Reddito netto e reddito lordo: SM2

34  Download (0)

Testo completo

(1)

Analisi Statistica del Reddito e delle Condizioni di Vita

Capitolo 4

Reddito netto e reddito

lordo: SM2

(2)

Contenuto della lezione:

- Regolamento comunitario EU- SILC: redditi lordi dal 2007

- Terminologia inglese/italiano

- Relazione tra le forme di reddito

- Procedura iterativa di convergenza - Il sistema in Italia

- Validazione del modello in Italia

- Microsimulazione e imputazione

adottate congiuntamente*

(3)

Regolamento Comunitario - 1

Il Regolamento EU-SILC richiede ai paesi membri di fornire dal 2007 i redditi lordi per tutte le

componenti di reddito individuali e per tre

variabili target di reddito familiare. Nel caso in cui i redditi lordi non siano disponibili dalle

indagini o dalle fonti amministrative, per la

conversione netti-lordi si possono imputare le tasse e i contributi sociali usando un modello di microsimulazione basato sul regime fiscale

relativo al periodo di riferimento del reddito.

(4)

Regolamento Comunitario - 2

• Prima del progetto EU-SILC, per la

conversione dei redditi netti in lordi sono stati sviluppati modelli di microsimulazione

‘separati’, basati su indagini nazionali non armonizzate. Tali modelli vengono utilizzati

tipicamente per analizzare la distribuzione dei redditi e della povertà e simulare l’impatto

delle misure di politica economica e fiscale. E’

questo il caso, ad esempio, del Tax-Benefits Model della London School of Economics, di Euromod e dei modelli di tasse e benefici

(5)

Regolamento Comunitario - 3

• Se i modelli di microsimulazione

’nazionali’ complessi, pur essendo

generalmente più precisi, non risultano sufficientemente flessibili e ‘trasportabili’

ad altri paesi, quelli più semplici, che considerano soltanto gli aspetti centrali dello schema di tassazione nazionale, non garantiscono necessariamente la comparabilità internazionale.

• - Cenno esempio ECHP

(6)

Regolamento Comunitario - 4

• Per questo motivo, già nel 2003 Eurostat aveva bandito un “call for tender” (richiesta di

collaborazione”, con lo scopo di implementare un modello che permettesse ad ogni Paese Membro di effettuare la conversione da redditi rilevati “netti” o “disponibili” in redditi lordi, per rispondere alle richieste del Regolamento.

• L’Università di Siena ottenne l’appalto e propose il modello chiamato Siena Micro Simulation

Model – SMSM – o SM2.

(7)

Il modello di microsimulazione SM2 - 1

• Il modello SM2 è stato concepito come uno strumento in grado di fornire una procedura robusta di conversione dei redditi netti e lordi delle famiglie. Il modello, costruito ed utilizzato sperimentalmente sui microdati dell’indagine ECHP[1] dell’Italia, Francia e Spagna, è

caratterizzato da una struttura modulare e flessibile che consente l’utilizzo in paesi che presentano diversi sistemi di tasse e benefici, diverse tipologie dei dati di reddito disponibili (netti, lordi, alcuni netti e altri lordi) ed anche diverse strategie di raccolta dei dati (da fonte campionaria e/o amministrativa).

(8)

Il modello di microsimulazione SM2 - 2

• Il modulo di conversione netto-lordo del modello SM2 tende ad un livello

intermedio di complessità, ossia è più preciso del metodo semplice applicato con l’ECHP per stimare i redditi lordi

partendo dalle componenti nette raccolte con l’indagine ma è, salvo estensioni

decise dai ricercatori dei singoli paesi,

meno dettagliato rispetto ad un modello

altamente specializzato come Euromod.

(9)

Il modello di microsimulazione SM2 - 3

• Euromod è sostanzialmente un modello costruito per rappresentare nel dettaglio e stimare gli effetti delle politiche sociali e fiscali sui redditi familiari nei paesi membri dell’Unione. Il modello consente in effetti di

simulare i trasferimenti sociali, completa le informazioni raccolte mediante le indagini campionarie e utilizza come dati di input i redditi lordi piuttosto che i netti.

• Lo scopo immediato del progetto EU-SILC e SM2 è, in un certo senso, più limitato, poiché considera

prioritariamente la costruzione delle variabili di reddito lordo da quelli netti (o viceversa) e solo come utile ‘sotto prodotto’ l’eventuale stima di dati dettagliati sui singoli benefici e sulle singole tasse.

• (Possibile argomento per tesi magistrale)

(10)

Il modello di microsimulazione SM2 - 4

La procedura di conversione netti-lordi utilizzata in Euromod non è, inoltre, sufficientemente

flessibile rispetto all’eterogeneità dei dati

presenti in EU-SILC ed il modello SM2 risponde all’esigenza di disporre di uno strumento di

conversione netti-lordi adattabile tanto ai diversi sistemi fiscali europei quanto alle diverse

modalità di raccolta dei dati di input nei diversi paesi.

(11)

Terminologia inglese/italiano - 1

• GG Reddito al lordo della tassazione e dei

contributi sociali dei lavoratori e dei datori di lavoro

• G Reddito al lordo della tassazione e dei contributi sociali dei lavoratori

• H Reddito al lordo della tassazione

• Y Reddito imponibile

• N Reddito netto

• Deduction Deduzione

• Tax due Imposta lorda

• Tax credit Detrazione d’imposta

• Tax paid Imposta netta

(12)

Terminologia inglese/italiano - 2

(13)

Relazione tra le forme di reddito - 1

Hi

Gi

Ni

XSi, XTi, XSTi

Tax exempt Taxed separately

Taxed in pool Deductions

at source

SI contributions

(14)

Il reddito lordo di un individuo o di una famiglia è uguale al reddito ricevuto prima di qualsiasi ritenuta alla fonte delle tasse e dei contributi sociali. Il modello distingue tra il reddito lordo GG che include anche i contributi sociali dei datori di lavoro (SS) e il reddito lordo G che include solo i contributi sociali dei lavoratori (SI). I contributi sociali gravano sui redditi da lavoro e comprendono i contributi dei datori di lavoro e dei lavoratori dipendenti e degli

Le relazioni tra forme di reddito - 2

(15)

In SM2, il reddito lordo tassabile (H) è uguale al reddito lordo meno i contributi sociali. Gli oneri deducibili si

riferiscono a quella parte di reddito esente dalla

tassazione, sono relativi a specifiche componenti di reddito e corrispondono ad una riduzione del reddito lordo tassabile.

Il reddito imponibile (Y) è ricavato dal reddito lordo

tassabile meno le deduzioni. L’imposta lorda è calcolata inizialmente come funzione del reddito imponibile.

Le relazioni tra forme di reddito - 3

(16)

Partendo dai dati di reddito individuali e familiare, il

modello è in grado di stimare, in base al sistema fiscale nazionale, tutte le informazioni per componente di

reddito e di disaggregare gli importi lordi in tasse,

contributi sociali e in reddito netto e reddito disponibile.

Caratteristica rilevante del modello è la presenza di un set di routines principali standardizzate, che

rappresentano il cuore del modello e la struttura

comune utilizzabile da tutti i diversi sistemi fiscali, in grado di gestire diversi tipi di dati di input e diversi sistemi di tassazione nazionale.

La struttura del modello SM2 - 1

(17)

Il modello comprende routines specifiche

contenenti i parametri della normativa fiscale

nazionale, in grado di convertire i dati di input in forma standardizzata. Queste routines nazionali sono richiamate dal modulo centrale a cui

forniscono i dati di input; il modello mantiene distinte la struttura centrale, comune ai diversi sistemi fiscali nazionali, e le routines specifiche per i diversi contesti paesi.

La struttura del modello SM2 - 2

(18)

SM2 può convertire in redditi lordi i dati

campionari raccolti al netto delle imposte e dei contributi sociali, ma può anche fornire i redditi netti a partire dai dati lordi (campionari o

amministrativi). Il modello può stimare

separatamente sia le imposte anticipate (cioè trattenute alla fonte) sulle singole componenti di reddito, sia il saldo finale a credito o a debito.

La struttura del modello SM2 - 3

(19)

Per la costruzione delle variabili obiettivo nette e lorde di EU-SILC sono necessarie almeno cinque tipi di

variabili: ossia variabili raccolte mediante l’indagine (PDB), variabili intermedie (ex. Somma redditi mensili anno precedente), variabili imputate, variabili del

modello e variabili target (UDB). Poiché nel file di input non vi possono essere valori missing, è necessario

imputare i valori mancanti usando le variabili ausiliarie o esogene. Le informazioni di reddito necessarie al

modello SM2 sono, quindi, in qualche modo raccolte, compilate o imputate. Il modello converte tali

informazioni nello standard richiesto da EU-SILC, sulla base di uno specifico schema di tassazione nazionale.

La struttura del modello SM2 - 4

(20)

Il reddito familiare in EU-SILC scaturisce dalla somma dei redditi individuali dei componenti della famiglia. La normativa fiscale per le diverse fonti di reddito può fare riferimento a differenti unità di analisi, come gli individui o la famiglia e può differire in base alle caratteristiche del percettore (alcuni possono essere esenti da

tassazione e altri no, alcuni possono beneficiare di detrazioni e altri no). Il reddito percepito può, inoltre, essere tassato alla fonte, ricevuto lordo o tassato in sede di dichiarazione dei redditi.

La struttura del modello SM2 - 5

(21)

Il programma di calcolo della tassazione e dei trasferimenti sociali di un modello di

microsimulazione replica sostanzialmente le caratteristiche rilevanti di un sistema fiscale

nazionale, sulla base di alcune assunzioni che semplificano necessariamente la complessità della realtà osservata.

La struttura del modello SM2 - 6

(22)

Conversione redditi lordi-netti

Nel caso in cui siano disponibili i redditi lordi per calcolare i redditi netti si può utilizzare l’aliquota di tassazione

utilizzando una iterazione semplice per ogni componente di reddito

Procedura iterativa di convergenza - 1

(23)

Il procedimento inverso dai netti ai lordi è, invece, più complesso, in quanto implica un doppio loop iterativo. Il primo loop interno applica un valore definito del parametro

“aliquota di tassazione” (R) ad ogni componente di reddito e per tutti gli individui della stessa

unità fiscale. Il secondo loop iterativo ottiene un valore convergente del parametro R, comune a tutte le componenti di reddito.

Procedura iterativa di convergenza - 2

(24)

Caratteristica peculiare di SM2 è la possibilità di specificare in modo opportuno le deduzioni e le detrazioni in modo da utilizzare la stessa

procedura per le diverse componenti di reddito e per i diversi schemi di tassazione.

Peculiarità di SM2 - 1

(25)

Nel caso in cui una componente di reddito è esente da tassazione è sufficiente specificare che per la componente esente la deduzione è pari al reddito lordo tassabile, ciò consente di non considerare il contributo di questa

componente nel totale del reddito sottoposto a tassazione e di non dover separare tale

componente dagli altri redditi (vedi esempio).

Peculiarità di SM2 - 2

(26)

Allo stesso modo se una componente di reddito è tassata con un’aliquota costante, si specifica che la deduzione è pari al reddito lordo

tassabile e la detrazione è considerata come una quantità negativa. In tal modo l’imponibile finale è automaticamente incrementato

dell’ammontare appropriato (vedi esempio).

Peculiarità di SM2 - 3

(27)

Handling diverse situations in SM2 The concept of 'special' deductions

and tax credits

Table 5 - Examples of special deductions and tax credits

Form of taxation of component i Special deduction Special tax credit

1 Tax exempt Di=Hi -

2 Taxed at flat rate fi Di=Hi Ci = -fi*Hi

3 Tax-exempt at flat rate fi - Ci = +fi*Hi

4 Deductions for expenses +common deductions -

5 Tax credit for expenses - +common tax credits

6 Special tax not related to income - -common tax credits 7 Double taxation at flat rate fi - Ci = -fi*Hi

8 Part Si of social insurance contributions subject to tax

Si -

(28)

La qualità attesa dei risultati delle

microsimulazioni e la loro comparabilità a livello internazionale dipendono dal livello di dettaglio con cui è inserita la normativa fiscale nel

modello e soprattutto dalla qualità dei dati di input. I dati rilevati dalla nuova indagine EU- SILC rappresentano di per sé un’importante cambiamento rispetto ad ECHP, evidente

soprattutto nella fase di costruzione del file di input del modello e delle variabili ausiliarie.

Il sistema in Italia - 1

(29)

Il contributo fornito da EU-SILC è particolarmente significativo per il calcolo dei contributi sociali dei

lavoratori parasubordinati rilevati dall’indagine, invece che in base alla stima degli stessi rispetto alla

popolazione di lavoratori dipendenti derivata da fonti esterne ed utilizzata in SM2.

Anche il calcolo dei contributi sociali dei lavoratori dipendenti e autonomi beneficia della disponibilità di

maggiori informazioni di EU-SILC relative alla posizione lavorativa, al settore di appartenenza del lavoratore, al calendario retrospettivo della condizione professionale (numero di mesi) e al numero di addetti dell’unità locale dell’impresa.

Il sistema in Italia - 2

(30)

In EU-SILC, inoltre, è disponibile l’informazione sui contributi volontari versati a forme pensionistiche complementari, necessari al calcolo delle deduzioni Irpef e, a differenza di ECHP, la nuova indagine rileva distintamente i giorni di malattia dei lavoratori dipendenti e le pensioni di invalidità con evidenti vantaggi per la

stima dei trasferimenti sociali. L’indagine EU-SILC

fornisce anche i dati relativi all’imposta comunale sugli immobili (Ici), completando le informazioni necessarie alle routines del modello per il calcolo delle deduzioni e

Il sistema in Italia - 3

(31)

L’utilizzo congiunto dei dati campionari e amministrativi per la costruzione delle variabili di reddito dell’indagine EU-SILC ha consentito, inoltre, di introdurre in SM2- EU-SILC -Italia alcune importanti innovazioni

metodologiche.

I miglioramenti attesi nella stima dei redditi lordi delle variabili obiettivo individuali e familiari di EU-SILC

dipendono quindi dal cambiamento della base dati EU- SILC rispetto ad ECHP e soprattutto dalle innovazioni di processo dovute alle procedure di record linkage con i dati amministrativi.

Il sistema in Italia - 4

(32)

Validazione del modello in Italia - 1

(33)

Validazione del modello in Italia - 2

(34)

Betti G., Verma V., Natilli M., Ballini F. (2003), Statistical imputation in conjunction with micro-simulation of income data. Working Paper n. 55 della serie "Dinamiche e persistenze nel mercato del lavoro italiano ed effetti di politiche (basi di dati, misura, analisi)",

Dipartimento di Scienze Statistiche, Università di Padova, Settembre 2003.

http://valutazione2003.stat.unipd.it/pdf/wp/WP_55.pdf

Successivamente pubblicato in:

Betti G., Verma V., Ballini F., Natilli M., Galgani, S. (2003), Statistical Imputation in Conjunction with Micro-Simulation of

Income Data, Rivista Italiana di Economia, Demografia e Statistica,

Imputazione e microsimulazione

figura

Updating...

Riferimenti

Argomenti correlati :