• Non ci sono risultati.

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI. Mutuo a tasso fisso. Mutuo a tasso variabile FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FONDIARIO CONSOLIDAMENTO PASSIVITA' CCD

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI. Mutuo a tasso fisso. Mutuo a tasso variabile FOGLIO INFORMATIVO MUTUO FONDIARIO CONSOLIDAMENTO PASSIVITA' CCD"

Copied!
7
0
0

Testo completo

(1)

FOGLIO INFORMATIVO

MUTUO FONDIARIO CONSOLIDAMENTO PASSIVITA' CCD

INFORMAZIONI SULLA BANCA

Banca di Credito Cooperativo di Alberobello e Sammichele di Bari

Viale Bari n.10 - 70011 - Alberobello (BA) Tel.: 080.4320411 - Fax: 080.4322562

Email: mailbox@bccalberobello.it Sito internet: www.bccalberobello.it Registro delle Imprese della CCIAA di Bari n. 80604

Iscritta all’Albo della Banca d’Italia n. 4493 - cod. ABI 8338-6 Iscritta all’Albo delle società cooperative n. A171116 C.F./P. IVA: 00380000729

Reg. Soc. Trib. di Bari n. 3674

Aderente al Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo e al Fondo di Garanzia degli Obbligazionisti del Credito Cooperativo.

CHE COS'È IL MUTUO FONDIARIO

Il mutuo fondiario è un finanziamento a medio – lungo termine (superiore ai 18 mesi) il cui rimborso viene garantito da ipoteca, normalmente di primo grado, su immobili.

Il rimborso avviene mediante pagamento di rate periodiche comprensive di capitale e interessi, secondo un piano di ammortamento definito al momento della stipulazione del contratto.

Il tasso di interesse può essere fisso, variabile, misto o di due tipi. Le rate possono essere mensili, trimestrali, semestrali o annuali.

L’ammontare massimo della somma erogabile è pari all’80% del valore dei beni ipotecati. Tale percentuale può essere elevata fino al 100% qualora vengano prestate, da parte del cliente, delle garanzie aggiuntive (ad esempio: fideiussioni bancarie, polizze di assicurazione).

Nel caso in cui vi siano delle garanzie ipotecarie già esistenti, il limite dell’80% deve comprendere il capitale residuo del precedente finanziamento.

Ai sensi dell’articolo 40, comma 2 del D.Lgs. 1 settembre 1993, n.385 (c.d. Testo Unico Bancario) la banca può invocare la risoluzione del contratto qualora il cliente ritardi il pagamento di almeno 7 rate anche se non consecutive. La legge considera “ritardato pagamento” quello effettuato tra il trentesimo ed il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata.

Il mutuo fondiario consente al cliente di godere di onorari notarili ridotti della metà, mentre la durata medio – lunga del prestito permette, con l’accordo delle parti, di beneficiare di un regime fiscale agevolato (imposta sostitutiva ai sensi del D.P.R. 29/9/1973, n. 601).

Se il mutuo è concesso a persone fisiche, può ricorrere una polizza assicurativa a copertura del rimborso del credito in caso di morte, invalidità o disoccupazione del cliente.

I TIPI DI MUTUO E I LORO RISCHI

Mutuo a tasso fisso

Rimangono fissi per tutta la durata del mutuo sia il tasso di interesse sia l’importo delle singole rate.

Lo svantaggio è non poter sfruttare eventuali riduzioni dei tassi di mercato.

Il tasso fisso è consigliabile a chi vuole essere certo, sin dal momento della firma del contratto, della misura del tasso, degli importi delle singole rate, e dell’ammontare complessivo del debito da restituire, indipendentemente dalle variazioni delle condizioni di mercato.

Mutuo a tasso variabile

Rispetto al tasso iniziale, il tasso di interesse può variare, con cadenze prestabilite, secondo l’andamento di uno o più parametri di indicizzazione (ad esempio il tasso Euribor) fissati nel contratto.

(2)

Il rischio principale è l’aumento imprevedibile e consistente dell’importo o del numero delle rate.

Il tasso variabile è consigliabile a chi vuole un tasso sempre in linea con l’andamento del mercato e può sostenere eventuali aumenti dell’importo delle rate.

Rischi specifici legati alla tipologia di contratto

RISCHIO DI TASSO

in caso di tasso fisso

Il mutuo fondiario a tasso fisso presenta per il cliente un “rischio di tasso”; in sostanza, nel corso del rapporto può determinarsi una variazione al ribasso dei tassi di interesse, mentre l’impegno finanziario del cliente rimane agganciato al tasso originariamente pattuito.

in caso di tasso indicizzato

Il mutuo fondiario a tasso indicizzato, cioè agganciato all’andamento di determinati parametri (es. euribor) variabili nel corso del tempo, presenta per il cliente un “rischio di tasso”; in sostanza, nel corso del rapporto può verificarsi un aumento del valore del parametro preso a riferimento con conseguente aggravio dell’impegno finanziario richiesto al cliente.

Mutuo a tasso variabile con CAP E FLOOR

Rispetto al tasso iniziale, il tasso di interesse può variare, con cadenze prestabilite, secondo l’andamento di uno o più parametri di indicizzazione (ad esempio il tasso Euribor) entro determinati limiti fissati nel contratto.

In particolare, nei mutui che prevedono un tasso variabile, può essere stabilito un tasso minimo (floor) o massimo (cap). In questi casi, indipendentemente dalle variazioni del parametro di indicizzazione, il tasso di interesse non può scendere al di sotto del minimo o salire al di sopra del massimo.

Il tasso variabile protetto con “cap” è consigliabile a chi vuole un tasso in linea con l’andamento del mercato con la certezza che questi non raggiunga mai livelli troppo elevati. Tuttavia, la previsione di un tasso minimo con “floor”, in caso di finanziamento a tasso variabile, non consente di beneficiare delle eventuali riduzioni dei tassi di mercato oltre la soglia del predetto tasso minimo.

PRINCIPALI CONDIZIONI ECONOMICHE

QUANTO PUÒ COSTARE IL MUTUO IPOTECARIO PER L’ACQUISTO DELL’ABITAZIONE PRINCIPALE

Esempio TAEG mutuo a tasso fisso IRS

Capitale: € 100.000,00 Durata del finanziamento (anni): 20 T.A.E.G.: 6,53%

Esempio TAEG mutuo a tasso variabile EURIBOR

Capitale: € 100.000,00 Durata del finanziamento (anni): 30 T.A.E.G.: 5,24%

TAEG calcolato considerando le spese di istruttoria, le spese di perizia pari ad € 400,00 (nell’esempio si considera un costo medio, desunto da n. 3 preventivi presentati dai professionisti che operano nel territorio di competenza della Banca).

Inoltre, sono state considerate anche le spese di assicurazione contro incendio, scoppio e calamità naturali, stipulate sull’immobile oggetto della garanzia ipotecaria (nell’esempio si considera un costo medio, desunto da n. 3 preventivi presentati dalle principali Compagnie di Assicurazione che operano sul territorio nazionale, pari ad € 300,00, calcolato sul valore dell’immobile pari ad € 200.000,00 per una durata di 20 anni), nonché l’imposta sostitutiva prevista per l’acquisto della prima casa, pari allo 0,25% del capitale finanziato.

Importo massimo finanziabile Max. €. 1.000.000,00

Durata TASSO FISSO: massimo 10 Anni

TASSO VARIABILE: massimo 15 Anni Criterio di calcolo degli interessi

Gli interessi sono calcolati con riferimento all'anno civile (365 giorni).

Se il tasso è indicizzato, gli interessi possono essere

(3)

calcolati osservando il criterio dell'anno civile (360 giorni).

TASSI

Tasso di interesse, parametro di indicizzazione e spread

FONDIARIO CONSOL. PASSIVITA TASSO VAR.:

EURIBOR 3M 365 MEDIA % (Attualmente pari a: -0,145%) + 5 punti perc.

Minimo: 5%

Valore effettivo attualmente pari a: 5%

FONDIARIO CONSOL. PASSIVITA TASSO FISSO:

IRS EURO 10Y/6M LETTERA (Attualmente pari a: 0,7%) + 5,5 punti perc.

Valore effettivo attualmente pari a: 6,2%

Tasso di interesse di preammortamento

FONDIARIO CONSOL. PASSIVITA TASSO VAR.:

EURIBOR 3M 365 MEDIA % (Attualmente pari a: -0,145%) + 5 punti perc.

Minimo: 5%

Valore effettivo attualmente pari a: 5%

FONDIARIO CONSOL. PASSIVITA TASSO FISSO:

IRS EURO 10Y/6M LETTERA (Attualmente pari a: 0,7%) + 5,5 punti perc.

Valore effettivo attualmente pari a: 6,2%

Spread Tasso mora

3 punti percentuali

(da applicarsi quale spread sul tasso di finanziamento al momento della mora).

Per i SOCI gli spread dei tassi “di interesse” e “preammortamento”, si intendono diminuiti di 0,15 p.p. rispetto a quelli indicati

Tasso di riferimento I.R.S.

� Il tasso indicato è riferito all’ Interest Rate Swap dell’ultimo giorno del mese precedente la data di aggiornamento del presente Foglio Informativo.

Tasso di riferimento EURIBOR.

� Il tasso indicato è riferito all’ Euribor 3Mesi 365 media, riferito alla media del mese precedente la data di aggiornamento del presente Foglio Informativo.

Il tasso effettivamente applicato al singolo contratto potrà essere diverso in relazione all’andamento del parametro al momento della stipula.

SPESE

Spese per la stipula del contratto

Istruttoria 0,4%

Perizia tecnica € 0,00

Spese stipula fuori sede € 0,00

Recupero spese erogazione € 0,00

Altre spese iniziali € 0,00

Spese per la gestione del rapporto

Gestione pratica €. 0,00

Incasso rata allo sportello € 8,00

Commissione incasso rata addebito in C/C € 3,00 Commissione incasso rata mediante RID/SDD € 3,00

Variazione/restrizione ipoteca €. 250,00

oltre le spese notarili

Accollo mutuo € 0,00

(4)

Sospensione pagamento rate Gratuita

Spese per avvisi € 5,00

Spese per decurtazione 1,5%

Spese copia documentazione Si veda il Foglio Informativo Servizio di rilascio copia documentazione, dichiarazioni, certificazione

Spese per est.anticipata rata 0%

Spese est. ant. mutuo 1,5%

Spese per primo sollecito € 50,00

Spese per secondo sollecito € 50,00

Spese invio certificazione fiscale € 5,00

Informativa precontrattuale € 0,00

Invio documenti trasparenza POSTA: € 5,00

CASELLARIO ELETTRONICO: € 0,00

Invio altre comunicazioni € 0,00

PIANO DI AMMORTAMENTO

Tipo di ammortamento / Tipologia Rata FRANCESE A RATE COST. POSTIC.

Periodicità delle rate MENSILE, TRIMESTRALE, SEMESTRALE

ULTIME RILEVAZIONI DEL PARAMETRO DI RIFERIMENTO IRS

Data Valore

01.02.2016 1,23%

01.01.2016 1,58%

01.12.2015 1,45%

ULTIME RILEVAZIONI DEL PARAMETRO DI RIFERIMENTO EURIBOR

Data Valore

01.02.2016 -0,145%

01.01.2016 -0,127%

01.12.2015 -0,084%

Prima della conclusione del contratto è consigliabile prendere visione del piano di ammortamento personalizzato allegato al documento di sintesi.

CALCOLO ESEMPLIFICATIVO DELL'IMPORTO DELLA RATA - TASSO FISSO IRS

Tasso di interesse applicato

Durata del

finanziamento (anni)

Importo della rata mensile per un capitale di: € 100.000,00

Se il tasso di interesse aumenta del 2% dopo 2 anni

Se il tasso di interesse diminuisce del 2% dopo 2 anni

6,2% 10 € 1.120,28 € 1.204,85 € 1.039,34

6,2% 20 € 728,02 € 839,32 € 625,00

CALCOLO ESEMPLIFICATIVO DELL'IMPORTO DELLA RATA - EURIBOR

Tasso di interesse applicato

Durata del

finanziamento (anni)

Importo della rata mensile per un capitale di: € 100.000,00

Se il tasso di interesse aumenta del 2% dopo 2 anni

Se il tasso di interesse diminuisce del 2% dopo 2 anni

5% 10 € 1.060,66 € 1.136,20 € 1.060,66

5% 20 € 659,96 € 757,60 € 659,96

(5)

5% 30 € 536,82 € 649,81 € 536,82

Il Tasso Effettivo Globale Medio (TEGM) previsto dall’art. 2 della legge sull’usura (l. n. 108/1996), relativo ai contratti di mutuo, può essere consultato in filiale e sul sito internet (www.bccalberobello.it).

SERVIZI ACCESSORI

Polizze Assicurative Obbligatorie – Assicurazione Immobile – Polizza Assicurativa Incendio e Scoppio

Il Cliente è tenuto a stipulare una polizza assicurativa a premio unico anticipato incendio e scoppio fabbricati, che copre tutti i rischi materiali e diretti che possono riguardare l’immobile.

A tal fine il Cliente potrà scegliere di sottoscrivere una polizza con una qualunque compagnia di assicurazione iscritta all’Albo delle Imprese di Assicurazione e Riassicurazione tenuto dall’ISVAP e autorizzata all’esercizio dell’attività nel ramo 8 “incendio ed elementi naturali” ovvero la polizza collocata dalla Banca.

Qualora il Cliente scelga la polizza assicurativa distribuita dalla Banca, la stessa non potrà essere vincolata in favore della Banca. Se la polizza assicurativa non è sottoscritta attraverso la BCC è previsto il vincolo obbligatorio a favore della Banca.

Polizze Assicurative Facoltative

Se acquistate per il tramite della Banca

Polizze Assicurative, a premio unico anticipato, a copertura di:

� rimborso delle rate in scadenza (Garanzia Danni: inabilità totale temporanea da infortunio o malattia, perdita di impiego, ricovero ospedaliero)

� rimborso del debito residuo al mutuo (Garanzia Vita: invalidità totale e permanente da infortunio, morte da infortunio o malattia).

Per le condizioni contrattuali, i costi e le relative modalità di pagamento delle polizze collocate dalla Banca rinviamo alle relative note informative ed alle condizioni generali di polizza disponibili presso le nostre Filiali e sul sito internet (www.bccalberobello.it) - Trasparenza - Prodotti di Terzi.

ALTRE SPESE DA SOSTENERE

Al momento della stipula del mutuo il cliente deve sostenere costi relativi a servizi prestati da soggetti terzi:

Se acquistati attraverso la banca/intermediario Perizia tecnica secondo la tariffa del perito scelta dal cliente Adempimenti notarili secondo la tariffa notarile

Imposte per iscrizione ipotecaria nella misura tempo per tempo vigente Imposte ordinarie (in luogo

dell'imposta sostitutiva)

Nella misura tempo per tempo vigente

Imposta sostitutiva (per finanziamenti per i quali è stata esercitata l'opzione)

0,25%

oppure 2% della somma erogata

TEMPI DI EROGAZIONE

Durata dell'istruttoria Entro 30 gg dalla presentazione della documentazione completa

Disponibilità dell'importo Appena dopo il perfezionamento delle garanzie previste e della consegna della polizza assicurativa sull'immobile.

ALTRO

ESTINZIONE ANTICIPATA, PORTABILITÀ E RECLAMI

(6)

Estinzione anticipata e risoluzione del contratto

Il cliente, con il consenso della banca, può estinguere anticipatamente in tutto o in parte corrispondendo alla Banca un compenso omnicomprensivo per l’estinzione, contrattualmente previsto. Detto compenso non è dovuto nei casi previsti dagli artt. 120 ter, 1° comma e 120 quater del TUB.

La Banca può invocare come causa di risoluzione del contratto il ritardato pagamento quando lo stesso si sia verificato almeno sette volte, anche non consecutive.

L'estinzione totale comporta la chiusura del rapporto contrattuale, con la restituzione di tutto quanto ancora dovuto prima della scadenza del mutuo.

Estinzione anticipata dei mutui immobiliari

Ai sensi dell’ Art.120-ter del D.Lgs.385/1993 (T.U.B.) è nullo qualunque patto o clausola, anche posteriore alla conclusione del contratto, con il quale si convenga che il mutuatario sia tenuto al pagamento di un compenso o penale o ad altra prestazione a favore del soggetto mutuante per l'estinzione anticipata o parziale dei mutui stipulati o accollati a seguito di frazionamento, anche ai sensi del decreto legislativo 20 giugno 2005, n.122, per l'acquisto o per la ristrutturazione di unità immobiliari adibite ad abitazione ovvero allo svolgimento della propria attività economica o professionale da parte di persone fisiche. La nullità del patto o della clausola opera di diritto e non comporta la nullità del contratto.

Portabilità del mutuo

Nel caso in cui, per rimborsare il mutuo, ottenga un nuovo finanziamento da un’altra Banca/intermediario secondo il disposto dell’ art.120-quater del D.Lgs.385/93 (T.U.B.), il cliente persona fisica o microimpresa di cui alla definizione dell’art.1,comma 1, D.Lgs.11/2010, non deve sostenere, neanche indirettamente, alcun costo (ad esempio commissioni, spese, oneri o penali). Il nuovo contratto mantiene i diritti e le garanzie del vecchio. Nel caso in cui la surrogazione del mutuo non si perfezioni entro il termine di 30 (trenta) giorni lavorativi dalla data della richiesta da parte della Banca cessionaria al finanziatore originario di avvio delle procedure di collaborazione interbancaria poste in essere a seguito dell’adozione della delibera del mutuo da parte della banca subentrante, ai fini dell'operazione di surrogazione la Banca cedente è tenuta a risarcire il cliente in misura pari all'1% del debito residuo del finanziamento per ciascun mese o frazione di mese di ritardo. Resta ferma la possibilità per il finanziatore originario di rivalersi sul mutuante surrogato, nel caso in cui il ritardo sia dovuto a cause allo stesso imputabili.

Tempi massimi di chiusura del rapporto

La banca conclude gli adempimenti connessi alla richiesta del mutuatario entro 30 (trenta) giorni decorrenti dalla data di integrale pagamento di quanto dovutole a seguito del recesso.

Reclami, ricorsi e mediazione

I reclami vanno inviati all’Ufficio Reclami della Banca (Settore Legale e Monitoraggio, viale Bari, n. 10 – CAP – 70011 Alberobello (BA) ovvero agli indirizzi di PEC segreteria@pec.bccalberobello.it, o di posta elettronica legale@bccalberobello.it) che risponde entro 30 giorni dal ricevimento.

Se il cliente non è soddisfatto o non ha ricevuto risposta entro i 30 giorni, prima di ricorrere al giudice può rivolgersi a:

� Arbitro Bancario Finanziario (ABF). Per sapere come rivolgersi all’Arbitro si può consultare il sito www.arbitrobancariofinanziario.it, chiedere presso le Filiali della Banca d'Italia, oppure chiedere alla Banca.

� Conciliatore BancarioFinanziario. Se sorge una controversia con la banca, il cliente può attivare una procedura di conciliazione che consiste nel tentativo di raggiungere un accordo con la Banca, grazie all’assistenza di un conciliatore indipendente. Per questo servizio è possibile rivolgersi al Conciliatore BancarioFinanziario (Organismo iscritto nel Registro tenuto dal Ministero della Giustizia), con sede a Roma, Via delle Botteghe Oscure 54, tel. 06.674821, sito internet www.conciliatorebancario.it

Se il cliente intende rivolgersi al giudice, egli – se non si è già avvalso della facoltà di ricorrere ad uno degli strumenti alternativi al giudizio sopra indicati – deve preventivamente, pena l’improcedibilità della relativa domanda, rivolgersi all’ABF oppure attivare una procedura di mediazione finalizzata alla conciliazione presso il Conciliatore BancarioFinanziario. Rimane fermo che le parti possono concordare, anche successivamente alla conclusione del presente contratto, di rivolgersi ad un organismo di mediazione diverso dal Conciliatore BancarioFinanziario purché iscritto nell’apposito registro ministeriale.

.

LEGENDA

Accollo Contratto tra un debitore e una terza persona che si impegna a pagare il debito al creditore.

(7)

Imposta sostitutiva Imposta pari allo 0,25% della somma erogata, per mutui superiori a 18 mesi, sull'ammontare del finanziamento nel caso di:

- acquisto, costruzione o ristrutturazione della propria prima casa, destinandola ad abitazione principale;

- destinazione del finanziamento al ripristino della liquidità del cliente nonché generiche esigenze di spesa da parte di persone fisiche.

L’imposta sostitutiva è pari al 2,00% dell’ammontare del finanziamento negli altri casi.

Istruttoria Pratiche e formalità necessarie alla erogazione del mutuo.

Parametro di indicizzazione (per i mutui a tasso variabile)

Parametro di mercato o di politica monetaria preso a riferimento per determinare il tasso di interesse variabile.

Parametro di riferimento (per i mutui a tasso fisso)

Parametro di mercato o di politica monetaria preso a riferimento per determinare il tasso di interesse fisso.

I.R.S. (Interest Rate Swap) lettera di periodo (5-10-12-15- 20-25-30 anni)

Pubblicato dal quotidiano “Il Sole 24 Ore” nel giorno di stipula.

In caso di mancata pubblicazione, il parametro è rilevato il giorno di pubblicazione precedente.

Piano di ammortamento Piano di rimborso del mutuo con l’indicazione della composizione delle singole rate (quota capitale e quota interessi), calcolato al tasso definito nel contratto.

Piano di ammortamento

“francese”

Il piano di ammortamento più diffuso in Italia. La rata prevede una quota capitale crescente e una quota interessi decrescente. All’inizio si pagano soprattutto interessi; a mano a mano che il capitale viene restituito, l'ammontare degli interessi diminuisce e la quota di capitale aumenta.

Quota capitale Quota della rata costituita dall’importo del finanziamento restituito.

Quota interessi Quota della rata costituita dagli interessi maturati.

Rata costante La somma tra quota capitale e quota interessi rimane uguale per tutta la durata del mutuo.

Rata crescente La somma tra quota capitale e quota interessi aumenta al crescere del numero delle rate pagate.

Rata decrescente La somma tra quota capitale e quota interessi diminuisce al crescere del numero delle rate pagate.

Rimborso in un’unica soluzione L’intero capitale viene restituito tutto insieme alla scadenza del contratto.

Durante il rapporto le rate sono costituite dai soli interessi.

Spread Maggiorazione applicata ai parametri di riferimento o di indicizzazione.

Tasso annuo effettivo globale (TAEG)

Indica il costo totale del credito espresso in percentuale, calcolato su base annua, dell’importo totale del credito. Comprende il tasso di interesse e altre voci di spesa direttamente riconducibili al finanziamento.

Tasso di interesse di preammortamento

Il tasso degli interessi dovuti sulla somma finanziata per il periodo che va dalla data di stipula del finanziamento alla data di scadenza della prima rata.

Tasso di interesse nominale annuo

Rapporto percentuale, calcolato su base annua, tra l’interesse (quale compenso del capitale prestato) e il capitale prestato.

Tasso di mora Maggiorazione del tasso di interesse applicata in caso di ritardo nel pagamento delle rate.

Tasso effettivo globale medio (TEGM)

Tasso di interesse pubblicato ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, ottenuto aggregando statisticamente i TEG segnalati dagli Intermediari per ciascuna categoria di finanziamento. Per verificare la soglia usuraria di un tasso applicato, si dovrà fare riferimento al TEGM attribuito alla categoria dell’operazione ed, ai sensi dell’art.2 della Legge n.108/1996, si dovrà aumentare di un quarto ed al risultato ottenuto aggiungere un margine di ulteriori 4 punti percentuali. La differenza tra il tasso soglia e il tasso medio non può inoltre essere superiore a 8 punti percentuali.

Riferimenti

Documenti correlati

• d.2) stipulati successivamente al 31 dicembre 2000, per i quali la variazione della tipologia di tasso (dal fisso al variabile o viceversa) è prevista contrattualmente con

Piano di ammortamento Piano di rimborso del mutuo con l’indicazione della composizione delle singole rate (quota capitale e quota interessi), calcolato al tasso definito nel

Il tasso degli interessi dovuti sulla somma finanziata per il periodo che va dalla data di stipula del finanziamento alla data di scadenza della prima rata. Tasso di interesse

Il tasso degli interessi dovuti sulla somma finanziata per il periodo che va dalla data di stipula del finanziamento alla data di scadenza della prima rata. Tasso di interesse

Il rimborso della somma data a mutuo avviene mediante il pagamento di una o più rate, comprensive di capitale e interessi, secondo un tasso che può essere fisso, variabile, misto o

Piano di ammortamento Piano di rimborso del mutuo con l’indicazione della composizione delle singole rate (quota capitale e quota interessi), calcolato al tasso definito

Il cliente, fuori dai casi di cui all’articolo 7 della legge 40 del 02/04/2007, fatti salvi i limiti di cui all’Accordo ABI- Consumatori, siglato in data 2 maggio 2007, con il

Piano di ammortamento Piano di rimborso del mutuo con l’indicazione della composizione delle singole rate (quota capitale e quota interessi), calcolato al tasso definito