Adeguamento strumentale e infrastrutturale delle sedi dei CPI

Nel documento PIANO REGIONALE DI POTENZIAMENTO (pagine 44-48)

3. L A DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI PROGRAMMATI

3.4. Adeguamento strumentale e infrastrutturale delle sedi dei CPI

Come previsto dall’articolo 3, della legge 28 febbraio 1987, n. 56, è in capo ai Comuni l’onere della fornitura dei locali necessari per il funzionamento dei CPI.

Regione Liguria ha dunque provveduto a convocare i rappresentanti delle Amministrazioni sede dei Centri per l’impiego, illustrando la volontà di individuare idonee allocazioni dei CPI anche alla luce dell’imminente incremento di personale, ferma restando la disponibilità dei locali già forniti dai Comuni e ritenuti adeguati.

Per definire i requisiti necessari, dapprima sono stati classificati i CPI in base al dimensionamento e così distinti in piccoli, medi e grandi; dopodiché, sono state individuate e sottoposte agli enti stessi caratteristiche peculiari per ciascuna classe. Infine, sono state evidenziate le caratteristiche comuni necessarie a tutte le classi (sala d’attesa, sala riunioni, accesso disabili, idonei servizi igienici).

Successivamente, sono intervenute interlocuzioni separate coi singoli Comuni e sopralluoghi nei locali, attuali e potenziali, messi a disposizione dagli stessi, indicando loro le specifiche caratteristiche di cui i locali devono essere dotati al fine dell’ottimale funzionamento dei CPI.

A seguire si illustrano le singole realtà.

Resta inteso che gli interventi infrastrutturali da realizzarsi su immobili di proprietà di terzi privati e destinati a sede dei CPI non rientrano negli interventi volti al mantenimento dell’immobile in buono stato locativo (art.

1576 c.c.) ma sono strettamente connessi alle funzioni e agli standard che ai centri si vanno a richiedere.

Vigilerà l’amministrazione sulla necessità che tali interventi siano inseriti nei piani regionali solo all’esito della valutazione di opportunità e alla validazione dei revisori contabili competenti.

12 Ved. infra, §1.4.1 Assetto attuale del SIL e linee di sviluppo a breve termine.

44 Bacino territoriale di IMPERIA

Il Centro per l’Impiego di VENTIMIGLIA è ospitato in una sede di proprietà del Comune di Ventimiglia. Tali locali, in buono stato di manutenzione, possono essere mantenuti anche in vista del previsto potenziamento.

Gli interventi prospettati sono:

- manutenzione generale dei locali;

- spostamento dell’archivio in altra sede (l’attuale dovrà essere adibito a Sala collettivi);

- sostituzione della porta REI con una porta a vetri;

- spostamento armadio dati;

- realizzazione di ulteriore ufficio in zona ingresso;

- sostituzione porta ingresso con porta di esodo;

- installazione impianto di climatizzazione;

- eventuale adeguamento impianto elettrico (per le nuove postazioni) - ripristino copertura lastrico solare;

- trasloco;

- arredi.

Il Centro per l’Impiego di SANREMO è ospitato in una sede di proprietà privata, concessa in locazione al Comune di Sanremo. Tali locali dovranno essere abbandonati a causa del futuro incremento di unità di personale.

La soluzione individuata è l’uso dei locali di proprietà dell’Amministrazione sovrastanti il mercato annonario di piazza Eroi Sanremesi, in zona centrale. Gli uffici si trovano interamente al piano secondo e sono raggiungibili sia mediante scale, sia con ascensore, oltre che con rampa dal piano strada. L’edificio si presenta in discrete condizioni manutentive.

Gli interventi prospettati sono:

- manutenzione di impianti, infissi, locali, tetto, servizi igienici;

- trasloco;

- arredi.

Il Comune di Sanremo ha inoltrato a Regione Liguria bozza di contratto di comodato d’uso a titolo gratuito, attualmente al vaglio dell’ufficio contratti regionale.

Il Centro per l’Impiego di IMPERIA è ospitato in una sede di proprietà della Provincia di Imperia, in piazza Roma 2. Tali locali, in condizioni di manutenzione scadente, necessiterebbero di rilevanti interventi manutentivi ordinari e straordinari.

In un primo momento le trattative con il Comune non hanno portato alla individuazione di una sede comunale. Regione Liguria ha quindi individuato, quale possibile soluzione, l’uso di una sede di proprietà sita in viale Matteotti, comprensiva di archivi da destinarsi ai 3 CPI del ponente. Trattasi di locali già adibiti ad uffici.

Gli interventi prospettati sono:

- interventi su impianti (fra cui installazione di impianto di climatizzazione);

- lavori di tipo edile e di adeguamento al tema della prevenzione incendi (archivi);

- trasloco;

- arredi.

Recentemente il Comune di Imperia ha chiesto l’apertura di un tavolo di confronto per vagliare ipotesi ulteriori. In virtù dell’art. 3 della legge 28 febbraio 1987 n. 56, si ritiene necessaria la valutazione delle proposte che perverranno dall’Ente, ribadendo l’assoluta urgenza della situazione.

45 Bacino territoriale di SAVONA

Il Centro per l’Impiego di ALBENGA è ospitato in una sede di proprietà comunale. In vista del futuro incremento di unità di personale, la sede potrà essere ancora utilizzata a seguito di alcuni interventi di riorganizzazione degli spazi attuali e utilizzo di locali ad oggi destinati ad altri enti.

L’unità immobiliare è collocata presso il Condominio Albenga 2000, adiacente all’ingresso del centro commerciale “Le Serre”. Il complesso è stato inaugurato nel 1993 e successivamente ampliato nel 2010. Il Centro per l’Impiego occupa una porzione del primo piano in condivisione con INPS.

Sono destinate al Centro per l’impiego n. 14 stanze adibite ad uffici, l’atrio (tranne un piccolo spazio in uso a INPS), il locale di deposito e l’archivio.

Gli interventi prospettati sono:

- riorganizzazione generale degli uffici (spostamenti e razionalizzazioni);

- spostamento dell’archivio ad altra sede;

- apertura nuova porta;

- installazione paratie;

- acquisizione di altre stanze assegnate dal Comune;

- implementazione impianti e arredi.

Il Comune ha inoltrato a Regione Liguria bozza di comodato d’uso, attualmente al vaglio dell’ufficio contratti regionale.

Il Centro per l’Impiego di SAVONA è ospitato in una sede di proprietà dell’Ente Scuola Edile, i cui locali sono concessi in locazione al Comune di Savona. Gli spazi attualmente in uso non sono sufficienti; è stata così individuata, quale soluzione, la locazione da parte del Comune stesso, in aggiunta agli attuali locali, anche di quelli siti al primo e secondo piano. L’unità immobiliare ha un accesso indipendente da area esterna carrabile.

L’edificio è stato costruito nel 1967.

Gli interventi prospettati sono:

- adeguamento dei locali alle funzioni e agli standard richiesti ai CPI;

- cablaggi rete dati;

- trasloco;

- piccola manutenzione generale edile;

- implementazione impianto elettrico;

- arredi;

- eventuale installazione impianto di condizionamento.

Il Comune di Savona ha chiesto la planimetria delle nuove aree e ha in corso contatti con l’Ente proprietario dell’immobile.

Il centro per l’impiego di CARCARE è ospitato in una sede di proprietà di INAIL in locazione al Comune di Carcare. Tali locali non sono idonei poiché di dimensioni non sufficienti. Di conseguenza, sono stati individuati dall’Amministrazione altri locali di proprietà di Ca.Ri.Ge. Immobiliare. Gli stessi si trovano al primo piano (eventualmente da destinarsi a magazzini e archivi, quale possibile alternativa ad archivio di Savona) e secondo piano (eventualmente da destinarsi agli uffici) di un edificio degli anni ’90. I locali erano adibiti ad uffici per l’INPS. Sono quindi da ritenersi già idonei per le necessità del Centro per l’Impiego.

Gli interventi prospettati sono:

- impianto di riscaldamento e raffrescamento;

46 - illuminazione di emergenza;

- Server e RACK dati.

Sono in corso le trattative tra Comune di Carcare e Regione Liguria per concordare gli estremi della locazione e il relativo canone.

Bacino territoriale di GENOVA

I Centri per l’impiego dell’AREA METROPOLITANA DI GENOVA sono quattro:

1. CPI di via Cesarea;

2. CPI Val Polcevera, sito in via Teglia 8;

3. CPI Cornigliano, sito in via Muratori 7;

4. CPI Val Bisagno, sito in via Adamoli 3B.

Inizialmente, a seguito di confronto con il Comune, aveva preso corpo l’ipotesi di un unico centro presso la sede di uno stabile di proprietà comunale, in zona centrale. Tuttavia, questa prospettazione è venuta successivamente meno.

Sono dunque attualmente al vaglio interlocuzioni tra i due Enti territoriali al fine di individuare sedi comunali alternative ed idonee in vista dell’incremento da apportare con il Potenziamento. Laddove non vi fosse una tale disponibilità, Regione Liguria sta valutando, tramite i propri uffici tecnici, la possibilità di restaurare e manutenere le sedi esistenti. Fa eccezione il CPI Val Polcevera, la cui sede è ad ogni modo inadeguata e per la quale occorre, quindi, o individuare altri locali di disponibilità comunale, o rivolgersi al mercato.

Il centro per l’impiego di CHIAVARI, una volta a regime, sarà ubicato in 2 differenti locali, siti rispettivamente in Viale Millo 13 A e B (già utilizzati dal CPI e concessi in locazione al Comune da un privato) e in Corso De Michiel 79 (ex tribunale) di proprietà del Comune di Chiavari.

Sono di seguito riportate le descrizioni degli interventi relativi alle 2 sedi individuate.

Sede di Viale Millo:

- manutenzione ordinaria infissi, impianti da manutenere, manutenzione edile;

- arredi;

- traslochi.

Sede di Corso De Michiel:

- installazione portone di separazione dei locali dedicati al cpi;

- rete dati;

- arredi;

- traslochi.

Dopo diverse riunioni operative, si attende di ricevere bozza di contratto di comodato d’uso dal Comune.

Bacino territoriale di LA SPEZIA

L’unità immobiliare, di proprietà del Comune, in cui è attualmente sito il Centro per l’Impiego di SPEZIA è collocata al piano terreno di un condominio ad uso di civile abitazione ed è stata recentemente ristrutturata.

Il Centro per l’Impiego di Spezia è così provvisto di n. 2 uscite di emergenza, a norma, con porta vetrata e maniglione antipanico. Oltre agli uffici sono presenti: n. 1 sala riunioni (capacità circa 20 persone), n. 1 sala d’attesa (capacità circa 20 persone), n. 1 locale tecnico in cortile esterno di proprietà, n. 1 archivio e servizi igienici di cui uno per disabili. L’attuale immobile, però, risulta inadeguato per carenza di spazio.

L’immobile alternativo proposto dal Comune di La Spezia è la c.d. Palazzina delle Armi, sita in Viale Amendola 185. L’unità immobiliare è collocata al piano terreno di un edificio isolato. Attualmente è di proprietà

47 demaniale e risulta essere un bene vincolato. La complessità dell’iter di passaggio di proprietà al Comune, unita all’onerosità e ai tempi necessari per una adeguata ristrutturazione inducono a valutare l’ipotesi di ricerca di un immobile sul mercato.

Il Centro per l’Impiego di SARZANA è ospitato in una sede di proprietà del Comune di Sarzana. Tali locali, in condizioni di manutenzione sufficiente, sono di dimensioni non idonee ad ospitare tutto il personale previsto.

Sono state individuate soluzioni alternative proposte dal Comune. Quella ritenuta ad oggi come maggiormente idonea è relativa ai locali siti in piazza Militari Italiani Caduti in missione di pace. L’unità immobiliare, di proprietà di ARTE, è collocata al piano terreno e primo di un condominio ad uso uffici e civile abitazione. Attualmente le unità immobiliari proposte sono al grezzo con i soli impianti di base (colonne di scarico fognario e bagni).

Nel documento PIANO REGIONALE DI POTENZIAMENTO (pagine 44-48)