• Non ci sono risultati.

LA CUFFIA DEI ROTATORI LA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA DELLA SPALLA

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "LA CUFFIA DEI ROTATORI LA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA DELLA SPALLA"

Copied!
43
0
0

Testo completo

(1)

LA CUFFIA DEI ROTATORI LA CUFFIA DEI ROTATORI

DELLA SPALLA DELLA SPALLA

PRINCIPI DI PRINCIPI DI

TRATTAMENTO TRATTAMENTO RIABILITATIVO RIABILITATIVO

POST CHIRURGICO POST CHIRURGICO

Dr.Daniela Primon

Dipartimento di Riabilitazione Dipartimento di Riabilitazione ULSS 15 ALTA PADOVANA.

ULSS 15 ALTA PADOVANA.

Tagete 1

Tagete 1--20062006

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(2)

Base di un corretto trattamento riabilitativo:

ØØ

Conoscere la funzionalità della spalla Conoscere la funzionalità della spalla prima dell’ intervento

prima dell’ intervento

ØØ

Calibrare il lavoro sulle esigenze Calibrare il lavoro sulle esigenze

specifiche sia funzionali che sportive specifiche sia funzionali che sportive

ØØ

Timing adeguato nell’inserimento Timing adeguato nell’inserimento progressivo delle richieste

progressivo delle richieste

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(3)

VALUTAZIONE FISIATRICA

ØØ

Ispezione Ispezione

ØØ

Bilancio articolare Bilancio articolare

ØØ

Valutazione della postura globale Valutazione della postura globale

ØØ

Sistematica ricerca di disturbi correlati Sistematica ricerca di disturbi correlati (Travel, Maigne)

(Travel, Maigne)

ØØ

Compliance generale del paziente alle Compliance generale del paziente alle indicazioni

indicazioni

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(4)

VALUTAZIONE FISIATRICA

Indispensabile, prima di iniziare qualsiasi Indispensabile, prima di iniziare qualsiasi

trattamento, conoscere:

trattamento, conoscere:

ØØ

la situazione clinica la situazione clinica pre pre - - operatoria operatoria

ØØ

l’entità della lesione l’entità della lesione

ØØ

i tendini interessati e la qualità dei i tendini interessati e la qualità dei tessuti

tessuti

ØØ

la tipologia dell’intervento la tipologia dell’intervento

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(5)

ATTENZIONI PARTICOLARI ATTENZIONI PARTICOLARI

ØØ

Motilità della scapola Motilità della scapola

ØØ

Trofismo muscolare Trofismo muscolare

ØØ

Funzionalità muscoli stabilizzatori Funzionalità muscoli stabilizzatori

Sovraspinoso

Sovraspinoso – bicipite –bicipite pettorale –pettorale gran dorsalegran dorsale

ØØ

Funzionalità muscoli motori Funzionalità muscoli motori

Sottospinoso

Sottospinoso – piccolo rotondo -piccolo rotondo - sottoscapolaresottoscapolare

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(6)

OBIETTIVI DEL TRATTAMENTO RIABILITATIVO POST-CHIRURGICO

ØØ Riduzione quadro Riduzione quadro infiammatorio

infiammatorio

ØØ Terapia medicaTerapia medica

Ø

Ø Terapia strumentaleTerapia strumentale

Ø

Ø RiflessoterapiaRiflessoterapia

ØØ Propriocezione e Propriocezione e coordinazione

coordinazione

ØØ Esercizi specificiEsercizi specifici

Ø

Ø Tavolette e presidi instabiliTavolette e presidi instabili

ØØ Recupero motilitàRecupero motilità

ØØ MobilizzazioneMobilizzazione

ØØ Metodiche di medicina Metodiche di medicina manuale

manuale

ØØ Recupero muscolareRecupero muscolare

ØØ Metodiche Metodiche neuromotorieneuromotorie

ØØ IsocineticaIsocinetica

ØØ Resistenza elasticaResistenza elastica

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(7)

FASI DEL TRATTAMENTO

1.1.

Recupero range articolare passivo e Recupero range articolare passivo e riduzione dolore

riduzione dolore - - infiammazione, gestione infiammazione, gestione corretta del tutore

corretta del tutore

2.2.

Recupero motilità attiva e miglioramento Recupero motilità attiva e miglioramento articolarità

articolarità e e propriocettività propriocettività , , eliminazione compensi

eliminazione compensi

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(8)

FASI DEL TRATTAMENTO

3. 3. Fase del rinforzo muscolare e Fase del rinforzo muscolare e

integrazione della funzionalità dell’arto integrazione della funzionalità dell’arto superiore nelle attività quotidiane e

superiore nelle attività quotidiane e lavorative (se non pesanti)

lavorative (se non pesanti)

4. 4. Completo recupero e utilizzo in ambito Completo recupero e utilizzo in ambito lavorativo e sportivo

lavorativo e sportivo

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(9)

TRATTAMENTI APPLICATI

TERAPIA ANTALGICA TERAPIA ANTALGICA - -

ANTINFIAMMATORIA ANTINFIAMMATORIA

ØØ CRIOTERAPIACRIOTERAPIA

ØØ LASERTERAPIALASERTERAPIA

ØØ ELETTROANALGESIAELETTROANALGESIA

ØØ ULTRASUONIULTRASUONI

ØØ RIFLESSOTERAPIARIFLESSOTERAPIA

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(10)

TRATTAMENTI APPLICATI

RECUPERO FUNZIONALITA’

RECUPERO FUNZIONALITA’

ØØ

TERAPIA MANUALE TERAPIA MANUALE

ØØ

METODICHE NEUROMOTORIE METODICHE NEUROMOTORIE

ØØ

RESISTENZE ELASTICHE RESISTENZE ELASTICHE

ØØ

ISOCINETICA ISOCINETICA

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(11)

Esercizi passivi Esercizi passivi

ØØ Permettono al paziente di Permettono al paziente di il recupero del ROM nella il recupero del ROM nella fase post intervento.

fase post intervento.

ØØ Iniziati in IIIniziati in II--III giornata, III giornata, sono eseguiti dal

sono eseguiti dal

fisioterapista, che dovrà fisioterapista, che dovrà evitare di forzare il

evitare di forzare il

movimento oltre i limiti movimento oltre i limiti consentiti dal dolore consentiti dal dolore

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(12)

Esercizi passivi

Esercizi passivi autoassistiti autoassistiti

ØØ Permettono al paziente di continuare a Permettono al paziente di continuare a

domicilio il recupero del ROM nella fase post domicilio il recupero del ROM nella fase post intervento.

intervento.

ØØ Vengono insegnati al paziente facendo molta Vengono insegnati al paziente facendo molta attenzione nell’evitare che esegua

attenzione nell’evitare che esegua

movimenti scorretti, con compenso del movimenti scorretti, con compenso del

moncone di spalla o reclutamento attivo dei moncone di spalla o reclutamento attivo dei muscoli del cingolo S.O.

muscoli del cingolo S.O.

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(13)

Esercizi pendolari di

Esercizi pendolari di Codman Codman

ØØ L’induzione del L’induzione del

movimento al braccio movimento al braccio avviene in modo

avviene in modo rigorosamente rigorosamente

passivo. Applicati ad passivo. Applicati ad inizio trattamento e inizio trattamento e come preparazione come preparazione per esercizi più

per esercizi più complessi

complessi

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(14)

Massaggio trasversale profondo Massaggio trasversale profondo

ØØ Sedativo, analgesico, Sedativo, analgesico, trofico. Mira a

trofico. Mira a

risolvere aderenze risolvere aderenze periarticolari

periarticolari e a e a stimolare la

stimolare la circolazione circolazione pericicatriziale pericicatriziale..

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(15)

Esercizi di

Esercizi di stretching stretching

ØØ Permettono il Permettono il recupero di recupero di

elasticità elasticità

muscolare e di muscolare e di

ampiezza del ampiezza del ROM.ROM.

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(16)

Esercizi di

Esercizi di stretching stretching

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(17)

Esercizi isometrici Esercizi isometrici

ØØ Permettono la Permettono la

contrazione muscolare contrazione muscolare in assenza di motilità in assenza di motilità articolare, favoriscono articolare, favoriscono l’evoluzione

l’evoluzione cicatriziale e il cicatriziale e il

recupero della forza recupero della forza

ØØ Vengono iniziati nella Vengono iniziati nella seconda fase del

seconda fase del trattamento

trattamento

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(18)

Esercizi isometrici Esercizi isometrici

ØØ Sono esercizi in Sono esercizi in

catena cinetica chiusa catena cinetica chiusa (co(co -- contrazione degli contrazione degli agonisti e antagonisti) agonisti e antagonisti)

ØØ Agiscono stabilizzando Agiscono stabilizzando la spalla e riducendo le la spalla e riducendo le forze di taglio che

forze di taglio che agiscono sulla

agiscono sulla articolazione articolazione

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(19)

ØØ Segno della Segno della elevazione del elevazione del moncone della moncone della spalla:

spalla: si ha con si ha con un deltoide forte e un deltoide forte e cuffia debole, con cuffia debole, con conseguente

conseguente

migrazione verso migrazione verso l’alto della testa l’alto della testa omerale

omerale

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(20)

Controllo posturale Controllo posturale

ØØ Esercizi complessi Esercizi complessi assistiti da presidi ed assistiti da presidi ed eseguiti allo specchio eseguiti allo specchio

ØØ Permettono il Permettono il controllo della controllo della

posizione delle spalle posizione delle spalle e del tronco

e del tronco

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(21)

Contrazione eccentrica del Contrazione eccentrica del

sovraspinoso sovraspinoso

ØØ Può essere iniziata con il Può essere iniziata con il recupero della

recupero della

elevazione della spalla elevazione della spalla a 150° sul piano

a 150° sul piano scapolare

scapolare

ØØ La graduale discesa La graduale discesa dell’arto provoca la dell’arto provoca la messa in tensione messa in tensione

progressiva delle fibre progressiva delle fibre tendinee

tendinee, favorendo una , favorendo una corretta cicatrizzazione corretta cicatrizzazione

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(22)

Esercizi di mobilizzazione della Esercizi di mobilizzazione della

scapola scapola

ØØ Eseguiti dal terapista Eseguiti dal terapista manualmente

manualmente

ØØ Permettono di Permettono di recuperare una recuperare una

corretta mobilità della corretta mobilità della scapolo

scapolo--toracica toracica difficilmente

difficilmente

eseguibile in modo eseguibile in modo attivo

attivo

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(23)

Importante che il rinforzo Importante che il rinforzo

degli stabilizzatori della degli stabilizzatori della

scapola scapola

avvenga precocemente avvenga precocemente

perché se la scapola perché se la scapola

non si retrae e adduce in non si retrae e adduce in

modo corretto si potrà modo corretto si potrà avere un impingement avere un impingement

dinamico dinamico

ESERCIZI DI STABILIZZAZIONE ESERCIZI DI STABILIZZAZIONE

DELLA SCAPOLA DELLA SCAPOLA

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(24)

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(25)

IMPORTANZA DI UN CORRETTO RITMO SCAPOLO-OMERALE

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(26)

METODICHE METODICHE

MANUALI MANUALI

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(27)

Metodica di

Metodica di Mc Mc Mennel Mennel

ØØ Tra i precursori della Tra i precursori della terapia manuale.

terapia manuale.

ØØ Mira a ridurre i blocchi Mira a ridurre i blocchi articolari da “spine articolari da “spine

irritative” ripristinando il irritative” ripristinando il fisiologico nutrimento fisiologico nutrimento cartilagineo.

cartilagineo.

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(28)

Metodica di

Metodica di Mc Mc Mennel Mennel

ØØ Viene utilizzata in Viene utilizzata in caso di rigidità

caso di rigidità articolare

articolare persistente persistente

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(29)

Metodica di

Metodica di Maitland Maitland

ØØ Altra metodica di Altra metodica di

mobilizzazione articolare, mobilizzazione articolare,

utilizza i movimenti accessori utilizza i movimenti accessori per ripristinare l’

per ripristinare l’articolaritàarticolarità ridotta a causa di retrazioni ridotta a causa di retrazioni capsulari

capsulari o legamentoseo legamentose

ØØ Si utilizzano mobilizzazioni Si utilizzano mobilizzazioni graduate delle articolazioni a graduate delle articolazioni a seconda della prevalenza di seconda della prevalenza di dolore o rigidità

dolore o rigidità

ØØ Di fondamentale importanza Di fondamentale importanza sono la posizione della

sono la posizione della

articolazione da mobilizzare, articolazione da mobilizzare, la direzione, la intensità e la la direzione, la intensità e la forza da applicare

forza da applicare

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(30)

FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE FACILITAZIONE NEUROMUSCOLARE

PROPRIOCETTIVA PROPRIOCETTIVA

ØØ E’ una metodica che migliora E’ una metodica che migliora la risposta dei meccanismi la risposta dei meccanismi neuromuscolari

neuromuscolari tramite la tramite la stimolazione dei

stimolazione dei meccanocettori meccanocettori..

ØØ Si può facilitare la risposta Si può facilitare la risposta volontaria di un muscolo volontaria di un muscolo deficitario utilizzando

deficitario utilizzando patternspatterns globali di movimento contro globali di movimento contro resistenza

resistenza

ØØ Sfruttando il principio della Sfruttando il principio della innervazione reciproca di innervazione reciproca di Sherrington

Sherrington, facilita il , facilita il rilasciamento muscolare rilasciamento muscolare

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(31)

Traiettorie complesse Traiettorie complesse

ØØ Permettono il Permettono il controllo della controllo della

posizione della spalla posizione della spalla nei vari piani dello

nei vari piani dello spazio e il possibile spazio e il possibile progressivo

progressivo inserimento di inserimento di

esercizi con difficoltà esercizi con difficoltà crescenti

crescenti

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(32)

RECUPERO RECUPERO

PROPRIOCETTIVITA’

PROPRIOCETTIVITA’

ØØ

L’apparato propriocettivo della spalla, come L’apparato propriocettivo della spalla, come quello del ginocchio, subisce dopo un

quello del ginocchio, subisce dopo un

trauma o intervento chirurgico, alterazioni trauma o intervento chirurgico, alterazioni

del controllo neuromuscolare del controllo neuromuscolare

ØØ

E’ pertanto importante inserire nel E’ pertanto importante inserire nel

programma riabilitativo esercizi per il programma riabilitativo esercizi per il

ripristino del senso cinestesico e per una ripristino del senso cinestesico e per una

stabilizzazione dinamica articolare stabilizzazione dinamica articolare

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(33)

Esercizi con superfici instabili Esercizi con superfici instabili

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(34)

Esercizi con superfici instabili Esercizi con superfici instabili

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(35)

RINFORZO RINFORZO MUSCOLARE MUSCOLARE

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(36)

Resistenza elastica Resistenza elastica

ØØ Importante nel Importante nel

recupero della forza recupero della forza muscolare e nel

muscolare e nel controllo della controllo della contrazione contrazione eccentrica eccentrica

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(37)

Resistenza elastica Resistenza elastica

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(38)

Resistenza elastica Resistenza elastica

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(39)

ESERCIZIO ISOCINETICO ESERCIZIO ISOCINETICO

ØØ La contrazione isocinetica è una contrazione La contrazione isocinetica è una contrazione dinamica che avviene a velocità angolare

dinamica che avviene a velocità angolare costante

costante

ØØ Può essere sia eccentrica che concentrica, Può essere sia eccentrica che concentrica, grazie all’utilizzo di speciali dinamometri

grazie all’utilizzo di speciali dinamometri

ØØ La contrazione che ne deriva è massimale, in La contrazione che ne deriva è massimale, in quanto se si cerca di superare la velocità

quanto se si cerca di superare la velocità preimpostata

preimpostata, la forza viene assorbita , la forza viene assorbita

dall’apparecchio e restituita sotto forma di dall’apparecchio e restituita sotto forma di resistenza

resistenza

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(40)

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(41)

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(42)

CONSIDERAZIONI CONSIDERAZIONI

CONCLUSIVE CONCLUSIVE

ØØ

E’ fondamentale adattare il trattamento E’ fondamentale adattare il trattamento alle specificità individuali sia di base

alle specificità individuali sia di base (caratteristiche della lesione e della (caratteristiche della lesione e della

riparazione) che di insorgenza successiva riparazione) che di insorgenza successiva

(controllo dei compensi, del dolore, (controllo dei compensi, del dolore,

trattamento delle retrazioni ) trattamento delle retrazioni )

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

(43)

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

ØØ

E’ sconsigliato passare alla fase E’ sconsigliato passare alla fase

successiva se non vengono raggiunti gli successiva se non vengono raggiunti gli

obiettivi precedenti obiettivi precedenti

ØØ

I risultati migliori e la risoluzione dei I risultati migliori e la risoluzione dei problemi si raggiungono solo con una problemi si raggiungono solo con una

stretta collaborazione tra chirurgo, stretta collaborazione tra chirurgo,

fisiatra e terapista fisiatra e terapista

Tagete n. 1-2006 Ed. Impronte

Riferimenti

Documenti correlati

La sindrome della spalla dolorosa e la sublussazione dell'articolazione gleno-omerale sono due complicanze dell'emiplegia che interferiscono negativamente con il

Tuttavia gran parte delle lesioni della cuffia dei rotatori (traumatiche e non) presentano 2 caratteristiche comuni: il tendine dei sovra spinato è quasi sempre la

I suoi fasci convergono verso la parte posteriore dell’ascella, passano al di sotto del muscolo grande rotondo e si incurvano a elica in modo tale che il margine superiore

The first question related to the effects of type of early childcare on social cognition: given that this was the first study to investigate such question, we relied on earlier

X is a vector of covariates which contains: household heads’ characteristics (gender, education, household income, employment status, if (s)he is impatient and strongly risk

Moreover, the stripping capability of nitric acid solutions (without the complexing agent) towards the loaded TODGA-based organic phase was checked, in order to better clarify

Ciò raf- forza il convincimento che il risultato di un modello computazionale appartenga al regno della mera probabilità: probabilità, non certezza, che il modello

Scopo del presente progetto di dottorato è stato di studiare e sperimentare una nuova forma di Motor Imagery, la Motor Imagery Dinamica (dMI), come trattamento