• Non ci sono risultati.

François de Paule Latapie, Éphémérides romaines. 24 mars - 24 octobre 1775, édition critique par Gilles Montegre, Paris, Classiques Garnier, 2017

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "François de Paule Latapie, Éphémérides romaines. 24 mars - 24 octobre 1775, édition critique par Gilles Montegre, Paris, Classiques Garnier, 2017"

Copied!
3
0
0

Testo completo

(1)

Bibliothecae.it, 7 (2018), 1, 454-456 DOI <10.6092/issn.2283-9364/8489> François de Paule lataPie, Éphémérides romaines. 24 mars - 24 oc-tobre 1775, édition critique par Gilles Montègre, Paris, Classiques Garnier, 2017, 576 p., ISBN 978-2-406-06296-7, € 49.

Non sempre i titoli delle opere odeporiche sono espliciti nel di-chiarare la loro appartenenza al contesto letterario del viaggio; è il caso delle Éphémérides scritte del botanista François de Paule Latapie (1739-1823), che giunse in Italia da Bordeaux nel 1774 con l’obiettivo principale di recarsi a Pompei per curiosità archeologiche. In Italia Latapie venne spesso guidato e indirizzato dal cardinale François de Bernis, ambasciatore di Francia presso la Santa Sede, grande mediato-re culturale, e per i viaggiatori stranieri pmediato-reziosa fonte di contatti con le personalità scientifiche della città. Latapie ripartì poi nel 1777 por-tando con se indietro le Éphémérides, quattordici piccoli libri consi-stenti in 764 pagine manoscritte. Si trattava del giornale di viaggio che Latapie aveva steso giorno per giorno, annotandovi ciò che vedeva e registrandovi in forma indiretta le conversazioni scambiate con i suoi compagni di viaggio, e con altri interlocutori incontrati nel Bel paese da artisti e diplomatici, a eruditi e religiosi.

La pratica di registrare in forma scritta un’esperienza odeporica, ritenendo tale redazione formativa e vantaggiosa per se e per chi in futuro avrebbe letto quelle pagine, aveva origini precedenti, ma si diffuse e consolidò nel secolo dei lumi, acquisendo una cura e una sistematicità particolari. Il viaggio veniva così associato ad un

(2)

contri-455

Bibliothecae.it 7 (2018), 1, 455-456

buto alla conoscenza piuttosto che ad un semplice esercizio retorico di godimento culturale. Per un approfondimento, con occhio puntato su biblioteche e raccolte librarie, si veda il nostro recente Viaggi tra i libri. Le biblioteche italiane nella letteratura di viaggio in Italia. Mila-no, Fabrizio Serra Editore, 2018, che in particolare di Latapie tratta alle p. 50, 271-219.

Latapie era un républicain des lettres e un uomo di scienza contem-poraneo della Encyclopédie, pertanto si interessò tanto alla scienza, che alla archeologia e a tutti i relativi ambiti antiquari affini ad essi, ritenendo che il miele del sapere si componesse di ogni nettare di co-noscenza.

Il manoscritto delle Éphémérides è restato per lungo tempo inedi-to, conservato nell’archivio privato della famiglia Latapie; ora risulta finalmente pubblicato nel volume che qui si segnala per l’edizione cri-tica di Gilles Montègre, che del personaggio si già si era ripetutamente occupato, annunciando questo lavoro di trascrizione e anticipandone alcune valutazioni. Ci si riferisce in particolare ai contributi: François de Paule Latapie, un savant voyageur français au cœur de la Rome des lumières, «Mélanges de l’École française de Rome», 117 (2005), 1, p. 371-422; Science et archéologie au siècle des Lumières: Pompéi et la vi-sion de l’antique dans les Ephémérides du naturaliste François de Paule Latapie, in Du voyage savant aux territoires de l’archéologie. Voya-geurs, amateurs et savants à l’origine de l’archéologie moderne, édition par Manuel Royo, Martine Denoyelle, Paris, De Boccard, 2011, p. 127-148; e infine Voyage et entrée en communication à l’époque des Lumières. La correspondance italienne de François de Paule Latapie, in Beaurepaire Pierre-Yves, Héloïse Hermant, Entrer en communication de l’âge classique aux Lumières, Paris, Classiques Garnier, 2012, p. 219-240. Di tali memorie odeporiche di Latapie già prima aveva forni-to notizia Gilles Bertrand nel volume da lui pubblicaforni-to Le Grand Tour revisité. Pour une archéologie du Tourisme: le voyage des Français en Italie (milieu xviiie siècle-début xixe siècle), Roma, École Française de

(3)

456

Bibliothecae.it 7 (2018), 1, 456-456

Il volume di Montègre offre ora le Éphémérides “romane” (ossia relative al suo soggiorno a Roma dal 24 marzo fino al 24 ottobre), trascritte e corredate da una introduzione (p. 9-56) nella quale vie-ne presentata la figura del botanico e erudito francese entrando vie-nella intimità – Montègre usa proprio questo termine – dell’erudito come viaggiatore e del viaggio romano stesso. Colpisce, per nostri interessi specifici, la segnalazione di biblioteche. Latapie, che si interessò sia a quelle del Nord che del Centro, e, cosa non frequente, a quelle del Sud, visitate anche a più riprese nel corso del suo peregrinare attra-verso la penisola per studio e ricerca e per pura curiosità turistico-e-rudita, in questa parte di diario segnala per Roma oltre le frequente-mente tappe di Angelica, Barberini, Casanatense, Corsini, Vaticana e del Collegio Romano, anche quella del medico archiatra del papa Pio VI Natale Saliceti, del principe Aldobrandini Borghese, dei Minimi di Trinità de’ Monti e d’Orazio Orlandi, guardiano del Museo di Atha-nasius Kircher.

Il resoconto di Latapie si presenta come particolarmente vivace per le curiosità esposte, le emozioni e le riflessioni ma anche appunto per l’attenzione data ai vari aspetti bibliotecari. Latapie dimostra, soste-nuto da molti elementi di prima mano (orari, cataloghi, biblioteca-ri...), sia il ruolo generale della biblioteca quale luogo per gli studiosi e per i lettori, che la funzione culturale esercitata dai singoli istituti bibliotecari.

Riferimenti

Documenti correlati

The World Health Organization developed a curriculum guide to provide medical students with essential patient safety lessons to allow them to practice safely [26].. It includes

Yanagihara C, Oyama A, Tanaka M, Nakaji K, Nishimura Y: An autopsy case of mitochondrial encephalomyopathy with lactic acidosis and stroke-like episodes syndrome with chronic

In particular the implemented heterogeneous network architecture enable the user to access the Service Platform through different kind of technologies, providing the

An overview of applicable international rules, of different origin, confirms such an impression: provisions on jurisdiction over maritime zones and on related coercive

Così, nel corso degli anni si sono sviluppati nella letteratura economica ed azien- dale, una serie di contributi volti allo studio delle determinanti e delle motivazioni

Lo sviluppo della teoria delle reti di Petri ha avuto origine dalla tesi di dottorato di Carl Adam Petri [5], in cui vengono messi in luce i limiti del modello classico della

‘escripvain bourguignon’, textes réunis par D. Q UÉRUEL, Paris, Presses de l’Univ. 35-51): questo Perceforest è il rimaneggiamento (metà del XV sec., nei domini di Filippo

Oggi, il Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale coordina l’attività dei gruppi di ricerca che operano con le proprie specificità nei settori