Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale

Download (0)

Full text

(1)

del Mare Adriatico centro-settentrionale

– Porto di Ravenna –

DELIBERAZIONE PRESIDENZIALE N. 50 / 2021

Oggetto: Servizio di pulizia degli specchi acquei nel porto di Ravenna

Approvazione copertura finanziaria del maggior importo a seguito modifica contrattuale ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 106 D.Lgs. 50/2016 e s.m.i

Il sottoscritto, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale,

Vista la Legge 28 gennaio 1994 n. 84 "Riordino della legislazione in materia portuale" e successive modificazioni e integrazioni;

Visto il D.Lgs. 04.08.2016, n. 169 “Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione della disciplina concernente le Autorità portuali di cui alla legge 28 gennaio 1994, n. 84, in attuazione dell'articolo 8, comma 1, lettera f), della legge 7 agosto 2015, n. 124” (pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie Generale n.203 del 31.8.2016);

Visto il D.Lgs. 13.12.2017, n. 232 “Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 4 agosto 2016, n. 169, concernente le Autorità portuali” (pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie Generale n.33 del 09.02.2018 – in vigore dal 24.02.2018);

Visto il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti prot. n. 9 del 12.01.2021, notificato in data 13.01.2021, con cui il dott. Daniele Rossi è stato nominato Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale per la durata di un quadriennio dalla data di notifica dell'atto;

Visto il bilancio di previsione dell’Ente per l’esercizio finanziario 2021, adottato con Delibera del Comitato di Gestione n. 16 del 23.11.2020 ed approvato, ai sensi dell’art. 12 della L. 84/94 e s.m.i., previa acquisizione del parere del Ministero dell'Economia e delle Finanze, dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti con nota prot. M_INF.VPTM_32330 del 29.12.2020 (ns. Prot. n. 8551 del 29.12.2020);

Visto il “Regolamento di amministrazione e contabilità dell’Autorità Portuale di Ravenna” approvato dall'Ente con Delibera di Comitato Portuale n. 2 del 27.02.2007 e dal Ministero dei Trasporti con nota del 23.05.2007 rif. M_TRA/DINFR/Prot. n. 5358 (ns. prot. n. 3823 del 23.05.2007), così come modificato con Delibere di Comitato Portuale n. 18 del 16.12.2011 e n. 12 del 19.07.2013;

Visto l’art. 22 del citato D.Lgs. 04.08.2016, n. 169 recante le disposizioni transitorie ed in particolare il comma 4 relativo all’estensione dell’efficacia del Regolamento di cui sopra;

Visto il "Regolamento di Organizzazione e Funzionamento della Segreteria tecnico-operativa dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale", approvato con Delibera Presidenziale n. 46 del 09.03.2018;

Visto il “Piano triennale per la prevenzione della corruzione e della trasparenza 2020-2022” di questa Autorità di Sistema, approvato con Delibera Presidenziale n. 9 del 31.01.2020;

Visto il “Codice di Comportamento dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro- settentrionale” – Allegato F PTPCT 2018-2020 approvato con Delibera Presidenziale n. 282 del 16.11.2018;

Richiamate le disposizioni di cui all’art. 5 della L. 241/90 e s.m.i. secondo il quale “il dirigente di ciascuna unità organizzativa provvede ad assegnare a sé o ad altro dipendente addetto all’unità la responsabilità della istruttoria e di ogni altro adempimento inerente il singolo procedimento nonché,

(2)

Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale

– Porto di Ravenna –

2

Visto l’art. 8 del “Regolamento dell’Autorità Portuale in applicazione della Legge 7 agosto 1990, n. 241”;

Vista la Delibera Presidenziale n. 285 del 26.11.2020 con la quale questa Autorità di Sistema Portuale ha approvato gli elaborati progettuali predisposti dalla Direzione Tecnica dell’Ente e avviato le procedure per l’affidamento del contratto misto di appalto e concessione con prevalenza appalto del

“Servizio di pulizia degli specchi acquei nel porto di Ravenna” quadriennale mediante procedura aperta, ai sensi dell’art. 60 del D.lgs. n. 50/2016 con i tempi accelerati concessi dal D.L. 76/20;

Vista che con Delibera Presidenziale n. 287 del 30.11.2020, per le motivazioni meglio esplicitate nell’atto, si è affidato, ai sensi dell'art. l’art. 1, co. 2, lett. a) del D.L. 16.07.2020, n. 76 (c.d. D.L.

Semplificazioni) convertito con L. 11/09/2020 n. 120, alla Società SECOMAR S.p.A., con sede in Via del Marchesato, 35, 48122 Marina di Ravenna RA – C.F. P.IVA 00982850398, il “Servizio di pulizia degli specchi acquei del porto di Ravenna”, per un periodo di n. 3 mesi, dal 01.12.2020 al 28.02.2021, per l’importo complessivo massimo stimato di € 68.000,00, non imponibile IVA art.

9, co. 1-6 DPR 633/72 e s.m.i., nelle more degli adempimenti connessi al completamento delle procedure, già avviate, atte all’affidamento del nuovo “Servizio di pulizia degli specchi acquei nel porto di Ravenna” quadriennale;

Viste le Delibere Presidenziali n. 287 del 30.11.2020 e n. 47 del 15.02.2021 con le quali si impegnavano a favore alla Società SECOMAR S.p.A. le somme necessarie allo svolgimento del servizio trimestrale affidato;

Considerato che il bando di gara relativo alla procedura è stato trasmesso alla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea in data 09.12.2020 e pubblicato sulla stessa in data 14.12.2020 n. 020/S 243-602066, nonché sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, V Serie Speciale Contratti Pubblici n. 146 del 14.12.2020, sull’Amministrazione Trasparente e sull’Albo Pretorio di questa Autorità, sui siti informatici di cui all’art. 2 del D.M. 2 dicembre 2016 e, per estratto, su due quotidiani a diffusione locale e su due quotidiani a diffusione nazionale;

Tenuto conto che, a seguito delle pubblicazioni di cui sopra, il termine ultimo per il ricevimento delle offerte della procedura in oggetto era fissato alle ore 13:00 del 05.01.2021 e la prima seduta pubblica per l’avvio delle operazioni di gara in modalità telematica era prevista il giorno 11.01.2021 alle ore 10:00;

Dato atto che entro il termine per il ricevimento delle offerte è pervenuta n.1 offerta in modalità telematica;

Tenuto conto che alla data odierna le operazioni di gara per l’aggiudicazione del nuovo servizio quadriennale sono ancora in corso e che, pertanto, non sarà possibile procedere all’avvio dello stesso prima della naturale scadenza del servizio trimestrale affidato con la sopra citata DP 287/2020;

Ritenuto necessario, nelle more del completamento degli adempimenti connessi alla conclusione delle procedure atte all’affidamento del nuovo servizio, garantire, la continuità del servizio di pulizia, doverosità che discende non solo dall'essenzialità del servizio all'utenza che è fatto obbligo all'Ente garantire, ma anche dal più generale principio di continuità dell'azione amministrativa;

Vista la relazione tecnica redatta dal Responsabile Unico del Procedimento del 11.02.2021, conservata agli atti della presente, ove propone al Direttore Tecnico, nel rispetto degli adempimenti di competenza demandati dalla vigente normativa e dai regolamenti adottati da questa Autorità di Sistema Portuale, l’approvazione della Perizia suppletiva di variante n. 01;

Visto l’art. 106, comma 1, lettera c) del D.lgs. 50/2016 ss.mm.ii. che consente modifiche contrattuali senza una nuova procedura ove la necessità di modifica sia determinata da circostanze impreviste e imprevedibili per l’amministrazione aggiudicatrice, qualora le modifiche non alterino la natura generale del contratto, per un aumento di prezzo consentito fino al 50 % del contratto iniziale ai sensi del co. 7 del medesimo art.106 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i.;

Ritenuto che la fattispecie in esame sia assimilabile a quanto previsto dai citati commi dell’art. 106 del D.Lgs.

50/2016 e s.m.i.;

(3)

Tenuto conto infine, che l’importo netto della variante proposta è pari a € 13.047,17, di cui € 390,50 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso, corrispondente al 19,19% dell’importo contrattuale (inferiore quindi al 20% del medesimo importo contrattuale), per un nuovo importo contrattuale complessivo pari ad € 81.047,17 così suddiviso: € 78.224,12 per interventi a misura ed € 2.823,05 per oneri della sicurezza, non soggetti a ribasso, non imponibile IVA art. 9, co. 1-6 DPR 633/72 e s.m.i.;

Valutato che il corrispettivo per il servizio integrativo da svolgersi rientra nei limiti di aumento di spesa previsti dall’art. 106, co.7 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i.;

Visto l’ “Atto di Sottomissione” sottoscritto dall’Appaltatore, ai sensi dell’art. 8 co. 4 del D. Lgs. 49/2018, in data 12.02.2021, che prevede un maggiore importo degli interventi presunti da eseguire agli stessi patti e condizioni contrattuali in essere pari ad € 13.047,17, di cui € 12.656,67 per interventi a misura ed € 390,50 per oneri per la sicurezza;

Visto il provvedimento del Direttore Tecnico del 15.02.2021, parte integrante del presente atto, con il quale, come convenuto altresì con il Segretario Generale, Dottor Paolo Ferrandino, esaminato e valutato positivamente gli elaborati nonché verificata la sussistenza delle motivazioni che ne hanno determinato l’esigenza, ha approvato la Perizia suppletiva di variante in argomento, richiedendo di provvedere alla copertura finanziaria del maggior importo degli interventi di che trattasi;

Tenuto conto, che l’art. 106, co. 5 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i. dispone: “Le amministrazioni aggiudicatrici o gli enti aggiudicatori che hanno modificato un contratto nelle situazioni di cui al comma 1, lett. b) e c), pubblicano un avviso al riguardo nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea. Tale avviso contiene le informazioni di cui all’allegato XIV, parte I, lett. e), ed è pubblicato conformemente all’articolo 72 per i settori ordinari [omissis….] Per i contratti di importo inferiore alla soglia di cui all’articolo 35, la pubblicità avviene in ambito nazionale”;

Preso atto che, ai sensi degli articoli 6 e 6-bis della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e del Codice di Comportamento nonché alle disposizioni di cui ai punti 15 “Conflitto di interesse” del PTPCT 2020-2022 di questa Autorità di Sistema Portuale, non sussistono cause di astensione riferibili a situazioni di conflitto di interesse, anche solo potenziale, in capo al Responsabile Unico del Procedimento e ai titolari degli uffici competenti ad adottare i pareri, le valutazioni tecniche, gli atti endoprocedimentali e il provvedimento finale;

Preso atto che la prestazione del servizio in questione è da ritenersi non imponibile IVA, a norma dell’art. 9, comma 1-6, del DPR 633/72, in quanto connesso all’esecuzione di interventi in ambito portuale, classificabile come inerente e servente rispetto a lavori non imponibili art. 9, co.6-1 DPR 633/72, giuste sentenze della Cassazione civile Sez. V del 19.04.2001, n. 5798 e del 18.09.2003, n. 13810, come ulteriormente precisato dalla Risoluzione 226/E del 2008 dell’Agenzia dell’Entrate – Direzione Centrale Normativa e Contenzioso;

Acquisiti la verifica di regolarità formale della documentazione ed il visto di copertura finanziaria del Responsabile della Direzione “Amministrazione, Bilancio e Risorse Umane” nonché il parere di legittimità del Dirigente dell’ “Ufficio Legale e Affari Giuridici”, come previsto dal vigente

“Regolamento di organizzazione e di funzionamento della segreteria tecnico-operativa dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale” approvato con Delibera Presidenziale n. 46 del 09.03.2018;

DELIBERA

- di provvedere, per le motivazioni innanzi addotte, alla copertura finanziaria del maggior importo degli interventi di cui alla “Perizia suppletiva di variante n. 01 al “Servizio di pulizia degli specchi acquei nel porto di Ravenna”, di 3 mesi, affidato con Delibera Presidenziale n. 287 del 30.11.2020, pari € 13.047,17, di cui € 12.656,67 per interventi a misura ed € 390,50 per oneri per la sicurezza, approvata dal Direttore Tecnico con provvedimento del 15.02.2021, ai sensi dell’art. 106, comma 1, lett. c) del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i., impegnando tale somma sulla Voce di Piano Finanziario U.1.03.02.09.004 - Manutenzione ordinaria e riparazioni di impianti e Macchinari (Cap. 121/20 – Prestazioni di terzi per manutenzioni, riparazioni

(4)

Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale

– Porto di Ravenna –

4

Società SECOMAR S.p.A., con sede in Via del Marchesato, 35, 48122 Marina di Ravenna RA – C.F. P.IVA 00982850398;

- di dare atto che il nuovo importo complessivo delle prestazioni contrattuali del “Servizio di pulizia degli specchi acquei nel porto di Ravenna”, di 3 mesi, ammonta ad € 81.047,17, di cui € 78.224,12 per interventi a misura ed € 2.823,05 per oneri della sicurezza (non soggetti a ribasso);

- di dare mandato al Responsabile Unico del Procedimento. P.i. Matteo Lasi, di provvedere ad effettuare tutti i controlli, le verifiche e le acquisizioni previste dalla vigente normativa prodromiche all’efficacia del presente atto nonché ai discendenti effetti di legge ivi inclusa la formalizzazione dell’approvazione della perizia di variante di che trattasi secondo la normativa di riferimento;

- di dare atto che le disposizioni di cui al presente atto sono soggette agli obblighi di pubblicità di cui alla L. 190/2012 ed al D.Lg. 33/2013 nonché all’art. 106, co. 5 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i..

Ravenna, lì 17.02.2021

Il Presidente Dott. Daniele Rossi

Il Responsabile Unico del Procedimento – Matteo Lasi Il Direttore Tecnico – Fabio Maletti

La Dirigente della Direzione Amministrazione, Finanza e Gestione Patrimonio - Claudia Toschi Il Dirigente dell’Ufficio Legale e Affari Giuridici – Gabriele Sangiorgi

Il Segretario Generale – Paolo Ferrandino

Firme autografe su originale, conservato presso l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale, e sostituite da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3 D.Lgs. 39/1993

T\DP_20_000_1520_SPSA_Variante 1.docx

(5)

Al Presidente Dott. Daniele Rossi

Oggetto: Servizio di pulizia degli specchi acquei nel porto di Ravenna CIG 85515924F6

Approvazione copertura finanziaria del maggior importo a seguito modifica contrattuale ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 106 D.Lgs. 50/2016 e s.m.i

La Delibera Presidenziale n. 285 del 26.11.2020 approvava gli elaborati progettuali predisposti dalla Direzione Tecnica dell’Ente e disponeva l’avvio delle procedure per l’affidamento del contratto misto di appalto e concessione con prevalenza appalto del “Servizio di pulizia degli specchi acquei nel porto di Ravenna” quadriennale mediante procedura aperta, ai sensi dell’art. 60 del D.lgs. n. 50/2016 con i tempi accelerati concessi dal D.L. 76/20.

La Delibera Presidenziale n. 287 del 30.11.2020 stabiliva di affidare, ai sensi dell'art. l’art. 1, co. 2, lett. a) del D.L. 16.07.2020, n. 76 (c.d. D.L. Semplificazioni) convertito con L. 11/09/2020 n. 120, alla Società SECOMAR S.p.A., con sede in Via del Marchesato, 35, 48122 Marina di Ravenna RA – C.F. P.IVA 00982850398, il “Servizio di pulizia degli specchi acquei del porto di Ravenna”, per un periodo di n. 3 mesi, dal 01.12.2020 al 28.02.2021, per l’importo complessivo massimo stimato di € 68.000,00, non imponibile IVA art. 9, co. 1-6 DPR 633/72 e s.m.i., nelle more degli adempimenti connessi al completamento delle procedure, già avviate, atte all’affidamento del nuovo “Servizio di pulizia degli specchi acquei nel porto di Ravenna”.

Alla data odierna le operazioni di gara per l’aggiudicazione del nuovo servizio quadriennale sono ancora in corso e, pertanto, non sarà possibile procedere all’avvio dello stesso prima della naturale scadenza del servizio trimestrale affidato con la sopra citata DP 287/2020.

Ritenuto necessario, nelle more del completamento degli adempimenti connessi alla conclusione delle procedure atte all’affidamento del nuovo servizio, garantire, la continuità del servizio di pulizia, doverosità che discende non solo dall'essenzialità del servizio all'utenza che è fatto obbligo all'Ente garantire, ma anche dal più generale principio di continuità dell'azione amministrativa, previa informativa al Segretario Generale e ottenimento dell’autorizzazione da parte del Direttore Tecnico di questa Autorità di Sistema Portuale per la redazione nonché formalizzazione della perizia suppletiva di variante n. 01, con il presente atto, per le competenze demandate dalla normativa di riferimento e dai regolamenti vigenti di questa Autorità di sistema portuale, si chiede:

 l’approvazione ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 106, co 1, lettera c), del D.lgs. 50/2016 ss.mm.ii. della Perizia suppletiva di variante n. 01 del “Servizio di pulizia degli specchi acquei del porto di Ravenna”, di 3 mesi, nonché dei relativi elaborati progettuali per un maggior importo contrattuale pari ad € 13.047,17, di cui € 12.656,67 per interventi a misura e € 390,50 per oneri per la sicurezza, non imponibile IVA art. 9, co. 1-6 DPR 633/72 e s.m.i.

conseguentemente alle prestazioni debitamente dettagliate ed argomentate nella mia relazione del 11.02.2021, parte integrante del presente atto.

 l’approvazione del nuovo importo contrattuale complessivo del servizio di che trattasi pari a complessivi € 81.047,17 così suddiviso: € 78.224,12 per interventi a misura ed € 2.823,05 per oneri della sicurezza (non soggetti a ribasso) nonché l’espletamento delle attività prodromiche all’assunzione del relativo impegno di spesa per aggiuntivi

€ 13.047,17.

data e firma del Responsabile Unico del Procedimento: Matteo Lasi

Ravenna lì 15.02.2021 ..………...

(6)

Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale

– Porto di Ravenna –

6

Il Segretario Generale: Paolo Ferrandino

Data 17.02.2021 Firma: ..………...

Conformità amministrativa (se richiesta): Claudia Toschi

Data 16.02.2021 Firma: ..………...

Visto di legittimità (se richiesto): Gabriele Sangiorgi

Data 16.02.2021 Firma: .………...

Firme autografe su originale, conservato presso l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico centro-settentrionale, e sostituite da indicazione a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3 D.Lgs. 39/1993

In riferimento all’atto del Responsabile Unico del Procedimento, Matteo Lasi, visti gli elaborati progettuali della Perizia suppletiva di variante n. 01, autorizzata a seguito altresì della disamina condivisa con il Segretario Generale , Dottor Paolo Ferrandino, nel rispetto delle competenze demandata dalla legge in materia e dai regolamenti adottati da questa Autorità di Sistema Portuale, con il presente provvedimento si:

 approva e si attesta l’esistenza dei presupposti di cui all’art. 106, co. 1, lett. c) del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i., la Perizia suppletiva di variante n. 01 per il “Servizio di pulizia degli specchi acquei nel porto di Ravenna”, di 3 mesi, che prevede un nuovo importo contrattuale complessivo pari ad € 81.047,17, per un maggior importo di € 13.047,17 (€ 12.656,67 per interventi a misura + € 390,50 per oneri per la sicurezza) pari a 19,19 % dell’importo contrattuale.

 da atto che gli elaborati di variante di cui all’allegato elenco verranno conservati in originale agli atti della Direzione Tecnica di questa Autorità di Sistema Portuale;

 propone di provvedere alla copertura finanziaria del maggior importo contrattuale derivante dall’approvazione della variante in argomento mediante l’impegno, a favore della Società SECOMAR S.p.A., con sede in Via del Marchesato, 35, 48122 Marina di Ravenna RA – C.F. P.IVA 00982850398, della somma di € 13.047,17, (€ 12.656,67 per interventi a misura + € 390,50 per oneri per la sicurezza) sulla Voce di Piano Finanziario U.1.03.02.09.004 - Manutenzione ordinaria e riparazioni di impianti e Macchinari (Cap. 121/20 – Prestazioni di terzi per manutenzioni, riparazioni ed adattamenti diversi delle parti comuni in ambito portuale) del bilancio di previsione di questa Autorità di Sistema Portuale per il corrente esercizio finanziario - fondi propri dell’Ente;

 da atto che la presente modifica contrattuale è soggetta inoltre agli obblighi di pubblicità di cui alla L. 190/2012, al D.Lg. 33/2013 nonché all’art. 106, co. 5 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i.

Data e firma del Direttore Tecnico Fabio Maletti

15.02.2021 ..………...

Figure

Updating...

References

Related subjects :