• Non ci sono risultati.

SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA PRIMO GRADO

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA PRIMO GRADO"

Copied!
12
0
0

Testo completo

(1)

1

CURRICOLI VERTICALI

matematica COMPETENZE

D.M. 254, 16 nov 2012

Alla fine del terzo anno Alla fine del quinto anno Alla fine del terzo anno, l’alunno dovrà dimostrare:

SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA PRIMO GRADO Finalità della

disciplina Il numero

Stabilire corrispondenze tra diversi insiemi Individuare relazioni : di più, di meno, tanto

quanto …

Stabilire corrispondenza tra sequenza numerica verbale, raccolta di oggetti e rappresentazione grafica

Ordinare più insiemi in base a quantità numerica

Rappresentare a livello iconico o con semplici simbolizzazioni le operazioni di

quantificazione

Il numero

muoversi con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e decimali e saper valutare l’opportunità di ricorrere a strumenti per operare nella realtà

Il numero

L'alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e stima la grandezza di un numero e il risultato di operazioni.

Acquisire e interpretare l’informazione Individuare collegamenti e relazioni

Risolvere problemi

Comunicare

Progettare

Spazio e figure

Riconoscere, percorrere e riprodurre graficamente la successione di elementi che sono disposti nello spazio

Individuare, verbalizzare e rappresentare relazioni topologiche

Riconoscere rappresentare varie tipologie di linee e figure piane

Spazio e figure

Percepire, descrivere, rappresentare relazioni spaziali, forme e strutture che si trovano in natura o che sono state create dall’uomo, utilizzando in particolare strumenti per il disegno geometrico

Spazio e figure

Riconosce e denomina le forme del piano e dello spazio, le loro rappresentazioni e ne coglie le relazioni tra gli elementi.

Acquisire e interpretare l’informazione Individuare collegamenti e relazioni

Risolvere problemi

Comunicare

Progettare

Relazioni, misura, dati e previsioni

Individuare e ricercare criteri di classificazione Stimare pesi e capacità utilizzando unità di

misura concordate

Relazioni, misura, dati e previsioni

Descrivere, classificare e rappresentare elementi e dati in situazioni significative e saperli utilizzare per ricavare informazioni

La misura, le relazioni

Utilizza e interpreta il linguaggio matematico (piano cartesiano, formule, equazioni, ...) e ne coglie il rapporto col linguaggio naturale

Acquisire e interpretare l’informazione

(2)

2 Alla fine del terzo anno Alla fine del quinto anno Alla fine del terzo anno, l’alunno dovrà dimostrare:

SCUOLA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA PRIMO GRADO Finalità della

disciplina Riconoscere e applicare unità di misura

concordate in una scansione temporale (durata e successione)

Percepire e rappresentare grandezze che si trovano in natura o che sono state create dall’uomo, utilizzando i più comuni strumenti di misura

dati e previsioni

Analizza e interpreta rappresentazioni di dati per ricavarne misure di variabilità e prendere decisioni.

Nelle situazioni di incertezza (vita quotidiana, giochi, ...) si orienta con valutazioni di probabilità.

Individuare collegamenti e relazioni

Comunicare

Progettare

Problemi

Individuare e ricercare soluzioni a semplici questioni di natura logica

Problemi

Affrontare i problemi con strategie diverse e rendersi conto che in molti casi si possono ammettere più soluzioni

Risolvere situazioni problematiche mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo sia sui risultati e spiegare a parole il procedimento seguito

Educazione al pensiero razionale

Riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza.

Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati

Confronta procedimenti diversi e produce

formalizzazioni che gli consentono di passare da un problema specifico a una classe di problemi.

Produce argomentazioni in base alle conoscenze teoriche acquisite (ad esempio sa utilizzare i concetti di proprietà caratterizzante e di definizione).

Sostiene le proprie convinzioni, portando esempi e controesempi adeguati e utilizzando concatenazioni di affermazioni; accetta di cambiare opinione riconoscendo le conseguenze logiche di una argomentazione corretta.

Ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto alla matematica attraverso esperienze significative e ha capito come gli strumenti matematici appresi siano utili in molte situazioni per operare nella realtà.

Acquisire e interpretare l’informazione Individuare collegamenti e relazioni

Risolvere problemi

Agire in modo autonomo e responsabile

Collaborare e partecipare Comunicare

Progettare

(3)

3

Programmazione Scuola infanzia

NUMERO

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI ABILITA’

Comprendere il concetto di numeri e che ci sono modi di rappresentarli

Assumere confidenza con il numero Contare oggetti e confrontare Conoscere la successione numerica

Contare fino a 10 aiutandosi con le dita delle mani o con altri oggetti

Giochi di insiemistica formalizzati

Comprendere il significato delle relazioni fra i numeri

Confrontare quantità di oggetti

Associare un numero ad una raccolta di oggetti Disegnare oggetti associati al numero

Giochi di quantizzazione mediante mediante l’utilizzo dei concetti: di più, di meno, tanto quanto.

Primi approcci alla lettura e alla scrittura del simbolo grafico numerico

Rappresentare insiemi in base all’assegnazione di criteri specifici

Comprendere attributi, unità e sistemi di misura

Osservare oggetti e fenomeni individuando in essi alcune grandezze misurabili

Individuare un’unità di misura, anche non convenzionale, condivisa

Comprendere la necessità di una misura

Primi approcci ad esperienze matematiche relativamente a grandezze, pesi e misure

Compiere confronti diretti e indiretti in relazione alle grandezze individuate

Effettuare misurazioni ed utilizzare l’idea che un numero esprime una misura

Effettuare misure di grandezze continue con oggetti e strumenti (es, un bastoncino, il metro, la bilancia)

SPAZIO E FIGURE

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI ABILITA’

Rappresentare percorsi ed eseguirli su consegna verbale o anche attraverso l’uso di mappe e schemi iconici

Intuire l’idea di percorribilità, in termini di capacità specifiche di direzionalità, orientamento e sequenzialità logica.

Scoprire che esistono percorsi diversi per lo stesso fine.

Cogliere punti di riferimento.

Percorsi motori da eseguire e poi riprodurre nello spazio grafico

In relazione a semplici concetti topologici di

riferimento(sopra, sotto, dentro, fuori, destra, sinistra, in altro, in basso, ecc)

Percorsi a staffetta da riprodurre graficamente utilizzando simboli di riferimento

Giochi motori e grafici per giungere ad una meta fisica

o grafica (anche gare tra squadre)

(4)

4

Riconoscere e descrivere le principali

figure piane

Descrivere forme geometriche nel mondo circostante e riconoscere somiglianze e differenze

Descrivere e appresentare figure geometriche piane Riprodurre una figura in base ad una descrizione

Riconoscere nell’ambiente circostante le principali figure geometriche piane(cerchio, quadrato e triangolo) Giochi strutturati co materiale formalizzato finalizzati al riconoscimento e alla riproduzione non grafica di tali figure

Rappresentazione grafica delle figure geometriche

Avvio al concetto di lunghezze, aree, volumi

Capacità di elaborare figure equiestese

Costruire oggetti tridimensionali aventi lo stesso volume ma forma diversa

Realizzare e rappresentare simmetrie

Gioco del Tangram

Giochi con solidi geometrici di diversa grandezza da mettere in relazione secondo criteri logici dati Riconoscere piastrelle accostabili atte a pavimentare una porzione di piano

Riprodurre simmetrie assiali con metodi

elementari (piegamenti, ritagli, macchie di colore, ricalco o punteruolo)

RELAZIONI

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI ABILITA’

Classificare

Ordinare

Seriare

Mettere in relazione

Raggruppare oggetti in base a più attributi.

Mettere in corrispondenza gli elementi di due raccolte Riconoscere relazioni esistenti fra elementi e

rappresentarle,utilizzando forme diverse di rappresentazione

Riconoscere enunciati, in contesti ludici e

particolarmente semplici, e attribuire il valore di verità Stabilire, data una raccolta, in base a quale attributo essa è stata ottenuta

Uso corretto e spontaneo delle parole: nessuno, qualche, tutti, non tutti, uno solo, ognuno.

Usare, in situazioni di attività consuete per i bambini,

alcune delle rappresentazioni grafiche più elementari (a

frecce, a colonna)

(5)

5 DATI E PREVISIONI

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI ABILITA’

Interpretare dati, utilizzando metodi di esplorazione

Sviluppare e valutare deduzioni, predizioni,

e argomentazioni che siano basate sui dati

Utilizzare insiemi, istogrammi, diagrammi ad albero per registrare dati ed eventi.

Completare tabella a doppia entrata sia in pratica che sul foglio.

Comprendere e applicare nozioni base di caso e di probabilità

Nel vissuto quotidiano, ad esempio nella routine delle presenze, dedurre se la tabella sarà completata o se rimarranno spazi non compilati (assenti, presenti).

Leggendo i dati chi è stato più presente questo mese?

Oppure raccogliamo i dati per conoscere quale frutto o cartone…piace di più. O ancora, in contesto ludico, raccogliamo i dati per evidenziare chi ha vinto più partite.

Valutare, in situazioni di gioco, espressioni del tipo:

forse, è certo, è probabile, impossibile

Saper prevedere (avvio) l’andamento di un gioco semplice, anticipando le mosse

EDUCAZIONE AL PENSIERO RAZIONALE (PROBLEM SOLVING)

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI ABILITA’

Individuare e ricercare soluzioni a

semplici questioni di natura logica Applicare strategie di natura logica per risolvere problemi.

Risolvere semplici e concrete situazioni problematiche Rappresentare graficamente quantità e

variazioni di quantità in motivanti situazioni problematiche

(6)

6 secondaria primo grado prima

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Alla fine del primo anno, l’alunno dovrà dimostrare:

Definiti con i relativi standard di

apprendimento… …e riferiti a CONOSCENZE e ABILITA’ coinvolte

1) Favorire la conoscenza della struttura degli insiemi numerici e

dell’ampliamento del concetto di numero 2) favorire la strutturazione dei principi che stanno alla base dei sistemi di numerazione posizionale

3) favorire una prima educazione algebrica per avviare l’alunno alla conquista della capacità di generalizzazione

4) sviluppare la capacità di passare da operazioni su costanti ad operazioni su variabili

5) viceversa, sviluppare la capacità di passare da operazioni su variabili a operazioni su costanti

Il numero

Ripresa complessiva dei numeri interi e dell’aritmetica della Scuola Primaria:

- le operazioni con i numeri naturali

- i concetti di multiplo e divisore di un numero - i numeri primi

- M.C.D. e m.c.m. tra due o più numeri - le potenze dei numeri naturali - numeri interi relativi

Approfondimento e ampliamento del concetto di numero:

- le frazioni e la loro rappresentazione sulla retta - la frazione come rapporto e come quoziente - i numeri razionali

- operazioni tra numeri razionali - confronto tra numeri razionali

Ad esempio, costatato che le proprietà delle operazioni valgono per coppie particolari di numeri naturali, intuire ed essere in grado di mettere in evidenza che valgono per i numeri naturali qualsiasi, che si possono estendere alla stessa operazione in relazione ad altri insiemi numerici o addirittura non numerici

Il numero

Risolvere problemi e calcolare semplici espressioni tra numeri interi mediante l’uso delle quattro operazioni

Eseguire in modo corretto l’elevamento a potenza nell’insieme dei numeri naturali e decimali

Ricercare multipli e divisori di un numero, individuare multipli e divisori comuni a due o più numeri.

Scomporre in fattori primi un numero naturale

Leggere e scrivere numeri naturali e decimali in base dieci usando la notazione polinomiale e quella scientifica

Riconoscere frazioni equivalenti

Confrontare numeri razionali e rappresentarli sulla retta numerica Eseguire semplici calcoli con i numeri razionali usando metodi e

strumenti diversi

1) acquisire la consapevolezza della necessità di conoscere i sistemi di misura nazionali e internazionali, imparare a operare con essi

La misura

Le grandezze geometriche

Il Sistema Internazionale di misura

La misura

Esprimere le misure secondo il Sistema Internazionale, utilizzando le potenze del 10 e le cifre significative

Effettuare e stimare misure in modo diretto e indiretto Saper operare con le misure

Valutare la significatività delle cifre del risultato di una data misura

(7)

7 OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Alla fine del primo anno, l’alunno dovrà dimostrare:

Definiti con i relativi standard di

apprendimento… …e riferiti a CONOSCENZE e ABILITA’ coinvolte

1) Sviluppare la capacità di estendere una proprietà verificata in un caso particolare a tutti i casi analoghi e successivamente dimostrarne la validità generale con il ragionamento e quindi per via deduttiva 2) Sviluppare la capacità di comprendere il testo di un problema, individuare un procedimento risolutivo e svilupparlo correttamente

3) Sviluppare l’apprendimento creativo 4) Sviluppare la capacità di

organizzazione

Spazio e figure

Ripresa complessiva della Geometria piana della Scuola Primaria:

- le figure geometriche piane: proprietà caratteristiche dei triangoli, quadrilateri, poligoni regolari, cerchio - somma degli angoli di un poligono

- perimetri dei poligoni

Spazio e figure

Conoscere proprietà di figure piane e classificarle sulla base di criteri diversi

Risolvere problemi usando proprietà geometriche delle figure ricorrendo a modelli materiali e a semplici deduzioni e ad opportuni strumenti di rappresentazione (riga, squadra, compasso…)

Utilizzare nella risoluzione di un problema le nozioni sulle varie operazioni

Saper scegliere a seconda del contesto la rappresentazione grafica adeguata

1) - acquisire la capacità di vedere sotto problemi particolari la loro comune struttura

- acquisire la capacità di costruire problemi con struttura assegnata e darne una rappresentazione grafica

2) sviluppare la capacità di intuire la validità dell’espressione simbolica generale dopo aver constatato la validità di regole e procedimenti

Educazione al pensiero razionale

Porsi e risolvere problemi

Educazione al pensiero razionale

Passare dal linguaggio comune al linguaggio simbolico e viceversa, comprendendo e usando un lessico adeguato al contesto

Comprendere il ruolo della definizione

Individuare regolarità in contesti e fenomeni osservati

Produrre congetture relative all’interpretazione e spiegazione di osservazioni effettuate in contesti diversi

Analizzare criticamente le proprie congetture, comprendendo la necessità di verificarle in casi particolari e di argomentarle in modo adeguato

Esprimere verbalmente in modo corretto i ragionamenti e le argomentazioni

Riconoscere gli errori e la necessità di superarli positivamente Riconoscere situazioni problematiche, individuando i dati da cui

partire e l’obiettivo da conseguire

Schematizzare in modi diversi un problema, allo scopo di elaborare una possibile procedura risolutiva

Esporre chiaramente un procedimento risolutivo, evidenziando le azioni da compiere e il loro collegamento

Confrontare criticamente diversi procedimenti di soluzione di un problema

(8)

8 secondaria primo grado seconda

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Alla fine del secondo anno, l’alunno dovrà dimostrare:

Definiti con i relativi standard di

apprendimento… …e riferiti a CONOSCENZE e ABILITA’ coinvolte

1) Comprendere l’esigenza di ampliare l’insieme numerico N in R

2) Favorire la conoscenza delle

grandezze proporzionali in vari contesti e le relative applicazioni nella vita

quotidiana

3) Approfondire una educazione algebrica per portare l’alunno alla conquista della capacità di generalizzazione

4) Sviluppare la capacità di operare con le variabili

Il numero

Approfondimento ed ampliamento del concetto di numero:

- scrittura decimale dei numeri razionali

- la radice quadrata e cubica come operazione inversa dell’elevamento a potenza

- grandezze costanti e variabili - rapporti tra numeri e loro confronto - concetto di funzione

- rapporto tra grandezze omogenee e non omogenee - proporzioni e proprietà relative

- grandezze direttamente e inversamente proporzionali - definizione di percentuale e di tasso percentuale - concetti di base di matematica finanziaria: sconto

Il numero

Eseguire operazioni con i numeri razionali in forma decimale Costruire rapporti fra grandezze omogenee e non omogenee e

confrontarli

Calcolare il termine incognito di una proporzione applicandone le proprietà

Individuare grandezze direttamente e inversamente proporzionali Risolvere problemi sulla proporzionalità e sulla ripartizione Eseguire il calcolo della percentuale e di altre operazioni

finanziarie con riferimento a situazioni pratiche

1) Sviluppare la capacità di estendere una proprietà verificata in un caso particolare a tutti i casi analoghi e successivamente dimostrarne la validità generale con il ragionamento e quindi per via deduttiva 2) Sviluppare l’apprendimento creativo e il ragionamento logico

3) Sviluppare la capacità di organizzazione e l’apprendimento geometrico intorno al concetto unificante di trasformazione geometrica

4) Saper scoprire le proprietà di una figura piana e dedurne altre

Spazio e figure

Ripresa complessiva della Geometria piana della Scuola Primaria:

- la circonferenza e il cerchio - poligoni inscritti e circoscritti

- equiscomponibilità di semplici figure poligonali - Teorema di Pitagora

Nozione intuitiva di trasformazione geometrica: traslazione, rotazione e simmetria

Rapporto tra grandezze Omotetie, similitudini

Similitudini piane, i Teoremi di Euclide, Teorema di Talete Riduzioni e ingrandimento di figure

Introduzione al concetto di sistema di riferimento: le coordinate cartesiane, il piano cartesiano

Spazio e figure

Riconoscere le mutue posizioni di rette e circonferenze Applicare le proprietà delle corde e degli angoli al centro e alla

circonferenza

Riconoscere figure congruenti e descrivere le isometrie necessarie per portarle a coincidere

Costruire figure isometriche con proprietà assegnate Utilizzare le trasformazioni per osservare, classificare ed

argomentare proprietà delle figure

Risolvere problemi usando proprietà geometriche delle figure ricorrendo a modelli materiali e a semplici deduzioni e ad opportuni strumenti di rappresentazione (riga, squadra, compasso…)

Risolvere problemi diretti o inversi relativi a questioni di equivalenza o di isoperimetria

Riconoscere grandezze proporzionali in vari contesti; ridurre in scala

Calcolare aree e perimetri di figure piane

Costruire figure simili dato il rapporto di similitudine Rappresentare sul piano cartesiano punti, segmenti, figure

(9)

9 OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Alla fine del secondo anno, l’alunno dovrà dimostrare:

Definiti con i relativi standard di

apprendimento… …e riferiti a CONOSCENZE e ABILITA’ coinvolte

1) Familiarizzare con la rappresentazione grafica di dati ordinati e non

2) Interpretare una rappresentazione grafica ricavandone informazioni 3) Favorire l’acquisizione di un linguaggio appropriato

Dati e previsioni

Fasi di un’indagine statistica Tabelle e grafici statistici

Valori medi e campo di variazione Concetto di popolazione e di campione

Probabilità di un evento: valutazione di probabilità in casi semplici

Dati e previsioni

Identificare un problema affrontabile con un’indagine statistica, individuare la popolazione e le unità statistiche ad esso relative, formulare un questionario, raccogliere dati, organizzare gli stessi in tabelle di frequenze

Rappresentare graficamente e analizzare gli indici adeguati alle caratteristiche: la moda, se qualitativamente sconnessi; la mediana se ordinabili; la media aritmetica e il campo di variazione, se quantitativi

Realizzare esempi di campione casuale e rappresentativo Realizzare previsione di probabilità e contesti semplici

1) - acquisire la capacità di vedere sotto problemi particolari la loro comune struttura

- acquisire la capacità di costruire problemi con struttura assegnata e darne una rappresentazione grafica

2) sviluppare la capacità di intuire la validità dell’espressione simbolica generale dopo aver constatato la validità di regole e procedimenti

Educazione al pensiero razionale

Porsi e risolvere problemi

Educazione al pensiero razionale

Passare dal linguaggio comune al linguaggio simbolico e

viceversa, comprendendo e usando un lessico adeguato al contesto Comprendere il ruolo della definizione

Individuare regolarità in contesti e fenomeni osservati

Produrre congetture relative all’interpretazione e spiegazione di osservazioni effettuate in contesti diversi

Analizzare criticamente le proprie congetture, comprendendo la necessità di verificarle in casi particolari e di argomentarle in modo adeguato

Esprimere verbalmente in modo corretto i ragionamenti e le argomentazioni

Riconoscere gli errori e la necessità di superarli positivamente Riconoscere situazioni problematiche, individuando i dati da cui

partire e l’obiettivo da conseguire

Schematizzare in modi diversi un problema, allo scopo di elaborare una possibile procedura risolutiva

Esporre chiaramente un procedimento risolutivo, evidenziando le azioni da compiere e il loro collegamento

Confrontare criticamente diversi procedimenti di soluzione di un problema

(10)

10 secondaria primo grado terza

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Alla fine del terzo anno, l’alunno dovrà dimostrare:

Definiti con i relativi standard di

apprendimento… …e riferiti a CONOSCENZE e ABILITA’ coinvolte

1) Approfondire la conoscenza della struttura degli insiemi numerici 2) Approfondire una educazione algebrica per la conquista della capacità di generalizzazione

Il numero

Gli insiemi numerici e le proprietà delle operazioni Allineamenti decimali, periodici e non, esempi di numeri

irrazionali

Ordine di grandezza, approssimazione, errore, uso consapevole degli strumentini calcolo

Scrittura formale delle proprietà delle operazioni e uso delle lettere con generalizzazione dei numeri in casi semplici Elementi fondamentali di calcolo algebrico

Semplici equazioni di primo grado (cenni sulle equazioni di secondo grado)

Il numero

Riconoscere i vari insiemi numerici con le loro proprietà formali e operare in essi

Effettuare semplici sequenze di calcoli approssimati

Rappresentare con le lettere le principali proprietà delle operazioni Esplorare situazioni modellizzabili con semplici equazioni,

risolvere equazioni in casi semplici

1) Acquisire la capacità di scoprire le proprietà di una figura solida, utilizzando le conoscenze già acquisite sulle figure piane

Spazio e figure

Lunghezza della circonferenza e area del cerchio Significato di π e cenni storici ad esso relativi

I concetti principali della geometria dello spazio, le proprietà fondamentali dei solidi, calcolo di superfici e volumi Ripresa dei solidi, calcolo dei volumi dei principali solidi e

calcolo delle aree delle loro superfici (cubo, parallelepipedo, piramide, cono, cilindro, sfera)

Spazio e figure

Calcolare lunghezze di circonferenze e aree di cerchi

Visualizzare oggetti tridimensionali a partire da rappresentazioni bidimensionali e viceversa, rappresentare su un piano una figura solida

Risolvere problemi usando proprietà geometriche delle figure ricorrendo a modelli materiali e a semplici deduzioni e ad opportuni strumenti di rappresentazione (riga, squadra, compasso…)

Calcolare i volumi e le aree delle superfici delle principali figure solide

(11)

11 OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Alla fine del terzo anno, l’alunno dovrà dimostrare:

Definiti con i relativi standard di

apprendimento… …e riferiti a CONOSCENZE e ABILITA’ coinvolte

1) Saper analizzare e confrontare situazioni

Le relazioni

Alcune relazioni significative (essere ≤, ≥, //, ) Funzioni: tabulazioni e grafici

I concetti di variabile, di equazione, di funzione, di rappresentazione grafica di una funzione

(y = mx + q, y = a/x, y = ax2)

Semplici modelli di fatti sperimentali e di leggi matematiche

Le relazioni

In contesti vari, individuare, descrivere e costruire relazioni significative: riconoscere analogie e differenze

Utilizzare le lettere per esprimere in forma generale semplici proprietà e regolarità (numeriche, geometriche, fisiche…) Riconoscere in fatti e fenomeni relazioni tra grandezze

Usare coordinate cartesiane, diagrammi, tabelle per rappresentare relazione e funzioni

1) Saper cogliere le situazioni matematiche della realtà

Dati e previsioni

Raccolte di dati relativi a grandezze continue: costruzione degli intervalli di ampiezza uguale o diversa

Istogrammi di frequenze Frequenze relative, percentuali

Comprendere in modo adeguato le varie concezioni di probabilità: classica, frequentista, soggettiva

Dati e previsioni

Costruire istogrammi e leggerli

Riconoscere grafici errati e correggerli, se possibile.

Ricavare informazioni da raccolte di dati e grafici di varie fonti Utilizzare strumenti informatici per organizzare e rappresentare

dati

Calcolare frequenze relative, percentuali e darvi significato;

saperle utilizzare per attuare confronti tra raccolte dati

Eseguire rilevazioni statistiche, organizzare e rappresentare i dati raccolti

Calcolare la probabilità teorica e statistica di eventi in casi semplici

Comprendere come e quando utilizzare le diverse misure di probabilità

1) Saper analizzare e confrontare situazioni

2) Comprendere la struttura deduttiva della matematica attraverso l’uso più frequente dei procedimenti dimostrativi

Educazione al pensiero razionale

Le operazioni con gli insiemi

Dal linguaggio naturale al linguaggio formale: le

proposizioni e l’introduzione dei connettivi logici non, vel, et

Implicazione e deduzione logica

Educazione al pensiero razionale

Utilizzare diversi procedimenti logici: induzione e

generalizzazione, deduzione, funzione di esempi e controesempi Giustificare in modo adeguato enunciazioni, distinguendo tra

affermazioni indotte dall’osservazione, intuite ed ipotizzate, argomentate e dimostrate

Documentare i procedimenti scelti e applicati nella risoluzione di problemi

Valutare criticamente le diverse strategie risolutive di un problema

(12)

12

Riferimenti

Documenti correlati

Progetto Promozione della cultura della sicurezza “La scuola si cura di me”. Educazione stradale con Polizia Locale tutte

CLASSE PRIMA CLASSE SECONDA CLASSE TERZA CLASSE QUARTA CLASSE

l’alunno porta a termine compiti in situazioni note in modo autonomo e continuo; risolve compiti in situazioni non note utilizzando le risorse fornite dal docente o

a) La conoscenza e la comprensione dell’ambiente, attraverso l’osservazione critica della realtà, la progettazione d’esperienze e la verifica delle ipotesi, l’

CONSIDERATO che si rende necessario avviare la procedura per la selezione di personale interno all’Istituto a cui affidare gli incarichi di figura di Esperto del

Utilizzare semplici strategie di autovalutazione e autocorrezione. Utilizzare una lingua straniera per i principali scopi comunicativi e operativi. Mettere in atto comportamenti

 Avendo nell’istituto docenti con competenze in lingua inglese e facendo riferimento alla legge 107/15, nella quale si precisa che il potenziamento della lingue comunitarie,si

1. Il dipendente assente per malattia ha diritto alla conservazione del posto per un periodo di diciotto mesi. Ai fini della maturazione del predetto periodo, si sommano, alle

Il primo incontro di un bambino a scuola è con LA MAESTRA che, attraverso l’ESPERIENZA, sollecita il bambino a mettersi in gioco, a non stare a guardare, ma ad

MATEMATICA : OBIETTIVI PER IL SECONDO ANNO - Al termine del secondo anno della scuola secondaria di primo grado l’allievo dovrà essere in grado

INGRESSO 2 – entrano uno alla volta gli alunni delle classi quinte e poi delle classi terze, per dirigersi al primo piano- con lo stesso ordine per l’USCITA. In entrambi i plessi

contribuire all’elaborazione e alla sperimentazione di regole più adeguate per sé e per gli altri nella vita della famiglia, della classe, della scuola e dei gruppi

I valori della nostra scuola, che sono alla base del servizio scolastico offerto dall’Istituto, trovano il loro fondamento nel dettato costituzionale e si ispirano al

Riconoscere le varie forme giuridiche delle aziende La costituzione delle società di persone e i vari tipi di conferimento. Il riparto degli utili e la copertura

Si può fare in avanti o indietro, ma la capovolta indietro è più difficile.. farsi vedere,

Volendo riferirci alla dimensione circolare del nostro schema, si potrebbe commentare che ciò che importa non è il punto di partenza, quanto piuttosto che la rotazione sia completa

Padroneggiare gli strumenti necessari ad un utilizzo consapevole del patrimonio artistico e letterario (strumenti e tecniche di fruizione e produzione, lettura critica).. L’alunno è

-Riconosce con sicurezza gli elementi morfologici di un paesaggio, le caratteristiche fisiche, demografiche, economiche e culturali di un territorio trattate a lezione, e li

I dati personali verranno trattati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri per lo svolgimento delle proprie funzioni istituzionali in relazione al procedimento di

Invece, per rendere funzionale il lavoro, i DOCENTI CURRICULARI della Scuola Primaria e Secondaria dovranno programmare i contenuti disciplinari SETTIMANALMENTE, in

- il primo biennio serve per consolidare la riflessione sul cristianesimo, (Dio, Gesù Cristo, la Chiesa, la vita nello Spirito, la Bibbia), per conoscerlo in tutti i suoi

Matematica Leggere e scrivere i numeri naturali nel periodo delle unità di migliaia in notazione decimale, avendo consapevolezza della notazione posizionale; confrontarli e

rispetto alle capacità coordinative generali e speciali, alle capacità condizionali, al livello di padronanza dei gesti tecnici, supera l’obiettivo anche in condizione di