• Non ci sono risultati.

• • • • I pianeti esterniI pianeti esterni

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "• • • • I pianeti esterniI pianeti esterni"

Copied!
12
0
0

Testo completo

(1)

I pianeti esterni I pianeti esterni

GioveGiove

SaturnoSaturno

UranoUrano

NettunoNettuno

(2)

Giove Giove

Il pianeta Giove prende il nome dal re degli dei dell'Olimpo, Giove, essendo il maggiore tra i

pianeti del nostro Sistema Solare.

La grande massa del pianeta Giove, il maggiore dei pianeti, influenza con perturbazioni di varie entità il moto di tutti gli altri pianeti e di tutti gli altri corpi del Sistema Solare ed è in grado di smembrare le comete che gli passano troppo vicino .

Evoluzione del frammento

Shoemaker-Levy 9 G La cometaShoemaker-Levy sbriciolata prima di impattare giove

L’effetto di Giove sulla cometa

(3)

Quando li osserviamo noi vediamo solo lo strato di nubi più alte della loro atmosfera.

Essa è composta per il 90% da idrogeno e per il 10% da elio (considerando il numero di atomi; se invece si considera la massa le

percentuali sono 75% e 25%) con tracce di metano, vapore acqueo, neon e acido

solfidrico.

Il tipico colore giallo ocra tendente

all'arancione è dovuto alle nubi di ammoniaca e solfuro di ammonio

(4)

La nostra conoscenza degli strati più interni di Giove e degli altri pianeti gassosi è indiretta, e tale è destinata a rimanere per lungo tempo.

Probabilmente possiede un nucleo roccioso pari ad una massa di circa 10 - 15 volte quella terrestre

Attorno a esso troviamo uno strato di idrogeno

metallico, a sua volta ricoperto ancora da idrogeno ma allo stato liquido che, grazie alla elevata

velocità di rotazione del pianeta, genera un campo magnetico dieci volte più intenso di quello della

Terra.

(5)

Su Giove come sugli altri pianeti gassosi

soffiano venti ad altissima velocità (> 600 km/h confinati all'interno di bande poste a differenti latitudini

Le bande colorate vengono chiamate zone;

quelle scure fasce

I colori sono correlati all'altitudine delle nubi: blu per le più basse, seguite da marrone, bianco e rosso per le più alte.

(6)

La Grande Macchia Rossa

La Grande Macchia Rossa (GMR) viene osservata dalla Terra da più di 300 anni

Essa è un ovale con dimensioni di circa 12.000 per 25.000 chilometri, grande abbastanza da contenere due volte la Terra.

Le osservazioni all'infrarosso e la direzione di rotazione indicano che la GMR è una regione di alta pressione le cui nubi sono molto più alte e fredde rispetto a quelle delle regioni circostanti

GMR all’infrarosso violet light (415 nm,

infrared light (757 nm

732 nm,

886 nm

(7)

Giove possiede degli anelli molto piccoli e deboli.

Anelli

Essi sono scuri e probabilmente composti da piccolissimi grani di materiale roccioso. Queste

particelle, che compiono un giro completo intorno al pianeta in 5 - 7 ore, non vi rimangono a lungo perché tendono a cadere verso la superficie di Giove.

La sonda Galileo ha scoperto che gli anelli

vengono continuamente riforniti di materia dalla polvere che si origina dall'impatto di

micrometeoriti con i quattro satelliti interni, ma anche grazie all'attività vulcanica di Io.

(8)

I satelliti

Amaltea

(9)

Callisto

(10)

Europa

(11)

Ganymede

Caldera

(12)

Io

Vulcano Pele Eruzione vulcanica

Riferimenti

Documenti correlati

Conoscendo la legge del moto F = ma, è facile dedurne che se l’accelerazione è costante per tutti i corpi in caduta, la forza attrattiva F, che identifi chiamo con forza-peso,

Abbastanza consistente sulla Terra e densissima su Venere, corpi che per le loro rispettabili dimensioni riescono a trattenere molti gas, l’atmosfera è invece molto tenue su Marte

La loro formazione viene spiegata con l’elevata disponibilità di gas che doveva essere presente nella zona in cui si sono formati all’epoca della nascita del Sistema Solare (circa

Possiamo ricostruire la forma dell’orbita sapendo che ogni orbita permessa dalle leggi di Newton e dalla forza di gravità deve avere per diagramma delle velocità.

TERRA E CLIMA Leggi, completa, studia. La Terra è uno dei pianeti del Sistema Solare. Scrivi i nomi dei pianeti, dal più vicino al più lontano dal Sole. Essa compie un movimento

dal rtotrte della divini- ta del nrarc degli inuit: e il primo piarreta a non avere un nollle lc-gato alla mitologia gre- co-rorrana. dopo i sci pianeti

atomi di sodio che sono presenti sulla superficie del pianeta e questi vengono superficie del pianeta e questi vengono.. spinti in direzione opposta al sole spinti in

La scoperta di quasi 4000 pianeti extrasolari ha portato un notevolissimo avanzamento delle no- stre conoscenze sui sistemi planetari. Comun- que, i pianeti scoperti fino ad ora,