• Non ci sono risultati.

2 Resistenza “di Thévenin” e best-fit R A r r

N/A
N/A
Protected

Academic year: 2021

Condividi "2 Resistenza “di Thévenin” e best-fit R A r r"

Copied!
1
0
0

Testo completo

(1)

Nome e Cognome:

Data:

LUN MAR GIO

E_16002.0 – aa 16/17

1.  Misurate la d.d.p. V

0

prodotta dal generatore a circuito aperto usando un multimetro a vostra scelta (scegliete “il meglio”!).

2.  Misurate con il multimetro digitale la resistenza R

j

di diversi resistori del banco (di valore nominale R

j,nom

), riportando i valori in tabella. Per aumentare il numero di misure potete collegare più resistori in serie e/o parallelo. Ricordate di usare anche e soprattutto resistori di bassa resistenza (potete spingervi a richieste di corrente fino a 150-200mA, per tempi brevi, prima che ci siano surriscaldamenti e il fusibile fonda…).

3.  Usando il metodo del “modello di Thévenin”, valutate con una sola misura la resistenza interna R

Th

, o r

G

, del generatore; commentate nel riquadro come avete fatto la misura.

4.  Costruite il circuito di figura, selezionando di volta in volta una resistenza R

j

e misurando l’intensità di corrente I

j

con un multimetro a vostra scelta (come sopra!), da riportare in tabella.

j R j,nom [ ] R j [ ] I j [ ]

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

Misura a circuito aperto

V

0

=

Resistenza “di Thévenin” e best-fit

2

R j

+

A

Generatore d.d.p.

r G r A

Relazione attesa:

I

j

=

5.  Quale relazione vi aspettate tra I

j

e R

j

? (Nell’espressione tenete conto delle resistenze interne r

G

e r

A

)

6.  Costruite un grafico dei dati ed eseguite un best-fit delle misure secondo il modello, tenendo conto che uno dei principali obiettivi è determinare r

G

in modo alternativo a quello “di Thévenin”. Avete diverse opzioni per grafico e best-fit. Questo può essere eseguito a vostra scelta (anche più di una!): (i) sui dati misurati secondo una funzione non-lineare; (ii) su dati “linearizzati”, in modo analitico; (iii) tenendo conto o meno dei valori nominali di r

A

dedotti in modo opportuno dal manuale. In generale, si consiglia di lasciare libero come parametro di fit anche V

0

. Riportate tutte le informazioni rilevanti sul best-fit nel riquadro Commenti.

Allegate i grafici prodo/ (ricordate di indicare unità di misura, errori, usate se opportuno la scala logaritmica, etc.)!

CommenT (descrivete la misura à la Thevenin e scrivete tuZo ciò che serve e che potete dedurre per i best-fit; proseguite sul retro!):

V 0

Misura “à la Thévenin”

r

G

=

Riferimenti

Documenti correlati

della funzione F, gli intervalli in cui e’ crescente o decrescente e i suoi even- tuali punti di massimo o minimo locali, gli intervalli sui quali ha concavita’.. rivolta verso l’alto

Per quanto concerne i mercati obbligazionari, quando i tassi di interesse cambiano, una obbligazione con vita residua più lunga è soggetta a variazioni di

L’esercizio verr` a valutato solo se, nello svolgimento, lo studente dimostra di aver compreso il significato di “solo se”.. Pertanto, per evitare confusione, non svolgere la

SEGNARE nella tabella riportata in questa pagina, in modo incontrovertibile, la lettera corrispondente alla risposta scelta per ognuna delle domande riportate nel foglio allegato;

Teoremi di Hˆ opital, Lagrange e Taylor 13 Dicembre 2013.

[r]

[r]

• Costruire un data frame da.fr che abbia come componenti un vettore numerico casuale v di lunghezza 20, una matrice casuale m con 4 colonne ed una lista i cui componenti siano