• Non ci sono risultati.

ANALISI DELLA PERICOLOSITA’ GEOLOGICA 1. Rischio idraulico 2. Rischio geomorfologico 3. Rischio cavità 4. Rischio sismico

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "ANALISI DELLA PERICOLOSITA’ GEOLOGICA 1. Rischio idraulico 2. Rischio geomorfologico 3. Rischio cavità 4. Rischio sismico"

Copied!
4
0
0

Testo completo

(1)
(2)

ANALISI DELLA PERICOLOSITA’ GEOLOGICA

1.  Rischio idraulico

2.  Rischio geomorfologico 3.  Rischio cavità

4.  Rischio sismico

(3)

3.a- Effetti di bordo

2.a- Crolli di roccia

3.c- Effetti di bordo

3.d- Effetti stratigrafici 3.b- Effetti topografici

1- Scorrimenti di faglia

2.b- Liquefazione di sabbie sature

2.c- Instabilità di pendii

Sito di riferimento

Scenari di pericolosità sismica a scala locale durante un terremoto distruttivo rispetto ad un sito roccioso di riferimento con superficie

libera orizzontale (da T. Crespellani, 1999, modificato)

1.  prossimità a faglie sismogenetiche attive;

2.  possibilità di fenomeni d’instabilità sismo-indotti;

3.  possibilità di fenomeni di amplificazione del moto sismico.

(4)

Schema riassuntivo delle pericolosità geologiche di sito

Sulla base di questo schema deve essere espresso un giudizio sulla idoneità “geologica” del sito ad accogliere l’opera progettata

Riferimenti

Documenti correlati

Gli effetti dello tsunami – Le onde dello tsunami, che possono raggiungere anche i 30 metri di altezza, hanno una potenza straordinaria: abbattendosi sulle coste,

 fase 3: valutazione della resistenza alla liquefazione tramite correlazioni (abachi o formule) (o prove di laboratorio) ( rapporto di resistenza ciclica, CRR = f(R 1 )).. (

The topics which had been addressed in the ten seminar sessions were the following, and are recalled here only in order to show that the set of presentations and discussions

7 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA STATICA E DELLA VULNERABILITÀ SISMICA

In ambito locale, ovvero focalizzando l’attenzione sul singolo edificio, si fa riferimento alla sola componente diretta ed infatti, come già definito in precedenza, la

L’Introduzione dell’Ordinanza PCM 3274 del 20/03/2003, riguardante i “Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio

La pericolosità sismica, intesa in senso probabilisNco, è lo scuoNmento del suolo aVeso in un dato sito con una certa probabilità di eccedenza in un dato intervallo di tempo,

Nel dettaglio, una delle modifiche più importanti del decreto in parola, “Sisma Bonus - Linee guida per la classificazione del rischio sismico delle costruzioni nonché le