’arteria circonflessa

37" 82" 21" 94" 21" 94" 0" 10" 20" 30" 40" 50" 60" 70" 80" 90" 100" T2$T6!>!3.8! T2$T6!>!6! TD1+T6!<!0!

%"

Sesibilità! Speci:icità! 78" 78" 22" 90" 44" 91" 0" 10" 20" 30" 40" 50" 60" 70" 80" 90" 100" T2$T6!>!3.8! T2$T6!>!6! TD1+T6!<!0! %" Sensibilità! Speci:icità!

(34)

Figura 12 Elettrocardiogramma di un paziente con pregresso infarto miocardico laterale e

occlusione dell’arteria circonflessa.

!

T2-T6 = 16 mm, TD1+TV6 = - 4 mm

2.3 PREDITTORI BIOUMORALI

La potassiemia e il volume di filtrazione glomerulare stimato non hanno mostrato alcuna associazione significativa con le anomalie dell’onda T nella nostra popolazione di pazienti.

(35)

3. DISCUSSIONE

Questo studio dimostra che le anomalie della ripolarizzazione, in particolare una riduzione dell’ampiezza dell’onda T nelle derivazioni D1 e V6 e un aumento

dell’ampiezza dell’onda T in V2, si associano a pregresso infarto della parete laterale del

ventricolo sinistro e stenosi significativa dell’arteria circonflessa. Alcuni indici elettrocardiografici facili da calcolare, come l’indice T2-T6 o l’indice TD1+TV6,

consentono di diagnosticare un pregresso infarto miocardico laterale e di rilevare malattia dell’arteria circonflessa con bassa sensibilità ma con una specificità molto elevata.

Studi precedenti hanno dimostrato che un’onda R prominente nelle precordiali destre è il migliore predittore di infarto miocardico laterale. In 50 pazienti con pregresso infarto della parete inferiore e/o laterale evidenziato alla risonanza magnetica onde R prominenti in V1 e non in V2 sono state associate ad infarto della parete laterale. L’onda

prominente in V1 si associa inoltre ad una maggiore estensione dell’area infartuata. Di

questi 50 pazienti, 8 (16%) mostravano un’onda R prominente in V1. Nel presente

studio, rispetto ai lavori precedenti, sono stati arruolati pazienti meno gravi, e sono stati inclusi anche soggetti con cardiopatia ischemica sospettata. Dei 166 pazienti analizzati solo 1 (0,6%) presenta un’onda R prominente in V1. Non si è potuto pertanto analizzare

questa variabile, così come le onde Q nelle derivazioni laterali, che non erano presenti in nessun paziente.

I risultati del presente lavoro, in accordo con la letteratura19, confermano che l’indice T2-T6 si associata a pregresso infarto miocardico laterale e malattia della circonflessa.

(36)

Abbiamo identificato un indice (TD1+TV6) che mostra una maggiore accuratezza rispetto

all’indice T2-T6 nel rilevare un una malattia e in particolare un'occlusione dell'arteria

circonflessa. Entrambi questi indici esprimono uno spostamento del vettore dell’onda T. Nei soggetti sani il vettore dell’onda T è diretto verso sinistra e verso il basso sul piano frontale e, nella maggior parte degli adulti, verso l’avanti sul piano orizzontale. Poiché il vettore dell’onda T è diretto verso sinistra e verso il basso sul piano frontale, l’onda T risulta positiva in D1. L’associazione negativa tra l’ampiezza dell’onda T in D1 e

l’infarto laterale suggerisce che in questi pazienti il vettore dell’onda T è spostato verso il basso sul piano frontale. Considerato che sul piano orizzontale il vettore dell’onda T è normalmente diretto verso l’avanti e verso sinistra, l’onda T risulta positiva in V5-V6.

L’associazione negativa tra l’ampiezza dell’onda T in V6 e l’infarto laterale e

l’associazione positiva tra l’indice T2-T6 e l’infarto laterale suggeriscono che in questi

pazienti il vettore dell’onda T è spostato verso l’avanti sul piano orizzontale.

L’associazione tra le anomalie dell’onda T e l’infarto miocardico hanno ricevuto maggiore attenzione nei casi di infarto miocardico anteriore o inferiore. In 17 pazienti con diagnosi autoptica di pregresso infarto miocardico anteriore, la persistenza di onde T anteriori negative è associata con un infarto transmurale, mentre la scomparsa di onde T negative è associata con un infarto sottoendocardico.28In grandi studi clinici, compreso il GISSI-3 Echo Substudy, la normalizzazione di onde T negative nelle derivazioni infarto correlate è associata con un miglioramento nella funzione regionale e globale del ventricolo sinistro,29-31 una migliore prognosi32 e pervietà dell’arteria

responsabile dell'infarto.33 In 38 pazienti con infarto miocardico acuto inferiore trattato mediante angioplastica coronarica percutanea, l’ampiezza dell’onda T, misurata 3 mesi dopo l’infarto, è associata positivamente con la frazione d’eiezione del ventricolo

(37)

sinistro e negativamente con l’estensione dell’infarto. 34

L’ampiezza dell’onda T è aumentata in diverse situazioni, che tuttavia non hanno influenzato i risultati di questo studio. E stato già descritto come un'onda T appuntita e simmetrica rappresenta la prima manifestazione elettrocardiografica dell'ischemia miocardica transmurale (onda T a tenda o iperacuta). Nel nostro studio abbiamo analizzato solo i pazienti con malattia stabile. Abbiamo inoltre escluso 16 pazienti che, nonostante la stabilità del quadro clinico iniziale, sono risultati affetti da sindrome coronarica acuta. La ripolarizzazione precoce è stata presente solo in 8 pazienti e non è risultata associata ad infarto laterale. Solo un paziente ha presentato iperpotassiemia (moderata). Sono stati inoltre esclusi i pazienti con ipertrofia ventricolare sinistra o destra e blocco di branca completo. Perciò le anomalie dell’onda T osservate in questo studio molto verosimilmente sono primarie e causate dalla cardiopatia ischemica.

(38)

4. LIMITI DELLO STUDIO

Questo studio presenta alcune limitazioni. Se da una parte l’associazione tra le anomalie dell’onda T e l’infarto miocardico pregresso risulta intuitiva, quella tra le anomalie dell’onda T e la malattia della circonflessa richiede maggiore interpretazione. In 93 pazienti con infarto miocardico acuto trattato con angioplastica coronarica percutanea primaria la sede dell’area necrotica alla risonanza magnetica nucleare è stata confrontata con l’arteria correlata all’infarto. 35L’accumulo del contrasto nella parete antero-laterale

e infero-laterale ha mostrato una specificità del 100% nel rilevare una occlusione della circonflessa, confermando così l’associazione tra l’infarto miocardico laterale e il coinvolgimento dell’arteria circonflessa. Purtroppo la coronarografia non consente però di stabilire con certezza che un certo vaso è stato responsabile di un infarto, in quanto un vaso acutamente occluso si può ricanalizzare spontaneamente o per effetto della terapia, le stenosi possono andare incontro a rimodellamento e una occlusione cronica può non dare luogo ad un infarto. Il legame tra anatomia coronarica in fase cronica e cicatrice infartuale è pertanto elusivo.

Un’altra limitazione è data dal basso numero di pazienti con pregresso infarto miocardico laterale, specialmente quelli con infarto laterale isolato. Tuttavia, l’infarto miocardico raramente è confinato al territorio di perfusione di un solo vaso coronarico, non solo nei pazienti con malattia della circonflessa.

L’onda T è alterata in così tante situazioni che l’interpretazione univoca delle sue anomalie risulta difficile ed è spesso fonte di conclusioni poco accurate.36

Infine, dobbiamo ricordare che le conclusioni dello studio sono valide solo dopo aver escluso la presenza di altre cause che potrebbero spiegare le anomalie dell’onda T, come il blocco di branca, l’emiblocco anteriore sinistro pronunciato, l’ipertrofia

(39)

ventricolare destra o sinistra con segni di sovraccarico, una pregressa pericardite, alterazioni degli elettroliti o terapie farmacologiche.

(40)

5.

CONCLUSIONI

Nei pazienti con cardiopatia ischemica accertata o sospetta, nei quali siano state escluse anomalie secondarie della ripolarizzazione ventricolare, diverse anomalie dell'onda T, facilmente ottenibili dalla lettura dell’elettrocardiogramma a 12 derivazioni, consentono di diagnosticare in modo non invasivo un pregresso infarto miocardico della parete laterale del ventricolo sinistro e di rilevare una stenosi o occlusione dell’arteria circonflessa con limitata sensibilità ma elevata specificità.

(41)

BIBLIOGRAFIA

1. Bayés de Luna A, Goldwasser D, Fiol M, Bayès-Genis A. Surface electrocardiography. In: Fuster V, Walsh R, Harrington R, editors. Hurst's the Heart. 13th ed. New York: McGraw-Hill Education; 2011. p. 307-70.bb

2. Perloff JK. The Recognition of Strictly Posterior Myocardial Infarction by Conventional Scalar Electrocardiography. Circulation. 1964; 30: 706-18.

3. Durrer D, van Dam RT, Freud GE, Janse MJ, Meijler FL, Arzbaecher RC. Total excitation of the isolated human heart. Circulation. 1970; 41(6): 899-912.

4. Dunn WJ, Edwards JE, Pruitt RD. The electrocardiogram in infarction of the lateral wall of the left ventricle; a clinicopathologic study. Circulation. 1956; 14(4 Part 1): 540-55.

5. de Luna AB, Cino J, Goldwasser D, Kotzeva A, Elosua R, Carreras F, et al. New electrocardiographic diagnostic criteria for the pathologic R waves in leads V1 and V2 of anatomically lateral myocardial infarction. Journal of electrocardiology. 2008; 41(5): 413-8.

6. Bough EW, Boden WE, Korr KS, Gandsman EJ. Left ventricular asynergy in electrocardiographic "posterior" myocardial infarction. Journal of the American College of Cardiology. 1984; 4(2): 209-15.

7. Kim RJ, Fieno DS, Parrish TB, Harris K, Chen EL, Simonetti O, et al. Relationship of MRI delayed contrast enhancement to irreversible injury, infarct age, and contractile function. Circulation. 1999; 100(19): 1992-2002.

8. Hiss RG, Averill KH, Lamb LE. Electrocardiographic findings in 67,375 asymptomatic subjects. VIII. Nonspecific T wave changes. The American journal of cardiology. 1960; 6: 178-89.

9. Somers MP, Brady WJ, Perron AD, Mattu A. The prominent T wave: electrocardiographic differential diagnosis. The American journal of emergency medicine. 2002; 20(3): 243-51.

10. Dressler W, Roesler H. High T waves in the earliest stage of myocardial infarction. American heart journal. 1947; 34(5): 627-45.

11. Nikus K, Pahlm O, Wagner G, Birnbaum Y, Cinca J, Clemmensen P, et al. Electrocardiographic classification of acute coronary syndromes: a review by a

(42)

committee of the International Society for Holter and Non-Invasive Electrocardiology. Journal of electrocardiology. 2010; 43(2): 91-103.

12. Zorzi A, Perazzolo Marra M, Migliore F, Tarantini G, Iliceto S, Corrado D. Interpretation of acute myocardial infarction with persistent 'hyperacute T waves' by cardiac magnetic resonance. European heart journal Acute cardiovascular care. 2012; 1(4): 344-8.

13. Verouden NJ, Koch KT, Peters RJ, Henriques JP, Baan J, van der Schaaf RJ, et al. Persistent precordial "hyperacute" T-waves signify proximal left anterior descending artery occlusion. Heart (British Cardiac Society). 2009; 95(20): 1701-6.

14. Mehta M, Jain AC, Mehta A. Early repolarization. Clinical cardiology. 1999; 22(2): 59-65.

15. Klatsky AL, Oehm R, Cooper RA, Udaltsova N, Armstrong MA. The early repolarization normal variant electrocardiogram: correlates and consequences. The American journal of medicine. 2003; 115(3): 171-7.

16. Birnbaum Y, Wilson JM, Fiol M, de Luna AB, Eskola M, Nikus K. ECG diagnosis and classification of acute coronary syndromes. Annals of noninvasive electrocardiology : the official journal of the International Society for Holter and Noninvasive Electrocardiology, Inc. 2014; 19(1): 4-14.

17. Derval N, Shah A, Jais P. Definition of early repolarization: a tug of war. Circulation. 2011; 124(20): 2185-6.

18. Mahida S, Derval N, Sacher F, Berte B, Yamashita S, Hooks DA, et al. History and clinical significance of early repolarization syndrome. Heart rhythm : the official journal of the Heart Rhythm Society. 2014.

19. Eisenstein I, Sanmarco ME, Madrid WL, Selvester RH. Electrocardiographic and vectorcardiographic diagnosis of posterior wall myocardial infarction. Significance of the T wave. Chest. 1985; 88(3): 409-16.

20. Zema MJ. Electrocardiographic tall R waves in the right precordial leads. Comparison of recently proposed ECG and VCG criteria for distinguishing posterolateral myocardial infarction from prominent anterior forces in normal subjects. Journal of electrocardiology. 1990; 23(2): 147-56.

21. Kanemoto N, Wang Y, Fukushi H, Ibukiyama C, Takeuchi T, Sato T, et al. [Electrocardiographic characteristics of patients with left circumflex-related

(43)

myocardial infarction in the acute phase without tented T waves or definite ST elevation]. Journal of cardiology. 1995; 26(3): 149-58.

22. American Diabetes A. Diagnosis and classification of diabetes mellitus. Diabetes care. 2014; 37 Suppl 1: S81-90.

23. Chobanian AV, Bakris GL, Black HR, Cushman WC, Green LA, Izzo JL, Jr., et al. Seventh report of the Joint National Committee on Prevention, Detection, Evaluation, and Treatment of High Blood Pressure. Hypertension. 2003; 42(6): 1206-52.

24. Jellinger PS, Smith DA, Mehta AE, Ganda O, Handelsman Y, Rodbard HW, et al. American Association of Clinical Endocrinologists' Guidelines for Management of Dyslipidemia and Prevention of Atherosclerosis. Endocrine practice : official journal of the American College of Endocrinology and the American Association of Clinical Endocrinologists. 2012; 18 Suppl 1: 1-78. 25. National Institute of Health. Evidence-based Guidelines: clinical guidelines on

the identification, evaluation and treatment of overweight and obesity in adults. Bethesda: National Heart, Lung and Blood Institute; 2002.

26. Cerqueira MD, Weissman NJ, Dilsizian V, Jacobs AK, Kaul S, Laskey WK, et al. Standardized myocardial segmentation and nomenclature for tomographic imaging of the heart. A statement for healthcare professionals from the Cardiac Imaging Committee of the Council on Clinical Cardiology of the American Heart Association. The international journal of cardiovascular imaging. 2002; 18(1): 539-42.

27. Austen WG, Edwards JE, Frye RL, Gensini GG, Gott VL, Griffith LS, et al. A reporting system on patients evaluated for coronary artery disease. Report of the Ad Hoc Committee for Grading of Coronary Artery Disease, Council on Cardiovascular Surgery, American Heart Association. Circulation. 1975; 51(4 Suppl): 5-40.

28. Maeda S, Imai T, Kuboki K, Chida K, Watanabe C, Ohkawa S. Pathologic implications of restored positive T waves and persistent negative T waves after Q wave myocardial infarction. Journal of the American College of Cardiology. 1996; 28(6): 1514-8.

29. Tamura A, Nagase K, Mikuriya Y, Nasu M. Significance of spontaneous normalization of negative T waves in infarct-related leads during healing of

(44)

anterior wall acute myocardial infarction. The American journal of cardiology. 1999; 84(11): 1341-4, A7.

30. Bosimini E, Giannuzzi P, Temporelli PL, Gentile F, Lucci D, Maggioni AP, et al. Electrocardiographic evolutionary changes and left ventricular remodeling after acute myocardial infarction: results of the GISSI-3 Echo substudy. Journal of the American College of Cardiology. 2000; 35(1): 127-35.

31. Sakata K, Yoshino H, Houshaku H, Koide Y, Yotsukura M, Ishikawa K. Myocardial damage and left ventricular dysfunction in patients with and without persistent negative T waves after Q-wave anterior myocardial infarction. The American journal of cardiology. 2001; 87(5): 510-5.

32. Lancellotti P, Gerard PL, Kulbertus HE, Pierard LA. Persistent negative T waves in the infarct-related leads as an independent predictor of poor long-term prognosis after acute myocardial infarction. The American journal of cardiology. 2002; 90(8): 833-7.

33. Hira RS, Moore C, Huang HD, Wilson JM, Birnbaum Y. T wave inversions in leads with ST elevations in patients with acute anterior ST elevation myocardial infarction is associated with patency of the infarct related artery. Journal of electrocardiology. 2014; 47(4): 472-7.

34. Meijs LP, Gorgels AP, Bekkers SC, Maynard CC, Lemmert ME, Wagner GS. The relationship between serial postinfarction T wave changes and infarct size and ventricular function as determined by cardiac magnetic resonance imaging. Journal of electrocardiology. 2011; 44(5): 555-60.

35. Ortiz-Perez JT, Rodriguez J, Meyers SN, Lee DC, Davidson C, Wu E. Correspondence between the 17-segment model and coronary arterial anatomy using contrast-enhanced cardiac magnetic resonance imaging. JACC Cardiovascular imaging. 2008; 1(3): 282-93.

36. Rautaharju PM, Surawicz B, Gettes LS, Bailey JJ, Childers R, Deal BJ, et al. AHA/ACCF/HRS recommendations for the standardization and interpretation of the electrocardiogram: part IV: the ST segment, T and U waves, and the QT interval: a scientific statement from the American Heart Association Electrocardiography and Arrhythmias Committee, Council on Clinical Cardiology; the American College of Cardiology Foundation; and the Heart Rhythm Society. Endorsed by the International Society for Computerized

(45)

Electrocardiology. Journal of the American College of Cardiology. 2009; 53(11): 982-91.

(46)

RINGRAZIAMENTI

Ringrazio il Dottor Rovai per avermi dato la possibilità di lavorare con lui e per gli insegnamenti ricevuti che mi hanno aiutato a crescere come medico e come persona.

Ringrazio i medici della Fondazione Toscana Gabriele Monasterio che hanno contribuito allo studio: la Dott.ssa Alessia Gimelli, il Dottor Francesco Sbrana, il Dottor Michele Coceani e la Dott.ssa Tiziana Sampietro.

Ringrazio il Prof. Giuseppe Rossi per il fondamentale contributo all’analisi statistica. Ringrazio il Dottor Alberto Bionda per i consigli che mi ha dato nei momenti di indecisione e per avermi aiutato in tante occasioni.

Riferimenti

Documenti correlati

Alla fine del XII secolo, e ancora per tutto il Medioevo e l’Età Moderna, il viaggiatore che, da Palermo, risalisse la collina sulla quale sorge la cittadina di Monreale, si

 Presenza di tessuti fetali riconoscibili.  Villi

Prognosi peggiore nelle forme ad insorgenza precoce (&lt; 24 s.g.) con oligoidramnios e reni iperecogeni. • Cariotipo:

In Figura 13 vengono riportati i valori medi di conversione ottenuti nella reazione di ossidazione di NO con luce UV e con luce visibile utilizzando sia campioni commerciali

The case came before the Amtsgericht (Trial Court) in Cologne whose judgment acquitted the defendant: “In balancing the rights of the parents concerning education and

Questa ossidazione può essere evitata grazie ai ditienileteni: come mostrato in Figura 16 , i gruppi metilici in posizione-2 dell’anello tiofenico impediscono la formazione

Specifically, we observed rare runt-related transcription factor 2 (RUNX2) immunopositive osteoblasts expressing PTX3 in cell cultures derived from osteoporotic patients and