Art. 25 Le aree a prevalente funzione agricola

Nel documento COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO URBANISTICO (pagine 47-53)

1. Le aree a prevalente funzione agricola sono individuate nella tav. AG02-Uso agricolo del suolo del quadro conoscitivo del PS.

2. Gli interventi in queste aree, riportate nella tav. AG02, sono tesi alla manutenzione e valorizzazione del ruolo agricolo.

3. Tutti gli interventi sul patrimonio edilizio esistente devono avere come fine quello della salvaguardia delle caratteristiche tipologiche, in particolar modo per i fabbricati che ricadono nell’elenco dell’edilizia rurale significativa (vedi schede delle invarianti strutturali).

Nell’esecuzione di interventi edilizi e anche nel caso di cambio d’uso in assenza di opere edilizie, oltre al rispetto dei vincoli di qualsiasi natura si dovrà osservare le disposizioni nazionali e regionali in materia di difesa dal rischio idraulico e tutela dei corsi d’acqua.

4. All’interno di queste aree, sono ammesse le seguenti attività, destinazioni d’uso ed interventi:

 la coltivazione dei terreni

 la selvicoltura

 allevamenti che non costituiscono, per entità e qualità compromissione dell’ambiente agricolo circostante ;

 l’attività di conservazione e trasformazione dei prodotti agricoli

 attività in edifici esistenti connesse alle varie tipologie produttive della tradizione locale (vendita prodotti tipici e beni di artigianato artistico, attività di servizio alla valorizzazione turistica del territorio, ecc.);

 attività culturali, didattiche, ricreative per il tempo libero;

 interventi pubblici o di interesse pubblico, ivi compresi gli interventi finalizzati a promuovere la produzione di energie da fonti rinnovabili;

 la residenza agricola;

 la residenza di soggetti non impegnati nell’agricoltura con recupero del patrimonio edilizio esistente, anche con interventi di addizione funzionale agli organismi edilizi, nel limite del 20 per cento del volume esistente e per una superficie utile massima non superiore a 30 mq e a mq 15 di superficie accessoria fuori terra, oltre ad eventuali volumi interrarti come disciplinati dal regolamento edilizio, sempreché non si configurino nuovi organismi edilizi; per le due terminologie utilizzate nel R.U. “superficie utile “ e “superficie accessoria” si dovrà far riferimento alle definizioni tecniche riportate nell’allegato “B” del Regolamento Edilizio.

Sono ammessi interventi di cohousing.

 ogni altra attività per la quale venga dimostrata la compatibilità con l’ambiente rurale e l’utilizzazione del territorio attraverso il recupero e la riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, anche con interventi di addizioni funzionali che non configurino nuovi organismi edilizi nel limite del 20% del volume esistente e per un superficie utile massima di 30 mq.

 le addizioni funzionali dovranno risultare localizzate tenuto conto della specificità del fabbricato; per la verifica dell’altezza, fatto salvo quanto annotato al punto seguente, è ammessa la sopraelevazione di un solo piano rispetto all’esistente.

 per i fabbricati che ricadono nel catalogo dell’edilizia rurale significativa per ogni intervento edilizio si dovrà, per la verifica della fattibilità del progetto, consultare l’allegato al R.U.

relativo alle “schede delle invarianti strutturali” dove sono segnalati i caratteri e le emergenze architettoniche da salvaguardare, modalità e limitazioni.

 Per utilizzazioni compatibili vengono individuate le seguenti attività:

- abitazioni ordinarie;

- abitazioni specialistiche;

- artigianato di produzione e vendita di beni artistici, connesso con le abitazioni dell’operatore;

- attività commerciali di vicinato che interessano esclusivamente la vendita di prodotti per l’agricoltura ed il tempo libero e prodotti tipici;

- studi professionali;

- sedi espositive;

- strutture associative;

- sale da ritrovo e da gioco;

- attività turistico ricettive;

- spazi per attività culturali;

 ogni forma di agriturismo, turismo verde e ricettività connesse;

 impianti per attività equestri di maneggio, secondo le disposizioni stabilite dalle presenti norme;

 l’attività di ristorazione nel patrimonio edilizio esistente fino ad un max di 120 coperti; nella somministrazione di cibi e bevande dovranno essere utilizzati prodotti enogastronomici toscani almeno per il 70%;

Per le aziende agrituristiche l’ attività di ristorazione è disciplinata dalla normativa di settore.

 le attività legate al tempo libero e allo sport, le attività didattiche e culturali (escursionismo, senti eristica, ippovie, manifestazioni culturali e sportive), anche con l’ausilio di strutture temporanee legate alla durata della manifestazione o dell’attività, previa presentazione di un progetto che dimostri la necessità della loro realizzazione e supporti la dimensione plano volumetrica proposta;

 il sistema di mobilità ciclabile e pedonale legate anche alla valorizzazione dei percorsi

 le attività in edifici esistenti connesse ed integrate con l’agricoltura o compatibili con l’assetto dell’area agricola;

 le destinazioni ad uso pubblico;

 gli interventi pubblici e di interesse pubblico, ivi compresi gli interventi finalizzati a promuovere le energie rinnovabili;

 la conservazione, la manutenzione o il ripristino della rete idrica e di canalizzazione del sistema delle acque al fine di prevenire esondazioni o il ristagno delle acque;

 tutti gli interventi che concorrano alla salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio e alla prevenzione e al recupero del degrado ambientale;

5. Per l’allevamento intensivo di conigli esistente in località Tegolaia è consentito, per le finalità dell’art. 41 comma 7 della L.R. 1/2005 e dell’art. 5 comma 1 del regolamento di attuazione 5R, l’ampliamento una-tantum degli annessi destinati all’allevamento per un max del 20% delle volumetrie esistenti.

6. Nel territorio agricolo, all’esterno delle due UTA, sono consentiti interventi di ricettività per un numero di posti letto come indicati nel dimensionamento del Regolamento Urbanistico. Da tale dimensionamento sono esclusi gli interventi a carattere agrituristico.

7. Il PAPMAA è lo strumento attraverso il quale l’azienda agricola, in funzione delle proprie esigenze di sviluppo, programma per la propria attività colturale e gli interventi edilizi necessari alla conduzione dei fondi.

Il PAPMAA in territorio agricolo ha valore di piano attuativo qualora preveda la realizzazione di nuove abitazioni rurali o a carattere agrituristico per una volumetria complessiva superiore a 600 mc mediante interventi di nuova edificazione, di trasferimenti di volumetria o di ristrutturazione urbanistica nonché per interventi di realizzazione di nuovi annessi per una superficie d calpestio superiore a 1000 mq.

8. Per gli interventi sul p.e.e. in zone agricole e per i PAPMAA si richiamano integralmente le disposizioni contenute:

- nella LRT 65/2014 (titolo IV capo III disposizioni per il territorio rurale) - nel PTCP di Pisa.

9. Per quanto riguarda gli interventi di deruralizzazione e di costruzione di nuovi edifici rurali ad uso abitativo si richiamano le prescrizioni contenute nell’articolo precedente delle presenti NTA. Per annessi agricoli, manufatti per l’agricoltura amatoriale, manufatti pertinenziali o autonomi e serre si fa rinvio all’art 20.

10. Per quanto riguarda le “Normative speciali di ambito agricolo”, riportate nello stato di attuazione del PRG all’interno della Relazione del P.S. vigente, queste vengono confermate, adeguate e riportate negli specifici ambiti agricoli in cui ricadono gli immobili.

11. In riferimento alle recinzioni, si veda l’apposita disposizione contenuta nelle seguenti norme tecniche di attuazione e nel regolamento di polizia rurale.

12. Gli edifici che mutano la destinazione d’uso agricola sono computati ai fini del dimensionamento del RU, che prevede 60 alloggi.

In tutti i casi di restauro, ristrutturazione edilizia, di ampliamento e di sostituzione edilizia di fabbricati principali che comportino l’inserimento di alloggi o un numero di alloggi superiori a quelli esistenti, la superficie utile dei nuovi alloggi (fabbricato non precedentemente utilizzato per scopo residenziale) o degli ulteriori alloggi (fabbricato precedentemente utilizzato in tutto od in parte per l’ uso residenziale) non dovrà risultare inferiore ad 85 mq .

Si potrà derogare a quanto sopra nel caso in cui, mediante gli interventi edilizi sopra indicati, si producano residenze da destinare alle esigenze dei proprietari o del nucleo familiare dei proprietari;

tale finalità verrà garantita nelle forme appositamente stabilite dall’A.C.. Ugualmente potrà essere derogato, se gli interventi edilizi rientrano in un PAPMAA o sono destinati al cohousing.

Quanto sopra stabilito si applica anche nel territorio agricolo a prevalente funzione agricola compreso nelle UTA e nelle UTOE.

I posti letto per le attività ricettive sono riportati nel dimensionamento del R.U.

13. Nel territorio agricolo, anche interno ad UTE ed UTOE, risultano catalogati i fabbricati di edilizia rurale significativa; per ogni intervento edilizio ed in particolare per quelli di ristrutturazione, si dovrà consultare Il documento allegato al RU relativo alle “schede delle invarianti strutturali” dove sono segnalati i caratteri e le emergenze architettoniche da salvaguardare, modalità e limitazioni.

Per il patrimonio edilizio esistente con destinazione d’uso non agricola (o che mutano la destinazione d’uso agricola) sono consentiti interventi fino alla ristrutturazione edilizia, anche con interventi di addizione funzionale agli organismi edilizi, nei limiti e secondo disciplina indicati al comma 4.

Per i fabbricati che non risultano catalogati nell’elenco dell’edilizia rurale significativa e che, comunque, risultano essere stati costruiti successivamente al catasto d’impianto, sono ammessi interventi fino alla sostituzione edilizia.

La sostituzione edilizia dei fabbricati principali è consentita con incremento volumetrico del 30% del volume esistente ed eventuale accorpamento di volumi secondari provenienti da demolizioni di manufatti edilizi esistenti incongrui e/o privi di valore formale (vedi sottostante disciplina relativa a demolizione e riorganizzazione volumi secondari), nel rispetto dell’indice di permeabilità dei suoli, delle distanze regolamentari e dell’altezza massima pari a mt 6,50; è ammesso l’aumento delle unità immobiliari; per interventi di sostituzione edilizia che prevedono l’inserimento di alloggi o l’aumento del numero degli alloggi si dovrà rispettare le condizioni e le superfici previste al comma 12; ogni intervento è subordinato, oltre ad una dimensione del lotto che consenta le verifiche sopraindicate, alla verifica urbanistica prevista per le nuove costruzioni in materia di parcheggio privato, nonché alla verifica del grado di urbanizzazione primaria presente, ovvero all’assunzione da parte della proprietà dell’immobile della spesa per l’approvvigionamento idropotabile, per lo smaltimento delle acque reflue e meteoriche e per gli altri servizi pubblici a rete.

Per interventi di cohousing si fa rinvio all’art 54.

E’ ammesso, altresì, intervenire con la ristrutturazione edilizia ricostruttiva e/o la sostituzione edilizia di volumi secondari e/ o fabbricati esistenti pertinenziali incongrui o privi di valore formale (es box, baracche, annessi, etc), purché se ne possa dimostrare la legittimità edilizia e purchè si dimostri, mediante apposita relazione, rilievi e altra idonea documentazione, che le caratteristiche costruttive dell’immobile siano scarsamente rappresentative delle tipologie storiche rappresentative del consolidato locale; l’intervento di sostituzione edilizia può prevedere l’accorpamento a fabbricati principali o l’autonomia dei volumi sostituiti.

 In ambedue i casi è prevista la possibilità di un incremento della volumetria esistente (indipendemente dal numero dei manufatti da demolire) non superiore a 30 mq di superficie utile, oltre a mq 15 di superficie accessoria fuori terra e ad eventuali volumi interrarti come disciplinati dal regolamento edilizio; per le due terminologie utilizzate nel R.U. “superficie utile

“ e “superficie accessoria” si dovrà far riferimento alle definizioni di “su “ ed “snr” tecniche riportate nell’allegato “B” del Regolamento Edilizio. L’Amministrazione Comunale provvederà a ridefinire il carico urbanistico degli interventi sia in caso di ristrutturazione edilizia ricostruttiva che per quelli di sostituzione edilizia per l’adeguamento delle tabelle parametriche che definiscono gli oneri di urbanizzazione alle nuove definizioni.

Ogni intervento dovrà essere accompagnato da una dettagliata relazione tecnico-ambientale che dimostri la compatibilità del nuovo fabbricato (ovvero l’accorpamento volumetrico al fabbricato principale) con l’ambito di riferimento.

Gli interventi di sostituzione edilizia di cui sopra sono subordinati a prevedere:

a) la demolizione di tutti i manufatti edilizi regolarmente condonati o autorizzati, incongrui o impropri, che ricadono sul terreno di proprietà, ancorchè provenienti da fondi non contigui;

b) adeguamenti ai distacchi minimi previsti nel R.E. da confini, fabbricati e strade e verifica della permeabilità dei suoli;

c) rispetto della Legge 64/74 (normativa antisismica);

d) altezze massima mt. 6,50;

Gli interventi di sostituzione edilizia per l’uso residenziale sono condizionati:

a) alla verifica della disponibilità di alloggi, nel numero massimo previsto nel dimensionamento del R.U. per finalità di osservatorio ;

b) alla verifica del grado di urbanizzazione primaria presente nell’ambito, ovvero all’assunzione da parte della proprietà dell’immobile della spesa per l’approvvigionamento idropotabile, per il sistema di smaltimento delle acque reflue e meteoriche e per gli altri servizi pubblici a rete.

c) alla seguente verifica: la percentuale di volumetria di tutti i manufatti edilizi che ricadono sul terreno di proprietà da demolire che potrà essere utilizzata per residenza non potrà portare ad un numero di alloggi superiori ad uno; le eventuali volumetrie residue potranno essere utilizzate per le destinazioni d’uso consentite nella zona.

Per tutti gli interventi di sostituzione edilizia si dovrà evitare, nella ricostruzione, le tipologie insediative riconducibili alle lottizzazioni e, fermo restando l’adeguatezza delle reti di urbanizzazione, non si dovranno determinare modificazioni del disegno dei lotti, degli isolati, della rete stradale.

Per tutti gli interventi di sostituzione edilizia che prevedono uno spostamento sul terreno di proprietà non ascrivibile all’interno di un raggio di mt 10 il progetto sarà sottoposto all’esame della commissione comunale del paesaggio per le valutazioni di natura ambientale e verifica della non interferenza con gli elementi delle invarianti strutturali; il proprietario può proporre lo spostamento delle nuove volumetrie all’interno di fondi di sua proprietà entro un raggio di 350 metri; le strade

pubbliche o di uso pubblico che spezzano la contiguità delle particelle catastali di terreni di uno stesso proprietario non verranno considerate interruzione del fondo agricolo di riferimento sul quale può avvenire lo spostamento volumetrico.

La disciplina del presente articolo, fatto salvo specifica disciplina più favorevole di ambito, trova applicazione anche nel territorio agricolo a prevalente funzione agricola ricadente nelle UTA e nelle UTOE.

Per quanto non espressamente disciplinato, in particolare per interventi sul patrimonio edilizio con destinazione d’uso agricola si farà riferimento alla normativa regionale e provinciale di settore.

Nel documento COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO URBANISTICO (pagine 47-53)