• Non ci sono risultati.

P Le relazioni tra psoriasi, obesità e dieta

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "P Le relazioni tra psoriasi, obesità e dieta"

Copied!
1
0
0

Testo completo

(1)

M.D. Medicinae Doctor - Anno XXII numero numero 2 - Marzo 2015 n 23

A ggiornAmenti

P

uò la dieta condizionare la gra- vità della malattia psoriasica?

Sono sempre più numerose le evidenze che sembrano portare a una risposta positiva. Tra queste un recente studio italiano (Barrea L et al. J Transl Med 2015; 13: 18) che ha investigato l’esistenza di una relazio- ne fra l’aderenza alla dieta Mediterra- nea, modello di alimentazione “sa- na” associato a un rischio ridotto di malattie metaboliche, cardiovascola- ri, neoplastiche e cronico-degenera- tive, la composizione corporea e la severità della psoriasi.

Lo studio osservazionale ha coin- volto 61 pazienti con psoriasi media o grave e 62 controlli, sottoposti a un questionario detto PREDIMED usato per valutare l’aderenza alla dieta mediterranea. La severità del- la psoriasi è stata determinata con l’indice PASI (Psoriasis Area and Severity Index) e i livelli di proteina C reattiva (PCR).

I risultati hanno mostrato che i mag- giori predittori del PASI sono la mas- sa grassa e il punteggio PREDIMED;

in particolare, dei diversi parametri del questionario PREDIMED, hanno avuto un valore predittivo indipen- dente per lo score PASI e i livelli di PCR, il consumo di olio extravergine d’oliva e quello di pesce.

BMI e psoriasi

¼

¼

“I dati che sembrano suggerire un ruolo importante della dieta e della composizione corporea nella gravità della psoriasi si stanno accumulan- do” chiarisce Donatella Bollini (Bio- logo Nutrizionista, Paderno Dugnano, MI). Alcune evidenze hanno mostra- to che soggetti con maggiore BMI hanno un rischio più elevato di svilup- pare o peggiorare la psoriasi. Più in dettaglio, per ogni punto di incremen- to del BMI si ha un incremento del 9% del rischio di esordio della psoria- si e un incremento del 7% del rischio di un peggioramento del punteggio PASI (Acta Derm Venereol 2009; 89:

492-7; J Eur Acad Dermatol Venereol 2010; 24: 1035-9).

Questa correlazione sembra avere anche un forte razionale fisiopatologi- co, da ricercarsi nel fatto che psoriasi e obesità sono patologie che condivi- dono un processo infiammatorio. Gli adipociti ipertrofici presenti nel pa- ziente obeso sono infatti in grado di secernere sostanze proinfiammato- rie, come IL-1, IL-6, TNF- alfa, leptina, e una serie di molecole che inducono uno stato d’infiammazione cronica.

Le stesse molecole si trovano anche nella malattia psoriasica (NEJM 2009; 361: 496–509).

Possibile ruolo della dieta

¼

¼

In seguito a queste osservazioni resta da comprendere se sia possibile mi- gliorare la psoriasi agendo sul BMI e/o sulla composizione della dieta. I dati in questo senso non sono chiaris- simi: gli studi condotti utilizzando forti restrizioni caloriche (800-850 Kcal) hanno mostrato un miglioramento della sintomatologia, ma non signifi- cativo, ponendo anche legittimi dubbi sull’opportunità di mettere in atto delle diete così drastiche senza un adeguato corrispettivo sul migliora- mento sintomatologico della psoriasi.

Un approccio che sembra essere particolarmente interessante riguar- da la possibilità di agire non tanto sulla “quantità” di cibo, quanto sulla

“qualità”, evitando cibi considerati proinfiammatori (per esempio carni conservate, alimenti affumicati, zuc- cheri semplici) e privilegiando ali- menti a valenza antinfiammatoria (per esempio pesce grasso, riso e cereali integrali, vegetali, frutta) (J Nutr 2007; 137: 992-8; Am J Clin Nutr 2006; 1369-79).

In questo senso, il recente studio italiano sul possibile ruolo della die- ta Mediterranea nel lenire i sintomi della psoriasi sembra andare pro- prio in questa direzione.

Le relazioni tra psoriasi, obesità e dieta

n d

ermatologia

w

Attraverso il

w w

presenteQR-Code è possibile visualizzare con tablet/smartphone l’intervista

a Donatella Bollini

Riferimenti

Documenti correlati

2.1.1 Diversi studi dimostrano sostanzialmente una superiorità , nel breve termine, del- la dieta iperproteica ipoglucidica rispetto alla dieta normoproteica a più elevato contenuto

Il terzo di anziani che consumava meno carne aveva un maggior volume cerebrale (+12,2 ml), chi con- sumava più pesce aveva più materia grigia (Fig. 1).. Un’adesione maggiore alla

I°- carne,pesce,uova II°- latte e derivati III°- cereali e derivati IV°- legumi. V°- condimenti VI°- frutta

This treatment left adsorbed only water molecules coordinated to surface Ca 2+ ions 26 – 29 , and, if the case, in subsurface position in hydrated non-apatitic layers 25 ,

Use of all other works requires consent of the right holder (author or publisher) if not exempted from copyright protection by the applicable

In base alla valutazione di impatto effettuata, la Commissione definisce la esclusione dei prodotti per sportivi dall’ambito di applicazione del regola- mento 609, così

La scomparsa dei Carnivori dai denti a sciabola, sia felidi che Nimravidi, potrebbe essere legata a mutamenti ambientali, con riduzione delle aree di foresta più