Vediamo la Metà Ciclo Intermedio (o metà Ciclo Trimestrale) sul Dax, iniziato il 30 novembre (dati a 15 minuti):

Testo completo

(1)

Vediamo la Metà Ciclo Intermedio (o metà Ciclo Trimestrale) sul Dax, iniziato il 30 novembre (dati a 15 minuti):

6400 6500 6600 6700 6800 6900 7000 7100 7200

30-Nov-10 2-Dec-10

6-Dec-10 8-Dec-10

10-Dec-10 14-Dec-10

16-Dec-10 20-Dec-10

22-Dec-10 27-Dec-10

29-Dec-10 31-Dec-10

4-Jan-11 6-Jan-11

10-Jan-11 12-Jan-11

14-Jan-11 18-Jan-11 34,5

metà intermedio Dax

Mostro la metà ciclo intermedio per una maggior chiarezza di lettura- ovviamente il 30 novembre è anche partito il nuovo ciclo intermedio.

Questa settimana il Dax è salito i primi 2 gg ed ha rotto i 7100- poi ha avuto una leggera flessione chiudendo a 7079.

Dal punto di vista dei tempi ciclici la fase rialzista può proseguire almeno fino ai primi di gennaio (area con cerchio tratteggiato in figura). Abbiamo già raggiunto la parte bassa dell’obbiettivo che indicavo da oltre 2 settimane, ovvero 7100-7140.

La prosecuzione del rialzo potrebbe spingere i prezzi fino a 7200. A seguire potremmo avere qualche giorno di debolezza (dopo il 6 gennaio), senza intaccare però il movimento ciclico rialzista.

Qualsiasi correzione verso 6950-6930 è più che naturale- livelli più bassi (con conferma della chiusura di giornata) farebbero perdere forza al trend rialzista.

Eurostoxx

L’Eurostoxx ha avuto i primi 2 giorni di rialzo con un massimo intorno a 2880, poi ci sono stati 2 giorni di lieve correzione.

Per ora non è ancora stato raggiunto l’obbiettivo rialzista di 2900 che rimane valido- vedremo poi se ci sarà la forza per attaccare quote maggiori.

Anche qui qualsiasi correzione può facilmente arrivare a 2800 (fino a 2780) senza minimamente intaccare il trend rialzista- solo livelli più bassi (con conferma della chiusura di giornata) farebbero perdere forza al trend rialzista.

(2)

Vediamo ora l’attuale ciclo Settimanale per il Dax, iniziato il 15 dicembre:

6900 6950 7000 7050 7100 7150

15-Dec-10 16-Dec-10 17-Dec-10 20-Dec-10 21-Dec-10 22-Dec-10 23-Dec-10 27-Dec-10 28-Dec-10 29-Dec-10 Dax

Settimanale 9,9

Questo ciclo settimanale è iniziato con una discreta forza rialzista e poi si è indebolito dopo la sua metà. Poiché siamo verso la fine, potremmo avere 1 gg ancora di rialzo, seguito da 1 gg di leggera debolezza per la conclusione ciclica. A seguire 3 gg di nuovo trend rialzista.

Vediamo la tendenza in base ai Cicli (a partire da quello annuale) dei prossimi 5 giorni della settimana.

Ricordo che questa è l’interpretazione ciclica, e la sua lettura non va presa alla lettera- o meglio vanno assolutamente confrontate Tendenza e Probabilità.

La lettura dei numeri che rappresentano la tendenza è la seguente:

tra +2 e -2 lateralità maggiori +2 rialzo

Minori -2 ribasso

I valori più alti/bassi ottenibili sono +/-8. Se il valore è +/-2 la lateralità sarà con tendenza rialzista (+2) o ribassista (-2). Questi numeri esprimono la forza relativa all’interno del trend superiore in atto, e non una forza assoluta.

Oltre alla tendenza è mostrata anche la percentuale dell’attendibilità di tale lettura, che dipende dal

(3)

Passiamo al Fib (dati a 15 minuti):

18000 18500 19000 19500 20000 20500 21000 21500

30-Nov-10 2-Dec-10

6-Dec-10 8-Dec-10

10-Dec-10 14-Dec-10

16-Dec-10 20-Dec-10

22-Dec-10 27-Dec-10

29-Dec-10 31-Dec-10

4-Jan-11 6-Jan-11 26,6

metà intermedio Fib

Questa settimana il mercato italiano ha avuto 4 giorni di rialzo, arrivando fino a 20950 e chiudendo a 20850. Dopo parecchi giorni di debolezza il mercato italiano è stato uno dei più tonici.

L’obbiettivo di 21000 è stato solo sfiorato, ma il tempo sappiamo che è a favore di una continuazione del rialzo- pertanto si potrebbe arrivare tra 21300 e 21500.

Vorrei farvi notare come la durata ciclica (metà ciclo intermedio) sul mercato italiano sia di parecchi giorni inferiore rispetto a quello sul Dax. E’ un raro caso di asimmetria temporale, che tuttavia può avvenire. Spesso, nel proseguo del ciclo, i tempi tendono ad aggiustarsi ed a convergere sui tempi dei cicli superiori- (ovvero sul ciclo intermedio non dovrebbero esserci differenze di durate).

Anche qui ci possono essere delle correzioni (anche se difficilmente la prossima settimana), con prezzi che possono arrivare fino a 20200-20000. E’ importante che non si scenda sotto per non intaccare il trend rialzista.

Vediamo il Ciclo Settimanale iniziato il 17 dicembre:

(4)

19600 19800 20000 20200 20400 20600 20800 21000

17-Dec-10

20-Dec-10

21-Dec-10

22-Dec-10

23-Dec-10

27-Dec-10 Fib

Settimanale 5,9

Questo ciclo settimanale è intorno ai 2/3 di cammino. Pertanto potremmo avere 1 gg di

lateralità/rialzo e poi 1 gg di debolezza per la conclusione ciclica. A seguire 3 gg di nuova tendenza rialzista.

Anche per il Fib vi mostro la tendenza dei 5 giorni di questa settimana in base ai cicli a partire dal ciclo annuale.

27-Dec-10 28-Dec-10 29-Dec-10 30-Dec-10 3-Gen-11

Tendenza-Fib 4 2 4 6 4

Attendibilità 52% 49% 46% 43% 40%

Volatilità

Sul Dax la volatilità implicita è rimasta invariata ed è intorno al 16,5%. Anche sull’Eurostoxx la volatilità è rimasta invariata e poco sopra il 19,5%.

Negli Usa la volatilità (Vix) è rimasta poco sopra il 16%.

La volatilità che permane sotto il 20% è un fenomeno positivo per la continuazione del trend rialzista.

Il prezzo delle Opzioni è mediamente rimasto invariato.

(5)

Il 23 dicembre ho pubblicato un articolo in cui ho segnalato una opportunità di Strangle stretto (o di Straddle) su scadenza gennaio. Ricordo che per rapidi movimenti che portassero ad un utile del 20%

ha già senso chiudere l’operazione.

Eurostoxx

Come avevo detto, ho chiuso metà posizioni rialziste (in utile) per prezzi intorno a 2880.

Mi resta qualche Call gennaio (3050) e dei vertical spread rialzisti su scadenza gennaio: acquisto Call 2850 e vendita Call 2950.

Per prezzi sopra 2920 chiuderò tutte le posizioni..

Se vedessi prezzi verso 2800 penso di aprire nuove posizioni al rialzo con acquisto di call 2900 gennaio e vendita di call 2950 gennaio.

Ftse-Mib

Ho chiuso altre posizioni rialziste (in utile) per prezzi sopra 20500.

Mi rimangono pochi vertical spread rialzisti con Call 20500 gennaio acquistate e Call 21000 vendute ed anche delle Call 20500 acquistate (sono una rimanenza di vertical spread con le Call 21000 che sono state chiuse). Chiuderò queste posizioni per prezzi con decisione sopra 21000.

Per ritracciamenti verso 20000 potrei rimettermi al rialzo acquistando Call 21000 gennaio e vendendo Call 21500 gennaio.

figura

Updating...

Riferimenti

Updating...

Argomenti correlati :