• Non ci sono risultati.

3.1 Premessa e inquadramento generale della rete 3. L A R ETE D I “ L UCCA - O SPEDALE S.L UCA”

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "3.1 Premessa e inquadramento generale della rete 3. L A R ETE D I “ L UCCA - O SPEDALE S.L UCA”"

Copied!
51
0
0

Testo completo

(1)

33

3.

L

A

R

ETE

D

I “

L

UCCA -

O

SPEDALE

S.L

UCA”

3.1

Premessa e inquadramento generale della rete

Il modello dell’“Apertura del nuovo ospedale S.Luca” a Lucca è stato messo a punto per generare degli scenari di progetto utili per simulare gli effetti che il traffico, generato dal nuovo ospedale, potrà determinare sulla viabilità afferente alla zona di insediamento in località San Filippo.

La porzione di rete stradale esaminata si limita pertanto ad un opportuno intorno dell’ ospedale “S.Luca”, interessando in primo luogo le vie ad esso adiacenti (Via Romana, Via Di Tiglio, Via Carlo Piaggia e Via Lippi Francesconi), una via di connessione tra Via Romana e Via Di Tiglio (Via Sandei Felino) ed allo stesso tempo alcune viabilità di collegamento con la rete esterna (Via Dante Alighieri, Viale Cadorna, Via Mario Ingrillini).

Il traffico generato dal nuovo ospedale si troverà a poter accedere dalla nuova viabilità (Via Lippi Francesconi), variante alla Via Romana, che ha caratteristiche di strada urbana di quartiere (tipo E) a due corsie, una per senso di marcia.

Nella rete esaminata sono presenti anche due passaggi a livello ad ovest dell’ospedale S.Luca, uno sulla Via Romana ed uno sulla Via Di Tiglio.

(2)

34 Figura 13 – Immagine aerea dell’area oggetto di studio (Google Earth®)

Il lavoro consiste nel valutare l’impatto prodotto dal trasferimento dell’ospedale sul traffico e sulla viabilità dell’area interessata. Sulla rete in esame è stata quindi effettuata l’analisi della situazione prima dell’apertura del nuovo ospedale “S.Luca”, costruito il relativo modello informatico ed eseguita la sua calibrazione e validazione, per permettere il successivo sviluppo degli Scenari di Progetto, con la conseguente valutazione degli impatti.

Con riferimento alla Figura 13, Via Romana e Via Di Tiglio, sono le vie principali di collegamento tra la zona est della città e il centro cittadino.

(3)

35 Figura 14 – Intersezioni del modello “Lucca - Ospedale S.Luca”

Le intersezioni prese in considerazione per la calibrazione del modello sono (Figura 14):

L’ intersezione a raso di tipo a T tra Via Di Tiglio e Via Romana (nodo A);

La rotatoria a tre rami tra Via Romana e Via Carlo Piaggia (nodo C);

La rotatoria a quattro rami tra Via Carlo Piaggia e Via Lippi Francesconi (nodo D);

La rotatoria a tre rami tra Via Di Tiglio e Viale Cadorna (nodo E).

Le intersezioni prese in considerazione per la validazione del modello sono (Figura 14):

• La rotatoria a quattro rami tra Via Romana, Via Dante Alighieri e Via Lippi Francesconi (nodo B);

L’intersezione a raso di tipo a T tra Via Di Tiglio e Via Carlo Piaggia (nodo F).

3.2

Rilievi di traffico

Al fine di determinare le attuali caratteristiche della domanda di mobilità nell’area di interesse sono stati presi in considerazione i flussi di traffico rilevati in una specifica campagna di misure condotta sulla rete stradale di Lucca dal Laboratorio di Sistemi di Trasporto (La.S.T.), presso il Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Università di Pisa, nei

(4)

36

mesi di Settembre ed Ottobre 2010. I dati sono stati acquisiti mediante il posizionamento di Radar Recorder e telecamere digitali. Le strade interessate sono state 57 per 111 archi monodirezionali; i dati si trovano in [Gazzarri A., Analisi della rete viaria della città di

Lucca con aggiornamento del modello di assegnazione, Tesi di Laurea Specialistica,

Dipartimento di Ing. Civile, Università di Pisa, 2011], classificati sotto forma di schede sinottiche. In una fase successiva, mediante una procedura di assegnazione, effettuata implementando l’intera rete stradale di Lucca sul software TransCAD®, sono stati ottenuti i flussi di traffico anche sugli archi non direttamente interessati dai rilievi. La domanda di trasporto è caratterizzata dagli spostamenti per motivi di studio/lavoro effettuati con mezzo motorizzato dalle 7:30 alle 8:30 del mattino di un giorno feriale tipo (cioè privo di festività e di eventi particolari).

Figura 15 – Particolare del modello della rete stradale del comune di Lucca con indicazione degli archi “misurati” e di quelli “simulati” (TransCad®)

Nella Figura 15 è riportata una porzione della rete modellata mediante il software utilizzato. Gli archi in magenta, in particolare, si riferiscono alle sezioni stradali in cui sono stati posizionati gli strumenti per la cattura, in tempo reale, dei dati di traffico; sugli archi in verde, invece, i flussi derivano dall’applicazione del modello di assegnazione statica.

(5)

37

Noti quindi i flussi di traffico in entrata ed in uscita dagli archi esterni della rete, il passo successivo è consistito nell’applicazione del modello euristico descritto al paragrafo 3.3 – “METODO EURISTICO PER LA COSTRUZIONE DELLA MATRICE O/D”.

Per avvicinare il modello di rete il più possibile alla realtà, sono stati presi gli orari di chiusura dei due passaggi a livello sulla Via Romana e sulla Via Di Tiglio nell’ora di punta del mattino (7:30 – 8:30). Nell’ora abbiamo tre chiusure, alle 7:30 (di durata 180 sec), alle 8:06 (di durata 180 sec) e alle 8:25 (di durata 300 sec).

Inoltre, per la calibrazione e validazione del modello, sono state misurate le code ai passaggi a livello per poterle confrontare con quelle simulate.

Il passaggio a livello in Aimsun® è schematizzato come un semaforo. Si sono ipotizzati due impianti semaforici di tipo fisso; il tempo di ciclo, per entrambi i passaggi a livello, è posto pari a 3600 sec per poter riprodurre le tre chiusure all’interno dell’ora. Per i due passaggi a livello la temporizzazione è la stessa perché si trovano vicini, ad una distanza di circa 300 m. Lo schema delle fasi e la temporizzazione adottata sono stati riportati a seguire:

(6)

38 Figura 17 – Temporizzazione adottata per i passaggi a livello di Via Romana e Via Di Tiglio

Figura 18 – Schematizzazione del P.L con il semaforo

Per la validazione del modello Scenario ospedale S. Luca non ancora aperto, sono state effettuate misure di traffico (prima del trasferimento dell’ospedale) sulla rotatoria tra Via

(7)

39

Romana, Via Alighieri e Via Lippi Francesconi (nodo B) e sull’intersezione a raso di tipo a T tra Via Di Tiglio e Via Carlo Piaggia (nodo F).

Per effettuare il rilievo dei dati si è fatto uso di due videocamere; queste sono state posizionate su due marciapiedi così da poter comprendere l’immagine di tutte le correnti veicolari in transito. Tale riprese sono state effettuate il giorno mercoledì 14 maggio 2014 per il nodo B e il giorno giovedì 15 maggio 2014 per il nodo F, entrambe al mattino dalle ore 7:30 alle 8:30, cioè nel momento di traffico più intenso vista la numerosa affluenza verso la città per motivi di studio e lavoro o in generale in transito per l’attraversamento di Lucca. Si sono scelti questi particolari giorni della settimana al fine di avere dati di traffico in condizioni maggiormente caratteristiche, tenendo in considerazione che in eventi eccezionali i volumi di traffico misurati verranno superati; si ritiene comunque accettabile progettare per condizioni di traffico più frequenti ed avere condizioni critiche solo in particolari giorni; per questo motivo si escludono dalla scelta i giorni di fine settimana (sabato e domenica), i festivi, quelli di inizio e fine settimana lavorativa (lunedì e venerdì).

Una volta effettuate le riprese e trasferite su supporto digitale, si è passati all’esame dei filmati conteggiando per ogni quarto d’ora il numero dei veicoli in passaggio dalle intersezioni da una direzione all’altra e suddividendoli in categorie di mezzi (autovetture, mezzi pesanti, mezzi pubblici, motocicli ecc.) così da poterli omogeneizzare mediante coefficienti per ricondurli ad un’unità di misura detta “autovetture equivalenti”. I coefficienti utilizzati sono:

Veicolo uvp

auto 1

motociclo 0,5

bus 2

veicolo pesante 2

(8)

40

Abbiamo poi determinato la portata (uvp/h) per ogni ramo che deriva dai 15 minuti nei quali si è manifestato il maggior numero di transiti:

= 4 ∙ Dove:

- V15 è il volume osservato durante i 15 minuti di punta [uvp/h].

La matrice O/D ottenuta per l’intersezione a T (nodo F) è la seguente:

Via Carlo Piaggia Via Di Tiglio ovest Via Di Tiglio est

Via Carlo Piaggia 0 420 124

Via Di Tiglio ovest 396 0 360

Via Di Tiglio est 352 452 0

Tabella 3 – Matrice di origine e destinazione riferita al nodo F

La matrice O/D per la rotatoria (nodo B), ottenuta con il metodo euristico descritto nel paragrafo seguente è:

Via Romana ovest Via Alighieri Via Romana est Via Lippi Francesconi

Via Romana ovest 0 277 141 47

Via Alighieri 466 0 497 166

Via Romana est 242 505 0 86

Via Lippi

Francesconi 28 58 30 0

Tabella 4 – Matrice di origine e destinazione riferita al nodo B

3.3

Metodo euristico per la costruzione della matrice O/D

I rilievi di traffico effettuati con i radar e le telecamere forniscono il valore dei flussi nelle due direzioni in ciascun ramo oggetto di rilievo. Possiamo così sapere i valori dei flussi in entrata ed in uscita dalla rete su ogni ramo che la connette con il resto del grafo viario; nulla sappiamo però circa la destinazione e l’origine degli spostamenti di ciascun utente rilevato dai radar. Essendo impossibile conoscere queste informazioni per ogni utente che

(9)

41

utilizza la rete, ci dobbiamo avvalere di un metodo che prova, in via del tutto statistica, a colmare queste lacune. Il metodo utilizzato prende il nome di “Metodo euristico per la costruzione della matrice O/D” che viene di seguito descritto.

È un metodo iterativo che di solito converge in pochi steps e che parte con la sola conoscenza dei flussi in ingresso e in uscita dalla rete, proprio quello che abbiamo.

La rete è connessa con il resto del grafo viario esistente da sei rami e su questi sono stati rilevati i flussi seguenti:

Portata in ingresso Qe Portata in uscita Qu

Via Di Tiglio nord 120 0

Via Dante Alighieri 1151 840

Via Romana est 767 827

Viale Cadorna 809 934

Via Mario Ingrillini 603 897

Via Di Tiglio est 804 756

Tabella 5 – Portate effettive dei rami esterni della rete

Una volta verificato l’equilibrio della rete tramite l’equazione: =

facciamo l’ipotesi che il flusso entrante sui diversi rami sia ripartito in proporzione e che sia assente l’inversione di marcia (il centroide di destinazione è sempre diverso dal centroide di origine). Il flusso che entra dal centroide i ed esce dal centroide j può essere calcolato come:

(10)

42

Si ottiene così una matrice iniziale con i diversi flussi calcolati fra i diversi centroidi:

Tiglio

nord Alighieri

Romana

est Cadorna Ingrillini

Tiglio

est Entranti Effettivi Δe Tiglio nord 0 32,37 28,36 32,43 29,38 26,21 148,76 120 29,17 Alighieri 0 0 272,98 312,09 282,80 252,22 1120,17 1151 -30,83 Romana est 0 207,63 0 207,97 188,45 168,08 772,18 767 5,18 Cadorna 0 219,08 191,94 0 198,84 177,34 787,25 809 -22,03 Ingrillini 0 163,26 143,04 163,52 0 132,16 602,02 603 -1,07 Tiglio est 0 217,65 190,68 218,00 197,54 0 823,93 804 19,93 Uscenti 0 840 827 934 897 756 Effettivi 0 840 827 934 897 756 Δu 0 0 0 0 0 0

Tabella 6 – Matrice iniziale non compensata

Possiamo notare che il flusso totale entrante, ottenuto come somma delle caselle di una stessa riga, è diverso dal suo valore effettivo riportato in Tabella 5; risulta così necessario compensare l’errore ripartendo proporzionalmente e alternativamente il Δe e il Δu e dando il via al processo iterativo.

Primo passo di compensazione

Si genera una matrice di correzione da applicare alla matrice iniziale. Ciascuna correzione

Δ’ij viene calcolata come:

∆′ = ∆ ∙

(11)

43

Si ottiene la matrice di correzione:

Tiglio nord Alighieri Romana est Cadorna Ingrillini Tiglio est Tiglio nord 0 -6,35 -5,56 -6,36 -5,76 -5,14 Alighieri 0 0 7,51 8,59 7,78 6,94 Romana est 0 -1,39 0 -1,39 -1,26 -1,13 Cadorna 0 6,13 5,37 0 5,56 4,96 Ingrillini 0 0,29 0,25 0,29 0 0,23 Tiglio est 0 -5,26 -4,61 -5,27 -4,78 0

Tabella 7 – Matrice delle correzioni al passo 1

Applicando le correzioni alla matrice iniziale secondo la: ′ = − ∆′

si ottiene una nuova matrice O/D dove si nota che i valori delle correzioni Δ sono diminuiti rispetto a quelli iniziali della matrice non compensata di Tabella 6:

Tiglio

nord Alighieri

Romana

est Cadorna Ingrillini

Tiglio

est Entranti Effettivi Δe Tiglio nord 0 26,03 22,80 26,07 23,62 21,07 119,59 120 0 Alighieri 0 0 280,50 320,68 290,58 259,16 1151,00 1151 0 Romana est 0 206,24 0 206,57 187,18 166,95 767,00 767 0 Cadorna 0 225,21 197,31 0 204,40 182,30 809,28 809 0 Ingrillini 0 163,55 143,29 163,81 0 132,39 603,09 603 0 Tiglio est 0 212,39 186,07 212,73 192,76 0 804,00 804 0 Uscenti 0 833,42 829,97 929,86 898,55 761,87 Effettivi 0 840 827 934 897 756 Δu 0 -6,58 2,97 -4,14 1,55 5,87 Tabella 8 – Matrice compensata al passo 1

Si esegue infine il test di convergenza dell’i-esimo passo: ∆

(12)

44 Tiglio nord Alighieri Romana est Cadorna Ingrillini Tiglio est

0,00 0,25 0,13 0,16 0,07 0,28

Tabella 9 – Test di convergenza al passo 1

Il test non è soddisfatto quindi si procede con la seconda iterazione dalla quale in poi si riportano solamente le matrici con i risultati dei calcoli.

Secondo passo di compensazione

Tiglio nord Alighieri Romana est Cadorna Ingrillini Tiglio est

Tiglio nord 0 0,21 -0,08 0,12 -0,04 -0,16 Alighieri 0 0 -1,00 1,43 -0,50 -2,00 Romana est 0 1,63 0 0,92 -0,32 -1,29 Cadorna 0 1,78 -0,70 0 -0,35 -1,41 Ingrillini 0 1,29 -0,51 0,73 0 -1,02 Tiglio est 0 1,68 -0,66 0,95 -0,33 0

Tabella 10 – Matrice delle correzioni al passo 2

Tiglio

nord Alighieri

Romana

est Cadorna Ingrillini

Tiglio

est Entranti Effettivi Δe Tiglio nord 0 26,23 22,72 26,18 23,58 20,90 119,62 120 0,03 Alighieri 0 0 279,49 322,11 290,08 257,17 1148,93 1151 -2,07 Romana est 0 207,87 0 207,49 186,86 165,66 767,94 767 0,94 Cadorna 0 226,99 196,60 0 204,05 180,90 808,60 809 -0,68 Ingrillini 0 164,85 142,78 164,55 0 131,37 603,58 603 0,49 Tiglio est 0 214,06 185,41 213,67 192,43 0 805,63 804 1,63 Uscenti 0 840 827 934 897 756 Effettivi 0 840 827 934 897 756 Δu 0 0 0 0 0 0

Tabella 11 – Matrice compensata al passo 2

Tiglio nord Alighieri Romana est Cadorna Ingrillini Tiglio est

0,00 0,01 0,01 0,00 0,00 0,01

(13)

45

Il test di convergenza risulta soddisfatto, pertanto il processo iterativo può essere arrestato. Si ottiene così la matrice O/D finale riportata di seguito:

Tiglio

nord Alighieri

Romana

est Cadorna Ingrillini

Tiglio est Totale Tiglio nord 0 26 23 26 24 21 120 Alighieri 0 0 279 322 290 257 1148 Romana est 0 208 0 207 187 166 768 Cadorna 0 227 197 0 204 181 809 Ingrillini 0 165 143 165 0 131 604 Tiglio est 0 214 185 214 192 0 805 Totale 0 840 827 934 897 756 4254

Tabella 13 – Matrice origine destinazione riferita allo Scenario ospedale S.Luca non ancora aperto

Questo metodo può essere facilmente applicato ad una qualunque rete con un qualunque numero di archi in ingresso e in uscita. Il procedimento, ovviamente, rimane identico e cambiano solamente le dimensioni delle matrici in funzione del numero di centroidi presenti nel modello di rete.

3.4

Il modello di simulazione “Scenario ospedale S.Luca non ancora

aperto”

In questa fase si è proceduto a creare il modello relativo allo Stato “Ospedale S.Luca non ancora aperto” per poter effettuare le micro - simulazioni. Si è fatto riferimento alla planimetria fornita dal Comune di Lucca, il modello è quello rappresentato in Figura 19. Costruito il modello, il passo successivo è consistito nella calibrazione e validazione dello stesso, andando a modificare sulle sezioni alcune variabili come la velocità, l’accelerazione e il tempo di reazione ed operando poi un confronto tra i parametri calcolati e quelli simulati sulla base delle equazioni riportate al paragrafo 2.3 – “CALIBRAZIONE E VALIDAZIONE DEL MODELLO”.

(14)

46 Figura 19 – Modello di simulazione “Scenario ospedale S.Luca non ancora aperto”

I dati relativi alla calibrazione del modello, riferiti all’intero periodo di osservazione della durata di un’ora, sono riportati nelle tabelle che seguono:

Nodo A Tempo medio di attesa [sec/veic] Corsie Calcolato Simulato Via Di Tiglio 14,19 14,65

(15)

47 Nodo C Tempo medio di attesa [sec/veic]

Ingressi in rotatoria Calcolato Simulato

Via Romana est 27,19 27,92

Via Lippi Francesconi 29,01 29,84 Via Romana ovest 28,89 30,98

Tabella 15 – Calibrazione Nodo C, Scenario ospedale S.Luca non ancora aperto

Nodo D Tempo medio di attesa [sec/veic] Ingressi in rotatoria Calcolato Simulato

Via Carlo Piaggia N 28,35 25,83 Via Carlo Piaggia S 14,92 8,84 Via Lippi Francesconi 17,35 15,82

Tabella 16 – Calibrazione Nodo D, Scenario ospedale S.Luca non ancora aperto

Nodo E Tempo medio di attesa [sec/veic] Ingressi in rotatoria Calcolato Simulato

Via Di Tiglio N 26,68 22,44 Via Di Tiglio S 32,91 30,10

Viale Cadorna 21,89 19,46

Tabella 17 – Calibrazione Nodo E, Scenario ospedale S.Luca non ancora aperto

I dati si riferiscono all’intero periodo di osservazione della durata di un’ora (ora di punta del mattino 7:30 – 8:30). Con essi è stato ricavato il seguente grafico e calcolato il coefficiente di correlazione:

(16)

48 Figura 20 – Correlazione tra i dati calcolati e simulati del tempo medio di attesa per la calibrazione

Il valore di R2

trovato è 0,894 e il valore di RMSE è 2,887 sec⁄veic. È stato calcolato anche

il valore di RMSEP pari a 11,96% che dimostra un’ottima corrispondenza tra i risultati del modello di simulazione e lo stato del traffico prima del trasferimento dell’ospedale al “S.Luca”, quindi il processo modellistico può essere considerato attendibile. Si ritiene opportuno ricordare che l’RMSEP deve essere un valore compreso in un intervallo [0; 20%] e che più il suo valore è prossimo allo zero, maggiore sarà la corrispondenza tra il modello di simulazione e la realtà. Nel nostro caso l’RMSEP è pari all’11,96%, quindi modello risulta calibrato.

I dati relativi alla validazione del modello, riferiti all’intero periodo di osservazione della durata di un’ora, sono riportati nelle tabelle che seguono:

R² = 0,8941 10 15 20 25 30 35 10 15 20 25 30 35 V a lo ri S im u la ti Valori Calcolati

(17)

49 Nodo B Tempo medio di attesa [sec/veic]

Ingressi in rotatoria Calcolato Simulato Via Dante Alighieri 78,69 82,60

Via Romana est 62,06 61,67

Via Lippi Francesconi 42,12 39,24 Via Romana ovest 60,76 73,90

Tabella 18 – Validazione Nodo B, Scenario ospedale S.Luca non ancora aperto

Nodo F Tempo medio di attesa [sec/veic]

Corsie Calcolato Simulato

Via Carlo Piaggia – Via Di Tiglio ovest 25,80 29,55 Via Di Tiglio ovest – Via Carlo Piaggia 13,84 11,72 Tabella 19 – Validazione Nodo B, Scenario ospedale S.Luca non ancora aperto

I dati si riferiscono all’intero periodo di osservazione della durata di un’ora (ora di punta del mattino 7:30 – 8:30).

(18)

50 Figura 21 – Correlazione tra i dati calcolati e simulati del tempo medio di attesa per la validazione

Il valore di R2 trovato è 0,961, l’RMSE è 5,987 sec/veic e il valore di RMSEP è risultato pari a 12,68%. Il modello risulta pertanto validato.

3.5

Scenari di studio

Dopo aver verificato, attraverso l’attività di calibrazione e validazione, la complessiva attendibilità del modello, sono stati costruiti degli specifici scenari di studio allo scopo di valutare il funzionamento del Sistema “Lucca - Ospedale S.Luca” dopo il trasferimento dell’ospedale dal “Campo di Marte” al “S.Luca”. La costruzione degli scenari consente infatti di mettere in pratica le diverse ipotesi d’intervento e di testare in anticipo le loro ripercussioni sul sistema considerato, ponendosi quale crocevia fondamentale del processo decisionale. Nel caso specifico sono stati presi in considerazione otto scenari di studio: R² = 0,9614 10 20 30 40 50 60 70 80 90 10 20 30 40 50 60 70 80 90 V a lo ri S im u la ti Valori Calcolati

(19)

51

1) Scenario ospedale S.Luca non ancora aperto, utilizzato quale scenario di

riferimento appena calibrato e validato;

2) Scenario apertura dell’ospedale S.Luca, in cui si considera agente tutto il traffico

dell’ora di punta del mattino (7:30 - 8:30), presente prima del trasferimento dell’ospedale, più quello generato dal trasferimento dello stesso;

3) Scenario senso unico, diretta conseguenza dello scenario precedente, in cui si

ipotizza anche l’introduzione del senso unico di marcia sulla Via Romana tra la rotatoria di Via Dante Alighieri e la rotatoria di Via Carlo Piaggia;

4) Scenario ora di punta + metering, in cui si considera agente tutto il traffico dell’ora

di punta del mattino presente dopo il trasferimento dell’ospedale, più l’introduzione di un sistema di controllo del traffico, il metering alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi;

5) Scenario uscita delle scuole, in cui si considera agente l’85% del traffico dell’ora di

punta del mattino presente dopo il trasferimento dell’ospedale al “S.Luca”;

6) Scenario uscita delle scuole + metering, diretta conseguenza dello scenario

precedente, in cui si ipotizza anche l’introduzione del metering alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi;

7) Scenario ora di morbida, in cui si considera agente il 70% del traffico dell’ora di

punta del mattino presente dopo il trasferimento dell’ospedale al “S.Luca”;

8) Scenario ora di morbida + metering, diretta conseguenza dello scenario

precedente, in cui si ipotizza anche l’introduzione del metering alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi.

Le simulazioni di traffico condotte hanno avuto come obiettivo l’estrazione dell’indicatore utile alla valutazione della qualità della circolazione (livello di servizio) nell’area interessata. Sono di seguito riportate le caratteristiche peculiari ed i risultati ottenuti per ogni scenario.

(20)

52

3.5.1 Scenario apertura dell’ospedale S.Luca

La principale ipotesi su cui si fonda lo scenario apertura dell’ospedale S.Luca è:

• Traffico totale agente nell’ora di punta del mattino (7:30 – 8:30) pari alla somma di quello presente prima del trasferimento dell’ospedale, più quello generato dal trasferimento dello stesso.

Il traffico generato dal nuovo ospedale è stato stimato con il manuale “Trip Generation” pubblicato dall’Institute of Transportation Engineers o ITE.

La procedura del Manuale ITE è di corrente uso sia negli Stati Uniti che in molti altri Paesi. Per la struttura ospedaliera del nuovo ospedale “S.Luca”, il manuale ITE mette a disposizione quale parametro generatore del traffico nell’ora di punta del mattino (7:30 – 8:30) di un giorno feriale, il numero di posti letto disponibili per i degenti (categoria LU 610 – Hospital).

L’ospedale “S.Luca” è stato costruito su un’area di 75000 mq per una superficie coperta di 16000 mq che conta 410 posti letto, oltre 20 posti letto di osservazione breve intensiva e 38 letti per dialisi.

Il risultato per l’ora di punta del mattino ottenuto per la stima del volume orario di traffico generato che, secondo il manuale ITE, ci possiamo aspettare per il nuovo ospedale utilizzando come parametro generatore il numero complessivo di 468 letti per i degenti è:

Ora di punta del mattino (7:30 – 8:30): 487 veic/h, con 336 veic/h in entrata e 151

veic/h in uscita.

Per determinare la distribuzione del traffico generato dal nuovo ospedale nell’ora di punta del mattino di un giorno feriale, sulle strade afferenti nella zona di San Filippo, è stato individuato il numero di residenti dei comuni facenti parte del bacino di utenza del “S.Luca”, come mostrato nella Tabella 20:

(21)

53 Comuni N° di residenti Lucca 87598 Capannori 45585 Montecarlo 4446 Porcari 8699 Altopascio 15188 Pescaglia 3525 Villa Basilica 1708 Borgo a Mozzano 7123

Tabella 20 – Numero dei residenti nei comuni facenti parte del bacino di utenza dell’ospedale S.Luca

Il numero di residenti totali facenti parte del bacino di utenza è 173872 abitanti. Analizzando questi dati abbiamo constatato che i 2/3 della popolazione residente si trova ad est dell’ospedale “S.Luca” e 1/3 ad ovest. I 487 veic/h attratti e generati dall’ospedale, sono stati assegnati quindi nella misura di 2/3 ai centroidi della rete che si trovano ad est del “S.Luca” e nella misura di 1/3 ai centroidi che si trovano ad ovest di questo.

La matrice O/D determinata attraverso tale procedura è riportata nella Tabella 21:

MATRICE APERTURA DELL’OSPEDALE S.LUCA Tiglio

nord Alighieri

Romana

est Cadorna Ingrillini

Tiglio est Ospedale S.Luca Totale Tiglio nord 0 26 23 26 24 21 28 148 Alighieri 0 0 279 322 290 257 28 1176 Romana est 0 208 0 207 187 166 112 880 Cadorna 0 227 197 0 204 181 28 837 Ingrillini 0 165 143 165 0 131 28 632 Tiglio est 0 214 185 214 192 0 112 917 Ospedale S.Luca 0 16 50 16 18 51 0 151 Totale 0 856 877 950 915 807 336 4741

(22)

54

Lo scenario apertura dell’ospedale S.Luca è stato simulato sia con la viabilità per il nuovo ospedale come è ad oggi realizzata, quindi mancate del tratto di circa 850 m di raccordo ad est con la Via Romana (Figura 22), sia con la viabilità completata, quindi con il raccordo terminato (Figura 23). Per una migliore visibilità della rete si rimanda agli allegati “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità non completata in Aimsun®“ e “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità completata in Aimsun® “.

(23)

55 Figura 23 – Modello di simulazione Scenario apertura dell’ospedale S.Luca con viabilità completata

Nello scenario di rete in cui la viabilità non è completata, dalle simulazioni possiamo notare che si formano sulla Via Romana delle code in direzione ovest, verso il centro della città. Le code si sviluppano all’entrata della rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi, andando a bloccare anche la rotatoria Romana – Carlo Piaggia ad est. Tutto questo è dovuto all’elevato flusso entrante da Via Alighieri ed al plotone di veicoli proveniente da Via Romana ovest che si forma durante la chiusura del passaggio a livello e che all’apertura di questo, si immette in rotatoria.

Per cercare di risolvere questo problema abbiamo simulato diversi scenari di progetto, che sono descritti nei paragrafi seguenti.

3.5.2 Scenario senso unico

Tale scenario risulta integrativo allo scenario precedentemente descritto e nasce dal tentativo di attenuare le criticità osservate sulla Via Romana mediante l’introduzione del senso unico per i veicoli che provengono da Via Romana ovest e sono diretti verso est. Il senso unico interessa il tratto tra la rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi e la rotatoria Romana – Carlo Piaggia. I veicoli provenienti da Via Romana est, che devono

(24)

56

dirigersi verso la rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi, alla rotatoria Romana – Carlo Piaggia devono prendere l’uscita Via Carlo Piaggia, proseguire fino alla rotatoria successiva e prendere la prima uscita (Via Lippi Francesconi) che permette di ritornare alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi.

La matrice O/D di Tabella 21 continua ad essere valida anche per questo scenario.

Figura 24 – Modello di simulazione Scenario senso unico con viabilità non completata

Come possiamo vedere dalla simulazione (Figura 24), con questa soluzione di progetto si formano code nell’anello della rotatoria Romana – Carlo Piaggia a causa dell’elevato flusso veicolare proveniente da Via Romana est, impedendo di fatto l’entrata in rotatoria dei veicoli provenienti da Via Romana ovest; questo fa si che si formino file ad ovest della rotatoria Romana – Carlo Piaggia che si estendono oltre la rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi, andando a bloccare di fatto tutta la rete; questo scenario di progetto non può essere quindi preso in considerazione.

(25)

57

3.5.3 Ipotesi di metering

Il “metering” letteralmente “dosare, misurare”, è uno strumento di gestione del traffico che viene usato per il controllo dei flussi veicolari in rotatoria. Il segnale di metering in rotatoria è utilizzato in Australia, Regno Unito e USA, per creare dei gaps nel flusso circolante al fine di risolvere il problema delle eccessive code e ritardi causati dallo sbilanciamento dei flussi e da livelli elevati di domanda.

Il segnale di metering è installato su una determinata entrata e utilizzato per un tempo ridotto, in quanto è necessario solo nei periodi di punta quando ho una forte domanda. Il temine “metered approach” è usato per l’entrata che ha il semaforo; il termine “controlling approach” invece, è usato per l’entrata che beneficia del metering e che ha i detectors per la misurazione delle code (Figura 25).

Quando la coda sul controlling approach si estende oltre i detectors, il semaforo sul metered approach diventa rosso in modo da creare un “gap” nel flusso circolante. Questo aiuta i veicoli sul controlling approach ad entrare in rotatoria con più facilità. Il tempo minimo di rosso in genere è di 20 sec.

(26)

58

Quando i detectors non rilevano più code, il rosso sul metered approach termina, il semaforo diventa verde e la rotatoria riprende a funzionare normalmente. Il semaforo oltre ad essere attivato attraverso i detectors, può essere attivato a determinati orari del giorno.

Figura 25 – Rotatoria con metering

La linea di stop sul metered approach si deve trovare a non meno di 3 m dalla linea del “dare precedenza”, ma preferibilmente deve essere posizionata approssimativamente a 20 m da questa. I detectors rilevatori delle code sul controlling approach sitrovano di solito a 50 – 120 m dalla linea di “dare la precedenza”.

(27)

59 Figura 26 – Segnaletica utilizzata per la rotatoria con metering

Un segnale con su scritto “FERMARSI QUI QUANDO IL SEMAFORO E’ ROSSO” è fissato sotto il semaforo vicino alla linea di arresto sul metered approach, in quanto i conducenti non si aspettano di fermarsi anticipatamente. In alcuni casi può essere necessario

integrare i segnali stradali con segnaletica esplicativa a messaggio fisso o variabile. Il metering applicato alle rotatorie, oltre ad alleviare la congestione nelle ore di punta del

giorno, può fornire un accesso più sicuro ai pedoni ed ai ciclisti.

Nel nostro modello di rete, per risolvere il problema delle code sulla Via Romana, si è pensato di applicare il metering al passaggio a livello della linea Lucca – Aulla presente sulla Via Romana stessa (Figura 27 e 28).

(28)

60 Figura 27 – Metering applicato al passaggio a livello di Via Romana

Figura 28 – Particolare del metering applicato al passaggio a livello di Via Romana

L’idea è quella di aprire le sbarre del passaggio a livello nelle due direzioni in tempi diversi, dopo il passaggio del treno. Alla corrente veicolare proveniente da Via Romana est e diretta verso il centro cittadino, si apriranno le sbarre subito dopo il passaggio del convoglio, mentre la corrente proveniente dal senso opposto sarà ritardata; per quest’ultima le sbarre rimarranno chiuse per un tempo ulteriore tale da permettere l’entrata più agevolata nella vicina rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi dei veicoli provenienti da Via Romana est. La rotatoria appena citata si trova a poco più di 300 m ad est del passaggio a livello in questione.

(29)

61

Questo sistema di controllo produce miglioramenti delle condizioni del traffico sulla Via Romana con riduzione dei tempi di attesa e della lunghezza delle code all’intersezione. Per accertarci della possibile applicabilità del metering al passaggio a livello, abbiamo contattato l’Ing. Massimo del Prete, direttore Produzione Toscana di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), che ci ha comunicato che la nostra ipotesi di progetto non poteva essere applicata, in quanto prevedeva una modifica sostanziale degli schemi di principio del passaggio a livello. Ci ha informato però che, già in passato sono stati fatti degli accoppiamenti tra i segnali ferroviari e quelli stradali (semafori) per consentire di avere un flusso direzionato in base alla chiusura del passaggio a livello. Visto ciò, sarebbe possibile applicare il metering al passaggio a livello non intervenendo sullo stesso, ma andando a posizionare un semaforo a distanza di circa 10 - 20 m prima della sbarra del passaggio a livello nella direzione in cui voglio ritardare la partenza della corrente di traffico, dopo il passaggio del treno. Il semaforo, per evitare possibili infrazioni, dovrebbe essere dotato di telecamera, visto che l’utente che è in coda vede il semaforo rosso ma la sbarra del passaggio a livello aperta.

Il metering può essere applicato anche direttamente alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi con il metodo descritto all’inizio del paragrafo. Il semaforo verrà

installato all’entrata di Via Romana ovest e sarà coordinato con il passaggio a livello, come descritto nel paragrafo 3.5.4 – “SCENARIO ORA DI PUNTA + METERING”.

3.5.4 Scenario ora di punta + metering

Le principali ipotesi su cui si fonda lo scenario ora di punta + metering sono:

• Traffico totale agente nell’ora di punta del mattino (7:30 – 8:30) pari alla somma di quello presente prima del trasferimento dell’ospedale, più quello generato dal trasferimento dello stesso;

• Tre chiusure dei passaggi a livello sulla Via Romana e sulla Via Di Tiglio alle 7:30 di durata 180 sec, alle 8:06 di durata 180 sec e alle 8:25 di durata 300 sec;

(30)

62

• Metering applicato alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi nel tentativo di ridurre i tempi di attesa e la lunghezza delle code all’entrata di Via Romana est.

Il semaforo verrà installato sull’entrata della Via Romana ovest e sarà coordinato con il passaggio a livello che si trova ad ovest della rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi. Nel momento in cui le sbarre si alzeranno, dopo il passaggio del treno, il semaforo diventerà rosso per un certo numero di secondi, fermando la corrente proveniente da ovest e diretta verso est, questo permetterà lo smaltimento di parte della coda di Via Romana est prima dell’arrivo del plotone proveniente dal passaggio a livello. Il metering ottimo è stato cercato facendo diverse simulazioni, ipotizzando un tempo di rosso di 30 sec, 45 sec e 60 sec. I risultati sono riportati nel paragrafo 3.6 – “RISULTATI DELLE SIMULAZIONI”.

Figura 29 – “Metering” sulla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi

(31)

63

Lo scenario ora di punta + metering è stato simulato sia con la viabilità per il nuovo ospedale come è ad oggi realizzata, quindi mancate del tratto di circa 850 m di raccordo ad est con la Via Romana, sia con la viabilità completata, quindi con il raccordo terminato. Per una migliore visualizzazione della rete si rimanda agli allegati – “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità non completata in Aimsun®“ e – “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità completata in Aimsun®“.

3.5.5 Scenario uscita delle scuole

Le principali ipotesi su cui si fonda lo scenario uscita delle scuole sono:

• Traffico agente nell’ora di uscita delle scuole (13:30 – 14:30) pari all’85% del traffico dell’ora di punta del mattino (7:30 – 8:30) presente dopo il trasferimento dell’ospedale al S.Luca;

• Una chiusura dei passaggi a livello sulla Via Romana e sulla Via Di Tiglio alle 14:11 di durata 180 sec.

I dati relativi alla riduzione di domanda del 15% si trovano in [Frediani S., Aggiornamento

del modello della rete viaria della città di Lucca con applicazione alle previsioni urbanistiche, Tesi di Laurea Specialistica, Dipartimento di Ing. Civile, Università di Pisa,

(32)

64

La matrice O/D di Tabella 21 viene ridotta del 15%, ottenendo la nuova matrice di Tabella 22:

MATRICE USCITA DELLE SCUOLE

Tiglio

nord Alighieri

Romana

est Cadorna Ingrillini

Tiglio est Ospedale S.Luca Totale Tiglio nord 0 22 20 22 20 18 24 126 Alighieri 0 0 237 274 247 218 24 1000 Romana est 0 177 0 176 159 141 95 748 Cadorna 0 193 167 0 173 154 24 711 Ingrillini 0 140 122 140 0 111 24 537 Tiglio est 0 182 157 182 163 0 95 779 Ospedale S.Luca 0 14 43 14 15 43 0 129 Totale 0 728 746 808 777 685 286 4030

Tabella 22 – Matrice O/D riferita allo Scenario uscita delle scuole

Lo scenario uscita delle scuole è stato simulato sia con la viabilità per il nuovo ospedale come è ad oggi realizzata, quindi mancate del tratto di circa 850 m di raccordo ad est con la Via Romana, sia con la viabilità completata, quindi con il raccordo terminato.

Per una migliore visualizzazione della rete si rimanda agli allegati – “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità non completata in Aimsun®“ e – “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità completata in Aimsun®“.

3.5.6 Scenario uscita delle scuole + metering

Le principali ipotesi su cui si fonda lo scenario uscita delle scuole + metering sono:

• Traffico agente nell’ora di uscita delle scuole (13:30 – 14:30) pari all’85% del traffico dell’ora di punta del mattino (7:30 – 8:30) presente dopo il trasferimento dell’ospedale al S.Luca;

(33)

65

• Una chiusura dei passaggi a livello sulla Via Romana e sulla Via Di Tiglio alle 14:11 di durata 180 sec;

• Metering applicato alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi come descritto nel paragrafo 3.5.4 “SCENARIO ORA DI PUNTA + METERING.

Il metering ottimo è stato cercato facendo diverse simulazioni, ipotizzando un tempo di rosso di 30 sec, 45 sec e 60 sec. I risultati sono riportati nel paragrafo 3.6 – “RISULTATI DELLE SIMULAZIONI”.

La matrice O/D di Tabella 22 continua ad essere valida anche per questo scenario.

Lo scenario uscita delle scuole + metering è stato simulato sia con la viabilità per il nuovo ospedale come è ad oggi realizzata, quindi mancate del tratto di circa 850 m di raccordo ad est con la Via Romana, sia con la viabilità completata, quindi con il raccordo terminato. Per una migliore visualizzazione della rete si rimanda agli allegati – “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità non completata in Aimsun®“ e – “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità completata in Aimsun®“.

Questo scenario è stato poi confrontato con lo scenario uscita delle scuole senza applicazione del metering (con la viabilità non completata e con la viabilità completata), come riportato nel paragrafo 3.6 – “RISULTATI DELLE SIMULAZIONI”.

3.5.7 Scenario ora di morbida

Le principali ipotesi su cui si fonda lo scenario ora di morbida sono:

• Traffico agente nell’ora di morbida (11:00 – 12:00) pari al 70% del traffico dell’ora di punta del mattino (7:30 – 8:30) presente dopo il trasferimento dell’ospedale al S.Luca;

• Due chiusure dei passaggi a livello sulla Via Romana e sulla Via Di Tiglio alle 11:11 di durata 180 sec e alle 11:26 di durata 180 sec.

(34)

66

I dati relativi alla riduzione di domanda del 30% si trovano in [Frediani S., Aggiornamento

del modello della rete viaria della città di Lucca con applicazione alle previsioni urbanistiche, Tesi di Laurea Specialistica, Dipartimento di Ing. Civile, Università di Pisa,

2014].

La matrice O/D di Tabella 21 viene ridotta del 30% ottenendo la nuova matrice di Tabella 23:

MATRICE ORA DI MORBIDA Tiglio

nord Alighieri

Romana

est Cadorna Ingrillini

Tiglio est Ospedale S.Luca Totale Tiglio nord 0 18 16 18 17 15 20 104 Alighieri 0 0 195 225 203 180 20 823 Romana est 0 146 0 145 131 116 78 616 Cadorna 0 159 138 0 143 127 20 586 Ingrillini 0 116 100 116 0 92 20 442 Tiglio est 0 150 130 150 134 0 78 642 Ospedale S.Luca 0 11 35 11 13 36 0 106 Totale 0 599 614 665 641 565 235 3319

Tabella 23 – Matrice O/D riferita allo Scenario ora di morbida

Lo scenario ora di morbida è stato simulato sia con la viabilità per il nuovo ospedale come è ad oggi realizzata, quindi mancate del tratto di circa 850 m di raccordo ad est con la Via Romana, sia con la viabilità completata, quindi con il raccordo terminato.

Per una migliore visualizzazione della rete si rimanda agli allegati – “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità non completata in Aimsun®“ e – “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità completata in Aimsun®“.

(35)

67

3.5.8 Scenario ora di morbida + metering

Le principali ipotesi su cui si fonda lo scenario ora di morbida + metering sono:

• Traffico agente nell’ora di morbida (11:00 – 12:00) pari al 70% del traffico dell’ora di punta del mattino (7:30 – 8:30) presente dopo il trasferimento dell’ospedale al S.Luca;

• Due chiusure dei passaggi a livello sulla Via Romana e sulla Via Di Tiglio alle 11:11 di durata 180 sec e alle 11:26 di durata 180 sec;

• “Metering” applicato alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi come descritto nel paragrafo 3.5.4 “SCENARIO ORA DI PUNTA + METERING.

Il “metering” ottimo è stato cercato facendo diverse simulazioni, ipotizzando un tempo di rosso di 30 sec, 45 sec, 60 sec. I risultati sono riportati nel paragrafo 3.6 – “RISULTATI DELLE SIMULAZIONI”.

La matrice O/D di Tabella 23 continua ad essere valida anche per questo scenario.

Lo scenario ora di morbida + metering è stato simulato sia con la viabilità per il nuovo ospedale come è ad oggi realizzata, quindi mancate del tratto di circa 850 m di raccordo ad est con la Via Romana, sia con la viabilità completata, quindi con il raccordo terminato. Per una migliore visualizzazione della rete si rimanda agli allegati – “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità non completata in Aimsun®“ e – “Modello della rete “Lucca – Ospedale S.Luca” con viabilità completata in Aimsun®“.

Questo scenario è stato poi confrontato con lo scenario ora di morbida senza applicazione del metering (con la viabilità non completata e con la viabilità completata), come riportato nel paragrafo 3.6 – “RISULTATI DELLE SIMULAZIONI”.

(36)

68

3.6

Risultati delle simulazioni

Costruito il modello e note le caratteristiche della domanda di mobilità nell’area d’interesse, sono state effettuate, per ogni scenario, delle micro - simulazioni di traffico finalizzate a verificare il funzionamento globale della rete ed a ricavare il parametro necessario alla valutazione del livello di servizio (LoS) dei vari rami della rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi (escluso il ramo di Via Romana ovest che è influenzato dal passaggio a livello) e, quindi, dell’impatto generato dalle ipotesi introdotte. A tal proposito, è stato determinato il seguente indicatore riferito alle entrate della rotatoria sopra citata:

Ritardo medio dei veicoli o tempo medio di attesa (Mean Delay Time) [s].

3.6.1 Analisi della rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi e determinazione del LoS

Scenario apertura dell’ospedale S.Luca

• Viabilità non completata

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 39,39

Via Romana est 295,99

Via Lippi Francesconi 27,51

Tabella 24 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario apertura dell’ospedale S.Luca con viabilità non completata

(37)

69

• Viabilità completata

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 31,82

Via Romana est 306,61

Via Lippi Francesconi 26,12

Tabella 25 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario apertura dell’ospedale S.Luca con viabilità completata

Scenario ora di punta + metering

• Viabilità non completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 39,04

Via Romana est 258,73

Via Lippi Francesconi 19,44

Tabella 26 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario ora di punta + metering a 45 sec con viabilità non completata

• Viabilità completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 37,78

Via Romana est 269,15

Via Lippi Francesconi 20,70

Tabella 27 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario ora di punta + metering a 45 sec con viabilità completata

(38)

70

Scenario uscita delle scuole

• Viabilità non completata

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 14,17

Via Romana est 172,86

Via Lippi Francesconi 15,63

Tabella 28 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario uscita delle scuole con viabilità non completata

• Viabilità completata

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 11,40

Via Romana est 171,60

Via Lippi Francesconi 17,18

Tabella 29 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario uscita delle scuole con viabilità completata

Scenario uscita delle scuole + metering

• Viabilità non completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 10,87

Via Romana est 160,04

Via Lippi Francesconi 16,39

Tabella 30 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario uscita delle scuole + metering a 45 sec con viabilità non completata

(39)

71

• Viabilità completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 14,46

Via Romana est 176,74

Via Lippi Francesconi 14,76

Tabella 31 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario uscita delle scuole + metering a 45 sec con viabilità completata

Scenario ora di morbida

• Viabilità non completata

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 3,98

Via Romana est 16,31

Via Lippi Francesconi 14,14

Tabella 32 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario ora di morbida con viabilità non completata

• Viabilità completata

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 4,22

Via Romana est 18,06

Via Lippi Francesconi 12,93

Tabella 33 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario ora di morbida con viabilità completata

(40)

72

Scenario ora di morbida + metering

• Viabilità non completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 3,53

Via Romana est 14,26

Via Lippi Francesconi 12,05

Tabella 34 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario ora di morbida + metering a 45 sec con viabilità non completata

• Viabilità completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] Via Alighieri 4,17

Via Romana est 15,97

Via Lippi Francesconi 13,01

Tabella 35 – Indicatore della qualità della circolazione per lo Scenario ora di morbida + metering a 45 sec con viabilità completata

Secondo quanto riportato dal [Transportation Research Board, Highway Capacity Manual

2010, National Research Council], il livello di servizio dei vari rami confluenti in

un’intersezione può essere stimato in funzione del tempo medio di attesa dei veicoli, valutato nel caso specifico tramite il processo di simulazione. L’H.C.M. 2010, in particolare, fornisce delle tabelle in cui ad ogni range di variazione del tempo medio di attesa è associato uno specifico livello di servizio.

(41)

73

Per le Rotatorie la tabella fornita è la seguente:

Livello di servizio Ritardo medio totale [sec/veic]

A d < 10 B 10 < d < 15 C 15 < d < 25 D 25 < d < 35 E 35 < d < 50 F d > 50

Tabella 36 – Livelli di servizio per le rotatorie (H.C.M. 2010)

Sulla base di tale tabella è stato valutato il livello di servizio di ciascun ramo entrante nella rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi. Noto poi il livello di servizio ed il flusso di traffico sui singoli rami, è stato possibile stimare, per ogni scenario individuato, il LoS relativo all’intera rotatoria analizzata, considerando la media pesata dei tempi medi d’attesa rispetto ai flussi di traffico:

/01 =∑ 2 ∙ 3∑ 3

I risultati delle elaborazioni effettuate, sono di seguito tabellati:

Scenario apertura dell’ospedale S.Luca

• Viabilità non completata

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 39,39 E 974 38365,86

Via Romana est 295,99 F 763 225840,37

Via Lippi Francesconi 27,51 D 185 5089,35

Media pesata del Ritardo Medio [s] 140,12

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA F

(42)

74

• Viabilità completata

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 31,82 D 962 30610,84

Via Romana est 306,61 F 691 211867,51

Via Lippi Francesconi 26,12 D 201 5250,12

Media pesata del Ritardo Medio [s] 133,61

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA F

Tabella 38 – Calcolo LoS per lo Scenario apertura dell’ospedale S.Luca con viabilità completata

Scenario ora di punta + metering

• Viabilità non completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 39,04 E 1001 39079,04

Via Romana est 258,73 F 779 201550,67

Via Lippi Francesconi 19,44 C 183 3557,52

Media pesata del Ritardo Medio [s] 124,40

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA F

Tabella 39 – Calcolo LoS per lo Scenario ora di punta + metering a 45 sec con viabilità non completata

• Viabilità completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 37,78 D 949 35853,22

Via Romana est 269,15 F 705 189750,75

Via Lippi Francesconi 20,70 C 185 3829,50

Media pesata del Ritardo Medio [s] 124,70

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA F

(43)

75

Scenario uscita delle scuole

• Viabilità non completata

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 14,17 B 875 12398,75

Via Romana est 172,86 F 754 130336,44

Via Lippi Francesconi 15,63 C 197 3079,11

Media pesata del Ritardo Medio [s] 79,87

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA F

Tabella 41 – Calcolo LoS per lo Scenario uscita delle scuole con viabilità non completata

• Viabilità completata

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 11,40 B 834 9507,60

Via Romana est 171,60 F 694 119090,40

Via Lippi Francesconi 17,18 C 201 3453,18

Media pesata del Ritardo Medio [s] 76,38

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA F

(44)

76

Scenario uscita delle scuole + metering

• Viabilità non completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 10,87 B 840 9130,80

Via Romana est 160,04 F 734 117469,36

Via Lippi Francesconi 16,39 C 203 3327,14

Media pesata del Ritardo Medio [s] 73,14

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA F

Tabella 43 – Calcolo LoS per lo Scenario uscita delle scuole + metering a 45 sec con viabilità non completata

• Viabilità completata con “metering” a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 14,46 B 834 12059,64

Via Romana est 176,74 F 613 108341,62

Via Lippi Francesconi 14,76 B 215 3173,40

Media pesata del Ritardo Medio [s] 74,32

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA F

(45)

77

Scenario ora di morbida

• Viabilità non completata

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 3,98 A 710 2825,80

Via Romana est 16,31 C 630 10275,30

Via Lippi Francesconi 14,14 B 153 2163,42

Media pesata del Ritardo Medio [s] 10,22

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA A

Tabella 45 – Calcolo LoS per lo Scenario ora di morbida con viabilità non completata

• Viabilità completata

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 4,22 A 711 3000,42

Via Romana est 18,06 C 542 9788,52

Via Lippi Francesconi 12,93 B 150 1939,50

Media pesata del Ritardo Medio [s] 10,50

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA A

(46)

78

Scenario ora di morbida + metering

• Viabilità non completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 3,53 A 689 2432,17

Via Romana est 14,26 B 598 8527,48

Via Lippi Francesconi 12,05 B 152 1831,6

Media pesata del Ritardo Medio [s] 8,89

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA A

Tabella 47 – Calcolo LoS per lo Scenario ora di morbida + metering a 45 sec con viabilità non completata

• Viabilità completata con metering a 45 sec

Accesso Ritardo medio [s] LoS Rami Flussi veicolari Flussi * Ritardi

Via Alighieri 4,17 A 713 2973,21

Via Romana est 15,97 C 542 8655,74

Via Lippi Francesconi 13,01 B 150 1951,50

Media pesata del Ritardo Medio [s] 9,67

LoS GLOBALE DELLA ROTATORIA A

Tabella 48 – Calcolo LoS per lo Scenario ora di morbida + metering a 45 sec con viabilità completata

Nell’analisi della rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi appena vista, il parametro preso in considerazione è il tempo medio di attesa [sec] (preso dal foglio “MINODE” del Microsoft Access Database generato al termine di ogni simulazione) con il quale abbiamo verificato il Livello di Servizio (o “Level Of Service” – L.o.S.).

Riportiamo di seguito i grafici di confronto dei vari scenari dopo il trasferimento dell’ospedale al “S.Luca” per:

ORA DI PUNTA DEL MATTINO 7:30 – 8:30;

(47)

79

ORA DI MORBIDA 11:00 – 12:00. ORA DI PUNTA DEL MATTINO 7:30 – 8:30

Figura 30 – Analisi del tempo medio di attesa totale alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi nell’ora di punta del mattino 7:30 – 8:30

Viabilità non completata Viabilità non completata metering 45 sec Viabilità completa Viabilità completata metering 45 sec RAMO VIA

ALIGHIERI E (39 sec) E (39 sec) D (32 sec) D (38 sec) RAMO VIA

ROMANA EST F (296 sec) F (259 sec) F (307 sec) F (269 sec) RAMO VIA LIPPI

FRANCESCONI D (28 sec) C (19 sec) D (26 sec) C (21 sec) TOTALE INTERSEZIONE F (140 sec) F (124 sec) F (134 sec) F (125 sec) Tabella 49 – Livelli di servizio della rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi nell’ora di punta del

mattino 7:30 – 8:30

Dalla Figura 30 possiamo vedere che il metering ottimo è pari a 45 sec, sia per lo scenario con viabilità non terminata che per quello con viabilità terminata.

140,12 131,20 124,40 128,98 133,61 131,91 124,70124,41 115,00 120,00 125,00 130,00 135,00 140,00 145,00

Tempo medio di attesa totale (sec) alla rotatoria

Alighieri - Romana - Lippi Francesconi

viabilità non completata senza metering viabilità non completata metering 30 sec viabilità non completata metering 45 sec viabilità non completata metering 60 sec viabilità completata senza metering viabilità completata metering 30 sec viabilità completata metering 45 sec viabilità completata metering 60 sec

(48)

80

Il parametro considerato per l’analisi della rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi è il tempo medio di attesa per i vari rami e per l’intera intersezione che ci consente, grazie alle tabelle dell’H.C.M. richiamate prima, di determinare il Livello di Servizio per ogni ramo e globale dell’intera intersezione. Dalla Tabella 49 possiamo notare che:

• per lo scenario con viabilità non completata, sulla Via Romana est, l’applicazione del metering a 45 sec migliora i tempi medi di attesa di 37 sec, nonostante il livello di servizio permanga in fascia F. Anche sul ramo di entrata di Via Lippi Francesconi ho un miglioramento, il LoS passa dalla fascia D alla C con un miglioramento dei tempi di attesa di 9 sec. Il tempo medio di attesa totale alla rotatoria, dopo l’applicazione del metering a 45 sec, subisce invece un miglioramento di 16 sec;

• per lo scenario con viabilità non completata, sulla Via Romana est, l’applicazione del metering a 45 sec migliora i tempi medi di attesa di 38 sec, nonostante il livello di servizio permanga in fascia F. Anche sul ramo di entrata di Via Lippi Francesconi ho un miglioramento, il LoS passa dalla fascia D alla C con un miglioramento dei tempi di attesa di 5 sec. Il tempo medio di attesa totale alla rotatoria, dopo l’applicazione del metering a 45 sec, subisce invece un miglioramento di 9 sec.

(49)

81

ORA DI USCITA DELLE SCUOLE 13:30 – 14:30

Figura 31– Analisi del tempo medio di attesa totale alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi nell’ora di uscita delle scuole 13:30 – 14:30

Viabilità non completata Viabilità non completata metering 45 sec Viabilità completa Viabilità completata metering 45 sec RAMO VIA

ALIGHIERI B (14 sec) B (11 sec) B (11 sec) B (14 sec) RAMO VIA

ROMANA EST F (173 sec) F (160 sec) F (172 sec) F (177 sec) RAMO VIA LIPPI

FRANCESCONI C (16 sec) C (16 sec) C (17 sec) B (15 sec) TOTALE INTERSEZIONE F (80 sec) F (73 sec) F (76 sec) F (74 sec) Tabella 50 – Livelli di servizio della rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi nell’ora di uscita

delle scuole 13:30 – 14:30

Dalla Tabella 50 possiamo notare che:

• per lo scenario con viabilità non completata, sulla Via Romana est, l’applicazione del metering a 45 sec migliora i tempi medi di attesa di 13 sec, nonostante il livello di servizio permanga in fascia F. Il tempo medio di attesa totale alla rotatoria,

79,87 73,64 73,14 72,50 76,38 75,81 74,32 73,30 68,00 70,00 72,00 74,00 76,00 78,00 80,00 82,00

Tempo medio di attesa totale (sec) alla rotatoria

Alighieri - Romana - Lippi Francesconi

viabilità non completata senza metering viabilità non completata metering 30 sec viabilità non completata metering 45 sec viabilità non completata metering 60 sec viabilità completata senza metering viabilità completata metering 30 sec viabilità completata metering 45 sec viabilità completata metering 60 sec

(50)

82

dopo l’applicazione del metering a 45 sec, subisce invece un miglioramento di 7 sec;

• per lo scenario con viabilità non completata, l’applicazione del metering non ha alcun effetto sui tempi di attesa alla rotatoria e non porta quindi alcun beneficio.

ORA DI MORBIDA 11:00 – 12:00

Figura 32 – Analisi del tempo medio di attesa totale alla rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi nell’ora di morbida 11:00 – 12:00 Viabilità non completata Viabilità non completata metering 45 sec Viabilità completa Viabilità completata metering 45 sec RAMO VIA

ALIGHIERI A (4 sec) A (4 sec) A (4 sec) A (4 sec) RAMO VIA

ROMANA EST C (16 sec) B (14 sec) C (18 sec) C (16 sec) RAMO VIA LIPPI

FRANCESCONI B (14 sec) B (12 sec) B (13 sec) B (13 sec) TOTALE INTERSEZIONE A (10 sec) A (9 sec) A (10 sec) A (10 sec) Tabella 51 – Livelli di servizio della rotatoria Alighieri – Romana – Lippi Francesconi nell’ora di morbida

11:00 – 12:00 10,22 9,29 8,89 9,05 10,50 10,69 9,67 9,81 0,00 2,00 4,00 6,00 8,00 10,00 12,00

Tempo medio di attesa totale (sec) alla rotatoria

Alighieri - Romana - Lippi Francesconi

viabilità non completata senza metering viabilità non completata metering 30 sec viabilità non completata metering 45 sec viabilità non completata metering 60 sec viabilità completata senza metering viabilità completata metering 30 sec viabilità completata metering 45 sec viabilità completata metering 60 sec

Figura

Tabella 10 – Matrice delle correzioni al passo 2
Tabella 13 – Matrice origine destinazione riferita allo Scenario ospedale S.Luca non ancora aperto
Tabella 14 – Calibrazione Nodo A, Scenario ospedale S.Luca non ancora aperto
Figura 22 – Modello di simulazione Scenario apertura dell’ospedale S.Luca con viabilità non completata
+7

Riferimenti

Documenti correlati

Ideally, a parallel X-ray beam is generated by the X- ray tube, attenuated by the tissues of the head, and transformed into an image without distortion, with a high dynamic range

- il miglior prezzo di mercato nel caso di beni che non richiedano valutazioni specifiche e qualora non sia indicato nella richiesta dell’istituto. Il dirigente scolastico svolge

Abbiamo appena dimostrato che, se ci limitamo alla teoria delle perturbazioni al prim’ordine, come nel caso dell’interazione elettrostatica residua, possiamo limitarci a valutare

FRUMENTO TENERO NAZIONALE (di produzione forlivese) DA MAGAZZINO CONTO DEPOSITO, POSTO SU VEICOLO PARTENZA RINFUSA.. descrizione

AL MAGNIFICO RETTORE DELL’UNIVERSITA’ TELEMATICA “GIUSTINO

1,6 punti: risposta corretta, soluzione migliore ma senza una buona proprietà di linguaggio o senza una buona esposizione.. 1,4 punti: risposta corretta ma non la

Su un piatto della bilancia pone il lingotto e sull'altro pone metà lingotto più un pesino p in modo che la bilancia sia in equilibrio.. Così, per scoprire il peso del

Gli intermediari non devono acquisire il consenso degli interessati per il trattamento dei dati in quanto previsto dalla legge, mentre sono tenuti ad acquisire il consenso