• Non ci sono risultati.

PATENTE DI GUIDA VADEMECUM AGGIORNATO AL

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2022

Condividi "PATENTE DI GUIDA VADEMECUM AGGIORNATO AL"

Copied!
5
0
0

Testo completo

(1)

PATENTE DI GUIDA

VADEMECUM

AGGIORNATO AL 04.2022

(2)

1

LE SANZIONI

SEQUESTRO E CONFISCA DELLA VETTURA

Oltre alle multe (sanzioni pecuniarie), esistono anche altre sanzioni amministrative accessorie, che si aggiungono a quelle pecuniarie, nel caso di violazioni alle norme del Codice della Strada che il legislatore ha ritenuto di punire con maggiore severità a causa della condotta particolarmente grave assunta dal guidatore del veicolo interessato dalla sanzione.

Le sanzioni amministrative accessorie si applicano contestualmente all’accertamento su strada, compiuto dalle forze dell’ordine, di un comportamento ritenuto illegittimo; l’esecuzione delle misure accessorie decorre dal momento della loro applicazione.

Elenchiamo in questo breve vademecum le principali sanzioni amministrative accessorie e spieghiamo come ricorrere contro le stesse anche avvalendosi della tutela legale. In particolare, vediamo come sospendere l’esecutività dell’atto impugnato:

Sequestro e confisca della vettura.

Fermo amministrativo della vettura.

Sospensione della patente.

Revoca della patente.

A) SEQUESTRO OBBLIGATORIO DEL VEICOLO.

Il sequestro è un provvedimento accessorio (misura cautelare) disposto dalle Forze dell’Ordine che persegue un fine di pubblica utilità: impedire che il veicolo possa costituire il mezzo per la commissione di nuovi illeciti o divenire il corrispettivo economico per il compimento degli stessi. Mentre il sequestro ha carattere temporaneo e ha la funzione di permettere alle autorità inquirenti di eseguire i necessari accertamenti, la confisca ha carattere definitivo ed equivale ad un’espropriazione per ragioni di pubblica utilità: il bene mobile registrato viene acquisito dalla Pubblica Amministrazione a titolo originario e gratuito. Il documento di circolazione della vettura è trattenuto dall’autorità di polizia procedente. È sempre disposta la confisca in tutti i casi in cui il veicolo sia stato adoperato per commettere un reato. Di tali sanzioni accessorie, è data comunicazione alla prefettura competente.

Si possono presentare due casi:

sequestro (o fermo amministrativo: vedere infra) in conseguenza di violazioni amministrative non penali (artt. 213 e 214 C.d.S.);

sequestro (o fermo amministrativo) di conseguenza di violazioni aventi natura penale (art. 224 ter C.d.S.).

Le principali disposizioni che comportano il sequestro/fermo amministrativo in conseguenza di violazioni non penali sono le seguenti:

• circolazione con veicolo per il quale non sia stata rilasciata la carta di circolazione;

• circolazione con veicolo sprovvisto di idonea copertura assicurativa;

PATENTE DI GUIDA

VADEMECUM

(3)

2

FERMO AMMINISTRATIVO DELLA VETTURA

• fabbricazione, produzione, commercializzazione o vendita di ciclomotori con potenza superiore a quella consentita (ciclomotore alterato);

• esercitazione alla guida senza istruttore munito di patente;

• circolazione con patente ritirata o sospesa;

• circolazione in violazione della normativa in materia di trasporto cose.

Le principali disposizioni che comportano il sequestro/fermo amministrativo in conseguenza di violazioni penali sono le seguenti:

• guida senza patente o con patente revocata;

• guida sotto l’effetto di alcool;

• guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti;

• guida in velocità con veicoli a motore che gareggiano.

B) CONFISCA OBBLIGATORIA DEL VEICOLO.

La confisca del veicolo è disposta obbligatoriamente nei seguenti casi:

• circolazione con veicolo non immatricolato;

• circolazione con targa non propria o contraffatta;

• guida con carta di circolazione o patente ritirata;

• guida con patente sospesa;

• circolazione con ciclomotore alterato;

• nelle ipotesi di recidiva delle violazioni a cui consegue il fermo amministrativo.

Ricorso: per impugnare i provvedimenti di cui sopra, si propone ricorso gerarchico al Prefetto; di norma, il termine è di 60 giorni e, in caso di accoglimento, viene disposto l’immediato dissequestro del mezzo di trasporto. Nel caso di sequestro amministrativo in conseguenza di ipotesi di reato è prevista anche l’opposizione al Giudice di Pace.

Simile al sequestro (misura cautelare), il fermo consiste in una sanzione accessoria che si sostanzia nella privazione temporanea della disponibilità del veicolo.

Sul mezzo di trasporto, viene apposto un sigillo, secondo le modalità definite dal Ministero dell’Interno.

Decorso il periodo di fermo determinato dal Codice della Strada, il sigillo è rimosso dall’autorità accertatrice della polizia stradale. Nel frattempo, il documento di circolazione è trattenuto dall’autorità di polizia.

Ricorso: per l’impugnazione del provvedimento, si propone ricorso gerarchico al Prefetto; nel caso di accoglimento del ricorso, viene adottata ordinanza con cui si estingue la sanzione accessoria e si restituisce il veicolo al proprietario. Può anche essere proposta opposizione al giudice ordinario quando il fermo amministrativo è disposto in conseguenza di ipotesi di reato.

PATENTE DI GUIDA

VADEMECUM

(4)

3

SOSPENSIONE DELLA PATENTE

REVOCA DELLA PATENTE

Si tratta di una sanzione amministrativa che colpisce esclusivamente il trasgressore della norma di circolazione e non può colpire anche il proprietario del mezzo di trasporto se questi non era alla guida del medesimo.

Essa consiste nella privazione temporanea di efficacia del documento amministrativo di abilitazione alla guida, che impedisce al titolare di circolare con qualsiasi veicolo per il quale occorra un’abilitazione.

Il trasgressore deve essere, pertanto, specificamente identificato. Decorso il periodo di sospensione, la Prefettura restituisce la patente all’avente diritto.

Viene comminata nei seguenti casi (ipotesi principali):

reiterazione, nel biennio, della medesima violazione amministrativa;

superamento dei limiti di velocità;

uso del telefono cellulare durante la guida;

mancato uso delle cinture di sicurezza;

• guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti;

attraversamento con segnale rosso in prossimità delle intersezioni semaforiche;

• circolazione nei centri abitati in caso di divieto motivato dall’inquinamento;

mancato rispetto dell’obbligo di dare la precedenza;

sorpasso pericoloso;

omissione di soccorso, mancata assistenza alle persone ferite.

L’ipotesi di circolazione abusiva è punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da Euro 2.050 a Euro 8.202, cui conseguono le sanzioni accessorie della revoca della patente e del fermo amministrativo del veicolo per tre mesi; in caso di reiterazione, in luogo del fermo, si applica la confisca amministrativa del veicolo.

Ricorso: contro la sanzione principale è ammesso ricorso al Prefetto. Contro l’ordinanza prefettizia (o anche direttamente contro la sanzione principale), è ammessa opposizione avanti l’autorità giudiziaria ordinaria.

Consiste nella privazione definitiva di efficacia del documento di abilitazione alla guida producendo la conseguenza giuridica che l’interessato viene a trovarsi nella condizione di chi non abbia mai conseguito la patente.

Il Prefetto accertata la sussistenza delle condizioni di legge (inesistenza dei requisiti prescritti per la patente), emette ordinanza di revoca. Il provvedimento è notificato al titolare con l’intimazione di consegna immediata della patente (se ancora in suo possesso).

PATENTE DI GUIDA

VADEMECUM

(5)

4

I PRODOTTI DI TUTELA LEGALE DAS

I casi di revoca sono:

• sopravvenuta mancanza, con carattere permanente, dei requisiti fisici e psichici prescritti;

• guida in stato di ebbrezza o di alterazione psicofisica per uso di sostanze stupefacenti;

• inidoneità accertata a seguito di revisione;

• intervenuta sostituzione della patente con altra rilasciata da uno stato estero.

Solo quando sia tornato in possesso dei requisiti prescritti, il soggetto interessato potrà ottenere una nuova patente, previo superamento degli esami.

In caso di guida con patente revocata (l’infrazione equivale a quella di guida in mancanza della patente), è prevista una sanzione pecuniaria nonché il fermo amministrativo del mezzo di trasporto per un periodo pari a tre mesi. Nel caso di reiterazione dell’illecito, è prevista la confisca del mezzo e l’arresto del soggetto interessato.

Ricorso: impugnazione davanti al TAR entro 60 giorni dall’emanazione del provvedimento.

DAS ha scelto di offrire un’assicurazione di tutela legale consapevole della necessità di predisporre una serie di prodotti innovativi rivolti ai singoli ed alle aziende; prodotti che vanno incontro alle diverse casistiche riguardanti la circolazione e i rischi sempre più importanti collegati alla guida:

PATENTE DI GUIDA

VADEMECUM

DAS Circolazione

Business DAS Ritiro Patente

Business DAS

in Movimento

Riferimenti

Documenti correlati

Il titolare di patente di guida italiana che, viola le disposizioni di cui ai commi 2 e 2-bis e' soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma ((da € 165 a €

Ne consegue che, nel caso di guida in stato di ebbrezza, il provvedimento di revoca della patente non viene materialmente in esistenza prima che il giudice penale lo pronunci e il

METANO AUTOTRAZIONE CONTINI S.R.L... ROMANA TECNOLOGIE

strad., viene disposta la revoca della patente di guida a seguito dell’irrogazione, a carico del titolare, della misura della sorveglianza speciale di p.s., non può

Come chiarito dall’Ispettorato nazionale del lavoro [5] è sempre sanzionabile il datore di lavoro che non è in grado di comprovare l’avvenuto pagamento della retribuzione con

Si tratta delle indennità stabilite dal decreto rilancio Italia (art. 84, comma 10) per i lavoratori autonomi dello spettacolo che avevano già ricevuto l’analoga

EURO MEDIUMEURO MEDIUM ARMADI MODULARI : SISTEMA D’ASSEMBLAGGIOARMADI MODULARI : SISTEMA D’ASSEMBLAGGIO SISTEMA D’ASSEMBLAGGIO DI ARMADI EUROMEDIUM... Chiusura a 3 punti con

MAXI EURO 1500MAXI EURO 1500 ARMADI DI MEDIE DIMENSIONI : FOTOARMADI DI MEDIE DIMENSIONI