• Non ci sono risultati.

Capitolo 1: Nel primo capitolo si accenneranno le principali caratteristiche del progetto affrontato, le quali verranno esposte minuziosamente nei capitoli successivi.

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "Capitolo 1: Nel primo capitolo si accenneranno le principali caratteristiche del progetto affrontato, le quali verranno esposte minuziosamente nei capitoli successivi. "

Copied!
2
0
0

Testo completo

(1)

INTRODUZIONE

3

INTRODUZIONE

In questo lavoro di tesi si è trattato un contesto in cui molte persone sono costrette a far fronte a causa di difficoltà fisico-motorie provvisorie o permanenti a problematiche che normalmente quotidianamente si eseguono senza pensarci. Riflettendo su questo contesto si è considerato di agevolare una delle azioni che si fanno numerose volte nel corso della giornata soprattutto se si è in casa, ovvero premere i pulsanti di un telecomando. Per cui si è scelto di progettare un dispositivo universale controllato con un comando vocale, la scelta progettuale è ricaduta su precisi requisiti:

mantenere i costi bassi per il prototipo, utilizzare un servizio open-source per il riconoscimento vocale, realizzare un’interfaccia infrarosso universale in grado di trasmettere qualunque segnale, acquisire un segnale infrarosso da un generico telecomando per utilizzarlo successivamente per device (es. TV) scelto, utilizzo di un single-board computer in grado di supportare sistemi operativi e linguaggi di programmazione open-source, infine, implementare un’interfaccia grafica su display touch-screen per agevolare l’interazione in modo intuitivo dell’utente con il dispositivo.

Capitolo 1: Nel primo capitolo si accenneranno le principali caratteristiche del progetto affrontato, le quali verranno esposte minuziosamente nei capitoli successivi.

Capitolo 2: Nel secondo capitolo verranno descritti i componenti utilizzati in questo sistema e le tecnologie utilizzate per la realizzazione del dispositivo finale.

Capitolo 3: Nel secondo capitolo si discuterà nel dettaglio dei principali

componenti elettronici dell’interfaccia InfraRed (IR), ovvero del LED (Light

Emitting Diode) che in questo caso rappresenta la parte più importante del

(2)

INTRODUZIONE

4

modulo trasmettitore non trascurando di descrivere il modulo ricevitore a infrarossi.

Capitolo 4: Nel quarto capitolo verrà esposta la progettazione dell’interfaccia IR, le simulazioni il sistema su software affinché si possa confrontare i valori teorici trovati con quelli simulati. Una volta avuto un confronto di tali dati si andrà a effettuare le misurazioni sperimentali per capire il corretto funzionamento.

Capitolo 5: Nel quinto capitolo si esporranno le funzioni della libreria LIRC (Linux Infrared Remote Control) utilizzate in questo lavoro di tesi, verrà testato il funzionamento del prototipo attraverso console. Infine, verrà introdotta l’interfaccia grafica (GUI).

Riferimenti

Documenti correlati

Più semplicemente, come hanno scritto recentemente anche Patricia Moran e Deborah Ghate (2005), dovremmo accontentarci di rilevare se la partecipazione a queste esperienze

Il trattamento delle acque reflue può avvalersi a livello tecnologico di di- verse soluzioni con il fine di purifi- care miscele a base acquosa conte- nenti sostanze organiche, sali

Around 2012, an estimated 2.8 million Moroccan migrants (i.e., first-generation, born in Morocco) were residing abroad, or 7.8 percent of the total population of the country..

When private organizations that complement public rule-making (state or international) also exercise monitoring powers some devices must be introduced like those provided

The present paper investigates the trade flows durina the late 1970's between the European Community and sixteen NICs, se­ lected primarily on the criterion of rapid

Si è stati indotti ad affrontare queste problematiche riguardante questo bacino di utenze constatando alcuni dati pubblicati nel 2015 dal Censis, secondo il quale i

L’involucro esterno della struttura è realizzato, interamente nei lati esposti a nord-ovest e sud-est e parzialmente, da terra fino ad una altezza di 4,90 ml., nel lato esposto a

Questo si è verificato in particolare nelle aree poste sulla destra del Serchio, con particolari situazioni critiche per rotte o sormonto degli argini nei bacini