Capitolo 5 Crowdfunding: finanziamento e fan engagement

5.3 Crowdfunding e industria discografica

L’avvento di internet, ma soprattutto del web 2.0., sta dando la possibilità ai musicisti di scavalcare uno dei gatekeeper fondamentali nel processo di creazione di nuova musica: la casa discografica.

Infatti, grazie a una fan-base sempre più coinvolta e attiva, i musicisti possono utilizzare il crowdfunding per saltare quel passaggio obbligato di funding che solo un’entità come la casa discografica può sostenere. Secondo Ordanini e al. le piattaforme di crowdfunding possono influenzare significativamente la struttura dell’industria, soprattutto in relazione agli intermediari, nel caso specifico le case discografiche. La piattaforma va quindi a sostituire l’intermediario-casa discografica.

L’assenza di una casa discografica, se da un lato sposta il rischio nella sua interezza verso l’artista, dall’altro permette a quest’ultimo una totale libertà d’azione soprattutto

119 PR Newswire ”Crowdfunding Market Grows 81% in 2012: Crowdfunding Platforms Raise

$2.7 Billion and Fund More Than One Million Campaigns, Finds Research Firm Massolution®” -

http://www.prnewswire.com/news-releases/crowdfunding-market-grows-81-in-2012- crowdfunding-platforms-raise-27-billion-and-fund-more-than-one-million-campaigns-finds- research-firm-massolution-201911701.html Accesso 25 marzo 2014

nella fase creativa del processo. Viene meno infatti la necessità dell’etichetta discografica di avere un contenuto / prodotto musicale che possa generare del profitto, parte essenziale del processo economico di un’azienda, ma che non sempre combacia con le necessità creative dell’artista, per il quale il lato economico può essere o non essere parte fondamentale della sua attività. Con questo non si vuole in nessun modo demonizzare la legittima ricerca di profitto da parte degli intermediari e delle case discografiche, ma questo, soprattutto in un momento di crisi sia economica sia di settore, spinge le etichette a scegliere di investire su prodotti musicali “sicuri”, di facile appeal verso il pubblico, senza lasciare spazio a progetti più innovativi e quindi rischiosi. Il profitto e i prodotti mainstream hanno sempre fatto parte del business discografico, ma se in un momento florido come quello degli anni ’80-’90 un’uscita discografica di successo poteva pareggiare le perdite di altri progetti più rischiosi, ora l’obiettivo è di massimizzare il valore di pochi ma sicuri progetti. In un normale contratto con un’etichetta discografica, l’etichetta raggiunge il punto di break even prima di pagare all’artista le royalties generate dalle vendite. Purtroppo non è sempre ben chiaro quale sia il punto di pareggio e quindi manca, per l’artista, la trasparenza sui propri ricavi. I costi sostenuti dalla casa discografica sono basati su una modalità di budgeting che richiama un approccio top-down basato su previsioni e confronti che possono poi rivelarsi corretti o meno. Al contrario, gli artisti che utilizzano il crowdfunding, utilizzano un approccio bottom-up in fase di budgeting. Sono loro stessi a determinare quanto costerà produrre l’album, saranno loro stessi a pagare le reward ai pledgers, si finanzieranno il tour e gestiranno il merchandise.

Permane la necessità di raggiungere il punto di break-even che può diventare:

- l’obiettivo di finanziamento (nel caso in cui la campagna copra tutti i costi legati al progetto);

- Il budget stabilito dall’artista che può comprendere, oltre all’obiettivo di finanziamento, anche un investimento diretto.

Questo non toglie che l’artista possa comunque puntare alla generazione di profitto, necessaria per evolvere la propria carriera. Il crowdfunding in questo senso sposta il

rischio d’impresa dalla casa discografica, all’artista stesso e ai fans i quali possono premiare direttamente la qualità del progetto, in qualche modo in una relazione diretta che abbiamo già incontrato nel meccanismo di royalty-per-play dello streaming.

Aldilà della questione puramente finanziaria, il crowdfunding è rilevante anche perchè si caratterizza per la partecipazione dei fans nel processo creativo. I fans diventano ruolo attivo non solo nella fase di finanziamento come vedremo poi soprattutto nel caso di PledgeMusic.

Nei progetti musicali, il sistema maggiormente utilizzato di crowdfunding è quello reward-based. In questo modo l’artista finanzia il proprio progetto con una serie di ricompense che vanno a colpire diverse fasce di fan.

Nella classica campagna, ad esempio di finanziamento di un nuovo album, troveremo la pre-vendita dell’album (in digitale o in formato fisico), con un prezzo che normalmente si aggira attorno ai $10,00. Da questa reward, solitamente la più bassa in termini di valore, l’artista propone poi una serie di varianti dello stesso contenuto, adottando una tecnica di versioning di prodotto (es: vinile colorato, CD autografato), fino ad arrivare a bundle di più prodotti (es: nuovo album in aggiunta a release più datate, memorabilia, t- shirt) per poi sfociare in rewards molto più esclusive che solitamente comprendono un contatto diretto tra artista e fans (es: chiamata via skype, meet’n’greet con gli artisti). Analizzeremo successivamente il dettaglio di una recente campagna. E’ interessante a questo proposito il punto di vista di Kim Boekbinder: “Quando scegliamo quale ammontare di denaro pagare, stiamo valutando attivamente l’arte e il nostro stesso tempo. Quando contribuiamo a un progetto di crowdfunding stiamo utilizzando il nostro denaro per fare ben di più che comprare un oggetto, stiamo usando il nostro denaro per creare qualcosa di nuovo nel mondo”120.

Quello però che spesso rende attraente la partecipazione attiva ad una campagna di crowdfunding musicale, è la possibilità di accedere a contenuti esclusivi. Si sorpassa così in qualche modo la dimensione di pre-ordine, dando la possibilità ai fans di poter

120Boekbinder, K. “Money Sells - Why Pay for art when it’s free?” - Medium.com - https://

ascoltare e/o visionare nuovi contenuti relativi al progetto in corso di lavorazione. Non solo, i fans che contribuiscono alla campagna sono spesso chiamati a contribuire al progetto stesso, ad esempio creando nuovi contenuti (es: le foto dei fans faranno parte del booklet dell’album) o partecipando alle scelte artistiche legate al progetto. Fondamentale per la riuscita del progetto è la capacità dell’artista di coinvolgere attivamente la propria fan base, riuscendo a raccontare il proprio progetto adottando tecniche di storytelling.

E’ evidente a questo punto che le campagne di crowdfunding non si rivolgano al segmento di consumatori di musica passivi, ma piuttosto alle categorie di fans e soprattutto di super fans: i cosiddetti “1000 true fans” definiti da Kelly. Benji Rogers , fondatore di Pledge Music, a tal proposito ha dichiarato: “L’investimento chiave è quello che viene fatto in ciò che fanno i superfans. Il come possano investire nelle carriere degli artisti, non necessariamente per un ritorno, ma semplicemente per partecipare; le nicchie che erano piccole e difficili da individuare ora crescono, crescono e crescono”121.

Il crowdfunding comunque inizia a non essere più solo un fenomeno per artisti indies e autoprodotti: anche le major infatti iniziano ad accorgersene. Un esempio è la recente partnership instaurata tra Island Records (etichetta di Universal Music Group) e la piattaforma Indiegogo che ha dato vita a “Fan Republic”, una collaborazione unica nel suo genere, con l’obiettivo di fornire supporto alla scoperta di talenti emergenti.

“Fan Republic” è una piattaforma di crowdfunding che farà parte del mondo Island Records, la quale fornirà supporto e premi agli artisti che riusciranno a raggiungere i propri obiettivi di finanziamento. Tra questi premi, sarà inclusa anche la possibilità di stipulare un contratto con l’etichetta, ma anche sconti e prezzi agevolati sui servizi offerti dalla casa discografica. Secondo Todd Kerns, bassista della band Slash feat.

121 Dredge, S. “Investing in music: crowdfunding, brands and more” - 2 Febbraio 2014 - musically.com - http://musically.com/2014/02/02/investing-in-music-crowdfunding-brands-and- more-midem/ Accesso 8 marzo 2014

Myles Kennedy and the Conspirators, “le majors hanno già adottato numerose pratiche indie. Penso che dovrebbero riflettere seriamente un po’ su questi nuovi modelli”122.

Nel panorama delle diverse piattaforme di crowdfunding, le più importanti per il mercato musicale sono comunque PledgeMusic, Kickstarter ma anche l’italiana MusicRaiser senza dimenticarsi di Artistshare, antenato del crowdfunding.

5.4 Le principali piattaforme

Nel documento Nuovi modelli di ricavo e segmentazione nell’industria discografica: distribuzione digitale e crowdfunding (pagine 136-140)